Newslettera del 30 genn 19

Jan 31, 2019 | | Category: Other |   | Views: 7 | Likes: 1

Se.Sa.Mo, iniziative NOTAV, Dove bisogna stare, Italia che resiste, Babele di semi, Assemblea21, debito e aggiornamenti PROGRAMMA PROSSIME INIZIATIVE (VEDI ANCHE ALLEGATI ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI) DA GIOVEDI 31 GENNAIO A SABATO 2 FEBBRAIO al Campus Einaudi Lungo Dora Siena 100, Torino CONVEGNO ANNUALE DI SE.SA.MO (Societ Italiana di Studi sul Medio Oriente). SeSaMo apriti...all'antisionismo! Interveniamo con un pizzico di ironia, sottolineando un'indecorosa lacuna del convegno, ovvero la mancanza di sessioni sul sionismo e sul boicottaggio di Israele PROGRAMMA:http://www.sesamoitalia.it/wp-content/uploads/2019/01/programma-sesamo- web.pdf GIOVEDI' 31 GENNAIO ORE 21 presso Manituana Laboratorio culturale autogestito Largo Vitale 113/A (al fondo di Corso Brescai, vicino a Corso Regio Parco) ASSEMBLEA NOTAV organizzata da NOTAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa Come sempre l'odg verr deciso all'inizio della riunione VENERDI' 1 FEBBRAIO DALLE ORE 18.30 al cancello della centrale elettrica di Chiomonte APERICENA NOTAV AI CANCELLI. Anche questo venerd abbondante merenda presso i cancelli della centrale elettrica di Chiomonte. ORE 21 Sala Consigliare, Piazza Garambois 1, Oulx (TO) "DOVE BISOGNA STARE" Film-documentario con soggetto di Daniele Gaglianone e Stefano Collizzolli, prodotto da ZaLab in collaborazione con Medici Senza Frontier Presenta Elena Pozzallo, una delle protagoniste che vive ad Oulx, con il regista Daniele Gaglianone "Il racconto di quattro storie di accoglienza e solidariet nei confronti dei migranti ad opera di quattro donne, di cui una residente in Valle di Susa, territorio in cui sorto da circa un anno un nuovo fronte di migrazione attraverso le montagne. Nuove occasioni di riflessione sulle migrazioni umane e sull'accoglienza, temi quanto mai attuali in tutta Europa e particolarmente nel nostro Paese. Nelle note di regia Daniele Gaglianone scrive: "questo documentario racconta di una possibile risposta a questi tempi cupi. Non racconta l'immigrazione dal punto di vista di chi sceglie di partire o costretto a farlo: innanzitutto un film su di noi, sulla nostra capacit di confrontarci con il mondo e di condividerne il destino". Organizzato da Valsusa Filmfest https://www.facebook.com/events/2250721651878960/ SABATO 2 FEBBRAIO ORE 14 in Piazza Palazzo di Citt, Torino "L'ITALIA CHE RESISTE" "Autoconvocazione Spontanea di Cittadini e Associazioni per dar vita ad una catena umana attorno A TUTTI GLI EDIFICI DI TUTTI I COMUNI ITALIANI. Perch abbiamo scelto di resistere alle scelte inumane di chi vorrebbe lasciar morire in mare chi scappa dalla guerra, dalla fame e dalla povert. Perch non si torni indietro mai pi. Porta con te un simbolo del salvataggio in mare https://www.facebook.com/events/808186136190700/ Per info, adesioni e volontariato scrivere a Resistenza 2 Febbraio resistenza2febbraio@gmail.com DOMENICA 3 FEBBRAIO ORE 9.30 - 16.30 alla Cascina Roccafranca, via Rubino 45 ang. via Gaidano, Torino OTTAVA EDIZIONE DI "UNA BABELE DI SEMI" la fiera dello SCAMBIO delle autoproduzioni di SEMI, marze, piantini, bulbi, pasta madre e saperi. senza Mercanti, senza Denari, senza Supermercati ORE 10 "SEMI LOCALI E LOCALISMI" tavola rotonda aperta con il contributo di Stefano Capello, Paola Migliorini, Giacomo Pettenati, Luca Ferrero. ORE 12 cuciniamo con CIBI SENZA FRONTIERE PRANZO autogestito e condiviso, AL TAVOLO DELL'ABBONDANZA, portare vivande ed anche piatto/bicchiere/posate, zero denaro ORE 14.30 laboratorio pratico di ULIVOCOLTURA: coltivazione in Piemonte, innesti e potature ORE 15 laboratorio bimbi (4-6anni) Piccoli Semi ORE 10.30-15.30 La Piccola Mostra DI MELE COLTIVATE IN PIEMONTE Mostra di GRANI TENERI ANTICHI SPAZIO BIMBI durante tutta la giornata PROGRAMMA: https://www.terranuova.it/News/Agricoltura/Torna-Una-babele-di-semi-perche- local-e-biodiversita-fanno-la-differenza LUNEDI' 4 FEBBRAIO ORE 21 presso Csoa Gabrio Via Francesco Millio 42, Torino ASSEMBLEA21, APERTA A TUTTI I GRUPPI E CITTADINI "L'emergenza dei conti pubblici e la soluzione concreta dei problemi. I diritti vanno prima del pareggio di bilancio" VALUTAZIONE DELLE INIZIATIVE EFFETTUATE E SUL PROSEGUIMENTO "Assemblea21 ha lo scopo di condurre un'indagine indipendente e popolare sul debito del Comune di Torino, per contrastarne concretamente la legittimit e liberare risorse in direzione del soddisfacimento dei bisogni fondamentali della nostra comunit territoriale." VEDI AGGIORNAMENTI : http://assemblea21.blogspot.it/ https://www.facebook.com/assemblea21/?fref=ts MARTEDI' 5 FEBBRAIO ORE 21 in corso Vigevano 33, Torino ASSEMBLEA NOTAV organizzata da NOTAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa Come sempre l'odg verr deciso all'inizio della riunione DA MERCOLED 6 FEBBRAIO A MERCOLED 10 APRILE "GLI OCCHIALI DI GANDHI" SECONDA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA CON 7 FILM al MERCOLEDI' SERA alle ORE 20.30 nella Sala Poli del Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino presentata dal Centro Studi Sereno Regis e dal Convitto Nazionale Umberto I "Tornano in citt i film che meglio rappresentano la risoluzione nonviolenta dei conflitti e la educazione alla pace. Tra questi, il film vincitore della ottava edizione del premio "gli occhiali di Gandhi" al Torino Film Festival: DOVE BISOGNA STARE, di Daniele Gaglianone. Lo accompagnano prime visioni nazionali e locali, film dedicati all'ambiente, alla musica, alla resistenza creativa contro i conflitti. Una rassegna di film intensi, emozionanti, partecipati, uniti dalla comune volont di denunciare i conflitti della nostra societ, ma anche di risolverli in modo nonviolento: film che ci educano alla pace." INGRESSO UNICO A 2 EURO. Per studenti, docenti, educatori e personale del Convitto Nazionale Umberto I ABBONAMENTO ALLE SETTE PROIEZIONI AL PREZZO SPECIALE DI 10 EURO. http://serenoregis.org/rassegne/gli-occhiali-di-gandhi-seconda-rassegna-cinematografica/ MERCOLEDI' 6 FEBBRAIO DALLE ORE 11.30 nei terreni NOTAV alla Colombera entrando dal cancello della centrale elettrica di Chiomonte e sotto la tettoia in Clarea APERIPRANZO NOTAV Anche questo mercoled il gruppo No Tav Over 50 invita tutti, anche i pi giovani, ad un'abbondante merenda. ORE 17.45 POLO DEL '900, Via del Carmine 14 (angolo Corso Valdocco) Torino "GLI EFFETTI DELLE CONTRORIFORME FISCALI SUL NOSTRO DEBITO PUBBLICO" La "grande questione" del debito pubblico italiano, che pesa come un macigno sulle scelte e sulla percezione che abbiamo del nostro Paese, ci sempre stata presentata come originata da un eccesso di spesa sociale: "abbiamo vissuto sopra i nostri mezzi". un'affermazione vera o strumentale ? Antonio De Lellis Attac Italia e Pax Christi Ne discuter con: Roberto Burlando Professore Universit di Torino https://www.attactorino.org/index.php/debito/614-6-febbraio-2019-gli-effetti-delle-controriforme- fiscali-sul-debito-pubblico ORE 20.30 nella Sala Poli del Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino "DOVE BISOGNA STARE" di Daniele Gaglianone, Italia, 2018, 98' Premio "GLI OCCHIALI DI GANDHI 2018". Il regista sar presente in sala Quattro storie, quattro donne che praticano l'accoglienza al di l di ogni retorica e di ogni pregiudizio: mentre la classe politica insegue slogan e visibilit, c' un'Italia che agisce quotidianamente per mettere al centro dignit e giustizia. INGRESSO UNICO A 2 EURO. http://serenoregis.org/rassegne/gli-occhiali-di-gandhi-seconda-rassegna-cinematografica/ INIZIATIVE FUTURE IN EVIDENZA: CONTINUA NEI CINEMA LA PROIEZIONE DEL FILM DI DANIELE GAGLIANONE "DOVE BISOGNA STARE" che racconta l'impegno di 4 donne italiane che hanno deciso di impegnarsi spontaneamente e gratuitamente nella cura e nell'accoglienza di persone migranti Ecco qui il TRAILER : https://vimeo.com/311245799 PRIME PROIEZIONI NELLE SALE IN PIEMONTE: 25 febbraio a Saluzzo (CN), Cinema Teatro Magda Olivero 20 MARZO a Torino, Cinema Greenwich SEGUIRE LA PROGRAMMAZIONE SU :http://www.zalab.org/bisogna-stare-tour-nelle-sale/ Per il Valsusa FuoriFestival: Venerd 22 Febbraio 2019 - ore 21:00 Salone Polivalente Borgata VIII Dicembre - VENAUS (TO) https://www.facebook.com/events/569717373504158/ Gioved 28 Febbraio 2019 - ore 21:00 Cinema Comunale, Piazza Martiri della Libert 13, CONDOVE (TO) https://www.facebook.com/events/2264717000520036/ UNA DELLE PROTAGONISTE ELENA POZZALLO una NOTAV che lavora a Bussoleno e vive a Oulx in alta Valsusa, che ha rilasciato una commovente intervista gioved 17 gennaio Rai news 24 : https://youtu.be/vT0YpzYHqc0 https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=275493989786218&id=161712747831010 GIOVED 7 FEBBRAIO CONFERENZA SU "REPRESSIONE E LOTTE SOCIALI TRA IERI E OGGI" alle ore 18 nella Sala Antico Macello, Via Matteo Pescatore 7, Torino "Crediamo che l'arresto di Battisti riapra in modo urgente il tema del contrasto alla criminalizzazione delle lotte pollici-sociali e dell'amnistia. Il nostro paese deve fare i conti con il proprio passato e difendere, oggi, l'agibilit politica e sociale di tutte le attiviste e gli attivisti, contro la repressione. Ne discutiamo con: Gianluca Vitale - Avvocato / Potere al Popolo! Torino, Nicoletta Dosio - Movimento No Tav, Francesco Piccioni Contropiano, Flavia Cassaro - Maestra Antifascista, Angela Giordano Insegnante" https://www.facebook.com/events/2158459477576195/?notif_t=plan_user_invited&notif_id=15487 80227293796 VENERD 8 FEBBRAIO ALLA CREDENZA DI BUSSOLENO PROIEZIONE FILM "IL CAMMINO DELLA SPERANZA" di Pietro GERMI ore 21,00 Una storia sui migranti Italiani nel dopoguerra, anni 50 LETTURE DI ACCOMPAGNAMENTO A CURA DI RENATO SIBILLE https://www.youtube.com/watch?v=lwST3TpCZCM ALTRE INIZIATIVE SU : https://www.facebook.com/pg/radioblackout105250/events/ http://www.fabionews.info/torinovive.php PER AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NOTAV: www.notav.info - www.notavtorino.org -http://www.autistici.org/spintadalbass/?cat=2- www.notav.eu - www.notav- valsangone.eu- http://www.presidioeuropa.net/blog/?lan=2 - http://noterzovalico.wordpress.com/- www.ambientevalsusa.it - http://www.tgmaddalena.it/- https://www.facebook.com/notavtorino.org/- https://www.facebook.com/controsservatoriovalsusa/ CAVALLERIZZA REALE OCCUPATA: http://cavallerizzareale.wordpress.com/ https://www.facebook.com/pages/Assemblea-Cavallerizza-1445/696775003675449 https://www.facebook.com/Piattaforma-Arte-Spettacolo-Conoscenza-274558966211981/?fref=ts AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA : (VEDI anche su : TG Vallesusa : http://www.tgvallesusa.it/?page_id=135 Facebook Festival Alta Felicit : https://www.facebook.com/festivalaltafelicita/ Attualit, Diario Tav, Libri, Dischi, X Files : www.mavericknews.wordpress.com Centro di documentazione Invicta Palestina : https://invictapalestina.wordpress.com/ RETE Ambientalista - Movimenti di Lotta per la Salute, l'Ambiente e la Pace. http://rete-ambientalista.blogspot.it) MARTED 22 GENNAIO CONSEGNATE AL PRESIDENTE FICO LE FIRME PER LA PETIZIONE SEVESO III che chiede l'estensione della normativa Seveso alle infrastrutture di trasporto dei materiali pericolosi. "Tutta l'Italia attraversata da tubature che trasportano, ad es., petrolio. Spesso collocate nell'alveo di fiumi e torrenti (pur essendo in vigore un regio decreto del 1934 che lo vieta), attraversano le nostre citt ma nessuno ne conosce il percorso "per ragioni di sicurezza". Queste infrastrutture non devono sottostare alla normativa che riguarda le attivit produttive a "rischio di incidente rilevante", anch'esse spesso collocate vicino a centri abitati. La normativa Europea e si chiama Seveso III, impone tutta una serie di adempimenti, tra cui controlli periodici sullo stato delle strutture aziendali e sulla qualit ambientale, piani per la sicurezza elaborati in concerto con le istituzioni, e responsabilit dell'Azienda in caso di incidente. Le tubature sfuggono a questi obblighi. La nostra petizione chiede che vengano invece ricomprese, che le leggi vigenti siano rinforzate e non derogare (tubi nei fiumi), e che si riordini tutta la normativa ambientale per fornire alle istituzioni locali uno strumento che chiarisca competenze e ambiti di intervento." https://www.change.org/p/al-alla-presidente-della-camera-dei-deputati-applicazione-legge-seveso- alle-tubature-che-portano-materiali-pericolosi-per-l- ambiente/u/23962235?cs_tk=ArJbxLFMh1zEAimyTlwAAXicyyvNyQEABF8BvDReUnWYXu2g ojYSAf03M1Y%3D&utm_campaign=0d4ec2e0d289495b8e26ca8dd8b68168&utm_medium=email &utm_source=petition_update&utm_term=cs MERCOLED 23 GENNAIO SI SVOLTO IL PRESIDIO DI SOLIDARIET "TORINO STA CON CHI COMBATTE L'ISIS" al tribunale di Torino durante l'udienza per la sorveglianza speciale chiesta per Paolo, Eddi, Jak, Davide e Jacopo cinque giovani che a vario titolo negli ultimi due anni hanno sostenuto sul campo gli sforzi delle popolazioni della Siria del Nord in difesa della rivoluzione confederale contro l'aggressione dello Stato Islamico. QUALCHE FOTO: https://photos.app.goo.gl/XM5dghZ9uiQ4TuCR8 24 genn 19 Ancora in marcia : "DISASTRO FERROVIARIO DI PIOLTELLO, UN ANNO DOPO Un treno di pendolari della Trenord Spa deragli all'alba. Tre morti e decine di feriti. I ferrovieri denunciano una inquietante e incomprensibile resistenza alla trasparenza. Ad un anno dal disastro diffidano il ministero dei trasporti e annunciano citazione in giudizio: "vogliamo conoscere e sapere, non dimenticare". Tutti i dubbi sulla manutenzione del binario. .Oggi, ad un anno dall'incidente, nel ricordare le vittime e i feriti e mentre l'inchiesta della magistratura prosegue, abbiamo anche il dovere di dare conto di quello che i ferrovieri stanno facendo per dare il loro contributo al miglioramento delle condizioni di sicurezza dell'intera rete. Purtroppo abbiamo trovato una resistenza inaspettata e un vero e proprio muro di sbarramento da parte del dirigente della DIGIFEMA, l'Uffico investigativo sugli incidenti ferroviari, Fabio Croccolo, il quale ha ripetutamente negato ai nostri Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), l'accesso alle informazioni disponibili, cos come previsto dalla legge. Per questa ragione, trascorsi alcuni alcuni mesi senza che vi fosse un cenno di disponibilit ed ormai un anno dall'incidente, hanno dato incarico al loro legale, Alessandro Brunetti di diffidare personalmente il dirigente e il ministero di Danilo Toninelli, quale ministro responsabile pro tempore, ad attenersi alle previsioni di legge sulla partecipazione e trasparenza in tema di inchieste ferroviarie. " http://www.inmarcia.it/home/812-disastro-ferroviario-di-pioltello-un-anno-dopo VENERD 25 GENNAIO IL TGR DA MOLTA RISONANZA ALLE DIFFERENZE TRA LEGA E M5S, SALVINI VUOLE SUBITO LA TORINO-LIONE senza stazione a Susa e visiter il cantiere, mentre Toninelli punta sulla manutenzione delle linee ferroviarie e ricorda l'incidente di Milano Pioltello di un anno fa, dove si sarebbe potuto evitare l'incidente con i morti ed i feriti.. Chiamparino invita a votare la mozione presentata dal PD che chiede che si sblocchino gli appalti. Il Presidente Conte afferma che necessario rivedere le valutazioni che sono state fatte pi di 20 anni fa. TG R del 25-GEN-2019 ore 1400 https://www.youtube.com/watch?v=qGdL5DI2Pk8 TG R del 25-GEN-2019 ore 1930 https://www.youtube.com/watch?v=wDga8YmBqfc VEDI ARTICOLI IN R. S. SABATO 26 GENNAIO AD AVIGLIANA SI SVOLTA LA MANIFESTAZIONE CONTRO LA LEGGE "SICUREZZA E IMMIGRAZIONE" a cui ha partecipato anche il Movimento NOTAV QUALCHE FOTO Di Diego: https://photos.app.goo.gl/ba2JNtrUFkjA6rw56 Di Luca : https://photos.app.goo.gl/KPCEk8akNwUE8LL56 SABATO 26 GENNAIO SI SVOLTA UNA ASSEMBLEA NAZIONALE PRESSO L'UNIVERSIT LA SAPIENZA DI ROMA in vista della manifestazione del 23 marzo prossimo che vedr scendere in piazza nella capitale comitati, associazioni, movimenti e singoli che da anni si battono contro le Grandi Opere Inutili e Imposte e per l'inizio di una nuova mobilitazione contro i cambiamenti climatici e per la salvaguardia del Pianeta. Appello prodotto dall'assemblea: "MARCIA PER IL CLIMA, CONTRO LE GRANDI OPERE INUTILI non serve il governo del cambiamento, serve un cambiamento radicale #siamoancoraintempo Chi siamo Siamo i comitati, i movimenti, le associazioni e i singoli che da anni si battono contro le grandi opere inutili e imposte e per l'inizio di una nuova mobilitazione contro i cambiamenti climatici e per la salvaguardia del Pianeta. Abbiamo iniziato questo percorso diversi mesi fa, ritrovandoci a Venezia lo scorso settembre, poi ancora a Venaus, in Val Susa e in molti altri luoghi, da nord a sud, dando vita ad assemblee che hanno raccolto migliaia di partecipazioni. Siamo le donne e gli uomini scesi in Piazza lo scorso 8 dicembre a Torino, a Padova, Melendugno, Niscemi, Firenze, Sulmona, Venosa, Trebisacce e in altri luoghi. Dall'assemblea di Roma del 26 gennaio lanciamo l'invito di ritrovarsi a Roma il 23 Marzo per una manifestazione nazionale che sappia mettere al centro le vere priorit del paese e la salute del Pianeta. E' necessario che le risorse pubbliche vengano destinate ad una buona sanit, alla creazione di servizi adeguati, al sostegno di una scuola pubblica e di universit libere e sganciate dai modelli aziendalisti, ad un sistema pensionistico decoroso, ad una corretta politica sull'abitare e di inclusione della popolazione migrante con pari diritti e dignit. APPUNTAMENTI VERSO IL 23 MARZO (agenda ancora in aggiornamento): 27 gennaio: Vicenza. Assemblea regionale dei comitati veneti 2 febbraio: Roma. Rete Stop TTIP Assemblea nazionale 2 febbraio: Napoli. Assemblea Regionale Stop Biocidio 3 febbraio: Termoli. Assemblea di movimenti e comitati in lotta contro la deriva petrolifera. 23 febbraio: Tito. Assemblea coi sindaci No Triv della Basilicata e della Campagna. Fine febbraio (data in definizione): Napoli. Prossima assemblea nazionale verso il 23 marzo. 8 marzo: Non una di Meno Sciopero Globale Transfemminista. 8-9-10 marzo: Roma. A Sud. Tavoli su giustizia climatica, energia, ecofemminismo. 15 marzo: Global Climate Strike 22 marzo: Roma. Giornata su alimentazione agroecologia a cura di Genuino Clandestino 15-31 marzo: Fabriano. Festival Terre Altre. SIAMO ANCORA IN TEMPO PER BLOCCARE LE GRANDI OPERE INUTILI E INUTILI SIAMO ANCORA IN TEMPO PER CONTRASTARE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO SIAMO ANCORA IN TEMPO PER DECIDERE NOI IL NOSTRO FUTURO!" http://www.notav.info/post/23-03-roma-appello-marcia-per-il-clima-contro-le-grandi-opere-inutili/ 27 genn 19 FQ : "NO TAV, IN VAL SUSA TRA DIFFIDENZA E ATTESA: "M5S? QUI DIVENTATO PRIMO PARTITO, SE CI TRADIR PRENDER UNA BATOSTA" di Simone Bauducco "Non abbiamo mai avuto governi amici, ma abbiamo imparato a contare solo sulle nostre forze delegando il meno possibile". " VIDEO : https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/27/no-tav-in-val-susa-tra-diffidenza-e-attesa- m5s-qui-e-diventato-primo-partito-se-ci-tradira-prendera-una-batosta/4918170/ Luned 28 Gennaio Claudio Giorno: "FACCIO LISTE, VEDO GENTE... Non credo che tra i miei amici di Facebook ci sia ancora qualcuno che crede che le fake news abitino nella rete mentre sui siti e sulle pagine dei giornali sia di casa la verit... Ma se ce ne fosse uno che sia uno, allora sappia che quanto riportato sopra un esempio da manuale di falsificazione a scopo politico, quale che sia l'opinione delle persone citate sul governo gialloverde e sulla opposizione carioca che siede in parlamento dal 4 marzo scorso. (Quanto al definirmi "giornalista" mi pare pi che sufficiente per una richiesta danni morali se non materiali) https://www.facebook.com/notes/claudio-giorno/faccio-liste-vedo-gente/10156203410928691/ 28 genn 19 Spiffero: " LISTA NO TAV CONTRO I CINQUESTELLE Il simbolo del treno crociato potrebbe comparire sulla scheda elettorale delle prossime Regionali. Due incontri in Valsusa per mettere a punto un'operazione che punta soprattutto a "punire" il M5s, colpevole di "alto tradimento" "...a quanto risulta allo Spiffero, la prima si tenuta a casa di Oscar Margaira, storica figura dei No Tav, autore di un paio di libri in cui spiega le ragioni per opporsi alla Torino-Lione diventati sorta di bibbia per il movimento, poi assessore comunale di Villar Dora. Tra i presenti il giornalista ambientalista Claudio Giorno e Gigi Richetto, professore in pensione di storia e filosofia. E a quanto pare c'era, soprattutto, il leader storico dei No Tav valsusini Alberto Perino(...)" http://www.lospiffero.com/ls_article.php?id=43883 Bruxelles 28 gennaio, nota congiunta della presidente della Commissione per i trasporti e il turismo dell'UE Karima Delli con la co-presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni: "NESSUNA PENALE PER IL TAV, POTENZIARE LINEA ESISTENTE Bruxelles 28 gennaio: Lo ha affermato la presidente della Commissione per i trasporti e il turismo dell'UE Karima Delli, in una nota congiunta con la co-presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni. .Ribadiamo perci la nostra convinzione che il tunnel della Valsusa non sia un'opera prioritaria n per l'Italia n per la Francia n per l'Europa.. Il progetto era stato proposto sulla base di stime di traffico in gran parte esagerate: tra il 1980 e il 2000, il traffico sulla linea attuale era di 7/10 milioni di tonnellate, mentre oggi si ridotto a 3 milioni di tonnellate. Anche il progetto si negli anni prosciugato, riducendosi al tunnel, ossia la parte pi mediatica ma anche meno necessaria. Non c' inoltre alcun pericolo di sanzioni da parte dell'Unione europea. L'UE aveva deciso di finanziare solo opere preliminari e studi per 813 milioni di euro, in relazione al bilancio pluriannuale 2014-2020, chiaramente insufficienti per coprire tutta l'opera. Non stata ancora presa alcuna decisione in merito a quali opere andranno i fondi del bilancio 2021-2027. Ci significa che non sono ancora stati stanziati nuovi fondi e che non ci sono sanzioni da pagare. Quello che invece possibile e doveroso fare potenziare la linea ferroviaria gi esistente (attraverso interventi mirati che migliorino capacit ed efficienza di carico), che ha un potenziale pari a 20/21 milioni di tonnellate l'anno. Non c' alcuna giustificazione economica (n tantomeno ambientale) per la costruzione di un ulteriore valico, quando si pu puntare sulla linea attuale." http://www.notav.info/senza-categoria/presidente-commissione-trasporti-ue-nessuna-penale-per-il- tav-potenziare-linea-esistente/ QUESTO NON VIENE RIPORTATO DAI MEDIA, CHE INVECE CONTINUANO A FARE INFORMAZIONE A SENSO UNICO (VEDI ANCHE ARTICOLI IN R.S. ALLEGATA) LUNED 28 GENNAIO ANNUNCIATA LA PRESENTAZIONE DI TRE MOZIONI SITAV PD, FI e FdI che dovranno essere discusse domani alla camera per chiedere al Governo lo sblocco dei cantieri Il PD annuncia che denuncer il Ministro Toninelli per danno erariale, per i mancati contributi UE. TG R del 28-GEN-2019 ore 1930 https://www.youtube.com/watch?v=J2LK9Skgvww MARTED 29 GENNAIO UN DOSSIER COMMISSIONATO DA SALVINI CALCOLA CHE NON REALIZZARE LA TORINO-LIONE, COSTEREBBE ALL'ITALIA UN TOTALE DI 24 MILIARDI DI EURO Alla Camera le tre mozioni presentate non sono state messe in votazione in attesa di una unitaria che presenterebbe la Lega con i 5 stelle Patrizia Ghiazza (une delle 7 Madamine) ha presentato un marchio, "onda" arancione, in vista delle prossime elezioni. TG R del 29-GEN-2019 ore 1400 https://www.youtube.com/watch?v=gvFVugoDpHQ TG R del 29-GEN-2019 ore 1930 https://www.youtube.com/watch?v=YssstBHqEsE MARTED 29 GENNAIO AD AVIGLIANA SI E' SVOLTO UN INCONTRO ELETTORALE ORGANIZZATO DA FERRENTINO con Chiamparino, qualche politico e industriale locale e 3 madamin sul futuro della Valle, ovviamente legato alle infrastrutture costruzione della Torino- Lione, al ristorante King Ross, come sempre blindato dalla polizia che bloccava gli accessi. VIDEO CONTESTAZIONE NO TAV: https://www.youtube.com/watch?v=n_zIcsJkZV8 VEDI ARTICOLO IN R.S. ALLEGATA "ARCHIVIATO. L'OBBLIGATORIET DELL'AZIONE PENALE IN VALSUSA" E' ON LINE! https://www.youtube.com/watch?v=Ev7Sa-cuz5w "Archiviato il film pi visto da chi ha cuore la giustizia e pi osteggiato da chi lavora nel campo della legge. Il pi vietato negli ambiti della magistratura Il film che ha fatto scandalizzare i "democratici" perch presentato senza contraddittorio Il film che nonostante gli inviti a giudici e magistratinon ha mai visto nessuno accettare per un contraddittorio Il documentario pi puntuale e preciso sull'azione della procura torinese oggi coinvolta in una resa dei conti patetica 27 sett 18 NOTAV Info : "ARCHIVIATO IL FILM COMPLETO ONLINE" http://www.notav.info/post/archiviato-il-film-completo-online/ "UN VIAGGIO CHE NON PROMETTIAMO BREVE. 25 ANNI DI LOTTE #NOTAV " SCARICABILE GRATUITAMENTE in Pdf, ePub, Kindle IL LIBRO DI WU MING 1 "Un viaggio che non promettiamo breve uscito alla fine del 2016 e oggi, alla buon'ora, lo mettiamo a disposizione in download gratuito, senza DRM, in quattro diversi formati https://www.wumingfoundation.com/giap/2018/10/scarica-un-viaggio-che-non-promettiamo- breve/#more-35137 SCARICA "UN VIAGGIO CHE NON PROMETTIAMO BREVE": ePub Kindle (Mobi) Kindle (azw3) Pdf https://www.wumingfoundation.com/italiano/Wu_Ming_1- Un_viaggio_che_non_promettiamo_breve.pdf ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI IN ALLEGATO (VEDI anche su : http://davi-luciano.myblog.it/) 23 genn 19 Sole 24 ore : "LANDINI AL VERTICE DELLA CGIL, LE INCOGNITE SU RAPPRESENTANZA E TAV La Cgil ad un passo dall'accordo per il nuovo vertice, con Maurizio Landini (nella foto Ipp) segretario generale e Vincenzo Colla vice di Giorgio Pogliotti La Cgil volta pagina, finisce la stagione di Susanna Camusso con il passaggio di consegne a Maurizio Landini. Alla fine, nella tarda notte di mercoled, al congresso di Bari stata raggiunta un'intesa con l'altro candidato, Vincenzo Colla, per evitare una spaccatura tra i sostenitori dei due schieramenti. Colla otterr il posto di vicesegretario generale e sar affiancato da una donna, probabilmente Gianna Fracassi, considerata pi in continuit con il tandem Camusso-Landini.. Restano diverse incognite. Landini non ha mai chiarito pubblicamente se la sua posizione sull'accordo sulla rappresentanza intesa che regola le relazioni industriali - nel frattempo sia cambiata, cos come se sia venuto meno il sostegno ai No Tav (la Cgil sostiene la Tav). La sua elezione a segretario generale della Cgil sar l'occasione per un chiarimento definitivo su questi temi". https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2019-01-23/landini-vertice-cgil-incognite-rappresentanza- e-tav--122638.shtml?uuid=AEznVWKH 25 genn 19 Manifesto : "LA CGIL RITROVA L'UNIT E ELEGGE LANDINI SEGRETARIO Il congresso di Bari. All'ex leader della Fiom il 92,7% dei voti: Sento una grande responsabilit. Primo problema da affrontare, quello della rappresentanza dei giovani Massimo Franchi Negativo il giudizio sul reddito di cittadinanza: Il problema la confusione che sta facendo questo governo che comunque non ha mai ripristinato l'articolo 18 come annunciato. La povert c' ma non si pu pensare di affrontarla mescolandola con le politiche del lavoro. Fai solo una grande confusione e non affronti n l'una n l'altro. SULLA TAV (Landini ha appoggiato la lotta No tav negli anni scorsi) la risposta articolata: La scelta di andare verso un blocco generalizzato di tutti i cantieri non intelligente, c' un problema di piano straordinario delle infrastrutture, materiali ma anche sociali, non solo di grandi opere. Di sicuro serve potenziare le ferrovie anche da altre parti, come la linea adriatica: serve un piano straordinario di investimenti e per il Mezzogiorno." https://ilmanifesto.it/la-cgil-ritrova-lunita-e-elegge-landini-segretario/ 25 genn 19 Sky tg24 : "CGIL, LANDINI, IL 9 FEBBRAIO IN PIAZZA CONTRO MANOVRA, SERVONO ALTRE POLITICHE Il nuovo segretario generale attacca la manovra: "Non c' l'evasione fiscale, non si modifica la Fornero, non si combatte la povert". "La Cgil dice s alla Tav", aggiunge, chiedendo maggiore attenzione alla manutenzione di tutto il territorio, soprattutto il Sud .."La Tav va portata avanti, ma anche la manutenzione del territorio" In risposta a una domanda sulla posizione del sindacato sull'Alta velocit Torino-Lione, uno dei temi motivo di scontro all'interno dell'esecutivo, Landini risponde: "La posizione della Cgil dice in modo molto esplicito che un errore aver bloccato tutte le grandi opere e tutti cantieri cos come stato fatto. Quindi noi diciamo che deve esserci uno sblocco dei cantieri", chiarisce. "Ma al tempo stesso prosegue l'ex segretario della Fiom diciamo anche che il problema del nostro Paese non sono solo le grandi opere, ma anche la manutenzione e cura del territorio". Landini porta l'esempio del Sud, dove "non ci sono le ferrovie adatte, le strade adatte, c' un problema di estensione delle tecnologie digitali, siamo di fronte a un arretramento del Paese. Dentro questa legge di stabilit sono stati tagliati soldi che dovevano essere investiti dallo Stato anche per le cosiddette ferrovie secondarie che trasportano molte persone". "Quello che noi critichiamo attacca Landini che non c' un piano, una visione di quello che dovrebbe essere il Paese nei prossimi anni. E tra l'altro definire un piano di investimenti consistenti avrebbe anche il pregio di andare in Europa e fare una battaglia vera per chiedere che questi investimenti vengano scontati dal debito e dal deficit"." VIDEO: https://tg24.sky.it/economia/2019/01/25/cgil-maurizio-landini-intervista.html 24 genn 19 Repubblica : "TAV, SALVINI: "VA FATTA, ANDR A VISITARE IL CANTIERE". Chiamparino: "Porti pure Toninelli e voti per riaprire le gare d'appalto" M5s in rotta di collisione: "Se i costi superano i benefici non si fa". Anche il neosegretario Cgil, Landini, conferma la linea nazionale del sindacato sulla Torino-Lione: "Bloccare i cantieri non intelligente" ."La Tav va assolutamente fatta - ha aggiunto - anche perch costa pi non farla che farla. Sto ancora aspettando questa benedetta analisi costi-benefici di cui non ho ancora visto una pagina".. Anche il neosegretario generale Cgil, Maurizio Landini, nel corso della conferenza stampa seguita alla sua elezione, ha confermato la posizione del suo sindacato a livello nazionale sulla Torino-Lione: "La Cgil ha sulla Tav, sulle grandi opere, una posizione precisa: andare verso il blocco di tutti cantieri non credo sia una cosa grandemente intelligente. Ma allo stesso tempo c' anche un problema relativo ad un piano straordinario di investimenti in infrastrutture non solo materiali ma anche sociali che non viene realizzato".." https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/01/24/news/tav_salvini_rompe_gli_indugi_va_assolutame nte_fatta_andro_a_visitare_il_cantiere_nei_prossimi_giorni_-217381330/ 24 genn 19 FQ : "TAV, SALVINI: "VA FATTA. ANDR DAGLI AGENTI CHE DIFENDONO IL CANTIERE". M5s: "I soldi dei cittadini vanno usati con diligenza" Il leader legista riaccende la polemica nel giorno dell'accordo sulla questione delle trivellazioni. "Costa di pi fermarsi, con qualche variazione, che riempire i buchi gi fatti. Spero arrivi questo benedetto studio costi-benefici di cui io non ho visto neanche una pagina". I pentastellati: "Se i costi saranno superiori ai benefici non si far" "La Tav va fatta: costa di pi fermarsi, con qualche variazione, che riempire i buchi gi fatti. Spero arrivi questo benedettostudio costi-benefici di cui io non ho visto neanche una pagina. Nei prossimi giorni sar a Chiomonte dove le forze dell'ordine vivono da mesi per difendere un cantiere della Tav spesso oggetto di violenze". Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini, registrando il programma Povera Patria in onda domani su Rai2, ribadisce la linea del s all'alta velocit sempre seguita dal Carroccio e riaccende la polemica con gli alleati di governo. Salvini: "Tav? I miei tecnici mi hanno dato dati che dimostrano che conviene farla"." https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/24/tav-salvini-va-fatta-andro-dagli-agenti-che-difendono- il-cantiere-m5s-i-soldi-dei-cittadini-vanno-usati-con-diligenza/4922301/ 24 Genn 19 FQ : "TAV E LAVORO, I NUMERI REALI: I '4MILA OCCUPATI' (CHE SONO 400 PER 10 ANNI), LO SCENARIO FORMIDABILE DI '50MILA POSTI INDIRETTI' La battaglia sulla Torino-Lione si gioca anche sulla ricaduta occupazionale. Gli "800 operai attualmente impegnati" raccontati dai giornali? 530 sono in Francia, oltre 250 sono impiegati di Telt, 10 soltanto sono a Chiomonte. Industriali, sindacati e opposizioni lanciano per l'allarme su migliaia di posti a rischio: in prospettiva saranno massimo 720 l'anno con una media di 470 nei dieci previsti. Sull'occupazione indiretta, invece, molti numeri ma nessuna certezza. Ecco il punto di Thomas Mackinson Va precisato per, giacch quasi nessuno lo fa, che i 4mila posti sono in realt spalmati in dieci anni con un picco nel 2022-2023 rispettivamente di 756 e 722 addetti e poi il calo fino ai 104 del 2029 (tabella con andamento occupazionale https://st.ilfattoquotidiano.it/wp- content/uploads/2019/01/21/clas-sett-2018-011-1.jpg). La media per anno di 476 posti e questo dato pi correttamente rappresentato che nelle semplificazioni da titolo di giornale o nelle dichiarazioni dei politici rende meglio il peso reale della "questione occupazionale" diretta: vista cos, la Tav l'equivalente di una media azienda di riguardo, importante sicuramente, ma analoga alle 3.787 con pi di 250 addetti attive in Italia (dato Istat estratto il 19 gennaio 2019). Semmai con una differenza importante che non depone a favore: la "azienda Tav", come tutte quelle di cantiere, vive solo per dieci anni. Alla fine lavori, prevista per il 2029, chiude e il 99% delle maestranze mobilitate torna a casa. "Certo dicono dagli uffici Telt di Torino alla fine resteranno essenzialmente iresponsabili di esercizio e manutenzione dell'opera". L'indotto dei "50mila posti" Per ammissione degli stessi promotori l'effetto occupazionale della messa in esercizio della linea "non mai stato incentrato sull'obiettivo di creare qualche centinaio di posti di lavoro". E' scritto nelle contro-deduzioni del governo alla Comunit montata ormai sette anni fa: quei posti di lavoro si legge nel documento datato 2012 sono "un importante effetto indiretto della messa in esercizio, ma sono solo una piccola parte dei benefici attesi per l'intero sistema economico Piemontese, a seguito della realizzazione della nuova linea" (http://presidenza.governo.it/osservatorio_torino_lione/PDF/DOC_controd_CMVSS16_4_2012.pdf #page=41)." https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/24/tav-e-lavoro-i-numeri-reali-i-4mila-occupati-che-sono- 400-per-10-anni-lo-scenario-formidabile-di-50mila-posti-indiretti/4912302/ 27 genn 19 FQ : "TAV, IL CONTRO-DOSSIER DELLA LEGA UN FRULLATO DI DATI GI SMENTITI Disperata guerra contro il tempo sull'analisi costi-benefici del governo Stefano Feltri .Come spiega un importante leghista di governo, "non c' un vero studio alternativo, ma stiamo raccogliendo documenti e dati per essere pronti quando l'analisi costi-benefici di Toninelli sar pubblicata, per esempio abbiamo recuperato i dati dell'Osservatorio di palazzo Chigi sul Tav". Tra Francia e Italia passano circa 42 milioni di tonnellate di merci ogni anno, solo 3,9 milioni via treno, in declino rispetto a 20 anni fa. Finora per il Tav Torino-Lione sono stati spesi circa 1,4 miliardi: ne mancano altri 10. Andare avanti costerebbe all'Italia almeno 3 miliardi (il 35% del tunnel di base, 8,6 miliardi secondo il costruttore Telt) pi i due per il collegamento finale da parte italiana. Dopo aver vagheggiato per anni miracolosi benefici - sempre pi difficili da sostenere visto che il traffico merci e passeggeri con la Francia stagnante - la Lega si prepara a contestare la stima dei costi effettivi dello stop ai lavori. Nello scarno dossier leghista c' anche un articolo di due economisti della Bocconi appena uscito su Lavoce.info, sito che in passato ospitava gli articoli di Ponti e del suo braccio destro Francesco Ramella molto critici sul Tav." https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/01/27/tav-guerra-finale-della-lega-a-colpi- di-vecchi-numeri/4927073/ LO STUDIO CITATO: 25 genn 19 La voce Info "COSTI E BENEFICI DELLE NUOVE LINEE FERROVIARIE: CHI HA RAGIONE? Massimo Tavoni e Marco Percoco https://www.lavoce.info/archives/57218/costi-e-benefici-delle-nuove-linee-ferroviarie-chi-ha- ragione-3/ 29 genn 19 Stampa : "CONTRO-DOSSIER DI SALVINI: LA SOSPENSIONE DELLA TAV CI COSTEREBBE 24 MILIARDI Un altro strappo con il M5S. Il vicepremier: "Da loro solo elucubrazioni" Leghisti all'attacco: nella costi-benefici ipotizzate spese che non esistono Un altro strappo con il M5S. Il vicepremier: "Da loro solo elucubrazioni" Leghisti all'attacco: nella costi-benefici ipotizzate spese che non esistono Amedeo La Mattina Andrea Rossi .Il conto finale di un no alla Tav, come rivelato da uno studio commissionato nel 2014 da Ltf (oggi diventata Telt) al Centro di Economia regionale, dei trasporti e del turismo della Bocconi, di 20,3 miliardi e riguarda i mancati benefici socio-economici dovuti al blocco temporaneo o definitivo dei cantieri. Una stima larga, che tiene conto delle prospettive di crescita degli scambi tra l'Italia e l'Ovest europeo, superiori ai 172 miliardi l'anno e tornati oltre i valori pre-crisi (+5% sul 2007). Secondo le analisi del professor Zucchetti nel 2030 i beni da trasportare supereranno i 50 milioni di tonnellate l'anno che diventeranno almeno 55 milioni, ma pi probabilmente tra i 65 e i 75 entro il 2050. Questi sono i benefici in termini di Pil e posti di lavoro cui l'Italia sceglierebbe di rinunciare dicendo addio alla Torino-Lione. Poi ci sono gli effetti negativi immediati, che lo studio quantifica in una cifra che oscilla tra 2,9 e 4,2 miliardi a seconda delle voci considerate: i fondi da restituire a Francia ed Europa per i 65 chilometri di sondaggi e i 25 di gallerie gi scavati (900 milioni), i costi per mettere in sicurezza le aree di cantiere (sette anni di lavori per circa 280 milioni cui aggiungerne altri 100 per la sorveglianza da parte delle forze dell'ordine), e ancora i contratti da rescindere. Infine ci sono i costi (tra 1,4 e 1,7 miliardi) per mettere a norma l'attuale tunnel del 1871, una galleria di 14 chilometri senza una sola uscita di sicurezza, dove potrebbero passare 94 treni al giorno ma ne sono autorizzati solo 38 perch gli standard europei non sono rispettati. " https://www.lastampa.it/2019/01/29/italia/controdossier-di-salvini-la-sospensione-della-tav-ci- costerebbe-miliardi-bTo6iVlceKvEYbANBU6agN/premium.html 30 genn 19 Sole 24 ore : "LA TAV, GLI STUDI E IL PRIMATO DEI NUMERI Roberto Zucchetti ..Concordo con Cuneo che lo strumento dell'analisi costi-benefici non sia adatto a dire l'ultima parola su una scelta complessa come quella di realizzare la nuova ferrovia Torino-Lione. Comincio invece a dissentire sulle tre alternative prospettate: Non spendere assolutamente niente, spendere gli stessi soldi in altre opere pubbliche o spenderli in assistenzialismo, come il reddito di cittadinanza. Come chiunque sia minimamente informato sa, non possibile spendere nulla: abbiamo cantieri attivi in Italia e Francia e abbiamo scavato quasi 30 chilometri di gallerie. Come minimo si deve smontare tutto e mettere in sicurezza: stima 250 milioni di euro. Inoltre, senza entrare nelle diatribe lessicali (penali o indennizzi), chiaro che Francia e Unione europea vorranno indietro i soldi che hanno speso contando che l'Italia onorasse il trattato internazionale votato dal Parlamento e sottoscritto (oltre 1 miliardo da restituire); inoltre le imprese che stanno lavorando e che hanno impiantato i cantieri, otterranno dal tribunale civile di Lione (competente a decidere sulla questione) risarcimenti a vario titolo che possiamo ipotizzare intorno a 300 milioni. Perderemmo anche 813 milioni di cofinanziamento europeo e dovremmo investire almeno 1,5 miliardi per la messa in sicurezza della linea ferroviaria attuale. Un danno per l'Italia di oltre 3,8 miliardi." https://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2019-01-30/la-tav-studi-e-primato-numeri- 162458.shtml?uuid=AFs04OC&refresh_ce=1 25 genn 19 Manifesto : "PIEMONTE, LA FANTA ALLEANZA PD-FI IN NOME DELLA TAV Grandi opere. Circola un sondaggio in vista delle regionali che sponsorizza le larghe intese in nome della grande opera. Le "madamin" negano la maternit dell'operazione, che potrebbe chiamarsi "l'onda" Mauro Ravarino In Piemonte si avvicinano le elezioni regionali. E, mentre gli schieramenti si definiscono e il Tav egemonizza il dibattito politico, aleggia un sondaggio segreto commissionato per valutare se una lista centrista S Tav promossa da alcune delle organizzatrici delle due manifestazioni a favore della Torino-Lione, magari dal nome L'Onda possa far nascere un'alleanza tra Forza Italia e Pd. Non nelle possibilit per l'attuale governatore, Sergio Chiamparino, candidato del centrosinistra impegnato a organizzare l'assemblea S al Piemonte del S. S al Tav e allo sviluppo. Tra i tifosi del S, uno degli uomini che pi si esposto negli ultimi tre mesi l'ex sottosegretario ai Trasporti di Forza Italia Mino Giachino, che proprio nelle ultime ore ha registrato l'associazione S Lavoro S Tav. Movimento per la crescita con l'idea di non sprecare il grande consenso raccolto e trasformarla in una lista civica." https://ilmanifesto.it/piemonte-la-fanta-alleanza-pd-fi-in-nome-della-tav/ 27 genn 19 FQ : "TUTTI IN LISTA COL S, LA MADAMINA SI FA IL SIMBOLO Dopo Chiamparino e Giachino arriva anche "L'Onda". E il logo divide le sette torinesi Massimo Novelli .A bruciare sul tempo tutti, comunque, stata Patrizia Ghiazza, una delle sette madamine torinesi pro-Tav di rigorosa mezza et. Ha depositato il simbolo arancione "L'Onda", che pu preludere a una lista elettorale. La mossa della signora, di professione cacciatrice di teste, ha spiazzato le altre pasionarie del "Comitato S Torino va avanti", che hanno subito replicato: "Il Comitato rispetta l'iniziativa che Patrizia Ghiazza ha preso a titolo personale. Proseguiremo nel nostro impegno civile e apartitico a sostegno dei temi e delle iniziative che riguardano i cittadini come noi"." https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/01/27/tutti-in-lista-col-si-la-madamina-si- fa-il-simbolo/4927082/ 29 genn 19 Torino Oggi : "SINDACI, IMPRENDITORI, SINDACALISTI E "MADAMIN" AD AVIGLIANA PER LA TORINO-LIONE: I NO TAV FUORI IN PROTESTA All'incontro sulle infrastrutture, promosso dal consigliere regionale dem Antonio Ferrentino, ha partecipato anche il Presidente della Regione Sergio Chiamparino Sindaci, esponenti del Pd piemontese regionale e nazionale, imprenditori locali, rappresentanti delle categorie commerciali ed economiche, organizzazioni sindacali ed anche tre delle sette "madamin". questo il composito ventaglio - di circa 250 persone - che questa sera ha affollato il ristorante King Rose di Avigliana per l'incontro promosso dal consigliere regionale dem Antonio Ferrentino con il Presidente della Regione Sergio Chiamparino sul tema delle infrastrutture. Un appuntamento in vista per le regionali 2019, in un territorio sicuramente non facile per il Pd. All'arrivo il governatore stato accolto dalle urla di una trentina di attivisti No Tav che - muniti di bandiere, pentole, fischietti - avevano occupato la rotonda di ingresso in segno di protesta, per poi bloccare l'ingresso alle auto. Tra di loro anche la consigliera regionale del M5S Francesca Frediani, che su Facebook ha scritto: "Stasera Chiampa offre la pizza a tutti i S TAV. Il rinforzo per lo paghiamo noi."" http://www.torinoggi.it/2019/01/29/leggi-notizia/argomenti/cronaca-11/articolo/sindaci- imprenditori-sindacalisti-e-madamin-ad-avigliana-per-la-torino-lione-i-no-tav-fuori-in.html 27 genn 19 FQ : "GRANDI OPERE E CLIMA, IL FRONTE DEI NO VERSO UN UNICO MOVIMENTO NAZIONALE Il 23 marzo ci sar la prima manifestazione comune a Roma Maria Cristina Fraddosio Si compatta il fronte dei no e ambisce a costruire un movimento globale che metta in crisi l'attuale modello di sviluppo estrattivista. Non pi singole lotte dislocate sul territorio nazionale, ma un unico movimento. In trecento si sono incontrati ieri pomeriggio alla Sapienza per l'assemblea pubblica in vista della manifestazione del 23 marzo a Roma. Il comune denominatore dei vari comitati impegnati nella difesa del territorio e della salute la lotta contro le grandi opere, ritenute inutili e dannose, a difesa del clima. All'appello non manca nessuno. I no Tav in prima linea affiancati dai no Tap, no Hub del gas, no Triv, no Muos, no Mose, no Pedemontana, no Terzo Valico, no Grandi Navi. Non mancano i comitati della Terra dei Fuochi, quelli per l'acqua bene comune, i Cobas, i tarantini impegnati sul fronte Ilva, quelli contrari alla centrale di gas prevista a Sulmona, quelli in lotta contro i pozzi di stoccaggio del gas in Lombardia, gli studenti universitari, i no agli inceneritori e al ponte sullo Stretto e anche i contadini e i movimenti femministi. " https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/01/27/grandi-opere-e-clima-il-fronte-dei- no-verso-un-unico-movimento-nazionale/4927136/ 28 genn 19 Dinamopress : "NO GRANDI OPERE E GIUSTIZIA CLIMATICA: IN ASSEMBLEA A ROMA VERSO IL 23 MARZO ..Le esperienze territoriali di resistenza alla speculazione e allo scempio dei territori si sono confrontate a lungo per costruire la pi ampia e allargata partecipazione al corteo di marzo. Un filo rosso che ha unito moltissimi interventi il collegamento tra la devastazione delle grandi opere nei territori e il cambiamento climatico. Questo collegamento duplice: da un lato molte grandi opere sono basate sull'investimento nei combustibili fossili (Tav e Trivelle come esempi paradigmatici) e producono quantit considerevoli di Co2 attraverso la loro costruzione che sempre molto impattante. Dall'altro, queste sono tutte opere irreversibili che violentano il territorio e lo rendono incapace di adattarsi alle trasformazioni in atto dovute del riscaldamento globale. Pertanto la manifestazione si configura come un momento per chiedere al tempo stesso giustizia climatica per tutt* e lo stop alla devastazione del territorio e alla sua messa a profitto.. Condiviso da tutti l'attacco senza sconti all'attuale governo, di cui fa parte una compagine che ha spesso in passato appoggiato alcuni movimenti ecologisti e che ora ha voltato definitivamente le spalle all'ambiente per mantenere i propri equilibri politici con l'alleato leghista, ma pi in generale con il gotha del capitalismo italiano.." https://www.dinamopress.it/news/no-grandi-opere-giustizia-climatica-assemblea-roma-verso-23- marzo/ 28 genn 19 Stampa : "ATTIVISTI BLOCCANO NELLA NOTTE IL MATTATOIO A TORINO: 97 PERSONE DENUNCIATE Provengono da tutta Europa e fanno parte di 269 Libration Animale: "Vogliamo impedire con i nostri corpi il massacro degli animali" Bloccato nella notte da 100 attivisti antispecisti di 269 Libration Animale il mattatoio di Torino. Siamo venuti da tutta Europa, Belgio, Francia, Italia, Svizzera e dalle 2 di mattina ci siamo incatenati al mattatoio lungo il corridoio in cui gli animali vengono spinti prima di essere uccisi. Vogliamo impedire con i nostri corpi il massacro degli animali, spiegano i manifestanti in una nota. Gli animali vogliono vivere, non essere uccisi in condizioni migliori - aggiungono - non una semplice azione militante, ma un forte gesto politico, una vasta operazione di disobbedienza civile. un'azione diretta offensiva e collettiva che mira direttamente all'industria specista e che mostra la determinazione del nostro movimento ad ottenere il nostro scopo.,,," https://www.lastampa.it/2019/01/28/cronaca/attivisti-bloccano-nella-notte-attivit-del-mattatoio-a- torino-J24FBLbiZk6L11JiWWMvEN/pagina.html VIDEO: "DA TUTTA EUROPA PER BLOCCARE IL MATTATOIO DI TORINO" https://www.lastampa.it/2019/01/28/cronaca/da-tutta-europa-per-bloccare-il-mattatoio-di-torino- PPFYE0qIqhi3PJWLEF6TgJ/pagina.html 27 GENN 19 NON IN NOSTRO NOME. APPELLO ALLA DISOBBEDIENZA "Noi sottoscritti/e, consapevoli dell'impegno che implica questo Appello, ci rivolgiamo a tutti gli abitanti della terra chiamata Italia, per invitarli a disobbedire a leggi ingiuste e a norme inique. Ci riferiamo in particolare al cosiddetto "Decreto Sicurezza": in attesa che la Corte Costituzionale ne valuti gli aspetti inerenti alla sua legittimit, di cui dubitiamo, affermiamo con forza che le norme in esso contenute non soltanto siano inefficaci rispetto all'obiettivo dichiarato da chi lo ha voluto, in particolare il ministro dell'Interno, ma siano anche norme pericolose, disumane, e foriere di tempeste. Lanciamo questo Appello oggi, 27 gennaio, data che ricorda la liberazione da parte dell'Armata Rossa del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, nel 1945. . Angelo d'Orsi (Storico, Universit di Torino "Historia Magistra")" FIRMA: https://www.change.org/p/angelo-d-orsi-n

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body