Newslettera del 25 sett 19

Sep 27, 2019 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 13 | Likes: 1

Sciopero per il clima, iniziative NOTAV, Sante Notarnicola, militarismo, beni comuni, acqua, anticapitalismo, nonviolenza e aggiornamenti PROGRAMMA PROSSIME INIZIATIVE (VEDI ANCHE ALLEGATI ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI) GIOVEDI’ 26 SETTEMBRE ORE 15.30 Via Lugaro 15, Torino PRESIDIO A LA STAMPA Global strike week a Torino “I media hanno il potere e la responsabilità di divulgare le notizie e di informare i lettori su ciò che di più importante accade nel mondo. Eppure, la crisi climatica che stiamo vivendo non sta ricevendo abbastanza copertura mediatica!....Portate gessi, tempere, colori, e vecchi giornali! https://www.facebook.com/F4Fturin/photos/a.392800684600162/500496340497262/?type=3&theater ORE 21 al centro religioso del Sangone S. Francesco S. Chiara (via vittime di Bologna, Rivalta) “IL NOSTRO NO” PRESENTAZIONE DEL LIBRO SCRITTO DAI “CATTOLICI PER LA VITA DELLA VALLE”. con Donatella Giunti e Eugenio Cantore “Speriamo che questo incontro possa essere utile per far conoscere una delle tante anime che compongono il movimento No Tav, spesso narrato dai media e dai giornali in modo errato o parziale, composto da tante realtà che in 30 anni di lotta hanno imparato a convivere e a condividere un obiettivo comune: la lotta ad alla grande opera inutile e dannosa!” Qui l'evento Facebook https://www.facebook.com/1432146577097738/posts/2309694372676283/ VENERDI’ 27 SETTEMBRE ORE 9.30 da Piazza Statuto fino in piazza Vittorio Veneto “3º SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA DI #FRIDAYSFORFUTURE!” "Siamo venuti qui per farvi sapere che il cambiamento sta arrivando, che voi lo vogliate o no. Il vero potere appartiene alle persone….." https://www.facebook.com/events/402920616987193/ FLC CGIL ADERISCE AL TERZO GLOBAL CLIMATE STRIKE E INDICE LO SCIOPERO DI TUTTI I SETTORI DELLA CONOSCENZA “...Il mondo della conoscenza può dare un apporto insostituibile per affrontare la crisi climatica ed ecologica: la ricerca, la formazione delle giovani generazioni sui temi ambientali, l’apprendimento di stili di vita rispettosi dei limiti imposti dalla natura, sono tutte direttrici da seguire, da un lato, per evitare il collasso del nostro ecosistema e dall’altro per spingere i governi a fare grandi investimenti finalizzati alla transizione ecologica, rispettosa dei principi di giustizia sociale, ambientale e climatica….. Per tutte queste ragioni, la FLC CGIL aderisce allo sciopero del 27 settembre e sostiene tutte le iniziative legate alla Climate action week promuovendo, per il 25 settembre, un grande evento pubblico al CNR di Roma nel quale si discuterà del tema crisi climatica ed ecologica e del ruolo del mondo della conoscenza per combatterla”. http://m.flcgil.it/attualita/politica-societa/27-settembre-flc-cgil-aderisce-al-terzo-global-climate-strike-e- indice-lo-sciopero-di-tutti-i-settori-della-conoscenza.flc IL 27 SETTEMBRE I COBAS (CONFEDERAZIONE DEI COMITATI DI BASE) SCIOPERANO NELLA SCUOLA E NEL LAVORO PRIVATO (ESCLUSI I TRASPORTI) “Contro i cambiamenti climatici e in difesa dell’Ambiente e manifestano in molte città con i/le giovani di Fridays For Future….” http://www.cobas.it/Notizie/Il-27-settembre-i-COBAS-scioperano-nella-Scuola-e-nel-Lavoro-privato- esclusi-i-Trasporti 27 SETT 19 È SCIOPERO GENERALE USB PER IL CLIMA “L’Unione Sindacale di Base, aderendo allo sciopero globale per il clima, ha proclamato lo sciopero nazionale generale di tutte le categorie ed invita i propri iscritti e tutti i lavoratori e le lavoratrici alla mobilitazione ….” https://usb.it/leggi-notizia/il-27-settembre-e-sciopero-generale-usb-per-il-clima.html 6 SETT 19 ADESIONE DELL’ASSEMBLEA 23 M DI VENEZIA ALLO SCIOPERO DE 27 SETT "L'assemblea dei movimenti contro le grandi opere inutili e dannose, per la giustizia climatica e contro la devastazione ambientale si è ritrovata, lo scorso 6 settembre, a Venezia, durante il Venice Climate Camp e ha sancito la propria adesione al terzo sciopero globale climatico, previsto per il prossimo 27 settembre considerando che un reale cambio di rotta avverrà solo in seguito ad una radicale trasformazione del modo di produzione che metta al centro le priorità dell’emergenza climatica, dei territori e della salute e non il profitto" (ESTRAPOLATO DAL REPORT ASSEMBLEA NAZIONALE RETE 23 M DEL 6 SETT 19 AL VENEZIA CLIMATE CAMP http://www.nograndinavi.it/report-assemblea-nazionale-rete-23-m/) ORE 17.00 c\o Cascina Marchesa - Sala Colonne Corso Vercelli 141, Torino “LA NOSTALGIA LA MEMORIA E ... LA LOTTA” Uno sguardo sul carcere di ieri e di oggi attraverso le poesie di Sante Notarnicola e gli interventi di: Gianluca Vitale - Avv. Co-Presidente Legal Team Italia, - Angela Giordano - Attivista No TAV, Supporto Legale, Associazione Amici di Via Revello Letture a cura di Ar.Te.Mu.Da Organizzato da Associazione Bianca Guidetti Serra https://www.facebook.com/events/2419557198325159/ ORE 19:45 Bologna, Centro Sociale della Pace Via del Pratello 53 “L'IMPATTO DELLE ATTIVITÀ MILITARI SULL'AMBIENTE: DALLA PALESTINA ALLA SARDEGNA” Le responsabilità del settore militare nelle devastazioni ambientali. L'importanza delle lotte per la tutela e la difesa del territorio. Apericena di autofinanziamento A seguire “IL MOVIMENTO INTERNAZIONALE BDS IN DIFESA DEI DIRITTI UMANI" Introduce e modera: Raffaele Spiga – Coordinamento Campagna BDS Bologna “IL TERZO SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA: GLI OBIETTIVI DEL MOVIMENTO” Rappresentante di Fridays For Future - Bologna “EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUI DIRITTI DEI POPOLI”Isabella Balbo – Amnesty Bologna "IL GREENWASHING ISRAELIANO E I DANNI DELL’OCCUPAZIONE ALL’ECOSISTEMA PALESTINESE" Alys Samson Estapé - Comitato nationale palestinese per il BDS - Boycott, Divestment and Sanctions (BDS) Movement "LE RESPONSABILITÀ DEL COMPLESSO MILITARE-INDUSTRIALE ISRAELIANO E LE COMPLICITÀ DELL’ITALIA" Rossana De Simone – Peacelink "L’OCCUPAZIONE MILITARE DELLA SARDEGNA: CONSEGUENZE ECONOMICHE, AMBIENTALI E SANITARIE" Rappresentante di A Foras - Contra a s'ocupatzione militare de sa Sardigna A seguire dibattito e conclusioni https://www.facebook.com/events/508018036434025/ https://bdsitalia.org/index.php/la-campagna-bds/comunicati/2504-climatestrike SABATO 28 E DOMENICA 29 SETTEMBRE TERZO INCONTRO DELLA RETE NAZIONALE BENI COMUNI - SABATO 28 SETTEMBRE DALLE 15.00 ALLE 18.30 in Campo San Giacomo de l'Orio Venezia (in caso di maltempo, alla sede Iuav di Palazzo Badoer). PLENARIA E TAVOLI DI LAVORO - DOMENICA 29 SETTEMBRE DALLE 9.30 ALLE 13.00 (luogo da definire) PROSECUZIONE DEI TAVOLI E PLENARIA FINALE. “Dopo gli appuntamenti di giugno a Reggio Emilia e a Mondeggi (FI), la Rete Nazionale Beni Comuni si incontra ora a Venezia; questo il programma dei lavori: 1) Tavolo politico-giuridico, sull'uso creativo del diritto, al fine di valorizzare esperienze di riappropriazione, rigenerazione e apertura dei beni comuni che nascono nei territori. …… 2) Tavolo economie: come fare rete tra esperienze produttive, quali strumenti giuridici utilizzare (ad esempio lavorando sulle cooperative di comunità) e regole di vantaggio per le autoproduzioni e le economie alternative? 3) Privatizzazioni: lancio di una campagna su l’”altra valorizzazione” per rendere evidente che la gestione comunitaria dei beni comuni è un’alternativa alle svendite speculative. ….” https://www.facebook.com/events/1368811823294029/ . SABATO 28 SETTEMBRE ORE 10:30 - 16:30 Casa del Popolo Via Angelo Brofferio 129, Asti ASSEMBLEA MACROREGIONALE NORD-OVEST DEI MOVIMENTI PER L'ACQUA di Liguria, Piemonte, Valle D'Aosta e Lombardia ORE 10,30 – 13,00 : Remo Valsecchi del Comitato di Lecco : “I COSTI DELLA RIPUBBLICIZZAZIONE” a seguire dibattito, domande, chiarimenti. 13,00 – 14,00: Pausa pranzo presso Casa del Popolo 14,00 – 16,30 “LA NUOVA FASE POLITICA, LA NOSTRA LEGGE SULL'ACQUA QUALE DESTINO?”! Per motivi organizzativi comunicare quante persone indicativamente parteciperanno a acquapubblicatorino@gmail.com https://www.facebook.com/events/507708350042686/ Dossier di Remo Valsecchi e il documento “ OPERAZIONE VERITÀ” del Forum Nazionale su: https://www.acquabenecomunetorino.org/ ORE 17 in piazza del Mulino, Bussoleno “UNA MONTAGNA DI LIBRI CONTRO IL CARCERE Sante Notarnicola: "LA NOSTALGIA E LA MEMORIA" e "LIBERI DAL SILENZIO" Elton Kalica: "FARSI LA GALERA" e "LA PENA DI MORTE VIVA: ERGASTOLO, 41BIS E DIRITTO PENALE DEL NEMICO" Conversazioni con: Sante Notarnicola, Elton Kalòica, Gianluca Vitale, Nicoletta Dosio e Sandro Moiso, letture di Ar. Te. Mu. Da https://www.facebook.com/events/765397530559679/ 18 sett 19 Maverick : “…..Sante Notarnicola non è stato solo un assistito di Bianca Guidetti Serra ma anche un amico affettuoso fino all’ultimo saluto in quel giugno del 2014….” https://mavericknews.wordpress.com/2019/09/18/la-nostalgia-la-memoria-la-lotta-incontri-con-sante- notarnicola/ DOMENICA 29 SETTEMBRE ORE 10:30 - 18 alle Ex OPG Occupato via Matteo Renato Imbriani, 218 a Napoli ASSEMBLEA NAZIONALE PER COSTRUIRE LO SCIOPERO GENERALE E IL FRONTE ANTICAPITALISTA del 25 ottobre “Per costruire un fronte anticapitalista in questo paese e costruire un forte movimento di opposizione pienamente autonomo e indipendente dall'ipocrita ed inconcludente “brusio” dei sindacati di stato, del PD e dei cascami della sinistra di stato….” Organizzato da Si Cobas Lavoratori Autorganizzati https://www.facebook.com/events/2115265008773969/ DOCUMENTO- APPELLO A TUTTE LE REALTA’ DI LOTTA POLITICHE E SINDACALI, COLLETTIVI E RETI SOLIDALI http://sicobas.org/2019/07/30/internazionalismo-documento-appello-per-unassemblea-nazionale-il-29- settembre-a-napoli-a-tutte-le-realta-di-lotta-politiche-e-sindacali-collettive-e-reti-solidali/ ORE 17 in Piazza Salotto 1, Rivoli INAUGURAZIONE PRESIDIO NOTAV VALSANGONE- COLLINA MORENICA & FORNELLI IN LOTTA nella nuova sede LUNEDI’ 30 SETTEMBRE ORE 19 presso il CSOA Gabrio, via Millio 42 Torino BENI COMUNI E REGOLAMENTI Assemblea21 organizza un incontro aperto a cittadini, comitati, gruppi e realtà sociali interessati per discutere della situazione nazionale e torinese relativa alla gestione dei beni comuni e della proposta di regolamento comunale attualmente in discussione a Torino, https://www.facebook.com/events/2459101987459453/ Link a informazioni sul concetto di "beni comuni", sulla sua storia e sulle modalità di gestione dal punto di vista giuridico e amministrativo che ne derivano, si possono trovare sulla pagina del blog https://assemblea21.blogspot.com/p/beni-comuni.html MARTEDI’ 1 OTTOBRE ORE 21 all’Edera squat, via Pianezza 115, Torino ASSEMBLEA NOTAV organizzata da NOTAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa Come sempre l’odg verrà deciso all’inizio della riunione MERCOLEDÌ 2 OTTOBRE - SABATO 5 OTTOBRE Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino e altre sedi “FESTIVAL DELLA NONVIOLENZA E DELLA RESISTENZA CIVILE” Ingresso libero “…..Di questo modello alternativo il Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile intende offrire esempi concreti e passi praticabili di realizzazione, dando voce a diverse realtà, articolate nei tre filoni: -Per il rispetto dei diritti umani No a nazionalismi, chiusure, razzismi -Per la protezione degli ecosistemi e la tutela delle comunità No all’estrattivismo, al degrado ambientale, alla manipolazione dei sistemi agricoli -Per la pace di tutti i popoli No ad armamenti, minacce, imperialismi….” PROGRAMMA: http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ MERCOLEDÌ 2 OTTOBRE ORE 17.30 – 20 Collegio Artigianelli – corso Palestro, 14, Torino PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LIFE IN SYRIA” Saranno presenti gli autori Emad Husso, Nour Kelze e Filippo Mancin. “Un progetto fotografico nato con l’intento di mostrare la realtà che milioni di siriani sono costretti a vivere ogni giorno. Il libro, che raccoglie gli scatti di cinque fotografi siriani e un’associazione della società civile, mostra alcuni dei momenti che hanno segnato il conflitto siriano dal 2011 al 2016”. LA MOSTRA FOTOGRAFICA COLLEGATA È VISITABILE DAL 21 SETTEMBRE AL 10 OTTOBRE 2019. Evento organizzato dall’Associazione Giuliano Accomazzi. ORE 21 sala Poli – Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino CHE COSA INSEGNANO I BALCANI. PACE, GUERRE E NUOVI MURI. Riflessioni e voci per comprendere il presente. a cura di ADL- Zavidovici, in collaborazione con Alma Teatro. “…All’incontro partecipa il gruppo musicale Zerevó, ensemble torinese gipsy-balkan-klezmer. Il progetto nasce nel 2018 e cresce grazie alla passione per la musica tradizionale e la voglia di scoprire, approfondire e trovare i punti d’incontro tra le diverse culture. L’ obiettivo principale è infatti quello di diffondere sia il patrimonio culturale e musicale ebraico, che quello della tradizione rom, conciliandoli con la musica popolare dell’est Europa. La formazione conta Alessandra Amosso alla voce, Cristian Lizzer alle percussioni, Claudio Provaroni alla chitarra, Marlon Crispatzu al contrabasso, Sara Fusano al clarinetto ed Elena Rickler alla fisarmonica.” http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ INIZIATIVE FUTURE IN EVIDENZA: GIOVEDÌ 3 OTTOBRE A TORINO CONFERENZA :“EUROPA SENZA ARMI NUCLEARI: UN SOGNO REALIZZABILE” con Giovanna Pagani (Wilpf Italia), Angelo Baracca, Massimo Zucchetti e Giangiacomo Migone DALLE ORE 14:00 ALLE 17:30 al Campus Luigi Einaudi Università degli Studi di Torino Lungo D’ora Siena100, Torino https://www.facebook.com/events/702145563593489/ SABATO 5 E DOMENICA 6 OTTOBRE SULLA FRANA AI PIEDI DELLA DIGA DEL VAJONT “NOTTE BIANCA DELLA MEMORIA” 16° PRESIDIO QUANDO LE COLPE SONO MACIGNI E NON PIUME AL VENTO “Non più soltanto omicidio colposo, ma DOLO EVENTUALE per chi doveva e poteva evitare stragi di innocenti, ma non lo ha fatto in nome del profitto. Dal Vajont al Ponte Morandi la cinica storia si ripete. Chiediamo che la legge si sottometta alla giustizia e non a interessi che prevaricano la sicurezza e la vita delle persone e la tutela dell’ambiente”. PROGRAMMA DELLE DUE GIORNATE SU: https://www.facebook.com/events/493596284796632/ Informazioni: Nives Fontanella, Associazione Cittadini per la Memoria del Vajont, cell. 3285966856 Per parteciparvi Luciano Spadoni di S.Ambrogio tel 327 475 0949 studio.spadoni@gmail.com SABATO 5 OTTOBRE A VENTIMIGLIA “PARATA SENZA FRONTIERE #2” da Via Tenda 8c dalle 14.30 “Costruiamo questa parata muovendoci tra arte, giocoleria, musica e fantasia, per coinvolgere tutte e tutti ad essere parte di un’alternativa, dove umanità e la libertà di muoversi e di restare diventano le fondamenta su cui costruire città migliori senza discriminazioni di provenienza, genere o reddito….” https://www.facebook.com/events/408937466398068/ DOMENICA 6 OTTOBRE PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO “DIFENDIAMO LA RIVOLUZIONE DEL ROJAVA” sul International Freedom Battalion (IFB) che combatte in sostegno della rivoluzione del Rojava nel Nord della Siria ORE 17.30 all’Associazione Comala corso Ferrucci 65/a, Torino A seguito della proiezione, APERICENA E DJ SET SKA. L'iniziativa rientra nella campagna di raccolta fondi per l'acquisto di bende emostatiche "CELOX" e maschere antigas per la guerriglia Kurda che combatte sulle montagne. Organizzato da Proletari Torinesi Per Il Soccorso Rosso Internazionale Pt-Sri https://www.facebook.com/events/368814314040274/?notif_t=plan_user_invited&notif_id=1568386168 147250 ALTRE INIZIATIVE SU : https://www.facebook.com/pg/radioblackout105250/events/ http://www.fabionews.info/torinovive.php EVENTI CSA GABRIO : https://gabrio.noblogs.org/; https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito https://www.facebook.com/ManituanaTorino/ CAVALLERIZZA REALE OCCUPATA: http://cavallerizzareale.wordpress.com/ https://www.facebook.com/pages/Assemblea-Cavallerizza-1445/696775003675449 https://www.facebook.com/Piattaforma-Arte-Spettacolo-Conoscenza-274558966211981/?fref=ts PER AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NOTAV: www.notav.info - www.notavtorino.org -http://www.autistici.org/spintadalbass/?cat=2- www.notav.eu - www.notav- valsangone.eu- http://www.presidioeuropa.net/blog/?lan=2 - https://www.notavterzovalico.info/- http://noterzovalico.wordpress.com/- www.ambientevalsusa.it - http://www.tgmaddalena.it/- https://www.facebook.com/notavtorino.org/- https://www.facebook.com/controsservatoriovalsusa/ AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA : (VEDI anche su : TG Vallesusa : http://www.tgvallesusa.it/?page_id=135 Facebook Festival Alta Felicità : https://www.facebook.com/festivalaltafelicita/ Attualità, Diario Tav, Libri, Dischi, X Files : www.mavericknews.wordpress.com Centro di documentazione Invicta Palestina : https://invictapalestina.wordpress.com/ RETE Ambientalista - Movimenti di Lotta per la Salute, l'Ambiente e la Pace. http://rete-ambientalista.blogspot.it) RESISTENZA AGLI ESPROPRI IN CLAREA CONTRO L’ALLARGAMENTO DEL CANTIERE TORINO-LIONE Stanno arrivando in questi giorni da TELT raccomandate relative agli espropri dei terreni di Chiomonte e Susa acquistati da 1.175 NOTAV nel 2012 per “COMPRA UN POSTO IN PRIMA FILA 4” (http://www.notav.info/top/compra-un-posto-in-prima-fila-vol-4-ecco-i-moduli-per-aderire/) CHI RICEVE LA RACCOMANDATA È INVITATO A SEGNALARLO ALL'INDIRIZZO espropri@notavtorino.org: riceverà molto presto indicazioni su come rispondere a TELT Nel messaggio indicare come Oggetto: Raccomandata TELT Nel testo del messaggio indicare soltanto: - data di arrivo della raccomandata - nome, cognome, comune di residenza NON LASCIAMOGLIELA PASSARE LISCIA. RESISTERE, RESISTERE E ANCORA RESISTERE, PER POTER ESISTERE. http://www.notavtorino.org/ PER MEMORIA: 28 ottobre 12 a Susa, presidio Stazione Internazionale, i NOTAV stanno sottoscrivendo l'atto per diventare proprietari dei terreni che dovranno essere espropriati Interminabile fila sotto la prima neve autunnale Video "Compra un posto in prima fila 4" http://www.notav.info/top/interviste-ai-notav-in-prima-fila/ http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=AmaoupgvOJE http://www.youtube.com/watch?v=8FuLlZqed98&sns=em VENERDÌ 20 SETTEMBRE A SUSA PRESIDIO: “LUCA LIBERO” Il consueto apericena No Tav ai cancelli della centrale elettrica di Chiomonte è stato spostato di fronte alla Caserma dei Carabinieri di Susa i quali hanno una precisa responsabilità rispetto al dispositivo di detenzione applicato a Luca e in generale alla militarizzazione del territorio QUALCHE FOTO: https://photos.app.goo.gl/FCg8ENZn28s59ce9A 20 sett 19 lettera aperta di Luca Abbà : “SEMILIBERO DA OGGI, QUANTO È GIUSTA LA GIUSTIZIA? Care tutte e tutti, vi avviso che stamattina, dopo 6 giorni di carcerazione gratuita, sono potuto uscire dal carcere e sono rientrato a casa per lavorare. Dovrò rientrare ogni sera alle 23 per uscire il mattino dopo alle 6…. Vengo punito per ciò che penso e sono piuttosto che per quello che ho fatto, e , la presunta pericolosità che mi si attribuisce, rende bene l'idea della paura e del fastidio generato dalla lotta NO TAV nel sistema di potere vigente. L'accanimento nel colpire gli oppositori e la perseveranza nel portare avanti l'opera fanno capire quanto il bottino, rappresentato da questo progetto, sia ricco, e cosa sono disponibili a fare per non lasciarsi scappare l'occasione per l'ennesima speculazione. Non mi/ci rimane altro da fare che attrezzarsi per resistere e ribellarsi, per immaginare e praticare la possibilità di un mondo libero e una vita in armonia con le leggi della natura di questa Madre Terra. Sono certo che presto mi rivedrete di nuovo per le strade e i sentieri, con il sorriso e l'entusiasmo che da sempre mi accompagnano”. http://www.notav.info/post/semilibero-da-oggi-quanto-e-giusta-la-giustizia/ 20 sett 19 Wumingfoundation : “LUCA ABBÀ, O DELLA SEMILIBERTÀ. LA CRIMINALIZZAZIONE DEI #NOTAV E LE NUOVE LOTTE AMBIENTALI di Xenia Chiaramonte (In questo «Friday for Future», vogliamo ricordare che in Italia c’è una lotta ambientale, quella No Tav, che ha pagato – e sta pagando – la propria coerenza e radicalità con quasi duemila indagati, valanghe di arresti e misure restrittive (ad esempio i fogli di via) e centinaia di anni di carcere irrogati in decine e decine di processi….. Xenia Chiaramonte si occupa di diritto e criminologia e studia da anni l’impatto tra movimenti sociali e macchina giudiziaria. Al caso No Tav ha appena dedicato un libro importante, “GOVERNARE IL CONFLITTO” (Meltemi, 2019). La sua tesi, corroborata da un’enorme mole di materiale documentario, è che con la repressione della lotta in Valsusa si sia imposto un nuovo modello di criminalizzazione tramite il diritto penale. Un modello che lei chiama «neopositivistico», perché risuona con teorie d’antan come quelle, famigerate ma mai davvero cadute in disuso, di Cesare Lombroso. Con questo meccanismo potrebbero presto dover fare i conti i nuovi movimenti che agiscono dentro la crisi climatica. Anche per questo è importante capire come funziona. Abbiamo dunque chiesto a Xenia di commentare per Giap quel che sta accadendo a Luca. Buona lettura. Wu Ming) È chiamata «misura alternativa al carcere», la semilibertà, ma l’aggettivo è quanto meno Torino, 4 settembre 2019: quattro giudici scansionano la forma di vita di Luca Abbà, militante No Tav, per “motivare” il regime di semilibertà cui lo sottopongono e negargli l’affidamento in prova ai servizi sociali. In altre parole, garantirgli il carcere ed escludere che meriti di vivere – così scrivono – «lontano da ogni possibilità di controllo», improprio, visto che il soggetto è comunque internato: «I condannati e gli internati ammessi al regime di semilibertà sono assegnati in appositi istituti […] e indossano abiti civili» – leggiamo nell’ordinamento penitenziario (Art.48 comma 3). Con la condanna a solo un anno per resistenza a pubblico ufficiale, episodio risalente a dieci anni fa ,e l’assenza di precedenti penali o di processi pendenti, chiedere l’affidamento in prova – come ha fatto l’avvocato difensore Claudio Novaro –, è prassi. Per ottenerlo serve un comportamento del soggetto che lasci supporre l’utilità della misura al reinserimento sociale e l’esclusione del pericolo di recidiva; per questa valutazione va osservata la sua personalità e la condotta dopo la commissione del reato. Spesso per le decisioni favorevoli è determinante che il soggetto abbia anche un lavoro di cui vivere. Luca Abbà risponde a tutti questi requisiti. Ma non è abbastanza, perché l’intento è quello di spulciarne la vita affettiva, controllarne i movimenti, minarne la militanza….” https://www.wumingfoundation.com/giap/2019/09/luca-abba-o-della-semiliberta/#more-39237 VENERDÌ 20 SETTEMBRE È INIZIATA IN TUTTO IL MONDO LA “CLIMATE ACTION WEEK”, che terminerà venerdì 27 settembre con uno sciopero generale per il clima ”PROTESTE SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN 139 PAESI Centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo scendono in strada per chiedere misure urgenti per affrontare il cambiamento climatico. …” VIDEO :https://youtu.be/BXKUsTo_f1s 20 sett 19 Askanews: “I RAGAZZI AUSTRALIANI PROTESTANO PER IL VENERDÌ DEL CLIMA …In Australia e nelle Isole del Pacifico hanno iniziato a manifestare per lo sciopero del venerdi,…” VIDEO:https://corrieredisiena.corr.it/video/tv-news/1138539/i-ragazzi-australiani-protestano-per-il- venerdi-del-clima.html 20 sett 19 Torino Today : “FRIDAYS FOR FUTURE SUBSONICA IN PIAZZA CON I RAGAZZI I Subsonica in piazza con i ragazzi di Fridays For Future: "Chiediamo scusa per la nostra generazione" La manifestazione inaugura la Climate Action Week… I ragazzi sono partiti alle 15 circa da piazza San Carlo inscenando un corteo funebre e sono arrivati in piazza Castello dove su un grande palco si sono alternati in una serie di interventi….” VIDEO https://www.torinotoday.it/video/max-casacci-fridays-for-future.html 18 sett 19 Askanews : “ECCO IL "BUMP" TRA GRETA E OBAMA, 'SIAMO UNA SQUADRA' …."Bello rivederti" le ha detto Obama. "Grazie per essermi venuta a trovare", ha aggiunto chiedendole come sta andando a Washington, dove l'ambientalista svedese ha partecipato tra l'altro a una protesta davanti alla Casa Bianca, dove il successore di Obama, Donald Trump ha posizioni decisamente lontane. Ma la rete di big, pronti a sostenere la causa di Greta, si sta comunque allargando, dalla politica allo spettacolo. Compresa un'icona della musica come Mick Jagger che da Venezia ha espresso tutto il suo supporto a Greta e al Movimento Friday for Future. Con tutta la grinta di un vero Rolling Stones”. VIDEO :https://stream24.ilsole24ore.com/video/mondo/ecco-bump-greta-e-obama-siamo-squadra- /ACfUeAl SABATO 21 SETTEMBRE SI È SVOLTO IL PRESIDIO SOTTO LE MURA DELLE VALLETTE PER L’ARRESTO DI TRE PERSONE che il 9 di febbraio, due giorni dopo lo sgombero dell'Asilo, manifestato per le strade di Torino. https://www.facebook.com/events/511217059655484/ DOMENICA 22 SETTEMBRE SONO PROSEGUITI AI MULINI DI BORGATA CLAREA (GIAGLIONE), I LAVORI DI RIPRISTINO DELL’AREA e l'acqua torna a scorrere nelle antiche tracce che tornano a vivere QUALCHE FOTO: https://photos.app.goo.gl/hbry8H9LKtQUjoLTA DOMENICA 22 SETTEMBRE SERATA A GIAGLIONE, “IL CANTIERE TAV SI ALLARGA A GIAGLIONE” : si è parlato di espropri con la partecipazione del naturalista Luca Giunti e con l’avvocato Massimo Bongiovanni VIDEO INTERVENTI: Luca Giunti: https://youtu.be/B0hdtTimdF8 Avv Bongiovanni e dibattito: https://youtu.be/jaFqRkcMU4Q LUNEDÌ 23 SETTEMBRE TELT FESTEGGIA IL COMPLETAMENTO DEL TUNNEL GEOGNOSTICO DI LA PRAZ , continuando a presentarlo come primo tratto di 9 km del tunnel di base Dall’invito: “Partita da Saint-Martin-la-Porte nell’estate 2016, la fresa « Federica » completa i primi 9 chilometri della galleria sud del tunnel di base di 57,5 km. Lo scavo arriva alla discenderia di La Praz, dove la fresa verrà smontata nella grande camera. Sono previste altre 7 frese per la continuazione dello scavo del tunnel”. TG R del 23-SET-2019 ore 1930 https://youtu.be/xElkgDQKD7U Comunicato del Coordinamento NOTAV francesi su completamento della galleria Saint Martin de la Porte: "FINE PRIMA PARTE DELLA GALLERIA DI SERVIZIO: 9.000 METRI DI GALLERIA, 1,5 MILIARDI DI EURO DI BUCO Lunedì 23 settembre la società TELT ha annunciato la fine dello scavo di una galleria di 9 km del tunnel transfrontaliero cominciato 3 anni fa e presentato come “studio preparatorio” del progetto della nuova linea ferroviaria Lione-Torino per ottenere maggiori finanziamenti dall’UE. Il progetto è già costato un miliardo e mezzo per degli studi preparatori che erano stati preventivati a 371 milioni!!! Tutto questo, nonostante da 20 anni le grandi amministrazioni hanno unanimemente cassato il progetto di una seconda linea tra Torino e Lione constatando che la ferrovia esistente permette di rispondere a tutti i bisogni…. Il Lyon-Turin è un FIASCO ANNUNCIATO: – Un costo 10 volte più caro di quanto preventivato – 20 anni di decisioni politiche contrarie a ogni raccomandazione che veniva dalle amministrazioni – Un ritardo di diverse decine d’anni con la messa in servizio che era prevista nel 2012 – Un finanziamento sconosciuto a oggi – Delle previsioni completamente falsate sull’andamento del traffico merci…. Mentre i giovani prendono parola sul clima, e la siccità a effetti visibili sulle nostre montagne e i nostri fiumi, il Lyon-Turin è all’opposto della politica urgente che bisogna portare avanti e che bisogna urgentemente finanziare. Oltre al disastro finanziario questo progetto è un disastro ambientale e niente giustifica l’estasi davanti alla “performance” come se fossimo nel XIX secolo”. http://www.notav.info/post/fine-prima-parte-della-galleria-di-servizio-la-reazione-dei-francesi-9-000- metri-di-galleria-15-miliardi-di-euro-di-buco/ 24 Sett 19 NOTAV Info : “COME OSATE (SCAVARE QUEL TUNNEL)? Nell’equinozio di autunno cade l’ultimo diaframma. Tra cruda realtà e illusione criminale. Al Palazzo di vetro delle Nazioni Unite, a nome di un’intera generazione, Greta Thunberg urla “Come osate?” (“how dare you?”) ai capi del mondo. “Siamo all’inizio di un’estinzione di massa. E tutto ciò di cui parlate sono soldi e favole di eterna crescita economica?”. Parole di fuoco che riecheggiano ormai ovunque. Persino nelle viscere della terra. Proprio in una caverna sotto le Alpi dove, poche ore prima, un gruppo di ottusi pensionati si era ritrovato a celebrare lo stentato avanzare dell’opera più inutile d’Europa: il tunnel del TAV Torino Lione. Un tempismo perfetto, quello degli umarell d’alto bordo, che offre la plastica rappresentazione della pervicace e anacronistica assurdità dei loro lugubri festeggiamenti. Un’opera che determinerebbe colossali emissioni di CO2 per la sua realizzazione, mai più recuperate nel suo incerto utilizzo….. “Il mondo si sta svegliando e il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no.” dice Greta. Il Movimento NoTav è sveglio da oltre trent’anni, per difendere il futuro di tutti. E voi, idolatri dell’estinzione, restatevene nelle vostre caverne, su questo pianeta non c’è più spazio per voi. Come osate scavare quel tunnel?” http://www.notav.info/post/come-osate-scavare-quel-tunnel/ VIDEO FQ : “TORINO-LIONE, LE PREVISIONI DEI NO TAV: “FASE NUOVA, MA DA 30 ANNI DICONO CHE PARTIRANNO I CANTIERI. PRIMA DEVONO FARE OPERE COMPLESSE” https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/07/27/torino-lione-le-previsioni-dei-no-tav-fase-nuova-ma-da-30- anni-dicono-che-partiranno-i-cantieri-prima-devono-fare-opere-complesse/5350272/ LUNEDÌ 23 SETTEMBRE ALLA SEDE DELLE NAZIONI UNITE, A NEW YORK, SI È TENUTO UN VERTICE SUL CLIMA in cui capi di Stato e di governo hanno discusso dell’emergenza climatica in vista della Conferenza delle Nazioni Unite che si terrà a dicembre in Cile. Accordo tra 59 Paesi che hanno promesso di aumentare i contributi nazionali per tagliare le emissioni di CO2 del 45% entro il 2030. (altri giornali riportano 66, altri 77 Paesi) Al vertice ha partecipato anche l’attivista svedese Greta Thunberg, Nel suo intervento all’Assemblea generale della Nazioni Uniti, Thunberg si è rivolta direttamente ai leader mondiali, accusandoli di non fare abbastanza per affrontare il problema del riscaldamento globale. “….Siamo all’inizio di un’estinzione di massa. E tutto ciò di cui parlate sono i soldi? COME OSATE?" “La speranza viene da noi giovani, COME OSATE? Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote, eppure sono tra i più fortunati. Le persone stanno soffrendo, le persone stanno morendo, interi ecosistemi stanno crollando…..”. 23 sett 19 VIDEO del discorso integrale di 4.18 mini in inglese: “UNITED NATIONS GENERAL ASSEMBLY SPEECH” "How dare you?" si trova al 0.46 min https://www.youtube.com/watch?v=v33ro5lGHQg 23 sett 19 Repubblica Il VIDEO ridotto a 2.31 min tradotto in italiano: “GRETA THUNBERG ALL'ONU, LACRIME DI RABBIA CONTRO I LEADER MONDIALI: "MI AVETE RUBATO I SOGNI E L'INFANZIA" https://video.repubblica.it/dossier/proteste-clima/greta-thunberg-all-onu-lacrime-di-rabbia-contro-i- leader-mondiali-mi-avete-rubato-i-sogni-e-l-infanzia/344269/344852 24 sett 19 Repubblica VIDEO : “VERTICE CLIMA ALL'ONU, TRUMP SI PRESENTA A SORPRESA SOTTO LO SGUARDO FURIOSO DI GRETA A sorpresa è arrivato anche il presidente Usa Donald Trump al vertice sul clima che si è tenuto al Palazzo di Vetro di New York….” https://video.repubblica.it/dossier/proteste-clima/vertice-clima-all-onu-trump-si-presenta-a-sorpresa- sotto-lo-sguardo-furioso-di-greta/344271/344854 19 Sett 19 Comunicato del Coordinamento No Triv della Basilicata: “I SOGGETTI COMPLEMENTARI DELLA DANZA DEI PETROLIERI La prima pagina de “La Gazzetta di Basilicata”, nelle pagine della Gazzetta del Mezzogiorno del 18 Settembre, riportava in paratattica armonia due articoli afferenti in modo complementare alla materia petrolifera. Il primo riportava l’allarme dei sindaci delle tre principali amministrazioni comunali ricadenti nell’area della concessione estrattiva “Tempa Rossa” (Corleto Perticara, Gorgoglione, Guardia Perticara), rafforzato da una urlata diffida (“Aprite Tempa Rossa qui serve lavoro”). Il secondo articolo, a firma del segretario regionale Cgil Angelo Summa, bacchettava la Total in quanto ritiene che “la chiusura su nuovi fondi è inaccettabile”. Il tono prosaico dei sindaci, “pronti a scendere in piazza per accelerare sull’apertura del centro oli Tempa Rossa”, promana quale grido di dolore dei 250 cittadini e relative famiglie senza reddito precedentemente impegnate nella costruzione del centro oli. Siamo quindi all’allarme prefettizio da ordine pubblico (“Non li teniamo, non li teniamo. Sono senza lavoro ed hanno finito la disoccupazione. Bisogna accelerare altrimenti …” ). Nonostante il loro aplomb istituzionale e la loro comprovata moderazione, i tre sindaci si sentono quindi trascinati per la giacchetta da un sotterraneo tumulto crescente e comunicano al presidente regionale, il generale Bardi, ed all’assessore alle Attività Produttive Cupparo, che “se continua così saremo costretti alla protesta”….. Intanto Cgil/Cisl/Uil fanno il controcanto a Tempa Rossa spingendo davanti ai cancelli del Cova di Viggiano sulla tenuta dello sciopero dei 200 lavoratori delle aziende appaltatrici dell’indotto Eni raggruppate in una Rti (raggruppamento temporaneo di imprese) Polidisciplinare per reclamare rinnovi ed aumenti contrattuali, miglioramenti delle condizioni lavorative, sperando di sbloccare una umiliante situazione di stallo che perdura da ben dieci anni….. Quale credibilità può avere un piano di “transizione” subordinato alla speranza di tenuta del costo del barile auspicando una media di 250 milioni di Euro di gettito da royalties per almeno 10/20 anni, facendo quindi il tifo per le proroghe e doppie proroghe automatiche previste dalla recente Legge 12/2019 sul cosiddetto PiTESAI?.... Per di più, quasi sull’orlo della schizofrenia, alla vigilia del terzo “Global Climate Strike”, dove le bandiere di quelle organizzazioni sindacali pretenderanno di sventolare per un futuro senza fossile!” https://www.facebook.com/CoordinamentoNazNoTriv/posts/2398764023720501?__tn__=K-R 24 sett 19 Comunicato stampa Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua: “EX MONTECATINI, RIFIUTI FIN SUL FIUME ORTA. Domani riunione in regione Domani ennesima riunione in regione sul nuovo perimetro del SIN, oltre due anni dopo le prime segnalazioni. Ministero dell'Ambiente con procedure al rallentatore, per ora solo proclami. I rifiuti pericolosi (ceneri di pirite) riconducibili alle lavorazioni svolte nell'ex Montecatini di Piano d'Orta sono stati rintracciati fin sulle sponde del Fiume Orta a Bolognano. La desolante conferma arriva dalle analisi dell'ARTA, che con la polizia provinciale ha esteso le indagini nelle aree esterne al Sito di Interesse Nazionale (S.I.N.) dopo le segnalazioni di maggio 2017 della Stazione Ornitologica Abruzzese in cui si documentata l'esistenza di cumuli di rifiuti letteralmente tra le case. Come siano arrivati lì questi rifiuti dovrà accertarlo la polizia provinciale. Da allora è stato aperto un procedimento per ampliare il SIN ma due anni non sono bastati al Ministero per emanare il relativo Decreto, tra ritardi incomprensibili che stonano con i proclami sempre più frequenti circa la volontà di affrontare i gravissimi problemi delle aree più inquinate d'Italia. Il ministero dell'ambiente è il soggetto capofila per le procedure dei SIN ma procede al rallentatore (in realtà per molte questioni è letteralmente fermo). Siamo arrivati al punto che domani alle ore 10:30 è convocata una nuova riunione a Pescara presso la Regione Abruzzo, servizio rifiuti, in cui si dovrà valutare l'eventuale "modifica della proposta di modifica" del perimetro del SIN…..” https://www.facebook.com/pages/category/Community/Forum-Abruzzese-dei-Movimenti-per-lAcqua- 1486626571591073/ “NEMICI DELLO STATO?: STIAMO CON I DIFENSORI DEL TERRENO E IL NOSTRO AMBIENTE!” VIDEO: https://www.youtube.com/watch?time_continue=10&v=QJbIyn-7DNw Luglio 19 Report Nemici dello Stato : “COME I GOVERNI E LE IMPRESE METTONO A TACERE LA TERRA E DIFENSORI DELL'AMBIENTE file:///D:/EVIDENZA/3- 15%20dic%2018%20Cop%2024%20a%20Katowice%20e%20seguenti%20su%20clima/Enemies_of_the _State.pdf “…..Più di tre persone sono state assassinate ogni settimana nel 2018, molte di più criminalizzate, per aver difeso la loro terra e il nostro ambiente…..” https://www.globalwitness.org/it/campaigns/environmental-activists/enemies-state/ E’ USCITO IL LIBRO “IL FASCISMO COME MOVIMENTO DI MASSA, LA SUA ASCESA E LA SUA DECOMPOSIZIONE (1934), di Arthur Rosenberg, inedito in italiano, pubblicato grazie alla traduzione dal tedesco dei compagni del Circolo Internazionalista di Roma, pubblicato nei Quaderni di Pagine Marxiste Introduzione di Graziano Giusti (anche autore di “ANATOMIA DEL POPULISMO FASCISTA” riportato in Appendice): “FASCISMO E POPULISMO” http://www.paginemarxiste.it/modules.php?name=Archivio&pa=showpage&pid=480 176 pagine, 10 euro comprese le spese di spedizione, richiedendolo a questa mail: abbonamenti@paginemarxiste.it ARCHIVI FOTOGRAFICI LUCA PERINO “E' SOLO UN PROBLEMA DI ORDINE PUBBLICO…” http://lucaxino.altervista.org/ UN CROWDFUNDING PER SALVARE LA LIBRERIA COMUNARDI https://www.gofundme.com/savecomunardi 25 giugno 19 Torino oggi : “TORINO, LA CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI È STATA APPENA LANCIATA ED HA UN OBIETTIVO DI 200MILA EURO. Una cifra che permetterebbe di scongiurare la chiusura dell’ultimo baluardo delle librerie indipendenti torinesi… “Il nuovo locale richiede una profonda ristrutturazione che, ad oggi, non siamo in grado di sostenere con le nostre sole forze – spiega il proprietario della libreria Paolo Barsi su GoFundMe – Per questo abbiamo lanciato un crowdfunding volto a raccogliere fondi per ristrutturare gli spazi che accoglieranno la Nuova Libreria Comunardi”…. “La società proprietaria dei muri, la Crab Holding S.p.a., ha recentemente venduto gli spazi a Ellemme, una fondazione “amica” che avrebbe dovuto rilevare i locali affinché la storica Libreria Comunardi sopravvivesse alla gentrificazione – spiega Barsi – Dopo cinque estenuanti mesi di trattativa, Ellemme si è ritirata dall’accordo, affittando gli spazi all’ennesimo supermercato, il quale ha proposto un canone di affitto superiore del 75% rispetto a quello attualmente versato dalla Libreria. Lo sfratto è oramai inevitabile”….” http://www.torinoggi.it/2019/06/25/leggi-notizia/argomenti/attualita-8/articolo/torino-un-crowdfunding- per-salvare-la-libreria-comunardi.html 19 agosto 19 Repubblica : “TORINO, LA LIBRERIA COMUNARDI CHIUDE, ANZI NO: "RIAPRIREMO NEL LOCALE A FIANCO" Lo storico negozio di via Bogino rischiava di sparire dopo 43 anni perché sfrattato da un supermercato, ma il titolare Barsi ha trovato una soluzione: "Non molliamo, al via una raccolta fondi per il trasloco" di Sara Strippoli ….. Dice semplicemente che il 30 settembre non se ne andrà. "Noi chiudiamo soltanto sei giorni. Quest'anno, eccezionalmente, ho chiuso a Ferragosto perché Torino è piena di turisti ma in libreria non vengono molto". Barsi non vuole buchi temporali. Le intenzioni sono chiudere al numero civico 2 solo quando sarà pronto il trasloco nel negozio a fianco, 480 metri, parte interrati. Uno spazio vuoto da tempo con un gran bisogno di essere messo a norma. La trattativa è in corso. Si parla di 700mila euro, ma il titolare non nega e non conferma: "Stiamo dialogando". Quello che è certo è che servono ulteriori 200mila euro per la ristrutturazione. Così è partito un crowdfunding, per ora sono arrivati 26mila euro. La meta è molto lontana, ma in via Bogino non c'è aria di resa….” https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/08/19/news/torino_la_libreria_comunardi_chiude_anzi_no_riapr iremo_nel_locale_a_fianco_-233903434/ E’ STATO RIELABORATO IN ITALIANO IL SAGGIO DI ARTHUR KOESTLER DEL 1976: “LA TREDICESIMA TRIBU’. I CAZARI E L’ORIGINE DEGLI EBREI DELL’EUROPA ORIENTALE A nord del Caucaso nel settimo secolo d.C. si formò un impero la cui popolazione, di origine turca, aderì in massa all’ebraismo. Queste genti, che non avevano niente a che fare con la Palestina, in seguito migrarono verso l’Europa, ed è da esse che deriva la gran parte della comunità ebraica mondiale”. Link file pdf 69 pagine: http://antisionismo.altervista.org/la-tredicesima-tribu-i-cazari-e-lorigine-degli-ebrei-delleuropa-orientale/ ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI IN ALLEGATO (VEDI anche su : http://davi-luciano.myblog.it/) 20 sett 19 Repubblica : “CLIMA, DOPO L'AUSTRALIA E L'EUROPA SCENDONO IN CAMPO GLI STATI UNITI PER LA GIORNATA DELLO SCIOPERO GLOBALE Il Pacifico e il sud-est asiatico hanno dato inizio alla storica giornata. Poi la risposta di Berlino e Parigi. Da Londra Jeremy Corbyn arringa: "Cambiare le politiche dei governi per preservare il futuro". Poi in piazza gli Stati Uniti: Greta guida i giovani a New York Milioni di studenti in marcia in tutto il pianeta per lo sciopero mondiale per il clima. Greta ha guidato a New Yorl il raduno più atteso della giornata. Oltre 15mila persone hanno partecipato a Bruxelles, 100 mila persone a Westminster, Londra, nel più grande raduno britannico della giornata. "Cambiare le politiche dei governi per preservare il futuro", ha arringato la folla il leader laburista Jeremy Corbyn. In Germania sono scese in piazza complessivamente almeno 1,4 milioni di persone, secondo gli organizzatori, con grandi eventi a Berlino, dove era presente anche la capitana della Sea Watch Carola Rackete, Francoforte e Amburgo. Manifestazioni anche a Parigi, nella piazza centrale di Praga, e a Varsavia. A Helsinki un dimostrante vestito da Babbo Natale portava un cartello con la scritta 'my house is on fire', cioè 'la mia casa è in fiamme'. Le manifestazioni hanno contagiato anche l'Africa, con eventi in Kenya, Uganda e Sudafrica. La giornata per il clima inizia a est….” https://www.repubblica.it/esteri/2019/09/20/news/clima_iniziato_lo_sciopero_globale_a_migliaia_in_pia zza-236471239/ 20 sett 19 FQ : “SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA DALL’AUSTRALIA AGLI USA: AL VIA LA SETTIMANA DI EVENTI DEI FRIDAYS FOR FUTURE IN VISTA DEL SUMMIT ONU Oltre 150 Paesi hanno preso parte all'iniziativa che apre la "WeekForFuture". In Italia, dove lo 'sciopero globale' sarà il 27, il sit-in degli attivisti è stato a Piazza Montecitorio. Il clou è a New York, dove Greta Thunberg guiderà la manifestazione Una settimana di manifestazioni, centinaia di migliaia di studenti in piazza e 5mila eventi in tutto il mondo in attesa di un appuntamento: quello del summit Onu sul clima, in programma da lunedì a New York. Oggi è il giorno che inaugura gli appuntamenti organizzati da Fridays for Future, il movimento per l’ambiente nato intorno all’attivista svedese Greta Thunberg, che iniziò per prima con i suoi sit-it ogni venerdì davanti al parlamento di Stoccolma. La loro campagna intende mobilitare i giovani del mondo intero per convincere politici e imprenditori ad adottare misure drastiche per bloccare l’aumento delle temperature provocato dalle attività umane. In Italia, dove però lo sciopero è previsto il 27, giornata finale della settimana per il clima, gli attivisti del movimento Fridays for Future Roma si sono dati appuntamento a Piazza Montecitorio, dove hanno scandito alcuni slogan. ‘Ma quale mercato, ma quale profitto, distruggere l’ambiente non ne hai il diritto’ e ancora ‘Undici anni questo ci rimane se non agiamo adesso il Pianeta poi scompare. Tre le loro rivendicazioni: abbandono delle fonti di energia fossili e riduzione a zero delle emissioni di gas serra, giustizia climatica per i popoli di tutto il mondo e fiducia nella scienza….” https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/09/20/sciopero-globale-per-il-clima-in-150-paesi-al-via-la- settimana-di-eventi-in-vista-del-summit-onu/5465406/ 24 Sett 19 Stampa : “LA RABBIA DI GRETA ALL’ONU: “MI AVETE RUBATO L’INFANZIA CON LE VOSTRE PAROLE VUOTE” Schiaffo dell’attivista svedese ai capi di Stato al vertice sul clima. Accordo tra 59 Paesi dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2030 L’intervento di ieri di Greta Thunberg alle Nazione Unite. La giovane attivista svedese ha espresso la sua rabbia contro i governi del mondo che non fanno abbastanza per il Pianeta Paolo Mastrolilli New York - «Voi avete rubato i miei sogni e la mia infanzia, con le vostre parole vuote. La gente soffre. La gente muore. Interi ecosistemi stanno collassando. Siamo all’inizio di una estinzione di massa, e tutto ciò di cui potete discutere sono i soldi, e le favole di una eterna crescita economica. Come vi azzardate!». Più di così, Greta Thunberg avrebbe potuto solo prendere a schiaffi i capi di governo che la stavano ascoltando, durante il suo discorso all’apertura del Climate Action Summit nell’Assemblea Generale dell’Onu, che ha concluso così: «Noi ragazzi vi guardiamo. Se ci deluderete ancora, non vi perdoneremo mai». Eppure, anche se non è abbastanza, qualche impegno concreto per moltiplicare gli sforzi finalizzati a contenere i cambiamenti climatici è venuto, tipo l’alleanza di 59 paesi che hanno promesso di aumentare i contributi nazionali per tagliare le emissioni di CO2 del 45% entro il 2030. La denuncia di Greta, quasi in lacrime, ha commosso l’Assemblea. Ma alla fine lo stesso presidente americano Trump non ha resistito al richiamo di sentire cosa accadeva, oppure di sfidare i suoi critici, presentandosi a sorpresa in aula durante i discorsi del leader indiano Modi e quello tedesco Merkel….” https://www.lastampa.it/tuttogreen/2019/09/24/news/la-rabbia-di-greta-all-onu-mi-avete-rubato-l- infanzia-con-le-vostre-parole-vuote-1.37501612 23 sett 19 HuffPost : “ALL'ONU 66 PAESI PROMETTONO "EMISSIONI ZERO" ENTRO IL 2050. MOSCA RATIFICA L'ACCORDO DI PARIGI Merkel dopo l'intervento di Greta Thunberg: "Abbiamo sentito il grido dei giovani". A sorpresa arriva anche Trump Sessantasei Paesi hanno espresso l’intenzione di raggiungere un’economia a zero emissioni di diossido di carbonio, entro il 2050. Lo hanno fatto sapere le Nazioni Unite, sottolineando che si tratta di un obiettivo vitale nel contrastare il cambiamento climatico sul lungo termine. “Sessantasei governi, 10 regioni, 102 città, 93 aziende e 12 investitori si sono impegnati nel raggiungere le zero emissioni nette di Co2 entro il 2050”, si legge in un comunicato del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres. Allo stato attuale, solo una ventina di paesi hanno incluso tale impegno nelle leggi nazionali o fatto piani politici concreti per attuarlo. L’Unione europea spera di raggiungere un consenso tra i suoi membri entro il 2020…..” https://www.huffingtonpost.it/entry/russia-ratifica-laccordo-sul-clima-di- parigi_it_5d88bb66e4b0849d472cba97 24 sett 19 FQ : “GRETA METTE IN RIGA L’ONU: 66 PAESI PER EMISSIONI ZERO L’evento - La 16enne fa un discorso appassionato Trump la ignora, Merkel la saluta, Macron la esalta. E anche Conte presenta la sua agenda sostenibile di s.c. La più lesta per la foto di grido è Angela Merkel che, poco prima di pronunciare il suo intervento, si intrattiene con Greta Thunberg, la sedicenne voce della protesta globale contro il cambiamento climatico. L’oppositore chiave resta Donald Trump che, contrariamente agli annunci, decide di giungere al vertice Onu sui cambiamenti climatici che ieri ha riunito i capi di Stato e di governo del pianeta, ma resta in silenzio, ascolta per 15 minuti e poi se ne va. Chi fa il discorso più caloroso, cercando di scaldare la platea, che pure risponde con applausi, è Emmanuel Macron. Il più autorevole è Papa Francesco che chiede un “intervento per il clima dal basso”, quindi in grado di ascoltare i giovani….. In mezzo a loro decine e decine di interventi – dall’emiro del Qatar al presidente egiziano, dalla premier neozelandese al presidente del Cile – in larga parte retorici perché è chiaro che un vertice dell’Onu può prendere solo impegni…. Giuseppe Conte, in questa situazione, afferma di voler puntare a una “leadership internazionale” e nel suo intervento ha ribadito l’appoggio all’Accordo di Parigi, la “neutralità del carbonio entro il 2050” proponendo “l’eliminazione graduale dell’energia a carbone entro il 2025”. Conte ha fatto riferimento al “New Deal verde” del governo “per progettare tutti i programmi nazionali di investimento pubblico in modo coerente con l’obiettivo di raggiungere emissioni nette zero nel 2050”. Poi, una iniziativa da presentare al Summit: “Catalizzare la transizione energetica attraverso l’infrastruttura di alimentazione digitale”. Basato su un partenariato pubblico-privato, “mira a digitalizzare le infrastrutture energetiche e promuovere le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo” .https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/09/24/greta-mette-in-riga-lonu-66-paesi-per- emissioni-zero/5472742/ 19 sett 19 FQ : “CAMBIAMENTI CLIMATICI, MATTARELLA FIRMA CON ALTRI 31 CAPI DI STATO LETTERA PER ONU: ‘SONO LA NOSTRA SFIDA. AGIAMO INSIEME E RAPIDAMENTE’ La dichiarazione di intenti è stata rivolta direttamente alle Nazioni Unite in occasione del Climate Action Summit del

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body