Dinanzi a questo cippo e a questa lapide

Oct 3, 2019 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 8 | Likes: 1

"edocr

* Dinanzi a questo cippo e a questa lapide che a Viterbo ricordano tre vittime innocenti che proprio in questo luogo furono assassinate dai nazisti, noi oggi rinnoviamo la nostra opposizione a tutte le uccisioni e a tutte le violenze, il nostro impegno in difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani. Noi oggi celebriamo qui, come tante altre persone stanno facendo in tutto il mondo, la Giornata internazionale della nonviolenza, nell'anniversario della nascita del Mahatma Gandhi, e nel ricordo di tutte le vittime della violenza, e di tutte le persone costruttrici di pace e di liberazione che alla violenza e all'iniquita' si sono opposte, dalla piu' lontana antichita' fino ad ora, e tra esse ricordiamo il nostro amico, maestro e compagno nell'impegno nonviolento di solidarieta' e di liberazione don Dante Bernini, che ci ha lasciato lo scorso venerdi' ma di cui vive e vivra' nel nostro ricordo la luminosa testimonianza. * La nonviolenza, diciamolo ancora una volta, e' innanzitutto una prassi: e' la lotta contro la violenza; e' un appello e un'azione: azione che educa e libera e salva, ed appello che suscita l'umanita' dell'umanita'. La nonviolenza e' un concetto e un campo di ragionamenti e di convincimenti complesso e pluridimensionale, non dogmatico ma persuaso, non astratto ma sperimentale, fallibilista e aperto, esistenzialmente vissuto, da inverare nelle relazioni di ascolto e di aiuto, e nelle concrete formazioni sociali, nel concreto svolgimento storico dei conflitti e della civilta', dell'umanizzazione dell'umanita'. La nonviolenza e' proposta pratica di azione concreta contro la violenza: proposta di azione personale e di azione collettiva, morale e politica. La nonviolenza e' esperienza storica disseminata e germogliante lungo l'intera vicenda umana e sempre piu' intensa, estesa e chiarificata nel progredire dell'autocomprensione dell'umanita'. Se e' merito di Gandhi aver dato un contributo fondamentale alla nonviolenza in termini di definizione e tematizzazione teorica e - soprattutto, e necessariamente - di sperimentazione effettuale, molte altre esperienze di pensiero e azione nel corso dei secoli la nonviolenza hanno elaborato e praticato: in primo luogo il movimento operaio; le resistenze antirazziste, anticolonialiste, antimperialiste ed antifasciste; tutti i movimenti di liberazione, e soprattutto il movimento di liberazione delle donne, le cui riflessioni e le cui lotte costituiscono la corrente calda e il maggior inveramento storico e teoretico della nonviolenza. La nonviolenza e' l'orizzonte concettuale ed operativo in cui si collocano tutte le lotte di liberazione dell'umanita', tutte le esperienze di solidarieta' che i diritti di ogni essere umano riconoscono e difendono e promuovono, tutte le iniziative di rispetto, tutela e risanamento del mondo vivente. La nonviolenza e' il fondamento primo e decisiva la modalita' concreta e coerente di tutte le esperienze di resistenza ad ogni abuso e ad ogni devastazione, ad ogni dittatura e ad ogni totalitarismo comunque essi si mascherino. La nonviolenza e' la politica prima, la politica dell'umanita'. * E questa giornata voluta dall'Onu non solo per dare solenne ed impegnativo riconoscimento istituzionale al lascito gandhiano, ma anche per vivamente esortare l'umanita' intera a porsi alla sequela del Mahatma, ebbene, questa giornata sia sempre piu', di anno in anno, indicazione e sprone all'agire concreto e coerente per il bene comune dell'umanita', alla responsabilita' che il mondo intero abbraccia, alla condivisione del bene e dei beni. Nel ricordo di Mohandas Gandhi, di Laura Conti, di Luce Fabbri, di don Dante Bernini come di innumerevoli altre ed altri testimoni dell'umanita' come dovrebbe essere; alla scuola di Rosa Luxemburg e di Virginia Woolf, di Simone Weil e di Hannah Arendt, che della nonviolenza in cammino sono state nel XX secolo tra le figure di riferimento piu' nitide e piu' aggettanti; ogni persona senziente e pensante si impegni qui e adesso a contrastare ogni violenza, a salvare tutte le vite; contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni; in difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani; in difesa dell'intero mondo vivente casa comune dell'umanita'. * E qui e adesso, nel nostro paese, innanzitutto si adoperi ogni persona di volonta' buona, ogni associazione solidale ed ogni istituzione democratica, per far cessare la strage degli innocenti nel Mediterraneo e per far cessare la schiavitu', la segregazione e la persecuzione razzista. Ripetiamo ancora una volta quali siano i piu' urgenti doveri, basilari e indispensabili, da realizzare immediatamente in Italia: 1. tornare alla legalita' che salva le vite: abrogare immediatamente tutte le misure razziste e persecutorie imposte dal governo razzista recentemente caduto (ma anche le altre imposte dai governi precedenti che hanno aperto la strada all'inabissamento nella brutalita' di quest'ultimo anno); 2. tornare al primo dovere di ogni essere umano e di ogni umano istituto: ripristinare l'adempimento del dovere di soccorrere chi e' in pericolo; 3. distinguere il bene dal male: che siano processati nei tribunali della Repubblica i responsabili di crimini contro l'umanita' e di attentato contro la Costituzione; 4. tornare alla Costituzione: ripristinare la legalita' costituzionale che il governo della disumanita' da poco caduto ha impunemente infranto per oltre un anno; 5. una persona, un voto: riconoscere il diritto di voto e tutti gli altri diritti sociali, civili e politici a tutte le persone che vivono in Italia, facendo cessare l'effettuale regime di apartheid di cui sono vittima milioni di nostri effettivi conterranei; 6. far cessare la strage nel Mediterraneo: riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro. * La nonviolenza e' in cammino. La nonviolenza e' il cammino. Agisci nei confronti delle altre persone cosi' come vorresti che le altre persone agissero verso di te. Sii tu il cambiamento che vorresti vedere nel mondo. Sii tu l'umanita' come dovrebbe essere. DOCUMENTI. LA "CARTA" DEL MOVIMENTO NONVIOLENTO Il Movimento Nonviolento lavora per l'esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, a livello locale, nazionale e internazionale, e per il superamento dell'apparato di potere che trae alimento dallo spirito di violenza. Per questa via il movimento persegue lo scopo della creazione di una comunita' mondiale senza classi che promuova il libero sviluppo di ciascuno in armonia con il bene di tutti. Le fondamentali direttrici d'azione del movimento nonviolento sono: 1. l'opposizione integrale alla guerra; 2. la lotta contro lo sfruttamento economico e le ingiustizie sociali, l'oppressione politica ed ogni forma di autoritarismo, di privilegio e di nazionalismo, le discriminazioni legate alla razza, alla provenienza geografica, al sesso e alla religione; 3. lo sviluppo della vita associata nel rispetto di ogni singola cultura, e la creazione di organismi di democrazia dal basso per la diretta e responsabile gestione da parte di tutti del potere, inteso come servizio comunitario; 4. la salvaguardia dei valori di cultura e dell'ambiente naturale, che sono patrimonio prezioso per il presente e per il futuro, e la cui distruzione e contaminazione sono un'altra delle forme di violenza dell'uomo. Il movimento opera con il solo metodo nonviolento, che implica il rifiuto dell'uccisione e della lesione fisica, dell'odio e della menzogna, dell'impedimento del dialogo e della liberta' di informazione e di critica. Gli essenziali strumenti di lotta nonviolenta sono: l'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile, la formazione di organi di governo paralleli. PER SAPERNE DI PIU' Indichiamo il sito del Movimento Nonviolento: www.nonviolenti.org; per contatti: azionenonviolenta@sis.it Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004 possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/ TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO Numero 3528 del 3 ottobre 2019 Telegrammi quotidiani della nonviolenza in cammino proposti dal "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza (anno XX) Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com , sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/ *

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body