CONTRO IL DEPOSITO DI GPL

Sep 11, 2017 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 50 | Likes: 1

CONTRO IL DEPOSITO DI GPL A DIFESA DI CHIOGGIA E DELLA SUA LAGUNA Il prossimo 23 e 24 settembre saremo a Venezia in occasione delle giornate europee dei movimenti per la difesa dei territori, a testimonianza di una battaglia che da tempo vede coinvolta la cittadinanza di Chioggia, con tutte le sue espressioni politiche, sociali ed economiche, contro la costruzione e il funzionamento di un mega deposito di GPL, in palese ed insanabile contrasto con la sicurezza e lo sviluppo della cittaÌ lagunare. Da oltre un anno ormai Chioggia si batte per scongiurare la realizzazione di un deposito costiero di stoccaggio di gas GPL da 9.000 metri cubi, situato all'interno dell'area portuale lagunare e a pochi metri da case e scuole, noncheì a ridosso del centro storico cittadino. Un impianto imposto ed autorizzato con un iter pesantemente gravato da conclamati vizi come la non conformitaÌ urbanistica, la mancanza dell'autorizzazione paesaggistica, il non rispetto delle norme previste a salvaguardia della laguna di Venezia, , la mancata applicazione delle procedure previste dalle leggi Seveso. Le responsabilitaÌ pesano su tutti i livelli istituzionali, a partire dalla precedente amministrazione comunale di Chioggia fino ai Ministeri dello Sviluppo Economico e quello delle Infrastrutture e dei Trasporti, passando per la CittaÌ metropolitana e la stessa Regione Veneto. Questo impianto comporta pesanti costi sociali ed economici, costringendo cittadini ed ambiente a convivere con un potenziale pericolo di grave incidente rilevante. Da tempo ormai l'intera cittaÌ segnala e manifesta la sua totale e netta contrarietaÌ a tale insediamento, rimanendo pressocheì inascoltata da chi ha la responsabilitaÌ politica e gli strumenti giuridico amministrativi per intervenire e porvi rimedio: a cominciare dalla Giunta Regionale del Veneto che non interviene, ritirando la sua intesa con il governo chiedendo la messa in discussione del decreto autorizzativo ministeriale. L'autonomia e la possibilitaÌ dei territori di poter decidere sul proprio futuro eÌ una questione di democrazia che sta a cuore a tutti i sinceri democratici, quindi anche a noi.... Ma senza l'ascolto della richiesta unanime di intervento di uno dei maggiori comuni del Veneto, la rivendicazione e la pretesa di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia da parte della nostra Regione diventa una espressione vuota di reali contenuti nella misura in cui, sin da ora ed avendone giaÌ la possibilitaÌ, l’autonomia non viene praticata dalla stessa Regione Veneto che con il Referendum del 22 di Ottobre 2017, la reclama a sua volta dal governo centrale: si cerca un’autonomia che non si eÌ giaÌ capaci di esercitare, qui ed ora. Per tale ragione, abbiamo ritenuto opportuno invitare i cittadini di Chioggia all'astensione al voto in occasione del Referendum del prossimo 22 ottobre, nella speranza che anche altri territori della regione Veneto dove l’autonomia locale sia palesemente calpestata, come a Chioggia, contribuiscano a dare un forte segnale politico alle nostre Istituzioni democratiche rappresentative della volontaÌ popolare. COMITATO NO DEPOSITO GPL - CHIOGGIA

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body