CS Emergenze Po 26-11-2019

Nov 27, 2019 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 5 | Likes: 1

"edocr

Associazione Nazionale per la tutela del Patrimonio Storico, Artistico e Naturale della Nazione Ufficio stampa | Flavia Corsano 335-5344767 | ufficiostampa@italianostra.org Sede Nazionale - Viale Liegi, 33 00198 Roma – Tel. +39.06.8537271 Fax. 039.0685350596 C.F. 80078410588 P.IVA 02121101006 - info@italianostra.org - www.italianostra.org Comunicato Stampa Roma, 26 novembre 2019 EMERGENZA PO Solo un anno fa, a Casteldaccia, la piaga del consumo di suolo e dell’abusivismo causarono la morte di una intera famiglia. Tutto dimenticato, tutto rimosso ma le piene dell’Arno che hanno tenuto con il fiato sospeso Pisa pochi giorni orsono e la piena del Po, che in queste ore sta facendo paura alla bassa padana, a Cremona e in Emilia, ci ricordano che i problemi del dissesto idrogeologico e del governo dei bacini dei nostri fiumi necessitano di risorse e soluzioni spesso complesse, che la politica e le istituzioni stentano a trovare. 1.100 km di arginature lungo il fiume Po e i 1.500 km di arginature degli affluenti principali costituiscono un’infrastruttura molto importante per la tutela del territorio e in questo momento il 34% della superficie del distretto è allagabile, per un totale del 22% degli abitanti (ovvero 4 milioni di persone) soggetti a rischio idraulico. Questi sono i dati di una realtà molto complessa, che necessita di un nuovo approccio nei confronti del territorio e della sua tutela: sistemi di monitoraggio sempre più efficaci e integrati ‒ in quanto al momento i dati non sono sufficienti e riguardano principalmente l’asta principale e troppo poco le secondarie; ripristino delle zone umide che rivestono un ruolo fondamentale sia per le piene che per far fronte alla scarsità di acqua: utilizzo del reticolo idrografico minore, costituito da oltre 50.000 km lineari di canali di vario ordine e grado, che penetrano in modo ramificato e diffuso nel sistema antropizzato. La sfida consiste nell’essere in grado di prevedere e anticipare i cambiamenti climatici salvaguardando, con la natura, un sistema economico e sociale di grande valore, superando le ambiguità e le contraddizioni che bloccano l’azione concreta. Quello che però non si deve fare è invece chiaro a tutti: non si devono più costruire case o capannoni nelle aree di esondazione dei fiumi e dei torrenti. Sembra un concetto semplice e invece si continua imperterriti a costruire, tombando perfino i torrenti, come è successo per il caso Crescent a Salerno. Sul caso Italia Nostra è intervenuta coi ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato, ma la carta bollata non è l’unico strumento per vincere questa battaglia. E’ necessaria una sensibilità diffusa sul tema tra i cittadini e gli addetti ai lavori – costruttori, ingegneri, architetti, geometri, uffici tecnici degli enti comunali e regionali - e una legge contro il consumo di suolo. Sono anni che la proposta di legge giace dimenticata tra le tante inevase dal Parlamento, senza che si trovi una maggioranza pronta a votarla e chi lancia più tweet sulle sventure degli alluvionati, si scopre poi essere tra coloro che si oppongono. ITALIA NOSTRA

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body