Chiediamo un incontro al Presidente della Repubblica italiana

Mar 7, 2019 | | Category: Other |   | Views: 8 | Likes: 1

Chiediamo un incontro al Presidente della Repubblica italiana E' la storia di una segnalazione inviata da noi e non dal territorio di competenza, supportata da dati testimoniali, come se l'onere della prova gravasse sul segnalante. Ma arriva il disconoscimento da parte dell'Inail che alla richiesta di accesso agli atti sostiene l'impossibilit di "ostensione" del parere della Contarp. Dal 1999 la nostra associazione rivendica che l'Inail venga esautorato dalla gestione dei riconoscimenti (quantomeno) delle patologie tumorali e da amianto. Istanza ignorata dai governi e osteggiata da diversi "sindacati dei lavoratori". Adesso siamo all'assurdo e questo ci induce a richiedere un intervento del Presidente della Repubblica: in un Paese dove si rifiuta alla famiglia della vittima dell'amianto la "ostensione" di un semplice parere tecnico, come se fosse un "segreto di stato". Abbiamo dovuto rendere pubblica questa vicenda che accaduta in Sicilia per tentare di non portare in tribunale la sofferenza umana a causa del disconoscimento eziologico di una malattia che tutta la comunit scientifica mondiale approverebbe (ammesso che la riserva dell'Inail riguardi la "dose" della esposizione). Trasparenza , scientificit e umanit sono valori inalienabili. Per questo chiediamo al Presidente della Repubblica un incontro, anche per svelare l'iceberg sotto la sua punta visibile. L'uso industriale dell'amianto stato uno dei pi grandi crimini di pace dell'ultimo secolo, non peggioriamo ulteriormente la situazione. Vito Totire presidente di AEA, l'Associazione esposti amianto e rischi per la salute

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body