The Guardian 13 novembre 2019

Nov 21, 2019 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 18 | Likes: 1

"edocr

The Guardian 13 novembre 2019 https://www.theguardian.com/environment/2019/nov/13/air-pollution-particles-linked-to- brain-cancer-in-new-research Nanoparticelle di inquinamento atmosferico legate per la prima volta al cancro al cervello Esclusivo : minuscole particelle prodotte dal traffico possono invadere il cervello e trasportare agenti cancerogeni Una nuova ricerca ha collegato per la prima volta le nanoparticelle di inquinamento atmosferico al cancro del cervello. Le particelle ultrasottili (UFP) sono prodotte dalla combustione di carburante, in particolare nei veicoli diesel, e esposizioni più elevate aumentano significativamente le possibilità delle persone di contrarre il cancro mortale. Precedenti lavori hanno dimostrato che le nanoparticelle possono penetrare nel cervello e che possono trasportare sostanze chimiche cancerogene. I tumori cerebrali sono rari e gli scienziati hanno calcolato che un aumento dell'esposizione all'inquinamento equivale all'incirca allo spostamento da una tranquilla strada cittadina a una trafficata porta a un ulteriore caso di cancro al cervello ogni 100.000 persone esposte. “I rischi ambientali come l'inquinamento atmosferico non sono di grandi dimensioni - la loro importanza viene perché tutti nella popolazione sono esposti", ha detto Scott Weichenthal, della McGill University in Canada, che ha guidato lo studio. “Quindi, quando moltiplichi questi piccoli rischi per molte persone, all'improvviso ci possono essere molti casi. In una grande città, potrebbe essere un numero significativo, soprattutto se si considera che questi tumori sono spesso fatali. ” La ricerca ha analizzato le cartelle cliniche e l'esposizione all'inquinamento di 1,9 milioni di canadesi adulti dal 1991 al 2016. Studi così ampi forniscono prove evidenti, sebbene non un nesso causale. Weichenthal ha affermato che la correlazione osservata tra tumore al cervello e nanoparticelle era "sorprendentemente coerente", ma poiché si tratta del primo studio, è importante che altri ricercatori lo replichino. La scoperta di abbondanti nanoparticelle tossiche dall'inquinamento atmosferico nel cervello umano è stata fatta nel 2016. Una revisione globale all'inizio del 2019 ha concluso che l'inquinamento atmosferico potrebbe danneggiare ogni organo e praticamente ogni cellula del corpo umano. L'aria tossica è stata collegata ad altri effetti sul cervello, tra cui enormi riduzioni dell'intelligenza , della demenza e dei problemi di salute mentale sia negli adulti che nei bambini. L'Organizzazione mondiale della sanità afferma che l'inquinamento atmosferico è una " silenziosa emergenza sanitaria pubblica ". Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Epidemiology , ha scoperto che un aumento di un anno dell'esposizione all'inquinamento di 10.000 nanoparticelle per centimetro cubo - la differenza approssimativa tra strade tranquille e trafficate della città - ha aumentato il rischio di cancro al cervello di oltre il 10%. I livelli di inquinamento nelle città studiate - Toronto e Montreal - variavano da 6.000 / cm3 a 97.000 / cm3. Weichenthal ha affermato che le persone che vivono con un inquinamento di 50.000 / cm3 hanno un rischio del 50% più alto di cancro al cervello rispetto a quelle che vivono con 15.000 / cm3. "Penso che [Toronto e Montreal] siano tipiche delle principali città", ha detto. "Non mi aspetto che le nanoparticelle siano meno dannose altrove". L'analisi dei ricercatori ha tenuto conto di fattori quali reddito, fumo e obesità e se le persone si trasferissero. "Non sappiamo molto sulle cause dei tumori cerebrali, quindi tutti i fattori ambientali che possiamo identificare sono utili per aumentare la comprensione", ha detto Weichenthal. Il team aveva dati sull'inquinamento atmosferico solo per il periodo più recente dello studio e ha ipotizzato che le differenze tra strade e quartieri diversi fossero le stesse in passato. "Riteniamo che ciò sia ragionevole perché le principali autostrade non si muovono", ha detto. Il prof. Jordi Sunyer, dell'Istituto di Barcellona per la salute globale in Spagna, che non è stato coinvolto nella nuova ricerca, ha dichiarato: “Questo è un risultato importante, dato che gli UFP sono emessi direttamente dalle auto a combustione e diversi studi sugli animali hanno dimostrato che gli UFP potrebbero essere più tossico delle particelle più grandi. " La prof.ssa Barbara Maher, dell'Università di Lancaster, nel Regno Unito, ha affermato che le nanoparticelle ricche di ferro dovute all'inquinamento da traffico potrebbero essere cancerogene e quindi una plausibile possibile causa di cancro al cervello. Ha detto che le nanoparticelle non erano regolate e raramente venivano misurate. La ricerca ha utilizzato medie triennali dei livelli di nanoparticelle, ma Maher ha affermato che comprendere l'impatto sulla salute dell'esposizione ripetuta a picchi di breve durata è fondamentale: “Abbiamo misurato queste scuole esterne al Regno Unito, dove il numero di particelle UFP supera regolarmente 150.000 per cubo centimetro d'aria del parco giochi. " Weichenthal ha detto di aver evitato strade fortemente inquinate quando si cammina e si va in bicicletta. “A livello individuale, è sempre una buona idea ridurre la tua esposizione agli inquinanti. Ma le azioni più importanti sono a livello normativo, dove è possibile intraprendere azioni che riducono l'esposizione di tutti - è qui che si ottengono i vantaggi reali. "

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body