lombardi su indagine

Jan 3, 2020 | | Category: Other |   | Views: 13 | Likes: 1

"edocr

21 dicembre 2019 CONSIDERAZIONE SUI RISULTATI DELL’INDAGINE EPIDEMIOLOGICA SUGLI ABITANTI DELLA FRASCHETTA ( di Claudio Lombardi) Finalmente conosciamo i risultati dell’indagine epidemiologica . E’ stato il principale obiettivo che mi ha indotto ad ottenere l’incarico di assessore all’Ambiente del Comune. E non è stato facile poter far realizzare l’indagine. Ho avuto a che fare con una cultura vetero- industrialista di scarsa sensibilità al problema, con immotivate paure di scontro con potentati locali, con immotivate carenze di fondi per finanziare la ricerca ad ASL e ARPA. Eppure il mio obiettivo, la domanda alla quale volevo avere risposta con le associazioni ambientaliste ex Medicina Democratica e Legambiente, era la seguente: la chiusura dei più inquinanti reparti del Polo Chimico per la produzione del Biossido di Titanio, dei Pigmenti coloranti, dei Bicromati e dell’ Acido Solforico hanno portato a tangibili miglioramenti della salute degli abitanti di Spinetta e della Fraschetta ? I risultati dell’indagine epidemiologica condotta hanno mostrato che in Fraschetta ci si ammala e si muore assai di più ( fino al 50% per alcune patologie tumorali) che nel resto della provincia di Alessandria ed in Piemonte. Questa la risposta al quesito che posi: i miglioramenti fatti nel corso degli anni ai reparti del Polo Chimico non sono sufficienti a salvaguardare la salute degli abitanti. Nell’aria, nelle acque continuano a fuoriuscire composti altamente nocivi per l’uomo e per l’ambiente. Tutto ciò non può e non deve più essere tollerato. Questo il drammatico messaggio che i risultati dell’indagine inviano alle autorità pubbliche : a cominciare dal Comune di Alessandria ad arrivare al Ministero dell’Ambiente. Ma cosa fare urgentemente? 1) il biomonitoraggio della popolazione – analisi del sangue per valutare la presenza di veleni quali i PFAS - 2) aggiornare con cadenza annuale l’indagine epidemiologica sui residenti circoscrivendola eventualmente alle aree più critiche , quelle a ridosso del polo Chimico 3) installare l’analizzatore dei gas fluorurati- i componenti più nocivi e pericolosi- nella centralina di monitoraggio degli inquinanti emessi dal Polo Chimico 4) campagne di prevenzione sui rischi dell’uso delle acque inquinate e sui rischi di incidenti rilevanti. 5) Revisione completa dell’A.IA. le cui prescrizioni si stanno dimostrando insufficienti a salvaguardare la salute dei cittadini. I risultati emersi devono infine indurre il Comune di Alessandria ad esprimere parere negativo al rilascio dell’autorizzazione richiesta dalla Solvay al nuovo e più grande impianto per la produzione di C6O4 in assenza di risultati di indagine condotta da centri di eccellenza “super partes”.che ne comprovino la non nocività.

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body