Newslettera del 4 dic 19

Dec 5, 2019 | | Category: Other |   | Views: 5 | Likes: 1

"edocr

8 dicembre, Piazza Fontana, FFF, Curdi e Ypg, antifascismo, Thyssen, Migranti, CPR, Guidetti Serra, Beni comuni e Aggiornamenti PROGRAMMA PROSSIME INIZIATIVE (VEDI ANCHE ALLEGATI ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI) DA GIOVEDÌ 5 A SABATO 7 DICEMBRE AGENDA APPUNTAMENTI NOTAV IN PREPARAZIONE DELL’8 DICEMBRE (In aggiornamento) http://www.notav.info/agenda/appuntamenti-e-agenda-notav/ GIOVEDI’ 5 DICEMBRE ORE 18 in Via Cesare Lombroso 16, Torino “1969, PIAZZA FONTANA MEMORIA, STORIA, GIUSTIZIA” Interverranno Marco MEOTTO (insegnante di storia e filosofia, formatore di Scuola e Società -Torino) Paolo FINZI (giornalista, redazione di A-Rivista anarchica) “12 dicembre 1969, l’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di Piazza Fontana a Milano trascina l’Italia nel vortice oscuro della “strategia della tensione”: alla fine i morti saranno 17, i feriti oltre 80….. Oggi, a distanza di 50 anni da allora, è giusto e necessario interrogarsi su quale traccia è rimasta nella memoria collettiva di eventi che rappresentano una svolta nella storia italiana”. Organizzato da Cub Scuola Università Ricerca Torino https://www.facebook.com/events/442651686395811/ ORE 21 a Rivoli, Sala del Consiglio Comunale, via Capra 27 “EMERGENZA CLIMATICA E GRANDI OPERE” Ne parleremo con: - Alberto Poggio e Angelo Tartaglia, ingegneri e membri della commissione tecnica sulla nuova linea Torino-Lione, -Fridays for future di Rivoli, Valsangone e Valsusa “Lo scioglimento dei ghiacciai dell'Artico, ma anche quello del nostre Alpi è forse l'emblema più evidente del riscaldamento globale. Mentre tanti stanno già vivendo i drammi di siccità estreme,alluvioni,frane...si continuano a sprecare soldi pubblici per opere inutili e dannose. Dobbiamo cambiare e dobbiamo farlo in fretta!! Organizzato da Coordinamento No Tav Val Sangone Collina Morenica https://www.facebook.com/events/437630380210932/ VENERDI’ 6 DICEMBRE ORE 16 Piazza Castello, Torino, davanti a palazzo Madama PRESIDIO #FRIDAYSFORFUTURE A TORINO! “Abbiamo solo più 11 anni per spostare l'intera economia mondiale su energie sostenibili e rinnovabili, ridurre le emissioni al minimo e abbandonare la plastica... 11 anni sono pochi. Noi siamo la prima generazione a sentire gli effetti del cambiamento climatico... Ma siamo anche l'ultima a poter fare qualcosa" La fusione del permafrost sta rilasciando nell'aria enormi quantità di Metano (gas serra) che era trattenuto negli Idrati di Metano. Ciò causerà un ciclo vizioso che aumenterà ulteriormente ed esponenziale le temperatura globale….” https://www.facebook.com/events/1167892460071000/l ORE 17.30 al Centro IncontrArti di via Milanere 87 Almese “IL POPOLO CURDO, STORIA, CULTURA E SOCIETÀ” SE NE PARLERÀ CON DANIELE PEPINO E DOTT. TONI FERIGO Coordina Maurizio Poletto A SEGUIRE APERITIVO MUSICALE https://www.tgvallesusa.it/ad-almese-si-parla-del-popolo-curdo/ http://www.retekurdistan.it/2019/11/25/il-popolo-curdo-storia-cultura-e-societa-almese-torino/ ORE 20.30 I.I.S. Majorana, Auditorium “Peppino Impastato” Via Ada Negri, 14 - Moncalieri “ESERCIZI DI MEMORIA” PROIEZIONI DI CINEMA ANTIFASCISTA di Claudio Paletto: “FILO ROSSO” - 1996 (18’) “MEMORIA DI PARTE” - 2009 (3’45'') “PICCOLA ITALIANA” 2010 - (5’) di Rossella Schillaci: “LIBERE” - 2017 (76’) “Il racconto della dura lotta del comandante gappista Giovanni Pesce per le strade di Torino, una lettera di un giovanissimo partigiano fucilato al Martinetto, la dichiarazione di Guerra e il ruolo fondamentale giocato dalle donne nella Liberazione dal nazi- fascismo, proposti attraverso lo sguardo contemporaneo di alcuni cortometraggi e documentari d’autore INTERVENGONO: Claudio Paletto (regista), Carlo Greppi (storico) https://www.agendacinematorino.it/2019/09/30/dal-4-ottobre-esercizi-di-memoria-proiezioni-di-cinema- antifascista/ https://www.diocesi.torino.it/site/wd-appuntamenti/esercizi-di-memoria-proiezioni-di-cinema- antifascista/ ORE 21 sala del Consiglio Comunale, piazza Aldo Garambois 1, Oulx “CANTIERI TAV ED ECONOMIA DELL’ALTA VALLE: OPPORTUNITÀ O DANNO?” PARTECIPANO gli ingegneri Roberto Vela e Alberto Poggio. Incontro informativo con i rappresentanti dei Comuni di Oulx, Exilles e Salbertrand. Obiettivo della serata è informare la cittadinanza e non solo, sulla presenza e le implicazioni connesse al cantiere del TAV nel territorio dell' Alta Valle di Susa. Organizzato da Comitato NO TAV - Alta Valle https://www.facebook.com/events/433520324252409/ SABATO 7 DICEMBRE ORE 11.30-13.30 c/o la sede regionale di Confindustria - via Vincenzo Vela 23, Torino “LAVORO PER VIVERE NON PER MORIRE!” PRESIDIO DEDICATO ALLE VITTIME DELLA THYSSENKRUPP 6 DICEMBRE, 12° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE ALLA THYSSEN: 7 OPERAI BRUCIATI VIVI ORE 14.30 c/o Circolo Arci "LA CRICCA" via Carlo Giulio, 25 (ang. corso Valdocco), Torino ASSEMBLEA-DIBATTITO “Vogliamo cogliere questa drammatica ricorrenza per promuovere un'iniziativa nazionale a Torino, sabato 7 dicembre, con presidio e assemblea, su una questione che colpisce, sempre più gravemente, la classe lavoratrice: la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Le statistiche sono note: è un massacro quotidiano, cui è vitale dare una risposta ferma e decisa. È inaccettabile subordinare salute, sicurezza e ambiente, a logiche di profitto e di mercato!” https://www.pane-rose.it/files/index.php?c5:o6711 ORE 12 al Balon a Torino POLENTATA BENEFIT ROJAVA FORZAYPG #FORZAJPG Fenix ambulante cucinerà una polentata al Balon in lotta, benefit per il Rojava. Polenta vegana e carnivora accompagnata da dell'ottimo vino rosso. Vieni a sostenere il vero Balon, quello abusivo e i popoli della Siria del nord sotto attacco dell'esercito Turco da più di due mesi. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2429388207111149&set=a.102717879778205&type=3&thea ter ORE 18 a Giaglione nella Chiesa parrocchiale: Il Gruppo Cattolici per la Vita della Valle propone di partecipare alla S. Messa prefestiva per tutti coloro che credono nel valore e nella forza della preghiera per la salvaguardia del Pianeta. ORE19 Giaglione: APERICENA NOTAV http://www.notav.info/agenda/appuntamenti-e-agenda-notav/ DOMENICA 8 DICEMBRE MARCIA NOTAV SUSA –VENAUS ORE 12 Ritrovo a Susa, Ponte Briancon, Statale 24 http://www.notav.info/post/8-12-manifestazione-notav/ PULLMAN DA RIVALTA PER MARCIA NO TAV ORE 11 Partenza da Rivalta, via Balegno ( parcheggio mulino) Fermate intermedie: ORE 11,10 Rivoli piazzale Aldo Moro; ORE 11.15 Auchan e su richiesta Avigliana (parcheggio all’ uscita autostrada avigliana ovest) ORE 17/17,30 Ritorno partenza da Venaus (arrivo a Rivalta intorno alle 18/18,30) COSTO 10 euro. Telefono per prenotare :371 3854313 https://www.notav-valsangone.eu/2019/11/corteo-no-tav-8-dicembre/ DALL’APPELLO: “PERCHÈ LIBERARE TUTT* VUOL DIRE LOTTARE ANCORA!” ……Oggi, contrastare queste opere inutili e devastanti significa difendere un pianeta a rischio sopravvivenza. I cambiamenti climatici stanno condannando l’uomo e la natura all’estinzione a causa di uno sfruttamento delle risorse di un sistema fuori controllo. Tutto ciò non è più sostenibile e dobbiamo agire ora. Continuiamo a subire un feroce attacco, colorato di vendetta, da quei poteri che in nome della legalità realizzano ingiustizia e sopraffazione dell’uomo sull’uomo e dell’uomo sulla natura. A breve infatti per 20 attivisti No Tav si apriranno le porte del carcere, a seguito di assurde condanne punitive, con l’obiettivo di intimidire una lotta che si appresta a contrastare l’inizio dei lavori per il tunnel di base…… UNA DATA DI MOBILITAZIONE IMPORTANTE QUESTA CHE OLTRE RICORDARE LA LIBERAZIONE DI VENAUS NEL 2005, È IL DECIMO ANNIVERSARIO DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LE GRANDI OPERE INUTILI. Scendiamo in marcia tutti insieme perché liberare tutte e tutti vuol dire lottare ancora! Libertà per Nicoletta, Stella, Dana, Francesca, Mattia, Luca, Giorgio, Mattia, Maurizio, Aurelio, Michele, Paolo, Massimo, Fabiola!” http://www.notav.info/post/8-12-marcia-susa-venaus-perche-liberare-tutt-vuol-dire-lottare-ancora/ ORE 17 presso il salone Polivalente della borgata 8 dicembre, Venaus INAUGURAZIONE mostra fotografica di Diego Fulcheri, “NO GRAZIE, ABBIAMO GIA' DATO. GRANDI OPERE DELLA VAL SUSA ESISTENTI E ABBANDONATE” IN ESPOSIZIONE DAL 7 DICEMBRE 19 AL 14 GENNAIO 20 L'iniziativa è nell'ambito delle manifestazioni NO TAV per ricordare la liberazione di Venaus dell' 8 dicembre 2005. NEL RESTO D’ITALIA, PER LA GIORNATA CONTRO LE GOII E PER IL CLIMA: SABATO 7 DICEMBRE ORE 16 Museo Civico di Niscemi Via Madonna 106, Niscemi MUOS: VIOLAZIONI AMBIENTALI E POSSIBILI AZIONI LEGALI Parliamone insieme a: Ing. Albanelli, ingegnere esperto ambientale; Avv. Angelo Vittorio Giunta, patrocinante in cassazione e dinanzi le giurisdizioni superiori; Gianmarco Catalano, attivista No Muos / Punta Izzo Possibile Giulia Di Martino, portavoce della campagna Giudizio Universale: invertiamo il processo. Cristina Di Pietro, autrice del libro Oltrelereti - Cronache da Contrada Ulmo Sarà presente il sindaco di Niscemi Massimiliano Conti che porterà i suoi saluti all'apertura dell'evento. L’evento è inoltre promosso grazie anche alla collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Gela, saluterà l’incontro la Presidente Avv. Mariella Giordano “Il MUOS è operativo, la base miitare continua a operare, a inquinare e a distruggere il territorio e i suoi abitanti, nonché un'area dall'inestimabile valore ambientale, paesaggistico e culturale: la Sughereta. Secondo gli USA e il nostro governo, nazionale e regionale, le controversie con i residenti risultano risolte. Cercano di autoconvincersi che sia così, ma sappiamo benissimo che non è affatto vero. I residenti e i siciliani tutti, continuano a pagare le conseguenze dell'abbandono da parte della politica e di quelle istituzioni che dovrebbero rappresentare i propri cittadini e averne a cuore il benessere”.. Organizzato da No Muos https://www.facebook.com/events/396945594581372/ Per ulteriori informazioni e il dettaglio dell'evento clicca qui: https://www.nomuos.info/muos-violazioni-ambientali-e-possibili-azioni-legali/ ORE 17 presso il Centro Polivalente di Via Fontana Vecchia, Catanzaro “BASTA EMERGENZE! RIPRENDIAMOCI IL FUTURO!” ASSEMBLEA REGIONALE. “In un mondo che è sempre più scosso dai mutamenti climatici l’azione locale di salvaguardia dell’ambiente diventa un fatto essenziale e non più rimandabile, soprattutto nelle aree del meridione, martoriate da anni di smaltimenti illeciti di sostanze tossiche ed inquinanti e realizzazioni di impianti e grandi opere inutili e dannose per il territorio che pongono drammaticamente la scelta esistenziale tra l’avere uno straccio di reddito e tutelare la propria salute e l'ambiente…..” https://www.noidicalabria.it/sabato-assemblea-regionale-a-catanzaro/ DOMENICA 8 DICEMBRE ORE 10 in Piazza Plebiscito a Corleto Perticara LA BASILICATA MANIFESTA : PRESIDIO Appello Coordinamento Nazionale No Triv vper l’8 Dicembre 2019: In occasione della Decima Giornata Internazionale contro le Grandi Opere Inutili e Imposte e per la Difesa del Pianeta, mobilitiamoci tutti contro le varie lobbies per la Difesa del Pianeta! Scopo delle grandi lobbies è solo ed unicamente il profitto, ai danni della salute pubblica, degli equilibri ambientali, della stessa democrazia. Dal 2 al 14 Dicembre i rappresentanti di 196 paesi del mondo si riuniranno a Madrid (nuova sede decisa a seguito delle violente proteste popolari contro le ingiuste condizioni di vita e le crescenti ed estreme diseguaglianze sociali che si vivono in Cile, sede inizialmente prescelta), per svolgere la COP 25 dell’ONU, la Conferenza che dovrà assumere importanti decisioni tramite una road map concordata sul clima. Già sappiamo che anche rispettando tutti gli impegni presi finora, gli obiettivi e le misure stabiliti non sono sufficienti a garantire il contenimento del riscaldamento climatico al di sotto della soglia di 1,5° C rispetto ai livelli pre industriali. Molte saranno, sull’intero territorio nazionale ed in Europa, le forme di mobilitazione diffusa, per chiedere ai governi un cambio di rotta rispetto ad un paradigma energetico e produttivo, per il diritto al clima ed alla giustizia climatica, per favorire cooperazione e convivenza sociale….” https://www.facebook.com/CoordinamentoNazNoTriv/photos/a.1428323164097930/2465183573745212/ ?type=3&theater ORE 9 Masseria Matagiola ORE 14 San Foca Lungomare San Foca San Foca, Puglia “8 DIC L'8 X 62KM” CONTRO OGNI FORMA DI REPRESSIONE E DEVASTAZIONE, PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO https://www.facebook.com/events/2642183022569476/ 3 dic 19 Comunicato Stampa Movimento NO TAP della Provincia di Brindisi: “8 DICEMBRE DI LOTTA CONTRO LE GRANDI OPERE INUTILI IMPOSTE, contro le devastazioni dei territori in nome del profitto, contro la repressione su chi difende la propria terra e per il clima fuori dal fossile. L’assemblea regionale delle associazioni e movimenti ambientalisti pugliesi riunitasi il 13 Novembre a Lecce presso la Casa del Popolo “Silvia Picci” ha deciso due manifestazioni territoriali per l’8 dicembre 2019: alle ore 9:00 in contrada Matagiola, alle spalle del quartiere Sant’Elia di Brindisi, e nel primo pomeriggio sul lungomare a San Foca per dire NO al TAP e ad altri gasdotti in arrivo e per dire NO alla falsa propaganda della “decarbonizzazione” sponsorizzata dal Governatore della Puglia Michele Emiliano per Ilva, per la centrale Enel di Cerano e per quella di A2A di Costa Morena . Le manifestazioni sono anche per dire un fermo NO alle Grandi Opere Inutili Imposte, contro le devastazioni dei territori in nome del profitto, contro la repressione su chi difende la propria terra e per il clima fuori dal fossile….. Manifestazione declinata anche alla lotta contro i cambiamenti climatici e per uscire dal fossile che vedrà il Salento impegnato il mattino a manifestare a Matagiola e al pomeriggio a manifestare San Foca. Ci saranno iniziative e manifestazioni in tutta Italia, dalla Val Susa per la lotta contro TAV fino a Niscemi per la lotta contro il MUOS passando per tutti i luoghi simbolo delle lotte territoriali contro le devastazioni ambientali delle Grandi Opere Inutili e Imposte. Domenica 8 dicembre deve diventare un momento importante di unità delle popolazioni contro chi decide ed impone scelte importanti per il nostro futuro senza che cittadini siano coinvolti e possano esprimere la loro opinione….” https://www.facebook.com/NOTAPBrindisi/posts/587523685123966?__tn__=K-R LUNEDI’ 9 DICEMBRE ORE 8.15 -12 al Palagiustizia di Torino, corso Vittorio Emanuele 140, PRESIDIO PER EDDI, JACOPO E PAOLO! “PERCHÉ PARTECIPARE? -Perché Jacopo, Eddi e Paolo hanno messo a rischio le loro vite per gli altri e per tutt* noi, per difendere città, villaggi, campi profughi e la stessa #Siria dai più pericolosi eserciti fondamentalisti del nostro tempo (Daesh, AlQaeda, milizie filo-turche) ; -Perché non sono accusati di aver commesso alcun reato e non sono sottoposti a processo ma a una procedura speciale inventata da Mussolini nel 1931 e scandalosamente ancora in uso in #Italia e utilizzata contro di loro;…. -Perché non si lascia mai indietro chi ha combattuto per la libertà. La criminalizzazione dei volontari è combattenti internazionali procede in parallelo con la guerra della #Turchia in Siria. Facciamo della nostra lotta qualcosa di globale…” ATTENZIONE LE PROSSIME UDIENZE contro la volontaria e i volontari italiani #Ypj #Ypg #TevDem in #Rojava #Siria- Paolo, Jacopo e Eddi - saranno prossima udienza: LUNEDÌ 16 dicembre H 9.00 (Le udienze saranno pubbliche e accompagnate da manifestazioni. Seguite e condividete le locandine e gli eventi sui social.) https://www.facebook.com/events/755467398349681/ ORE 18.30 – 21 Caffè Basaglia Via Mantova, 34, Torino (L'incontro si terra' nella saletta ancora agibile) TRIESTE E LA ROTTA BALCANICA “THE GAME: ATTRAVERSARE IL CONFINE NON E' UN GIOCO” Incontro con una attivista volontaria che spesso si reca lungo la rotta balcanica: racconti della situazione di assoluta negazione dei diritti umani che investe coloro che tentano di arrivare in Europa, ed a Trieste in specifico, dai Balcani. A SEGUIRE APERITIVO BENEFIT A OFFERTA: il ricavato verrà devoluto all'organizzazione ospitata, per sostenere sia le attività in Bosnia, sia le attività a Trieste. A cura di Oltrelabarriera, con la collaborazione di Passo Social Point, Circolo arci Banfo, Carovane Migranti. Per info e contatti oltrelabarriera@email.it https://www.facebook.com/events/1164844420570948 ORE 20 Csoa Gabrio Via Francesco Millio 42, Torino “VOCI DAL CPR” ASSEMBLEA & INCONTRO CON ALCUNI EX-DETENUTI DEL CPR DI TORINO Interverranno: Avv. Gianluca vitale Deniz Pinaroglu Murat Cinar “Il cpr (ex-cie) e’ un dispositivo repressivo di cui le istituzioni si servono per consolidare il razzismo strutturale interno alla societa’ Discutiamo insieme della SITUAZIONE di lotta interna al CPR, sulla solidarieta’ esterna e sulle pratiche di opposizione contro la detenzione amministrativa” https://www.facebook.com/events/782272265532311/ MARTEDI’ 10 DICEMBRE ORE 19 Strada del Barocchio 27, Grugliasco TO LELLO VALITUTTI AL BAROCCHIO SQUAT, APERITIVO E DIBATTITO l'ultimo anarchico che ha visto Pino #Pinelli https://www.facebook.com/events/3292630627479079/ ORE 20,45 Unione Culturale Franco Antonicelli, Via Cesare Battisti 4b, Torino “CASA VS. TURISMO” Intervengono: Giovanni Semi (Unito), Chiara Iacovone (PhD Candidate Dist e Full, Polito), Alessandra Esposito (SET Napoli) Introduce e modera : Davide Derossi (architetto) ingresso libero “Forme nuove e vecchie di residenzialità temporanea (B&B, alloggi in affitto temporaneo, divano in affitto, nuovi ostelli, ecc.) stanno modificando progressivamente la fisionomia di molte città italiane ed europee. Da una parte il centro città sempre più simile ad un servizio esclusivo di intrattenimento di tipo turistico, commerciale, culinario, culturale, con una progressiva espulsione dei cittadini, dall’altra una periferia, un territorio che, in quanto escluso per collocazione e composizione, presenta nuovi fenomeni di marginalità. ….. Ci sono stadi più̀ avanzati e gravi, come Venezia, Palma o Barcellona, dove è evidente la necessità di un cambio di modello e altre, come Valencia, Madrid o Lisbona che, nonostante si trovino immerse in rapidi processi di turistificazione, possono ancora aspirare a politiche di prevenzione o freno”. Unione Culturale Franco Antonicelli e Gruppo Citta' & Territorio http://www.unioneculturale.org/2019/10/casa-vs-turismo/ ORE 21 presso Csoa Gabrio Via Francesco Millio 42, Torino ASSEMBLEA NOTAV organizzata da NOTAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa Come sempre l’odg verrà deciso all’inizio della riunione MERCOLEDI’ 11 DICEMBRE ORE 17.30 Palazzo Nuovo, entrando a sinistra in fondo, piano sotto le Aule Magne ASSEMBLEA FRIDAYS FOR FUTURE TORINO CALENDARIO APPUNTAMENTI: https://teamup.com/ksp433nskvn7oxf19y ORE 18 - 20 Sala ‘900, via del Carmine 14, Torino “LE STAGIONI DI BIANCA” UN TRIBUTO IN MUSICA, PAROLE E IMMAGINI A BIANCA GUIDETTI SERRA del Centro studi Piero Gobetti, in collaborazione con il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita L’INCONTRO SARÀ CARATTERIZZATO DA UNO SPETTACOLO MULTIMEDIALE CON ESECUZIONE LIVE DI UNA COLONNA SONORA ORIGINALE DI LUIGI VENEGONI, realizzata con il batterista e fisarmonicista Piero Mortara e la violinista Livia Hagiu. VI SARANNO INOLTRE LE LETTURE DI DIARI INEDITI E DI TESTI SU BIANCA a cura di Loretta Lisa Salmoni ed Emanuela Sarzotti. Ingresso libero fino a esaurimento posti https://www.polodel900.it/evento/le-stagioni-di-bianca/ ORE 20 Sala Poli del Centro Studi Sereno Regis, Via Garibaldi 13 Torino APERITIVO A CURA DELLE NOSTRE INCURSIONI SAPORITE ORE 21 - proiezione del film documentario di Roberto Della Torre “DIMENSIONE ORIZZONTALE” I BENI COMUNI L'ACQUA, LA CULTURA E GLI SPAZI URBANI Il settore culturale è rappresentato da tre luoghi “alternativi” che stanno formulando delle nuove basi per la gestione in partenariato con cittadini, ma anche con le istituzioni. Hanno partecipato a questo film : Gregorio Arena, Alberto Lucarelli, Ugo Mattei, Stefano Rodotà, Paolo Carsetti, Raffaele Faggiano, Mauro De Pasquale, Antonio Mastroberardino, Anne Le strat, Claude Danglot, Francois Tatti, Jean noël Valery, Roberto Fico, Daniela Albano, Mariangela Rosolen, Guido De togni, Ivana, Francesca, Giuseppe Micciarelli, Chiara Capretti, Fabio Pascapé, Giulia Druetta, Gabriele Pasqui, Diego Weiz, Lorenzo Lipparini, Gianluca Salvatori, Laura Sinagra Brisca, Inpoetica (Alessandra Racca e Romina Rezza https://www.facebook.com/events/1855927837873455/ TRAILER DEL DOCUMENTARIO: https://vimeo.com/362228997 ORE 21 al Molo di Lilith, circolo ARCI, in via Cigliano 7, Torino “E SE L'ABORTO FOSSE REATO?” Intervista infingarda a Maria Teresa Messidoro, Associazione Lisangà. “E se l'aborto tornasse ad essere un reato? sembra impossibile, eppure non è un'ipotesi così remota, tutto sommato. Almeno a vedere quel che sta succedendo in Italia negli ultimi anni, ahinoi. Maria Teresa Messidoro, vicepresidente dell’Associazione Lisangà, al ritorno da un suo viaggio in El Salvador, ci racconta che cosa accade dove il reato esiste da sempre e a tutti gli effetti. In El Salvador Evelyn Hernández ha rischiato 40 anni di carcere per l’accusa di procurato aborto, dopo un parto clandestino di un figlio frutto di una violenza subita a 16 anni. Come lei, sempre in El Salvador, altre 16 donne sono state in carcere per lo stesso “delitto”. Qualcosa di simile succede anche in Nicaragua ed in Argentina, dove le donne hanno condotto negli ultimi due anni una lotta senza precedenti per ottenere la depenalizzazione dell’aborto, senza riuscirci….” Rassegna Chi dice donna non dice danno. https://www.molodililith.it/calendario/3372-e-se-l-aborto-fosse-reato.html?date=2019-12-11-21- 30#.Xeeskuj0k-c INIZIATIVE FUTURE IN EVIDENZA: GIOVEDÌ 12 DICEMBRE ASSEMBLEA 2019 ASSOCIAZIONE F.E.R.T. “INCONTRANDOCI ALLE ORE 17.30 PRESSO IL SINDACATO S.I COBAS, CORSO VIGEVANO, 33/U A TORINO, proseguiremo il tour della Torino che resiste (e contrattacca), cominciato al centro sociale occupato autogestito Gabrio nel quadro della sua iniziativa Cinespritz e in accordo con Assemblea 21, lo scorso 26 novembre. Costruiamo per tappe una nuova visione della produzione indipendente, per un laboratorio reticolare di cinema della realtà, fuori dal condizionamento dei broadcaster e avverso alla formattazione cognitiva dei media mainstream, che stimoli nuova - rispettosa - progettazione sociale e ambientale.,,,” http://www.fert.org/news/assemblea-2019-associazione-fert-gioved%C3%AC-12-dicembre-ore-1730- presso-il-sindacato-si-cobas GIOVEDI 12 DICEMBRE L'ULTIMA DELEGAZIONE LISANGÀ DI RIENTRO DA EL SALVADOR torna con una valigia di esperienze che condividerà con noi ORE 21 a Chianocco ex Cotonificio alla Taverna Tortuga LOCANDINA: http://www.lisanga.org/index.php?option=com_k2&view=item&id=97:incontri- dicembre-2019&Itemid=291 VENERDÌ 13 DICEMBRE A TORINO PRESENTAZIONE DELLA “LA RETE ITALIANA DELLE IMPRESE RECUPERATE” alle 18 nella Sala Didattica del Polo del ‘900 via del Carmine 14 ….Perché le storie che hanno reso possibile il recupero cooperativistico d’impresa rappresenterebbero un modello esemplare di riscatto sociale ed economico, oltre che di politiche attive per il lavoro? Quali sono stati i rapporti fra i sindacati e il fenomeno? Perché la legge Marcora che regola questa pratica stenta ad essere riconosciuta come strumento attivo di risoluzione delle crisi industriali? A queste e altre domande tenteranno di rispondere Romolo Calcagno e Leonard Mazzone del Collettivo di Ricerca Sociale che da due anni sta tentando di costruire la Rete Italiana delle Imprese Recuperate”. http://www.unioneculturale.org/2019/10/la-rete-italiana-delle-imprese-recuperate/ Per saperne di più: www.impreserecuperate.it VENERDÌ 13 DICEMBRE CENA DI AUTOFINANZIAMENTO PER “CAROVANE MIGRANTI” ORE 20 alla Parrocchia San Giovanni Maria Vianney Via Giulio Gianelli, 8, Torino, Euro 25 “Ora è arrivato il momento di fermarci per raccontarvi cosa abbiamo fatto in questi ultimi mesi. Dalla Spagna alla Tunisia, aspettando il ritorno della delegazione che ha viaggiato con la Carovana delle Madri in Messico. Testimonianze e immagini accompagneranno la cena preparata dai Fornelli in lotta….” https://www.facebook.com/events/605999283272919/ Come sempre gli eventi ci hanno sopraffatto. MERCOLEDI’ 18 DICEMBRE PERCHÉ IL CLIMA CAMBIA? CAUSE E CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI DAL LONTANO PASSATO AD OGGI” Partecipano: Marco Bagliani, Elisa Palazzi ORE 17.30 Aula Magna dell'Università di Torino, Cavallerizza Reale, via Verdi 9 INGRESSO LIBERO 8 INCONTRI PER APPROFONDIRE, CONDIVIDERE, AGIRE: “COME ORIENTARSI NEL DIBATTITO SULLA CRISI CLIMATICA?” Da Mercoledì 27 Novembre 2019 a Mercoledì 8 Aprile 2020 dalle ore 17:30 alle ore 19:15 https://www.unito.it/eventi/capiamo-i-cambiamenti-climatici-ciclo-di-8-incontri-approfondire- condividere-agire PROGRAMMA DEGLI INCONTRI http://www.green.unito.it/sites/www.green.unito.it/files/Programma_UnitoGOClima.pdf ALTRE INIZIATIVE SU : https://www.facebook.com/pg/radioblackout105250/events/ http://www.fabionews.info/torinovive.php EVENTI CSA GABRIO : https://gabrio.noblogs.org/; https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito https://www.facebook.com/ManituanaTorino/ CAVALLERIZZA REALE OCCUPATA: http://cavallerizzareale.wordpress.com/ https://www.facebook.com/pages/Assemblea-Cavallerizza-1445/696775003675449 https://www.facebook.com/Piattaforma-Arte-Spettacolo-Conoscenza-274558966211981/?fref=ts PER AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NOTAV: www.notav.info - www.notavtorino.org -http://www.autistici.org/spintadalbass/?cat=2- www.notav.eu - www.notav- valsangone.eu- http://www.presidioeuropa.net/blog/?lan=2 - https://www.notavterzovalico.info/- http://noterzovalico.wordpress.com/- www.ambientevalsusa.it - http://www.tgmaddalena.it/- https://www.facebook.com/notavtorino.org/- https://www.facebook.com/controsservatoriovalsusa/ Archivi fotografici Luca Perino : http://lucaxino.altervista.org/ AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA : (VEDI anche su : TG Vallesusa : http://www.tgvallesusa.it/?page_id=135 Facebook Festival Alta Felicità : https://www.facebook.com/festivalaltafelicita/ Attualità, Diario Tav, Libri, Dischi, X Files : www.mavericknews.wordpress.com Centro di documentazione Invicta Palestina : https://invictapalestina.wordpress.com/ RETE Ambientalista - Movimenti di Lotta per la Salute, l'Ambiente e la Pace. http://rete-ambientalista.blogspot.it) RESISTENZA AGLI ESPROPRI IN CLAREA CONTRO L’ALLARGAMENTO DEL CANTIERE TORINO-LIONE Stanno arrivando in questi giorni da TELT raccomandate relative agli espropri dei terreni di Chiomonte e Susa acquistati da 1.175 NOTAV nel 2012 per “COMPRA UN POSTO IN PRIMA FILA 4” (http://www.notav.info/top/compra-un-posto-in-prima-fila-vol-4-ecco-i-moduli-per-aderire/) CHI RICEVE LA RACCOMANDATA È INVITATO A SEGNALARLO ALL'INDIRIZZO espropri@notavtorino.org: riceverà molto presto indicazioni su come rispondere a TELT Nel messaggio indicare come Oggetto: Raccomandata TELT Nel testo del messaggio indicare soltanto: - data di arrivo della raccomandata - nome, cognome, comune di residenza NON LASCIAMOGLIELA PASSARE LISCIA. RESISTERE, RESISTERE E ANCORA RESISTERE, PER POTER ESISTERE. http://www.notavtorino.org/ MARTEDI 26 NOVEMBRE IL PROGETTO: “UN CORRIDOIO ECOLOGICO PER PROTEGGERE LA FARFALLA ZERYNTHIA“ è stato presentato in una conferenza stampa che si è svolta all’Università di Torino VIDEO Stampa: “PER LA TORINO-LIONE DELLE RARE FARFALLE DEVONO "TRASLOCARE", I NO TAV CONTESTANO UNO STUDIO DELL'UNIVERSITÀ” https://video.lastampa.it/torino/per-la-torino-lione-delle-rare-farfalle-devono-traslocare-i-no-tav- contestano-uno-studio-dell-universita/106545/106558? L’ INTERVENTO DEI NOTAV DURANTE LA CONFERENZA STAMPA: http://www.radionotav.info/podcast/telt-unito-cfavs.mp3 27 Nov 19 NOTAV Info : “IL CERONE DI UNITO, LE PAGLIACCIATE DI TELT E L’HABITAT DELLA FARFALLA NOTAV Ieri, 26 novembre la società TELT, incaricata della realizzazione della Torino Lione, ha radunato i giornalisti per comunicare (o meglio per far comunicare da altri) le sue intenzioni riguardo alla delicata questione di questa farfalla protetta. Una presenza tanto sorprendente ed importante per gli abitanti della Valle di Susa quanto scomoda per TELT, al punto da costringere i progettisti a fermare per mesi le loro fantasie, dando il via libera completo a quelle dell‘Università di Torino….. Questo duetto si è esibito nuovamente ieri, occasione in cui Simona Bonelli, la responsabile dell’equipe di ricercatori dell’Università di Torino (che quest’anno hanno studiato la farfalla in questione lungo la Valle) ha descritto gli interventi pensati per proteggere in modo “rigoroso” la specie, di fronte a un pubblico alquanto sbalordito. L’annuncio riguarda tra l’altro l’estensione del duo TELT – Università di Torino ad un trio, includendo in questo mirabolante progetto il Consorzio Forestale Alta Valle di Susa, rappresentato per l’occasione dal suo direttore Alberto Dotta…… Sembra una barzelletta, ma in effetti nel comunicato stampa emesso c’è scritto a chiare lettere che la protezione rigorosa di una specie rara può essere messa in atto mediante una “sperimentazione”, quindi tentando una via mai percorsa in precedenza, mettendo quindi alla prova la sopravvivenza di questa specie senza garanzie di riuscita….. In sostanza il Consorzio Forestale si occuperebbe di effettuare alcuni diradamenti boschivi che mettano in collegamento alcune popolazioni isolate di Zerynthia, all’interno dei quali disporre alcuni esemplari della pianta nutrice dei bruchi, nella speranza che queste farfalle (note per avere scarsissima mobilità) inizino a spostarsi e ad incontrarsi tra di loro, incrementando così la variabilità genetica ed acquistando qualche chance in più per sopravvivere….. Pur non dando garanzie che questo esodo spontaneo avvenga e soprattutto non potendo immaginare la sua direzione, si apprende che i lavori del taglio degli alberi inizieranno nei prossimi giorni, per concludersi a inizio primavera. Tanta fretta per poter presentare questa sorpresa alle farfalle adulte nel momento della loro schiusa? In realtà nel comunicato la motivazione è “per non interferire con le attività di cantiere”….” http://www.notav.info/post/il-cerone-di-unito-le-pagliacciate-di-telt-e-lhabitat-della-farfalla-notav/ 26 Nov 19 NOTAV Info : “PREOCCUPATI PER IL CROLLO DEL VIADOTTO A SAVONA? AL GESTORE ABBIAMO AFFIDATO I LAVORI PER IL TAV ….Mentre l’azienda che gestisce il tratto autostradale parla di evento “imprevedibile” e indiscrezioni giornalistiche stanno già riferendo di mancati controlli e rischi ignorati, gioverà a tutti sapere che al gestore del ponte sono stati affidati numerosi lavori propedeutici alla realizzazione del tunnel per la nuova Torino-Lione. DAL 2012, IN EFFETTI, L’A6 È IN GESTIONE A GAVIO, colosso delle costruzioni che aveva affidato i controlli a una società interna, la Sina…… Oltre ad avere praticamente il monopolio della rete autostradale piemontese, Gavio si trova ad essere tra quelle aziende che stanno beneficiando delle ricche commesse garantite da quella grande magiatoia chiamata TAV. In primis, ci sono i lavori per il terzo valico che si è già aggiudicata attraverso Impregilo, controllata al 33% proprio da una partecipata del gruppo Gavio, la Agrofin. Ci sono poi i lavori affidati a SITAF, tra i quali spicca la costruzione di un nuovo svincolo autostradale appositamente creato per poter fare in modo che i camion evitino le proteste dei valsusini. Gavio ha recentemente aumentato la sua quota di partecipazione a sitaf arrivando al 47%. Infine ci sono i soldi ricevuti da Itinera spa, altra azienda partecipata di Gavio, che ha svolto lavori annessi al tunnel esplorativo e che proprio per questa era già stata al centro di contestazioni…..” http://www.notav.info/post/preoccupati-per-il-crollo-del-viadotto-a-savona-al-gestore-abbiamo-affidato-i- lavori-per-il-tav/ GIOVEDÌ 28 NOVEMBRE SI È SVOLTO A FIRENZE L’INCONTRO DELLA MINISTRA PAOLA DE MICHELI col presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e le categorie economiche e sociali firmatarie del “PATTO REGIONALE PER LO SVILUPPO” a Palazzo Strozzi Sacrati Comunicato stampa Associazione Idra Firenze: “FLASH DATE DI IDRA, STAMANI, CON PAOLA DE MICHELI IN REGIONE TOSCANA ….L’associazione fiorentina è grata alla Giunta che le permesso di assistere all’incontro programmato con la ministra…. E’ stato tuttavia possibile, grazie alla cortese intercessione dell’Ufficio stampa della Ministra, ottenere un colloquio di primo approfondimento con Andrea Pacella, membro della segreteria politica del ministro. Per una ventina di minuti Pacella ha ascoltato con attenzione gli argomenti legati ai temi che stanno particolarmente a cuore all’associazione fiorentina, ancorché esposti sostanzialmente per titoli, in vista di un incontro tecnico-giuridico da concordare con ogni possibile sollecitudine, a Firenze, a Roma o dovunque la De Micheli suggerisca, su: - la dubbia sicurezza di 60 km di gallerie monotubo TAV fra Firenze e Bologna (che da parecchi mesi ospitano anche convogli merci notturni); - la credibilità della progettazione e della cantierizzazione per il doppio e lungo sotto-attraversamento di Firenze, con la connessa ‘stazione Foster’; - lo squilibrio negli investimenti dedicati alle cosiddette ‘grandi opere’ in rapporto a quelli, ritenuti da Idra assolutamente più urgenti e prioritari, da dedicare al diuturno lavoro di manutenzione, rammendo, restauro e messa in sicurezza del territorio, delle sue infrastrutture, dei sui beni ambientali e culturali, in tempi di violento cambiamento climatico…..” http://www.idraonlus.it/2019/11/28/flash-date-idra-stamani-paola-de-micheli-regione- toscana/?fbclid=IwAR1Z4gmjYAJVdtiOsGe6gid8NbJmfRomjvdRrzhZxNsPf_cVV7dZN-T46kY VENERDI’ 29 NOVEMBRE ANCHE A TORINO, COME IN MOLTISSIME CITTA’ DEL MONDO, SI E’ SVOLTO IL 4°SCIOPERO DI FRIDAYS FOR FUTURE: 3 belle manifestazioni confluenti verso piazza Casello molto comunicative, che hanno toccato diversi punti della città, anche se la partecipazione complessiva è diminuita rispetto alla manifestazione di settembre TG R del 29-NOV-2019 ore 1400 https://www.youtube.com/watch?v=-7LeoPClp00 TG R del 29-NOV-2019 ore 1930 https://www.youtube.com/watch?v=S1_xBrZQU5E VIDEO Stampa : “CENTINAIA DI RAGAZZI PER LE STRADE DI TORINO PER I FRIDAYS FOR FUTURE” https://video.lastampa.it/torino/centinaia-di-ragazzi-per-le-strade-di-torino-per-i-fridays-for- future/106671/106684 “FRIDAYS FOR FUTURE, CONQUISTATE LE VIE DELLO SHOPPING: "STOP A CONSUMO SFRENATO" https://video.lastampa.it/torino/fridays-for-future-conquistate-le-vie-dello-shopping-stop-a-consumo- sfrenato/106691/106704 “I RAGAZZI DEI FRIDAYS FOR FUTURE DAVANTI ALLA REDAZIONE DE LA STAMPA” https://video.lastampa.it/torino/torino-i-ragazzi-dei-fridays-for-future-davanti-alla-redazione-de-la- stampa/106690/106703 VENERDÌ 29 NOVEMBRE AL POMERIGGIO AD AVIGLIANA SI È SVOLTO IL PRIMO SCIOPERO GLOBALE IN VALSUSA QUALCHE FOTO “BLOCK THE PLANET”: https://photos.app.goo.gl/EqS2FrXsASobGeSi6 16 Nov 19 Attac: “LA CHIMERA DELLA “GREEN ECONOMY” di Paolo Cacciari Tutte le versioni di “sviluppo sostenibile” fin qui conosciute (da quelle più soft della “crescita verde”, dell’“economia circolare” ed altre, a quelle più socialmente caratterizzate che oggi prendono il nome del Green New Deal) si basano sull’ipotesi di fondo del “decoupling” – la separazione della curva dell’aumento del Pil dalla curva delle pressioni ambientali.…. Il proposito di “disaccoppiare” la crescita economica dai danni che essa provoca al funzionamento della biosfera è certo positivo, peccato però che risulti essere un’illusione se non un vero e proprio inganno. Ad affermarlo – da ultimo – è una fonte non sospetta, l’European Environmental Bureau (composto da 143 organizzazioni di 30 paesi) con il rapporto Decoupling Debunked. Evidence and arguments against green growth as sole strategy for sustainability, luglio 2019….. La “green economy”, insomma, è una pericolosa chimera, una “fantasia distraente”. Una strategia che si affida solo all’innovazione tecnologica e ai meccanismi di mercato potrà al massimo procrastinare le catastrofi ambientali, ma non eliminarne le cause…. Per contro la contrapposizione tra capitalismo e natura (oltre e assieme a quella con il lavoro, con le donne, con i sud del mondo, con le altre specie animali…) è stata indagata infinite volte sul piano teorico. La crisi climatica è solo la conferma e la dimostrazione. Nessuna green revolution sarà possibile senza una trasformazione strutturale, sistemica del contesto socioeconomico oggi dominato dalla logica del profitto, dell’accumulazione, della massimizzazione dei rendimenti economici. Il capitalismo non è nient’altro che un progetto di progressiva, permanente cattura e dominazione globale da parte di una piccola elite dell’umanità su ogni forma di vita esistente. Una vera e propria guerra alla natura e di sottomissione dei più deboli…..” https://www.italia.attac.org/la-chimera-della-green-economy/ VERSIONE ITALIANA DEL RAPPORTO “DISACCOPPIAMENTO SMASCHERATO” OVVERO “IL GRANDE BLUFF DELLA CRESCITA SOSTENIBILE” http://www.decrescita.com/news/wp-content/uploads/2019/11/DECOUPLING-DEBUNKED-traduzione- D.Ruggiero.pdf 27 Nov 19 Attac : “LA FINANZIARIZZAZIONE DEL CLIMA di Marco Bersani A partire dall’accordo di Kyoto, dietro il paravento del contrasto ai cambiamenti climatici e con l’obiettivo, attraverso il mercato, di ridurre le emissioni di anidride carbonica, sono stati avviati due nuovi meccanismi. Il primo è il Sistema di Scambio delle Quote Emesse (ETS, Emissions Trading System); attraverso questo strumento, viene fissato un tetto al totale di anidride carbonica che ciascun Paese può emettere, stabilito il quale i paesi sottoscrittori dell’accordo, se superano la quota assegnata, possono acquistare sul mercato i permessi di emissione da quelli che emettono di meno. Non c’è di conseguenza nessun obbligo alla riduzione delle proprie emissioni: è sufficiente avere i soldi per comprare i permessi di emissioni per risultare fra i paesi virtuosi. Il secondo è il Meccanismo per lo Sviluppo Pulito (Clean Development Mechanism); attraverso questo strumento, i produttori di anidride carbonica, invece di ridurre le proprie emissioni, possono finanziare progetti di riduzione di emissioni in altri paesi. Il sistema ETS, nato nel 2005, è diventato un grande mercato finanziario: solo nel continente europeo, fra il 2010 e il 2015 sono state scambiate 480 miliardi di t di CO2 per un valore di 500 miliardi di euro…… Nel 2013 vi erano sul mercato 2,2 miliardi di quote in eccesso: la Ue, per il timore di una crisi finanziaria, ne ha ritirate 900, con una spesa di 4,5 miliardi di euro; mentre, tra il 2021 e il 2030 è prevista un’assegnazione gratuita alle imprese di circa 6,3 miliardi di quote, per un valore di 160 miliardi di euro, al fine d’impedire il trasferimento dei siti di produzione al di fuori dell’Ue. Il decantato meccanismo di tutela ambientale si è dunque rivelato per quello che era: uno strumento di speculazione finanziaria, un mercato di titoli nel quale oggi gli operatori possono comprare e vendere la CO2 non ancora prodotta. Ma il business del clima non finisce qui: ammontano a diverse centinaia di miliardi i finanziamenti pubblici nazionali e internazionali, al punto che IL CAMBIAMENTO CLIMATICO È ORMAI CONSIDERATO DAI GRANDI CAPITALI FINANZIARI LA NUOVA SVOLTA ECONOMICA DA CUI ESTRARRE VALORE…..” https://www.italia.attac.org/la-finanziarizzazione-del-clima/ 30 Nov19 Attac : “CONTRASTARE LE GRANDI OPERE PER COMBATTERE LA CRISI CLIMATICA Chi “applaude Greta” e vuole il Tav “non la racconta giusta” di Claudio Giorno (Articolo in Granello di Sabbia n. 42 di Nov– Dic 19. “Il Sol dell’avvenire e l’avvenire del Sole”) La “corsa all’accaparramento” di Greta Thumberg registra ogni giorno nuove sospette adesioni; e si fa asfissiante (quasi più dell’effetto-serra) il corteggiamento del movimento FFF, nato per lo stimolo potente, la coraggiosa intransigenza e la determinazione sorprendenti di una ragazzina che ha avuto il coraggio di denunciare i tanti re nudi che ci circondano e senza che nessuno li indicasse prima alla pubblica disapprovazione….. Ma per confutare la propaganda di coloro che tentano di usare Greta e il movimento giovanile che da lei ha preso vita basta dire che nei documenti ufficiali di Italia, Francia e UE non vi è traccia della fu Torino Lione, (oltre 300 km desaparecidos), che i francesi sono si favorevolissimi allo scavo della galleria di valico, ma solo perché la pagano gli italiani e l”Europa”; e hanno formalmente deciso che prima del 2035 non intendono rimettere mano neanche alle carte progettuali delle cinque gallerie (ben più complesse e onerose di quella di valico) tra St.Jean e Chambery (nonostante le solenni promesse delle prime e ormai “storiche” brochure di propaganda); anzi, l’attuale governo transalpino (quello del banchiere Macron) per il traffico merci ha optato per l’uso della ferrovia esistente Torino-Digione (in luogo di una nuova Torino-LIone)! Ma soprattutto va evidenziato che scavare le gallerie di una intera ferrovia ex novo aumenterebbe le emissioni di CO2 fino al 2038 (dati del Quaderno 8 dell’Osservatorio del Governo italiano). E a patto che (con un tocco di bacchetta magica?) sparisca più della metà dei camion e le merci salgano “spintaneamente” in carrozza! BilancioCO2(Q8): nel Quaderno 8 dell’Osservatorio governativo si afferma che tutta la CO2 emessi per la costruzione della nuova ferrovia sarebbero recuperati solo a partire dal 2038 e a patto di realizzare tutti gli oltre 300 Km del nuovo collegamento (che i francesi non intendono neanche progettare prima del 2035!) e non solo la galleria di valico di 57 Km e soprattutto che le folli e sbugiardate previsioni di traffico della lobby-tav si verifichino davvero! Ma se davvero l’obiettivo perseguito fosse quello di mettere le merci (possibilmente utili) sui treni e non le mani su una montagna di denaro pubblico a favore di lobby private, si potrebbe lavorare da subito al riempimento dei binari esistenti – oggi ben al di sotto di un quinto delle loro potenzialità: chi sa se nel 2038 ci sarà ancora un solo ghiacciaio sulle Alpi…nel frattempo ridotte a una groviera dalla banda dei buchi che ha rubato l’adolescenza di Greta?....” https://www.italia.attac.org/contrastare-le-grandi-opere-per-combattere-la-crisi- climatica/?fbclid=IwAR1zrIbywk2d6HnRs_3dqjB-A2JWmg7fVDJdTkk_6lvajqTbysgsovZimk4 SABATO 30 NOVEMBRE A BOLOGNA E MILANO MIGLIAIA DI LAVORATORI DELLA LOGISTICA IN PIAZZA, CENTINAIA DI DISOCCUPATI A NAPOLI, mentre continuano scioperi e picchetti fuori ai magazzini della logistica contro licenziamenti per il rispetto dei contratti. 2 dic 19 Comunicato SI Cobas: “GRANDI MANIFESTAZIONI OPERAIE A BOLOGNA E MILANO, CENTINAIA DI DISOCCUPATI IN CORTEO A NAPOLI: alla repressione i lavoratori rispondono con la lotta In risposta a fogli di via, denunce e processi. Nessun giornale ve lo dirà. CON VIDEO: http://sicobas.org/2019/12/02/italia-grandi-manifestazioni-operaie-a-bologna-e-milano- centinaia-di-disoccupati-in-corteo-a-napoli-alla-repressione-i-lavoratori-rispondono-con-la-lotta/ 2 dic 19 Comunicato Stampa SI Cobas: “CONTINUA LA LOTTA PER IL REINTEGRO DEI LAVORATORI LICENZIATI IN COOP E GLS. CONTRO FOGLI DI VIA E REPRESSIONE: SCIOPERO! DECINE DI LICENZIAMENTI AL MAGAZZINO COOP DI TORTONA CONTRO LICENZIAMENTI, FOGLI DI VIA E REPRESSIONE RILANCIAMO LA LOTTA! CASSA DI RESISTENZA PER I LICENZIATI! SCIOPERO GENERALE! Nella provincia di Alessandria continua l’attacco senza sosta contro le lotte dei lavoratori S.I. Cobas, con l’aperta connivenza di Prefettura, Questura, Ispettorato del Lavoro e il silenzio assordante del sindacalismo concertativo, incapace di indicare ai lavoratori alcuna prospettiva di lotta reale, se non quella di muta accettazione delle condizioni di sfruttamento che il padronato vorrebbe imporre in tutti gli stabilimenti e magazzini. A Tortona, la CLO – cooperativa che ha in gestione il deposito COOP – evidentemente spaventata dal continuo rilancio delle iniziative, scioperi e blocchi messi in campo dai lavoratori, prova a giocare l’ultima carta che ha in mano: il licenziamento di tutti i lavoratori che in queste settimane e mesi hanno partecipato allo sciopero e al percorso di sindacalizzazione dentro quel magazzino. Licenziano più di 20 lavoratori pensando di mettere a tacere una lotta che chiede salario, migliori condizioni di lavoro, rispetto dei lavoratori da parte dei responsabili, riconoscimento del sindacato scelto dai lavoratori, dignità! Licenziano 20 lavoratori perché iscritti al S.I. Cobas e perché (e questo lo scrivono pure nelle loro lettere di licenziamento) sono stati protagonisti dei blocchi e degli scioperi davanti ai cancelli del magazzino!...” http://sicobas.org/2019/12/02/alessandria-continua-la-lotta-per-il-reintegro-dei-lavoratori-licenziati-in- coop-e-gls-contro-fogli-di-via-e-repressione-sciopero/ DOMENICA 1 DICEMBRE SI È SVOLTA IN VIA CORTE D’APPELLO A TORINO L’ASSEMBLEA CAVALLERIZZA 14:45 COMUNICATO ALLA CITTADINANZA ED ALLA STAMPA di Cavallerizza Irreale: “Chiediamo al Comune di Torino, nelle persone del Sindaco CHIARA APPENDINO e dell’Assessore all’urbanistica ANTONINO IARIA di disconoscere pubblicamente l'attuale PUR per la Cavallerizza, in quanto piano approssimativo e raffazzonato di “destinazioni d’uso” in cui spezzettare l’immobile Cavallerizza, commissionato da un ente pubblico (Cassa Depositi e Prestiti, CDP) per tutto l’immobile (sia la parte di proprietà di CDP, sia quella di Cartolarizzazione Città di Torino, CCT) ad un privato (Arch. Magnaghi), senza concorso pubblico. Preghiamo il comune di prendere in mano un serio tavolo di concertazione che coinvolga tutti i portatori di interesse e le proprietà di Cavallerizza: -CASSA DEPOSITI E PRESTITI, -CARTOLARIZZAZIONE CITTÀ DI TORINO,-INTESA SAN PAOLO,-COMUNE,-UNESCO,-CITTADINANZA,-MINISTERO COMPETENTE, -SOPRINTENDENZA PER LE BELLE ARTI. Tale tavolo dovrà avere il compito di redigere un serio ed innovativo CONCORSO PUBBLICO INTERNAZIONALE che vada a raccogliere le candidature per progetti lungimiranti, sostenibili (anche finanziariamente), che tengano in considerazione non solo i vincoli che ci sono per la tutela del bene architettonico Cavallerizza (vedi restauro conservativo), ma anche la vocazione pubblica, artistica, sociale e culturale del luogo. Tale concorso dovrà necessariamente integrare la comprensione e collaborazione nell’attuazione dell’uso civico e l’Assemblea rimarrà luogo di confronto periodico….” https://www.facebook.com/cavallerizzairreale/photos/a.740065749346374/2832856350067293/?type=3& theater LUNEDÌ 2 DICEMBRE IL CONSIGLIO COMUNALE DI TORINO HA APPROVATO IL REGOLAMENTO PER IL GOVERNO DEI BENI COMUNI URBANI, con 21 voti favorevoli, 1 voto contrario, 3 astenuti, dopo l’illustrazione in aula da parte dell’assessore ai Beni Comuni Marco Giusta lo scorso 25 novembre, che abroga il precedente Regolamento comunale sulla Collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura, la gestione condivisa e la rigenerazione dei beni comuni urbani (n. 375). NUOVO REGOLAMENTO BENI COMUNI URBANI VOTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE LUNEDÌ 2 DICEMBRE 19 https://cavallerizzareale.files.wordpress.com/2019/12/201901609_1tc.pdf Comunicato Ufficio Stampa Consiglio Comunale: “LA SALA ROSSA APPROVA IL NUOVO REGOLAMENTO PER IL GOVERNO DEI BENI COMUNI URBANI …Il Regolamento è stato approvato con alcuni emendamenti proposti dalla Giunta e dai consiglieri Damiano Carretto (M5S) e Deborah Montalbano (DemA). Tra i principali emendamenti approvati proposti dalla Maggioranza, c’è quello che sancisce l’istituzione della Consulta permanente dei beni comuni urbani della Città di Torino (emendamento a firma Damiano Carretto - M5S). Con gli emendamenti di maggioranza approvati, si stabilisce che anche le Circoscrizioni – attraverso il proprio Consiglio – possano assegnare immobili utilizzando il Regolamento comunale. Sono previsti anche momenti formativi sulle tematiche dell’auto-governo. Le proposte per l’utilizzo dei beni comuni dovranno essere presentate all’Urp o agli uffici circoscrizionali. Con cadenza semestrale, la Giunta dovrà informare la Commissione consiliare competente (su richiesta del suo presidente) sullo stato dell’istruttoria e di eventuale attuazione delle proposte ricevute. I beni non potranno essere oggetto di alcuna forma di alienazione, né generare lucro. Eventuali risorse e flussi economici-finanziari derivanti dall’utilizzo del bene dovranno essere re-investite e documentate in maniera trasparente e dettagliata. Per quanto riguarda i soggetti civici collettivi, si specifica che devono operare secondo metodo democratico basato su momenti d

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body