assemini referto epidemiologico per quartieri

Jun 8, 2018 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 47 | Likes: 1

MEDICINA DEMOCRATICA Sezione di Livorno e della Val di Cecina Per non morire d'inquinamento, ora uno strumento in pi: il referto epidemiologico per quartieri. Poco costoso, comuni collaborativi (se lo sono), bravi professionisti che si spendono per le comunit inquinate. Questi sono gli ingredienti essenziali per fare un salto di qualit nella conoscenza, e quindi nella prevenzione primaria. E' il metodo, semplice quanto rivoluzionario che hanno messo a punto l'epidemiologo Valerio Gennaro di Genova (Medicina democratica e ISDE), Antonello Russo della Universit Bocconi di Milano e Domenico Scanu di ISDE Sardegna, esaminando la mortalit nel Comune di Assemini (Cagliari), attingendo dai dati comunali di mortalit e suddividendoli per quartieri pi o meno inquinati. Il metodo estensibile a qualsiasi altra parte del Belpaese, se solo lo si volesse. Assemini un SIN (sito di interesse per le bonifiche) in cui la vecchia politica democristiana delle cattedrali nel deserto, e la perdurante politica industrialista violenta ha ammassato negli anni impianti ad alta nocivit, a partire dalla vecchia elettrolisi a mercurio del sale di ENI (ora Syndial), una delle prime peraltro ad essere convertite in Italia da mercurio a membrana dagli anni '90, a proseguire con due centrali elettriche di Enel, con due "laverie" di minerali di cava destinati all'industria e con un inceneritore di rifiuti urbani e speciali, con una discarica e a poca distanza la raffineria di petrolio di SARAS (gruppo Moratti) . In una parola, la periferia industriale di Cagliari, stretta oltretutto tra la zona mineraria del Sulcis e l'aeroporto di Elmas. Il comune di Assemini ha 25.300 abitanti, non ha frazioni: i nostri ricercatori l'hanno esaminata per unit censuarie, e messo in evidenza la mortalit per tutte le cause, per sesso e classi di et negli anni tra il 2001 e il 2016, confrontando la mortalit di ogni unit censuaria con quella dell'intero comune. Si noti preliminarmente che nel raffronto tra la mortalit nel Comune di Assemini rispetto alla Sardegna, il comune nel suo insieme non presenta eccessi di mortalit negli anni 2012-2016. Invece, se si estende l'esame a un periodo pi lungo (2001-2016) e soprattutto lo si focalizza su alcuni quartieri, la realt che emerge molto diversa, con eccessi di mortalit anche del 755,3 % (maschi, sezione censuaria 92). Vediamo alcuni dati, dopo aver chiarito che cos' SMR: rapporto standardizzato di mortalit, cio aggiustato per et. Pi alta l'et dei soggetti esaminati, pi alta l'attesa della loro morte. "A titolo esemplificativo, un rapporto superiore a 100 esprime quindi che nella sezione o nell'area sub comunale in analisi vi una maggiore mortalit rispetto a quella di riferimento (del 10% in caso di SMR pari a 110). Gli intervalli di confidenza al 90% degli SMR sono calcolati con la distribuzione di Poisson " cio rappresentano l'incertezza statistica. Pi bassa la percentuale utilizzata, pi alta l'affidabilit della statistica. Riguardo ai maschi, le sezioni censuarie pi critiche sono la n.4 con il 27,3 % in pi di mortalit, la n. 6 con il 46,6 % in pi, la n. 12 con il 320,3 % in pi, la n. 92 con il 755,3% in pi, e molte altre sezioni censuarie che superano l'SMR 100. Riguardo alle femmine, le sezioni censuarie pi critiche sono la n. 3 con il 314,2 % in pi di mortalit, la n. 40 con il 389,4 in pi di mortalit, la n. 109 con il 356,9 in pi, e molte altre sezioni censuarie che superano l'SMR 100. Ora la palla passa al sindaco (M5S) di Assemini, primo responsabile per la salute dei suoi amministrati, alla ASL, alla Regione, all'Arpa Sardegna: individuino i motivi per i quali c' questa mortalit in pi in questi quartieri, a differenza di altri; a quali inquinanti sono stati esposti questi cittadini, che cosa si deve fare per abbattere drasticamente queste esposizioni tossiche con urgenza. Non sarebbe male neanche interessare la Magistratura di questa evidenza epidemiologica (centinaia di morti in pi) tratta da fonte indiscutibile, l'ufficio statistica comunale. Dati che finora per trascuratezza, omert, incapacit sono rimasti sepolti e dimenticati. 7.6.18

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body