3 ott 17 ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG E QUOTIDIANI

Oct 7, 2017 | | Category: Other |   | Views: 18 | Likes: 1

3 ott 17 ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG E QUOTIDIANI (VEDI anche su : http://davi-luciano.myblog.it/) SUL VERTICE ITALIA-FRANCIA A LIONE: 27 sett 17 Sole 24 ore GENTILONI: SU TIM CHIEDIAMO RISPETTO DELLE LEGGI. TAV, DA MACRON IMPEGNO SULLA TORINO-LIONE Alessia Tripodi …..Tav, Macron: impegnati su Torino-Lione Al termine del vertice Macron ha anche rilanciato sulla Tav, spiegando che «siamo pienamente impegnati perchè il troncone transfrontaliero» sia compiuto. E Gentiloni ha spiegato che «l'importanza strategica» della linea Torino-Lione viene «rafforzata. Un gruppo di lavoro lavorerà per migliorare la competitività di questa infrastruttura a livello europeo»…… http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-09-27/gentiloni-tim-chiediamo-rispetto-leggi-tav- macron-impegno--torino-lione-194730.shtml?uuid=AEiv8qaC 27 sett 17 Huffingtonpost “EUROPA BILATERALE. A LIONE MACRON E GENTILONI STRINGONO I BULLONI DEL RAPPORTO ITALIA-FRANCIA MA SULL'UE ATTENDONO MERKEL Accordo "win win" su Stx-Fincantieri, ok a Torino-Lione, fair play (almeno oggi) su Telecom- Vivendi. Parola a Berlino sul discorso alla Sorbona …….C'è l'accordo Stx-Fincantieri, ma c'è anche il rilancio della Torino-Lione, "progetto rallentato e contestato in entrambi i paesi", riconosce Macron, che però oggi qui trova un'altra conferma. E' il risultato di un lavoro avviato già prima dell'estate dal ministro Graziano Delrio che a fine luglio ha strappato un sì alla sua omologa francese Elisabeth Borne, in un bilaterale a Roma servito a mettere da parte i ripensamenti da parte francese sulla tav. La Torino-Lione riparte da Lione, insomma, certo rivista e corretta. "Ribadiamo gli impegni sulla galleria di base ma non possiamo certo usare il progetto fatto 20 anni fa", dice Macron. Bisogna "lavorare sulle interconnessioni perché la mobilità contemporanea sia più ecologica". E allora, il bilaterale di oggi ha deciso la nascita di "un gruppo di lavoro tra i ministeri dei trasporti di Italia e Francia per fare proposte congiunte entro la fine dell'anno", spiega il presidente francese. "In modo che entro il primo trimestre del 2018 possiamo precisare, insieme alla Commissione Europea, i termini futuri della galleria di base"……” http://www.huffingtonpost.it/2017/09/27/europa-bilaterale-a-lione-macron-e-gentiloni-stringono-i- bulloni-del-rapporto-italia-francia-ma-sullue-attendono-merkel_a_23224611/ 27 sett 17 Lagenda : “VERTICE ITALIA FRANCIA A LIONE: MACRON CONFERMA A GENTILONI “SIAMO PIENAMENTE IMPEGNATI PER LA REALIZZAZIONE DEL TUNNEL DI BASE. Con la Torino-Lione Italia e Francia vincono insieme” La Francia chiede tempo sino al primo trimestre 2018 per ottimizzare la progettazione della sua tratta nazionale, ma il Presidente ribadisce: "Dobbiamo sviluppare al meglio la linea come volano economico perché è un progetto strategico per noi e per l'Europa" Marco Cicchelli http://www.lagenda.news/vertice-italia-francia-lione-macron-gentiloni-pienamente-impegnati- realizzazione-tunnel-di-base-torino-lione-delusione-notav/ 2 ott 17 FQ : “VAL DI SUSA, IL TEMPO SI È FERMATO A CHIOMONTE di Gianni Barbacetto “….Ma due incontri, la settimana scorsa, hanno rilanciato il progetto. Martedì 26 settembre, Roma: la Conferenza nazionale dei servizi, con i rappresentanti di governo, Regione, Comuni valsusini e della società italofrancese Telt che dovrà fare i lavori, ha discusso l’ultima variante del progetto. Mercoledì 27 settembre, Lione: il vertice tra il presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni e il presidente francese Macron ha confermato il progetto. “Siamo entrambi impegnati affinchè il troncone transfrontaliero della Torino-Lione sia portato a buon fine. Il tunnel di base deve essere concluso”, ha dichiarato Macron. In realtà qualche problema resta ancora aperto e sarà affrontato da un gruppo di lavoro misto italo-francese. Macron vuole passare dall’attuale finanziamento annuale a quello pluriennale e soprattutto vuole alleggerire i conti dell’opera, facendola pagare almeno per il 50% non allo Stato francese, ma ai camionisti che passano sulle strade della Francia, attraverso l’Eurovignette. Quanto costa il grande tunnel? Già spesi 1,8 miliardi per la progettazione. Per la costruzione, ne servono altri 8,3 che dovranno essere pagati al 25% dalla Francia (2 miliardi), al 35% dall’Italia (3 miliardi) e al 40% dall’Europa (3,3 miliardi). Ai francesi costa 200 milioni l’anno per dieci anni, 300 l’anno all’Italia. “Assurdo che noi italiani dobbiamo pagare di più, per un tunnel che è in gran parte in territorio francese”, protestano i NoTav. “Dei 57 chilometri della galleria, 45 sono in Francia e solo 12 in Italia”, spiega Claudio Giorno, storico esponente del movimento. “Ma noi pagheremo di fatto il 58% dei lavori: ogni chilometro ci costerà 245 milioni, mentre i francesi pagheranno solo 48 milioni a chilometro”. Gli risponde a distanza Mario Virano, direttore generale di Telt: “È una normale compensazione, poi la linea francese, dal tunnel a Lione, è tripla di quella italiana, dal tunnel a Torino”. Avanti tutta, dunque. Con una sola variante di rilievo, quella discussa dalla Conferenza dei servizi del 26 settembre: il cantiere non si fa più a Susa, per cominciare a scavare la galleria su verso la Francia, ma resterà qui a Chiomonte e scaverà giù verso Susa. Per motivi di “sicurezza”, dicono. “Ma nel senso di security, non safety”, ribatte Giorno. “Non è la sicurezza dei lavoratori che faranno gli scavi, né dei cittadini che li subiranno, bensì la difendibilità militare del cantiere, più facile quassù e quasi impossibile a Susa”….” http://www.eddyburg.it/2017/10/val-di-susa-il-tempo-si-e-fermato.html SUL G7 A VENARIA: 26 sett 17 Diariodelweb : G7 A TORINO, IL VICESINDACO MONTANARI AL DIARIO: PASSERELLA INUTILE E ANACRONISTICA, MA NON POTEVAMO DIRE NO 'Una manifestazione anti-storica': queste le parole con cui il vicesindaco di Torino, Guido Montanari, che abbiamo intervistato in esclusiva, bolla il prossimo G7 che si svolgerà a Torino nel mese di settembre Maurizio Pagliassotti …..Sindaca, giunta e consiglieri comunali – par di capire – sono «compatti» sul contrato puramente culturale, ma per rispetto verso accordi contratti dal Governo avallano in pratica il grande evento che porterà nella principesca reggia di Venaria i ministri del lavoro dei sette paesi più industrializzati. Il Movimento 5 stelle di Torino si trova ancora una volta ad avallare per senso di responsabilità decisioni che non riconosce come proficue per la comunità. Il cambiamento agognato appare come un strada in salita, stretto tra mille volontà soverchianti, che rendono accidentato un percorso che si pensava più celere….” https://www.diariodelweb.it/italia/video/?nid=20170726_434805 28 sett 17 Nuova Società: “FINE DI UNA POLEMICA SU “MISTER NO”: IL VICESINDACO MONTANARI NON PARTECIPERÀ AI CORTEI ANTI G7 di A.D. In fondo lui non l’aveva mai sostenuto. Non aveva mai detto chiaro e tondo che avrebbe sfilato con i manifestanti. “Solo cose lette sui giornali”, dicono. Però ora si può affermare che “è ufficiale”. Il vicesindaco di Torino Guido Montanari, “Mister No”, che non ha mai nascosto la sua avversione al G7, non parteciperà ai cortei indetti dai movimenti anti-summit. Montanari sarà fuori città per tre giorni e comunque non avrebbe partecipato anche se fosse stato a Torino. Per la maggioranza pentastellata quindi un problema in meno. Sarebbe stato abbastanza inopportuno vedere un vicesindaco sfilare all’interno di un corteo “ad alto rischio di scontri”. Nessuno componente della giunta sarà in piazza, ma lo stesso non si può dire dei consiglieri vicini ai movimenti. Cinque su tutti, i “duri e puri”, come qualcuno li ha ribattezzati. In fondo c’è chi sta con il Palazzo e chi sceglie altro. La loro presenza, almeno per il corteo unitario di sabato, quello che dovrebbe partire alle 14 (i lavori del G7 si concluderanno alle 12) dalla periferia torinese per raggiungere la Reggia di Venaria, è praticamente certa….” http://www.nuovasocieta.it/metropoli/fine-di-una-polemica-su-mister-no-il-vicesindaco-montanari- non-partecipera-ai-cortei-anti- g7/?utm_source=WhatsApp&utm_medium=IM&utm_campaign=share 28 sett 17 Repubblica : “CORTEO ANTI-G7 A TORINO, SUBITO TENSIONE: BLOCCATO UN SUPERMERCATO CARREFOUR, PRESA DI MIRA ANCHE LA CISL I manifestanti partiti da Torino Esposizioni si sono diretti verso il centro. Lancio di uova contro la fondazione Agnelli che ospita anche la sede di Foodora di Jacopo Ricca Subito tensioni alla street parade che apre la tre giorni di proteste per il G7 di Torino. Era partito da pochi minuti il corteo, composto da 500 persone, quando un gruppo di manifestanti ha raggiunto il supermercato Carrefour di via Madama Cristina, chiudendolo con uno striscione e dei nastri l'ingresso del supermercato aperto ventiquattr'ore su ventiquattro. Tra slogan contro la multinazionale della grande distribuzione, accusata di sfruttamento, e fumogeni i manifestanti hanno simbolicamente chiuso gli accessi del market. Alcuni funzionari della Digos, che si erano avvicinati per cercare di controllare quanto stava accadendo, sono stati allontanati tra urle e slogan contro le forze dell'ordine. Il corteo si è poi rimesso in marcia e dopo aver toccato le vie della movida di San Salvario si è diretto verso il centro città. Presa di mira in via Madama Cristina anche la sede della Cisl di Torino dove sono stati affissi striscioni contro il sindacato e accesi altri fumogeni….” http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/09/28/news/corteo_anti- g7_subito_tensione_bloccato_il_carrefour_di_via_madama_cristina_urla_contro_la_polizia- 176795402/ 29 sett 17 FQ : “TORINO, AL VIA I TRE GIORNI DI PROTESTA CONTRO IL G7: SCONTRI CON LA POLIZIA, DUE FERMATI. Nella notte lanci di uova e cassonetti rovesciati Al via le iniziative per opporsi al summit in corso alla Reggia di Venaria. Fermati due ragazzi, di cui uno minorenne, durante il corteo studentesco. E nella notte gli antagonisti tra slogan contro le forze dell'ordine e striscioni di opposizione al ministro del lavoro e al sindacato Cisl, hanno preso di mira anche un supermercato https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/29/torino-al-via-tre-giorni-di-protesta-contro-il-g7-scontri- con-la-polizia-un-fermo-nella-notte-lanci-di-uova-e-cassonetti-rovesciati/3884486/ 29 sett 17 Repubblica : “CONTRO IL G7, SI FERMA A PALAZZO NUOVO LA MANIFESTAZIONE DEL MATTINO Piccole cariche bloccano i tentativi di avvicinarsi all'hotel dei ministri, questo pomeriggio si prosegue di Federica Cravero Mariachiara Giacosa Jacopo Ricca Ore 13.30: Sono due le persone fermate dalle forze dell’ordine per le tensioni scoppiate a Torino durante il corteo nazionale degli studenti, che si uniscono alla protesta anti-G7. Entrambi i manifestanti verranno però rilasciati nel pomeriggio dopo gli accertamenti di rito. Ore 13: si conclude con l'occupazione di Palazzo Nuovo, storica sede delle facoltà umanistiche dell'Università di Torino, il primo dei cortei previsti oggi in città contro il G7 del lavoro in corso a Venaria Reale. La manifestazione ha cercato più volte di raggiungere piazza Carlina, dove c'è l'albergo in cui dormono i ministri ospiti del vertice, ma le forze dell'ordine hanno sempre bloccato l'accesso alle vie del centro. In almeno due casi manifestanti e forze dell'ordine sono arrivati a contatto con piccole cariche di alleggerimento. Sono stati anche fermati due ragazzi, di cui uno minorenne, ma già nelle prossime ore la questura dovrebbe rilasciarli. I manifestanti, più di 500 a fine corteo, hanno occupato l'università annunciando che sarà questa la base della protesta fino a domani e che stanotte sarà aperta per ospitare i manifestanti in arrivo da fuori Torino….” http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/09/29/news/g7_il_programma_dei_manifestanti_tra_cortei_ scioperi_e_azioni_a_sorpresa-176835234/ 1 ott 17 Stampa : “G7, IL SINDACO DI VENARIA: “CAPIAMO LA PROTESTA” APPENDINO: “SOSTEGNO ALLE FORZE DELL’ORDINE” Dopo gli scontri polemiche tra i 5 Stelle e accuse a Montanari per un post Gianni Giacomino Venaria Il cortocircuito non poteva non riprodursi anche sul gran finale. Cinquestelle che sfilano, Cinquestelle che stanno con i manifestanti o con le loro ragioni, Cinquestelle che solidarizzano con le forze dell’ordine. Tutto nello stesso giorno. Anzi, nello stesso momento. ….Sono le 18,30 quando Roberto Falcone, grillino e No Tav, da poco più di due anni sindaco di Venaria, decide di fare un giro per il centro città che, poco alla volta, viene «liberato» da mezzi blindati. «Per fortuna, però, tutto è filato liscio grazie alla grande professionalità dimostrata dalle forze di polizia. E poi la protesta non è comunque sfociata nella violenza». Però ci sono sette feriti tra le forze dell’ordine. E a loro arriva il messaggio della sindaca di Torino Chiara Appendino: «Esprimo sostegno alle forze dell’ordine per gli attacchi subiti e auguro pronta guarigione agli agenti feriti. Ringrazio tutti coloro che hanno coordinato e partecipato alle operazioni, garantendo la sicurezza e l’ordine pubblico». Non una parola per i manifestanti e le loro istanze. Falcone, invece, dalla piazza, punta l’indice verso la Reggia. «Ho voluto incontrare il ministro Poletti e gliel’ho detto: “O date una mano ai sindaci o sarà sempre peggio. La gente che viene a chiedere un lavoro a noi è disperata»…. Il vice sindaco, in serata, torna a parlare del G7 e delle proteste. Prendendo le distanze dalle violenze: «A Venaria i ministri di governi che attaccano i diritti dei lavoratori e precarizzano il lavoro si trovavano insieme per concordare le loro politiche distruttive. Non è forse giusto manifestare democraticamente il rifiuto di queste politiche e organizzarsi per riconquistare diritti e contratti? È questa la volontà di chi oggi ha manifestato pacificamente. Nonostante la presenza di gruppi di provocatori e di delinquenti questa volontà si è potuta esprimere». http://www.lastampa.it/2017/10/01/cronaca/g-il-sindaco-di-venaria-capiamo-la-protesta-appendino- sostegno-alle-forze-dellordine-80uqvj4qILQZfZws2Wn8dK/pagina.html 1 ott 17 Stampa : “RENZI E I MANICHINI DECAPITATI PER IL G7: “CHE VERGOGNA GLI AMMINISTRATORI DI TORINO”. M5S: “NON SIAMO VIOLENTI” Nel messaggio su Facebook il segretario del Pd tuona contro gli amministratori pubblici che prendono le distanze solo a parole. Replicano il vicesindaco sabaudo e Di Maio «Torno a casa e in tv vedo che i manifestanti contro il G7 di Torino stanno decapitando due manichini, uno col mio volto, uno col volto del ministro del lavoro. Questi signori hanno installato una ghigliottina e pensano di essere simpatici ricordando le macabre esecuzioni del passato». Parole di Matteo Renzi, segretario del Pd, che su Facebook commenta quella che definisce «una pagliacciata» ed elogia poi l’operato delle Forze dell’Ordine. «In questa vicenda ci sono agenti di polizia, carabinieri, uomini delle nostre forze dell’ordine che vengono feriti sul serio, non a parole. E ci sono squallidi amministratori comunali che non hanno avuto la forza - o la voglia - di spendere una parola per prendere le distanze da certe formazioni anarchiche o presunti tali, da centri sociali, da persone abituate a vivere di violenza quantomeno verbale». Nel messaggio comparso domenica mattina in rete Renzi prosegue: «Non mi fa effetto vedere la mia testa rotolare. Mi fa effetto vedere persone che rinunciano a pensare con la loro testa e vivono di slogan legati a un passato ideologico e fumoso. E mi fa effetto vedere amministratori comunali pagati da tutti i cittadini che anziché schierarsi con le forze dell’ordine e con le istituzioni rilanciano le immagini della rivoluzione francese e dei tempi della ghigliottina». Troppo facile, conclude Renzi, «prendere le distanze a parole e poi però sfilare con i violenti nei cortei. Ci avevano chiesto di portare il G7 a Torino e poi hanno fatto fare una figuraccia all’anima profonda e solidale di questa città, prima capitale d’Italia». La risposta del vicesindaco Il vicesindaco Guido Montanari replica al segretario del Pd: «Secondo Renzi in questo Paese non ci deve essere espressione critica sul potere. Secondo Renzi chi ha manifestato dissenso nei confronti degli obiettivi e delle forme del G7 è un delinquente a prescindere, lontano dalle istituzioni….” http://www.lastampa.it/2017/10/01/cronaca/renzi-e-i-manichini-decapitati-per-il-g-pagliacciata- solidariet-alle-forze-dellordine-IgSvCN9a0kMka8oslbJ3kJ/pagina.html 1 ott 17 Repubblica : “G7, DI MAIO REPLICA A RENZI: "STERILE POLEMICA, LA VIOLENZA NON È NEL DNA DEI CINQUE STELLE" Ma una consigliera regionale M5S chiede di liberare il leader antagonista arrestato dopo gli scontri di ieri (1° TITOLO:” G7, Renzi contro gli amministratori di Torino: hanno fatto fare una figuraccia alla città”) "Torno a casa e in tv vedo che i manifestanti contro il G7 di Torino stanno decapitando due manichini, uno col mio volto, uno col volto del ministro del lavoro. Questi signori hanno installato una ghigliottina e pensano di essere simpatici ricordando le macabre esecuzioni del passato. Non mi fanno impressione le pagliacciate". Lo scrive, su Facebook, il segretario dei Ds Matteo Renzi che elogia poi l'operato delle forze dell'ordine. "Però in questa vicenda - dice - ci sono agenti di polizia, carabinieri, uomini delle nostre forze dell'ordine che vengono feriti sul serio, non a parole. Le botte le hanno prese davvero, loro: hanno prognosi fino a 40 giorni. E ci sono squallidi amministratori comunali che non hanno avuto la forza - o la voglia - di spendere una parola per prendere le distanze da certe formazioni anarchiche o presunti tali, da centri sociali, da persone abituate a vivere di violenza quantomeno verbale. Non mi fa effetto vedere la mia testa rotolare. Mi fa effetto vedere persone che rinunciano a pensare con la loro testa e vivono di slogan legati a un passato ideologico e fumoso. E mi fa effetto vedere amministratori comunali pagati da tutti i cittadini che anzichè schierarsi con le forze dell'ordine e con le istituzioni rilanciano le immagini della rivoluzione francese e dei tempi della ghigliottina. Troppo facile - conclude - prendere le distanze a parole e poi però sfilare con i violenti nei cortei. Ci avevano chiesto di portare il G7 a Torino e poi hanno fatto fare una figuraccia all'anima profonda e solidale di questa città, prima capitale d'Italia. Peccato. Il mio affetto, la mia solidarietà, la mia gratitudine alle forze dell'ordine e agli agenti feriti". Anche se non è mai citata la giunta di Torino appare uno dei bersagli dell'ex premier….” http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/10/01/news/g7_dopo_l_arresto_del_leader_di_askatasuna_f uoco_di_polemiche_su_appendino-177029016/ 1 ott 17 ANSA : “VICESINDACO, GRAZIE A FORZE ORDINE Montanari, non accomunare il dissenso ad atti di delinquenza "Amministratori e consiglieri che, a Torino, hanno espresso posizioni critiche o hanno partecipato ai cortei (contro il G7 - ndr) sono stati accomunati ai delinquenti che hanno bruciato cassonetti o attaccato le forze dell'ordine. Respingo questa visione provocatoria che è lontana dalla realtà". E' la nota diffusa dal vicesindaco di Torino, Guido Montanari. "Secondo Renzi - dice - in questo Paese non ci deve essere espressione critica sul potere". Montanari esprime "un pensiero riconoscente alle forze dell'ordine e in particolare ai feriti, che spero si riprendano presto. Con il loro sacrificio e la loro competenza hanno permesso a chi lo voleva di esprimere le proprie idee nei limiti della legalità e del dettato costituzionale. Nonostante la presenza dei soliti provocatori che sono proprio utili a quelli come Renzi"….” http://www.ansa.it/piemonte/notizie/2017/10/01/vicesindaco-grazie-a-forze-ordine_a87ce0dd-1e38- 45a9-ad59-57c71f49981c.html 2 ott 17 Corriere : “MONTANARI, IL VICESINDACO DI TORINO CHE DIFENDE LA PIAZZA: «DOV’È IL PROBLEMA?» «Non tollero atti di violenza fisica e morale nei cortei. E li condanno con forza. Ma rivendico il diritto dei cittadini a organizzare manifestazioni» di Marco Imarisio Professor Guido Montanari, vicesindaco di lotta e di governo? «Una semplificazione ingiusta. Una amministrazione ospita un vertice adempiendo a un dovere istituzionale. E poi alcuni suoi responsabili ne criticano i contenuti. Non vedo dove sia il problema». È normale che la sindaca pranzi con i ministri del G7 mentre i suoi consiglieri marciano contro di loro? «Se Forza Italia avesse fatto il suo congresso avremmo dovuto osannare Berlusconi? Se ci fosse stato il convegno dei macellai avremmo dovuto ingozzarci di carne? Il diritto di critica in questo Paese mi sembra davvero messo male»….” http://www.corriere.it/politica/17_ottobre_03/montanari-vicesindaco-torino-che-difende-piazza- dov-problema-m5s-a0206a96-a7ad-11e7-8b29-3c19760df94c.shtml 1 ott 17 VIDEO Repubblica : “VENARIA, UN PUGNO AL POLIZIOTTO: ECCO IL VIDEO CHE ACCUSA IL LEADER DI ASKATASUNA Un pugno a un poliziotto che, con alcuni colleghi, stava cercando di immobilizzare un manifestante appena bloccato: ecco il video che accusa Andrea Bonadonna, leader del centro sociale torinese Askatasuna arrestato dopo i tafferugli vicino alla reggia di Venaria dove si stava svolgendo il G7 del lavoro. Nelle immagini si vede Bonadonna, con una bandana e occhiali scuri, che, avvicinatosi all'agente in borghese della Digos, gli sferra un pugno tra testa e collo per poi dileguarsi rapidamente https://video.repubblica.it/edizione/torino/venaria-un-pugno-al-poliziotto-ecco-il-video-che-accusa- il-leader-di-askatasuna/286059/286677 DURANTE L’ARRESTO UN POLIZIOTTO CADE DA SOLO 30 sett 17 Corriere : “G7, scontri a Torino tra manifestanti e polizia: un fermo, 11 feriti Lacrimogeni e bombe carta a Venaria. La tensione è salita quando in corso Vittorio Emanuele gli studenti hanno tentato di sfondare il cordone delle forze dell’ordine di Elisa Sola, VIDEO :https://www.youtube.com/watch?v=TQCFCC0MjGE http://www.corriere.it/video-articoli/2017/09/30/g7-torino-trascinato-terra-fermato-dei- manifestanti/466bc1ec-a5f7-11e7-8477-789085dabc53.shtml 1 ott 17 Stampa : “LEADER DI ASKATASUNA ARRESTATO DOPO GLI SCONTRI DEL G7 A VENARIA: “HA AGGREDITO UN POLIZIOTTO” Federico Genta Torino Dopo gli scontri di ieri tra agenti e manifestanti del movimento Reset G7, la polizia ha arrestato Andrea Bonadonna, uno dei leader storici del centro sociale Askatasuna, in prima linea nell’organizzazione della piattaforma che ha sfilato per tre giorni contro il summit delle Sette Grandi alla Reggia. Bonadonna, però, non è stato fermato in piazza Vittorio Veneto e nemmeno nei dintorni di Venaria: la polizia lo ha arrestato in Valsusa, mente stava raggiungendo un locale di sua proprietà, la «Tortuga» di Chianocco: la Digos ha quindi applicato quanto previsto dal decreto Minniti, che consente l’arresto in differita….. E c’è da registrare anche il tweet diffuso da Francesca Frediani, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle in Piemonte: «Sembra impossibile. Andrea libero subito». Intanto per oggi, domenica, è già stata organizzata una prima azione di solidarietà nei confronti di Bonadonna: gli attivisti di Askatasuna si sono dati appuntamento alle 18 davanti al carcere delle Vallette. Bonadonna, da più di vent’anni alla guida del centro sociale di corso Regina Margherita, deve rispondere di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. È accusato di avere percosso un poliziotto che stava bloccando il giovane di Avellino responsabile del lancio di alcuni razzi. Tutta la scena sarebbe stata ripresa da una delle 260 TELECAMERE DI VIDEOSORVEGLIANZA che, ormai da una settimana, tenevano d’occhio la Reggia e il centro di Venaria….” http://www.lastampa.it/2017/10/01/cronaca/leader-di-askatasuna-arrestato-dopo-gli-scontri-del-g-a- venaria-ha-aggredito-un-poliziotto-ezMWOceHzc33J9oyRRrl4M/pagina.html 2 ott 17 RQ : “TORINO, ARRESTATO LEADER ASKATASUNA. LITE RENZI-5STELLE Un pugno a un poliziotto che, con alcuni colleghi, stava cercando di immobilizzare un manifestante appena bloccato: un video accusa Andrea Bonadonna (in foto), leader del centro sociale torinese Askatasuna arrestato dopo i tafferugli vicino alla reggia di Venaria dove si stava svolgendo il G7 del lavoro. Bonadonna si avvicina all’agente in borghese della Digos e gli sferra un pugno tra collo e schiena e poi si dilegua rapidamente. L’arresto ha innescato l’immancabile polemica politica….” http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/torino-arrestato-leader-askatasuna-lite-renzi- 5stelle/ 2 ott 17 Repubblica : “G7 TORINO, LA PROCURA CHIEDE IL CARCERE PER IL LEADER DI ASKATASUNA ARRESTATO DOPO GLI INCIDENTI Lui: "Intervenuto solo per aiutare un altro manifestante" La procura di Torino ha chiesto di applicare una misura di custodia cautelare in carcere per Andrea Bonadonna, il leader di Askatasuna arrestato sabato sera dopo il corteo anti-G7 di Venaria Reale. L'udienza di convalida è stata celebrata oggi nel capoluogo piemontese, sede competente in quanto l'arresto è stato operato in regime di "flagranza differita". …. Nel corso dell'interrogatorio davanti al giudice Bonadonna avrebbe spiegato di essere intervenuto solo perché aveva visto due uomini in borghese schiacciare con tutto il peso del corpo un ragazzo steso a terra: nel corso dell'interrogatorio reso ad un giudice del tribunale di Torino. Bonadonna ha anche negato di avere sferrato un pugno ad un agente. Quanto all'accusa di "violenza a pubblico ufficiale", relativa al lancio di oggetti, petardi e fuochi artificiali contro le forze dell'ordine, ha detto di non avervi partecipato: ci sarebbero, peraltro, dei testimoni pronti a dichiarare che si trovava in un altro punto della piazza. L'imputazione redatta dai pubblici ministeri parla di "concorso" con altri manifestanti in via di identificazione….” http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/10/02/news/g7_torino_la_procura_chiede_il_carcere_per_il _leader_di_askatasuna_arrestato_dopo_gli_incidenti-177177012/ 30 sett 17 Stampa : “APPENDINO, TAGLI AL BILANCIO PER 80 MILIONI La sindaca vara il piano di risanamento: ridotti servizi e trasferimenti, ma niente dissesto Il piano varato dalla sindaca terminerà nel 2021 quando scadrà il suo mandato alla guida di Torino Andrea Rossi Torino Chiara Appendino ha deciso: il Comune di Torino non chiederà il pre dissesto. Sceglierà una strada diversa: anziché le misure imposte dal piano di riequilibrio pluriennale concorderà un percorso con il supporto della Corte dei Conti nel quale sarà però lei a decidere quali misure adottare e ad assumersene la responsabilità politica del risanamento. Un pacchetto da 80 milioni fino al 2021 con cui la Città punta ad azzerare lo squilibrio strutturale dei suoi conti. La sindaca sta per presentare ai magistrati contabili le misure che la Corte ha chiesto a giugno. Ha un paio di settimane in più rispetto alla scadenza prevista, il 30 settembre, ma è tutto pronto, tanto che le intenzioni della giunta Cinquestelle sono state svelate giovedì sera durante una riunione con i consiglieri comunali e ieri in un vertice allargato agli attivisti….” http://www.lastampa.it/2017/09/30/cronaca/appendino-tagli-al-bilancio-per-milioni- UKtRaaznOcOpze3xhdwU7M/pagina.html 2 ott 17 Nuova Società : “PIANO DI ALIENAZIONE DELLE PARTECIPATE. CASSA O OBBLIGO: COMUNQUE SI DISMETTE di Carlo Savoldelli E’ approdata oggi in aula la discussione sulla delibera per la ricognizione e alienazione delle società partecipate del Comune di Torino. Una delibera importante che, in parte, consegue alle nuove indicazioni della cosiddetta Legge Madia, ovvero il Testo Unico delle società partecipate. La delibera serve a indicare quali partecipate siano strategiche, quali no, e quali provvedimenti adottare: riorganizzazione, alienazione, ecc. Il Piano di revisione straordinaria della partecipate del Comune di Torino, nella accezione 5stelle, è tuttavia solo un elenco di dismissioni da far impallidire il più acceso liberista economico: si cede, infatti, di tutto e di più. Le partecipazioni oggetto di cessione saranno: 2I3T SCARL , CEIPIEMONTE SCPA, CSP SCARL, ENVIRONMENT PARK SPA, FINPIEMONTE SPA, I3P SCPA, IPLA SPA, CAAT SPA; praticamente tutti gli incubatori di sviluppo, il centro agroalimentare, la Finpiemonte della Regione….” http://www.nuovasocieta.it/metropoli/piano-di-alienazione-delle-partecipate-cassa-o-obbligo- comunque-si-dismette/ 26 sett 17 Nuova Società : “LO STAFFISTA (DI DESTRA O DI SINISTRA) TORNA SEMPRE SUL LUOGO DELITTO di A.D. È sempre più movimentata la vita degli staffisti della sindaca e assessori a Torino. Tra contatti che vengo risolti e ritorni di fiamma sicuramente su questo argomento c’è poco d’annoiarsi. E così arrivano nuove news dalla delibera di giunta che ha per oggetto “Attività di collaborazione al sindaco alla giunta o agli assessori. Ridefinizione uffici di staff sindaca e assessori Finardi, Leon e Rolando”, arrivata oggi. Ecco le novità: l’assessora Francesca Leon ha chiesto la revoca, a decorrere dal primo ottobre 2017, del proprio “collaboratore interno con funzioni di raccordo politico-amministrativo” Franco Bergoglio. L’incarico passa a Giovanni Limone, già assistente-coordinatore della segretaria di Chiara Appendino. Per il posto di Limone la sindaca (o chi per essa) ha scelto il responsabile amministrativo Diego Boggio. Anche l’assessore Sergio Rolando chiede la revoca dell’incarico del collaboratore Raffaele Vigliotti e individua in Patrizia Lo Torto la sostituta. Il 20 settembre scorso Marco Ivaldi, che era nello staff dell’assessore Roberto Finardi, con orario part-time, ha terminato, con risoluzione consensuale il suo rapporto di lavoro. Al suo posto un ritorno: Carlo Lomonte….” http://www.nuovasocieta.it/metropoli/lo-staffista-di-destra-o-di-sinistra-torna-sempre-sul-luogo- delitto/ 27 sett 17 FQ : “TORINO, OPERATRICE ECOLOGICA LICENZIATA PER AVER PRESO UN GIOCO DAI RIFIUTI. L’azienda: “Appropriazione indebita” Aicha Elisabethe Ounnadi aveva preso dall'immondizia un monopattino per regalarlo al figlio. Ma la ditta di nettezza urbana è stata inflessibile. Adesso il tribunale dovrà decidere se il provvedimento è illegittimo. Sinistra Italiana fa sapere che presenterà un'interrogazione parlamentare http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/27/torino-operatrice-ecologica-licenziata-per-aver-preso- un-gioco-dai-rifiuti-lazienda-appropriazione-indebita/3881666/ 27 sett 17 FQ : “OPERAI SOTTOPAGATI E MINACCIATI A TARQUINIA: 4 ARRESTI, “PERVERSO E SPREGIUDICATO SFRUTTAMENTO” Minacce, dimissioni firmate in bianco, contratti di lavoro part-time anche se a lavoro ci si stava tutto il giorno, straordinari non pagati o pagati una miseria: 2 euro Minacce, dimissioni firmate in bianco, contratti di lavoro part-time anche se a lavoro ci si stava tutto il giorno, straordinari non pagati o pagati una miseria: 2 euro. È il sistema “perverso e spregiudicato di sfruttamento” scoperto dalle Fiamme Gialle di Tarquinia (Viterbo); è così che vengono descritte le condizioni degli operai impiegati in una azienda tarquiniese del settore metalmeccanico. Oltre una settantina di lavoratori, stando alle indagini della procura di Civitavecchia, sono stati costretti a svolgere “attività lavorativa non prevista dal contratto di lavoro sottoscritto”, a fronte di “una misera retribuzione”, subendo la lesione di diritti “alle ferie e alla malattia retribuita, al trattamento di fine rapporto ed alla tredicesima”. Il tutto sotto la costante minaccia di ripercussioni o di licenziamento. http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/27/operai-sottopagati-e-minacciati-a-tarquinia-4-arresti- perverso-e-spregiudicato-sfruttamento/3880366/

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body