Documento (19)

Dec 6, 2018 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 8 | Likes: 1

Inail, sconti alle imprese? No di Vito Totire (*) Con l'andamento e incremento degli infortuni (anche mortali) una decisione da rifiutare Il quotidiano Il Resto del Carlino diffonde (domenica 2 dicembre) una notizia relativa all'Inail: Imprese Gi i contributi Inail. Sconti per le imprese anche dal taglio dei contributi Inail ; operazione che consentirebbe di risparmiare circa 600 milioni. Una misura fortemente voluta dalla Lega. Il linguaggio (sconti) un po' da supermercato. Qualcuno risparmier ma certo non i lavoratori che da questi tagli possono attendersi ulteriori rigidit da parte dell'Inail nelle procedure di riconoscimento di malattie e infortuni. Assistiamo frequentemente a: disconoscimenti di malattie professionali, persino di mesoteliomi in lavoratori esposti ad amianto; eventi che costringono lavoratori e familiari a defatiganti procedure nei tribunali; peccato che il testo unico amianto , presentato nel 2016 e mai discusso in Parlamento, prevedesse il gratuito patrocinio pubblico per i malati! L'ultimo caso di processo contro l'INAIL per il disconoscimento di un mesotelioma si concluso poche settimane fa a Ferrara e speriamo che Inail NON RICORRA in appello e poi in Cassazione! disconoscimento SISTEMATICO di tutte le patologie collocate IN LISTA II nel decreto (sulle patologie professionali) del 2014; a nostro avviso quella che il decreto definisce "limitata evidenza" significa dover esaminare caso per caso e non respingere tutto in blocco. Per fare un esempio: quasi tutte le cause per il riconoscimento amianto/tumore del colon si vanno concludendo con sentenze che accolgono il nesso di causa (circola su Change.org una petizione su questo tema). Ciononostante Inail respinge persino il riconoscimento di nuovi "casi" emersi dalla stessa coorte nella quale si sono verificati eventi gi riconosciuti con sentenza di primo e secondo grado; un modo ben discutibile di "risparmiare"; Quel che davvero misterioso come mai ogni volta che l'Inail disconosce la natura professionale di un evento (malattia e/o infortunio) L'INPS PARE ESSERE SEMPRE D'ACCORDO. Dopo il "rigore" annunciato di recente dall'Inps con il sistema interno di incentivi premiali occorre comprendere le motivazioni di questo pedissequo e sistematico consenso; che sia la politica del "paga Pantalone" cio classificare come malattia comune quel che invece spesso potrebbe essere malattia professionale? Un quesito ci turba: come mai INPS sempre d'accordo? Esistono davvero e si tengono riunioni collegiali o queste riunioni collegiali INAIL/INPS per discutere i "casi" (scusate il termine "caso": si tratta di lavoratori sofferenti) controversi sono solo una leggenda metropolitana? Perch quantomeno l'INPS lascia sempre "solo" il medico che ha segnalato la patologia e il patronato. Dunque INPS stato folgorato sulla via della "medicina fiscale" per non controlla mai il responso dell'Inail. INPS ritiene vdi doversi concentrare ed esaurire nella lotta al cosiddetto assenteismo e nel contrasto a medici di base presunti compiacenti o inclini all'errore, esaurendo in questa attivit tutto il suo potenziale critico e di vigilanza tanto da non avere pi energie neanche per discutere con Inail. Ma perch questa lotta sul cosiddetto assenteismo e silenzio totale sul "presenteismo"? In conclusione : anche se CGIL-CISL-UIL insistono nella loro linea masochista (tanto poi i danni li subiscono i lavoratori e non i dirigenti sindacali che vanno tutte le sere in t) NOI RIBADIAMO CHE L'UNICA LINEA ADEGUATA PER LA PREVENZIONE E LA DIFESA DELLA SALUTE E' ESAUTORARE L'INAIL. Altro che sconti (siamo al supermercato?) alle imprese, piuttosto occorre "potare" l'INAIL e trasferire il compito del riconoscimento dell'infortunio e della natura professionale della malattia agli organi di vigilanza delle Usl che sono ovviamente da potenziare. Quanto ai dirigenti sindacali: se siete masochisti, ci dispiace per voi, ma scudisciatevi fra dirigenti e lasciate stare chi lavora. Circa poi il "ceto politico": almeno quello non pretende esplicitamente di avere la rappresentanza dei lavoratori e, abbiamo ben capito, marcia da sempre unito (con qualche eccezione) nel negare per quanto materialmente possibile la prevenzione e perfino i risarcimenti per i danni subiti. Cgil, Cisl e Uil possono cercare di impedire di parlare a chi la pensa diversamente da loro (come hanno fatto a Monfalcone nel 2004) ma inutile: la storia insegna che se le idee sono giuste le minoranze tendono a diventare maggioranze. 3 dicembre 2018 (*) Vito Totire portavoce di AEA, l'associazione esposti amianto e rischi per la salute.

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body