2019 02 07 Dossier AmbienteVenezia -su Cambiamenti Climatici e Innalzamento livello dei mari

Feb 20, 2019 | | Category: Other |   | Views: 6 | Likes: 1

AmbienteVenezia Materiali d'Informazione - Febbraio 2019 Venezia, la Laguna e i cambiamenti climatici PRIMA PARTE Associazione AmbienteVenezia in collaborazione con il Comitato NOGrandiNavi Laguna Bene Comune Associazione AmbienteVenezia in collaborazione con il Comitato NOGrandiNavi Laguna Bene Comune Presentazione Questo nuovo Dossier di AmbienteVenezia il nostro contributo al dibattito sui Cambiamenti Climatici e la difesa del territorio in cui viviamo in preparazione delle mobilitazioni locali e nazionali decise nell' assemblea nazionale del 26 gennaio a Roma. In questa prima parte del dossier troverete: L'appello per la manifestazione nazionale a Roma del 23 Marzo "Marcia per il Clima, contro le grandi opere" Materiali sui Cambiamenti climatici e innalzamento dei livelli del mare Nel prossimo numero che uscir tra qualche giorno ci sar la seconda parte dove troverete: Il Mose una grande opera inutile e dannosa - e le possibili alternative in difesa di Venezia e della sua Laguna La portualit, la Laguna e il problema delle grandi navi ASSEMBLEA 26 GENNAIO ROMA e APPELLO per MANIFESTAZIONE NAZIONALI a ROMA il 23 Marzo Si svolta sabato 26 gennaio presso l'Universit la Sapienza di Roma una partecipatissima assemblea nazionale in vista della manifestazione del 23 marzo prossimo che vedr scendere in piazza nella capitale comitati, associazioni, movimenti e singoli che da anni si battono contro le Grandi Opere Inutili e Imposte e per l'inizio di una nuova mobilitazione contro i cambiamenti climatici e per la salvaguardia del Pianeta. Abbiamo da subito creduto in questo percorso, iniziato a fine settembre a Venezia e che il 17 novembre ha avuto proprio a Venaus un momento importantissimo di confronto e rilancio. Ieri centinaia di persone, dal nord al sud Italia, con entusiasmo ed idee hanno rafforzato i contenuti dell'assemblea, ponendosi obiettivi sempre pi alti, volendo rendere pi esplicito il legame tra la lotta contro le Grandi Opere Inutili ed un modello di sviluppo che sempre di pi spinge l'intero pianeta verso la catastrofe ecologica. Qui di seguito trovate l'appello prodotto dall'assemblea: Appello per la "Marcia per il clima, contro le grandi opere inutili" a Roma il 23 marzo MARCIA PER IL CLIMA, CONTRO LE GRANDI OPERE INUTILI non serve il governo del cambiamento, serve un cambiamento radicale #siamoancoraintempo Chi siamo Siamo i comitati, i movimenti, le associazioni e i singoli che da anni si battono contro le grandi opere inutili e imposte e per l'inizio di una nuova mobilitazione contro i cambiamenti climatici e per la salvaguardia del Pianeta. Abbiamo iniziato questo percorso diversi mesi fa, ritrovandoci a Venezia lo scorso settembre, poi ancora a Venaus, in Val Susa e in molti altri luoghi, da nord a sud, dando vita ad assemblee che hanno raccolto migliaia di partecipazioni. Siamo le donne e gli uomini scesi in Piazza lo scorso 8 dicembre a Torino, a Padova, Melendugno, Niscemi, Firenze, Sulmona, Venosa, Trebisacce e in altri luoghi. Dall'assemblea di Roma del 26 gennaio lanciamo l'invito di ritrovarsi a Roma il 23 Marzo per una manifestazione nazionale che sappia mettere al centro le vere priorit del paese e la salute del Pianeta. Grandi opere e cambiamento climatico Il modello di sviluppo legato alle Grandi Opere inutili e imposte non solo sinonimo, come denunciamo da anni, di spreco di risorse pubbliche, di corruzione, di devastazione e saccheggio dei nostri territori, di danni alla salute, ma anche l'incarnazione di un modello di sviluppo che ci sta portando sul baratro della catastrofe ecologica. Il cambiamento climatico uscito da libri e documentari ed venuto a bussare direttamente alla porta di casa nostra. Nel nostro paese questa situazione globale si declina in modo drammatico. La mancanza di manutenzione delle infrastrutture, la corruzione e la cementificazione selvaggia seminano morti e feriti a ogni temporale, a ogni ondata di maltempo, a ogni terremoto. Il cosiddetto "governo del cambiamento" si rivelato essere in continuit con tutti i precedenti, non volendo cambiare ci che c' di pi urgente: un modello economico predatorio, fatto per riempire le tasche di pochi e condannare il resto del mondo a una fine certa. Le decisioni degli ultimi mesi parlano chiaro. Mentre ancora si tergiversa sull'analisi costi benefici del TAV in Val di Susa, il governo ha fatto una imbarazzante retromarcia su tutte le altre grandi opere devastanti sul territorio nazionale: il TAV terzo Valico, il TAP e la rete SNAM, le Grandi Navi a Venezia, il MOSE, l'ILVA a Taranto, il MUOS in Sicilia, la Pedemontana Veneta, oltre al tira e molla sul petrolio e le trivellazioni , con rischio di esiti catastrofici nello Ionio, in Adriatico, in Basilicata ed in Sicilia. Giustizia sociale giustizia climatica. Le catastrofi naturali non hanno nulla di naturale e non colpiscono tutti nella stessa maniera. Lo vediamo purtroppo quotidianamente e chi sta in basso, infatti, paga i costi del cambiamento climatico e della mancata messa in sicurezza dei territori. vero fuori dai grandi centri cittadini, dove la devastazione ambientale mangia e distrugge la natura, ma vero anche negli agglomerati urbani, luoghi sempre pi inquinati in cui persino i rifiuti diventano un business redditizio. vero non solo dal nord al sud dell'Italia, ma anche dal nord al sud del nostro pianeta. Milioni di migranti climatici sono costretti a lasciare le proprie terre ormai rese inabitabili e vengono respinti sulle coste europee. Nel nostro paese terremotati e sfollati vivono in situazione precarie, carne da campagna elettorale mentre le risorse per la ricostruzione non sono mai la priorit per alcuna compagine politica. Quando le popolazioni locali, in Africa come in Europa, provano ad opporsi a progetti tagliati sui bisogni di multinazionali e lobby cementifere la reazione dello Stato sempre violenta e implacabile. L'unica proposta "verde" dei nostri governanti di scaricare non soltanto le conseguenze ma anche i costi della crisi ecologica su chi sta in basso. Noi diciamo che se da una parte la responsabilit di rispondere al cambiamento climatico collettiva e interroga i comportamenti di ciascuno di noi, dall'altra siamo convinti che i costi della transizione ecologica debbano ricadere sulle spalle dei ricchi, in primis le lobbies che in questi anni si sono arricchite accumulando profitti, a discapito della collettivit e dei beni comuni. Il sistema delle grandi opere inutili e il capitalismo estrattivo sono altrettante espressioni del dominio patriarcale che sollecita in maniera sempre pi urgente la necessit di riflessione sul legame tra donne, corpi e territori e sar uno dei temi portato nelle piazze dello sciopero transfemminista globale dell'8 marzo. E' giunto il momento di capire di cosa il nostro paese e il nostro pianeta hanno davvero bisogno. Si potr finalmente cominciare a dare priorit alla lotta al cambiamento climatico, cessando cos di contrapporre salute e lavoro come invece stato fatto a Taranto, dove lo stato di diritto negato e chi produce morte lo pu fare al riparo da conseguenze legali solo: riducendo drasticamente l'uso delle fonti fossili e del gas e rifiutando che il paese venga trasformato in un Hub del gas negando il consumo di suolo per progetti impattanti e nocivi e gestendo il ciclo dei rifiuti in maniera diversa sul lungo periodo (senza scorciatoie momentanee) con l'obiettivo di garantire la salute dei cittadini praticando con rigore e decisione l'alternativa di un modello energetico autogestito dal basso, in opposizione a quello centralizzato e spinto dal mercato abbandonando progetti di infrastrutture inutili e dannose e finanziando interventi dai quali potremo trarre benefici immediati (messa in sicurezza idrogeologica e sismica dei territori , bonifiche, riconversione energetica, educazione e ricerca ambientali) E' urgente garantire il diritto all'acqua pubblica, una nuova Strategia Energetica Nazionale riscritta senza interessi delle lobbies, la messa a soluzione delle scorie nucleari, la riduzione delle spese militari, il disarmo nucleare. I nostri territori, gi inquinati da discariche fuori controllo, inceneritori e progetti inutili, sono oltremodo distrutti da monoculture e pesticidi che determinano desertificazione e minano la possibilit di una sempre maggiore autodeterminazione alimentare. E' necessario che le risorse pubbliche vengano destinate ad una buona sanit, alla creazione di servizi adeguati, al sostegno di una scuola pubblica e di universit libere e sganciate dai modelli aziendalisti, ad un sistema pensionistico decoroso, ad una corretta politica sull'abitare e di inclusione della popolazione migrante con pari diritti e dignit. Appuntamenti verso il 23 marzo (agenda ancora in aggiornamento): 27 gennaio: Vicenza. Assemblea regionale dei comitati veneti 2 febbraio: Roma. Rete Stop TTIP Assemblea nazionale 2 febbraio: Napoli. Assemblea Regionale Stop Biocidio 3 febbraio: Termoli. Assemblea di movimenti e comitati in lotta contro la deriva petrolifera. 23 febbraio: Venezia Iniziativa e mobilitazione dei comitati e associazioni del veneto come deciso a Vicenza 23 febbraio: Tito. Assemblea coi sindaci No Triv della Basilicata e della Campagna. Fine febbraio (data in definizione): Napoli. Prossima assemblea nazionale verso il 23 marzo. 8 marzo: Non una di Meno Sciopero Globale Transfemminista. 8-9-10 marzo: Roma. A Sud. Tavoli su giustizia climatica, energia, ecofemminismo. 15 marzo: Global Climate Strike 22 marzo: Roma. Giornata su alimentazione agroecologia a cura di Genuino Clandestino 15-31 marzo: Fabriano. Festival Terre Altre. Siamo ancora in tempo per bloccare le grandi opere inutili e inutili Siamo ancora in tempo per contrastare il cambiamento climatico Siamo ancora in tempo per decidere NOI il nostro futuro! Materiali sui Cambiamenti climatici e innalzamento dei livelli del mare Si concluso da poco la COP24 in Polonia, la 24tresima Conferenza sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite, con esiti estremamente deludenti Il sistema economico e produttivo globale sostenuto da un capitalismo finanziario estrattivo e predatorio dimostra di non volersi impegnare sufficientemente per ridurre l'emissione dei gas serra e per contenere il pi presto possibile l'aumento del riscaldamento del pianeta entro un massimo di 1,5 gradi L'aumento dei livelli marini si sta presentando molto pi rapido anche nei nostri mari dove le previsioni a fine secolo si potevano attestare sugli 80 centimetri come dato pi attendibile. Diversi organismi internazionali (IPCC- gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici, WMO- organizzazione metereologica mondiale, UNEP-programma ambientale dell'ONU ) da diversi anni denunciano una abnorme concentrazione di CO2 nell'atmosfera; la situazione si aggravata negli ultimi 3 anni. L'allarme degli scienziati costante e ci avvertono che i prossimi 12 anni sono importanti per invertire questa tendenza. Cambiamenti Climatici - Il mare si innalza, le coste cedono: cos l'Italia affonda Da diversi anni il mondo scientifico attraverso studi pubblicazioni e convegni internazionali lancia l'allarme e svela scenari estremamente allarmanti di seguito riportiamo quanto emerso in alcuni di questi convegni: Ad ottobre del 2013 si tenuto a Roma un importante convegno internazionale ("Estimating rates and sources of sea-level change during past warm periods", 21 al 25 ottobre 2013) promosso da un gruppo di ricerca internazionale denominato Palsea 2 (acronimo di Paleo Constraints on Sea Level Rise), che si propone di studiare le oscillazioni marine del passato con lo scopo di prevedere quelle future. Nel corso dell'incontro stato fatto il punto sulle previsioni d'innalzamento dei mari, secondo gli studi pi aggiornati svolti dall'Ipcc (il gruppo sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite), dalla Noaa (l'agenzia per gli oceani e l'atmosfera degli Usa) e da altri istituti di ricerca; e poi stato analizzato il caso italiano. Si parlato anche di un nuovo studio che dovr valutare gli effetti cumulativi dell'innalzamento dei mari e della subsidenza del terreno. Sulle coste italiane entro la fine del secolo previsto un innalzamento dei mari da un minimo di 50 centimetri a un massimo di 1,40 metri, questo a causa di due fattori: la crescita delle temperature che fa innalzare le acque e la tendenza allo sprofondamento della superficie terrestre che incrementa la sommersione. Caso ITALIA - Al convegno di Roma sono stati presentati e discussi i dati aggiornati delle zone costiere italiane esposte al rischio di sommersione, tenendo conto per la prima volta di tutti i fattori in gioco: climatici, geologici e antropici. La mappa (che trovate pi avanti) indica ben 33 localit che potrebbero trovarsi sott'acqua di qui al 2100 (dipende dalla rapidit con cui agiranno le varie cause). Lungo il versante tirrenico, dalla Versilia al Salernitano, passando per Grosseto, il delta del Tevere e la piana di Fondi, tutto un succedersi di coste destinate a scomparire. Sul versante Adriatico gli effetti negativi sono concentrati nell'ampio Golfo di Venezia e attorno al promontorio del Gargano. In Sicilia le saline di Trapani avrebbero i decenni contati. Anche la Sardegna, lungo tutto il perimetro, ha una dozzina di tratti costieri ad alto rischio di sommersione. La citt d'arte italiana pi esposta Venezia, in cui la somma dei vari effetti negativi porta a prevedere, entro il secolo, una risalita delle acque fino a un metro e mezzo. Marzo 2017 uno studio ENEA nel Mediterraneo dimostra la netta accelerazione dell'innalzamento dei mari nei prossimi 100 anni Il Mediterraneo si innalzato di circa 30 cm negli ultimi 1.000 anni rispetto a un aumento pi che triplo previsto nei prossimi 100 anni dal gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (IPCC). quanto emerge da una ricerca sulle variazioni del livello del Mediterraneo coordinata dall'ENEA, che dimostra come le previsioni al 2100 dell'IPCC rappresentino un'evidente accelerazione dell'innalzamento del livello dei mari, dovuta principalmente al cambiamento climatico. Lo studio, appena pubblicato sulla rivista scientifica Quaternary International dell'editore Elsevier, stato realizzato insieme a ricercatori dell'INGV e delle Universit di Roma "La Sapienza", Bari "Aldo Moro", Lecce, Catania, Haifa (Israele), Parigi e Marsiglia (Francia). "La ricerca ha preso in esame l'innalzamento del nostro mare in un arco temporale mai studiato prima", spiega Fabrizio Antonioli del Laboratorio Modellistica Climatica e Impatti dell'ENEA, che ha coordinato lo studio. "In mille anni aggiunge Antonioli il Mediterraneo aumentato da un minimo di 6 a un massimo di 33 cm, un livello inferiore del 65 per cento rispetto alle pi recenti proiezioni dell'IPCC, secondo le quali l'innalzamento del mare a livello mondiale stimato tra i 60 e i 95 cm entro il 2100. Si tratta di un'evidente accelerazione, dovuta principalmente al cambiamento climatico causato dall'aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera, che negli ultimi quattro anni ha superato in modo stabile il valore di 400 ppm, un livello mai toccato sulla Terra negli ultimi 23 milioni di anni". Per studiare le variazioni del livello del Mediterraneo, il team di ricerca ha preso in esame 13 siti archeologici sulle coste di Italia, Spagna, Francia, Grecia e Israele, in luoghi dove venivano estratte le mole olearie, cio le grosse pietre utilizzate per la macinazione delle olive. L'aumento pi elevato stato riscontrato in Grecia a Nea Peramos sul golfo Saronico vicino ad Atene, mentre il valore pi basso stato misurato nell'isola spagnola di Maiorca. "Questo studio sottolinea Antonioli stato realizzato in aree stabili da un punto di vista tettonico, alcune anche parzialmente sommerse, coniugando scienza e archeologia". In Italia l'indagine si concentrata in tre aree del sud - Scario (Salerno), Torre Santa Sabina, vicino Otranto (Lecce) e Punta Penne (Brindisi) - dove il livello del mare si innalzato di circa 15 cm negli ultimi mille anni. "In Italia conclude Antonioli sono 33 le aree a rischio a causa dell'aumento del livello del mare. Le zone pi estese si trovano sulla costa settentrionale del mare Adriatico tra Trieste e Ravenna, altre aree particolarmente vulnerabili sono le pianure costiere della Versilia, di Fiumicino, le Piane Pontina e di Fondi, del Sele e del Volturno, l'area costiera di Catania e quelle di Cagliari e Oristano. Il massimo aumento del livello delle acque atteso nel Nord Adriatico dove la somma del mare che sale e della costa che scende raggiunger valori compresi tra 90 e 140 centimetri". 5 luglio 2018 Roma - Livello del Mediterraneo destinato ad alzarsi Nuove mappe di rischio allagamento sono state presentate in anteprima il 5 luglio 2018 a Roma durante il vertice organizzato dall'ENEA su cambiamenti climatici e variazione del livello del Mediterraneo che riunisce fino a domani, per la prima volta in Italia, esperti italiani di organizzazioni nazionali e internazionali, tra le quali Ministero dell'Ambiente, MIT di Boston, CNR, ISPRA, INGV, CMCC Centro Euro- Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, oltre che ENEA. Un summit operativo che vede al centro della duegiorni la presentazione di un nuovo modello climatico, su cui i ricercatori dell'ENEA, in collaborazione con il MIT di Boston e la comunit scientifica italiana, stanno lavorando grazie al supporto del supercalcolatore CRESCO6 dell'ENEA, che integra dati oceanografici, geologici e geofisici per previsioni di innalzamento del livello del Mediterraneo molto dettagliate e a breve termine. "Finora le nostre proiezioni di aumento del livello del mare si sono basate su dati dell'Ipcc, la maggiore istituzione mondiale per il clima, che stimano l'innalzamento globale delle acque marine fino a quasi 1 metro al 2100. Ma questi dati difettano di dettagli regionali e per colmare questa lacuna stiamo realizzando un modello unico al mondo che combina diversi fattori, come la fusione dei ghiacci terrestri principalmente da Groenlandia e Antartide l'espansione termica dei mari e degli oceani per l'innalzamento della temperatura del Pianeta, l'intensificarsi di fenomeni meteorologici estremi e dalle maree, ma anche l'isostasia e i movimenti tettonici verticali che caratterizzano l'Italia, un Paese geologicamente attivo dove si manifestano con grande frequenza bradisismi e terremoti anche nelle aree costiere", spiega il climatologo Gianmaria Sannino, responsabile del laboratorio di "Modellistica climatica e impatti" dell'Enea. "Il Mediterraneo, infatti, ha caratteristiche del tutto particolari: prima di tutto assomiglia pi a un lago che a un mare, in quanto bacino semichiuso 'alimentato' principalmente dall'Oceano Atlantico, attraverso le Stretto di Gibilterra, ma anche dal Mar Nero attraverso lo Stretto dei Dardanelli. Questo travaso di acque avviene perch l'Atlantico pi alto di 20 cm e il Mar Nero di 50 cm rispetto al Mediterraneo, il cui livello comunque stimato in crescita nei prossimi anni per l'aumento delle temperature", conclude Sannino. Le altre coste italiane a rischio La mappatura delle sette nuove aree costiere italiane a rischio inondazione va ad aggiungersi a quelle gi individuate dall'Enea nell'area costiera dell'alto Adriatico compresa tra Trieste, Venezia e Ravenna, nel golfo di Taranto e nelle piane di Oristano e Cagliari. Ma altri tratti di costa a rischio sono stati rilevati in Toscana Versilia nel Lazio Fiumicino, Fondi e altre zone dell'Agro pontino in Campania piane del Sele e del Volturno e in Sicilia aree costiere di Catania e delle isole Eolie. "Negli ultimi 200 anni il livello medio degli oceani aumentato a ritmi pi rapidi rispetto agli ultimi 3 mila anni, con un'accelerazione allarmante pari a 3,4 mm l'anno anno solo negli ultimi due decenni. Senza un drastico cambio di rotta nelle emissioni dei gas a effetto serra, l'aumento atteso del livello del mare entro il 2100 modificher irreversibilmente la morfologia attuale del territorio italiano, con una previsione di allagamento fino a 5.500 km2 di pianura costiera, dove si concentra oltre la met della popolazione italiana", sottolinea il geomorfologo Fabrizio Antonioli dell'Enea. Mediterraneo aree costiere a rischio innondazione Dal Convegno 21-25 ottobre 2013 Roma Le 33 aree costiere italiane esposte al rischio di sommersione entro la fine del secolo in corso. Per ciascuna di esse precisato l'intervallo d'innalzamento del livello delle acque rispetto a oggi, indicato in millimetri. La valutazione comprende sia gli effetti del riscaldamento climatico, sia la subsidenza geologica naturale, sia la subsidenza provocata dall'uomo per estrazione di fluidi sotterranei. I colori: rosso, blu, verde e viola indicano, in questo ordine, le aree a crescente rischio di sommersione. Credit: Lambeck, Antonioli, Anzidei, Ferranti, Leoni, Sciacchitano, Silenzi; da: Quaternary International. I'innalzamento dei livelli del mare non si fermer al 2100 ma continuer dopo previsioni a lungo termine Venezia e le acque alte Fine della prima parte del dossier - tra pochi giorni arriva la seconda parte Associazione AmbienteVenezia in collaborazione con il Comitato NOGrandiNavi Laguna Bene Comune campagna di tesseramento per il 2019 dell'associazione AmbienteVenezia invitiamo i soci e le persone che condividono il nostro lavoro e le nostre iniziative a rinnovare la tessera per il 2019 o dare contributo per aiutarci a realizzare le prossime iniziative. Le quote del tesseramento per il 2019 sono: Quota Ordinaria Socio euro 20 Quota Socio Sostenitore da euro 35 ... in su per rinnovare tessera o nuove iscrizioni contattare scrivendo a: Stefano Fiorin ..... e- mail ...... stefano_barena@libero.it Stefano Micheletti e-mail. mikeste@iol.it Flavio Cogo.......... e- mail ... ....flavio.flattop@virgilio.it Luciano Mazzolin.... e- mail..... ..luciano.mazzolin@libero.it Chi vuole dare un contributo e aiutarci a realizzare le prossime iniziative pu fare un bonifico sul seguente conto corrente : messo a disposizione da: CESP- CENTRO STUDI PER LA SCUOLA PUBBLICA DI VENEZIA BANCA ETICA ABI 05018 BIC: CCRTIT2T84A IBAN: IT69Y0501812101000011608957 Specificando nella causale: contributo per associazione AmbienteVenezia Fine della prima parte del dossier - tra pochi giorni arriva la seconda parte Associazione AmbienteVenezia in collaborazione con il Comitato NOGrandiNavi Laguna Bene Comune Nel prossimo numero che uscir tra qualche giorno ci sar la seconda parte dove troverete: Il Mose una grande opera inutile e dannosa - e le possibili alternative in difesa di Venezia e della sua Laguna La portualit, la Laguna e il problema delle grandi navi

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body