Buongiorno a tutti

Jun 27, 2020 | | Category: Other |   | Views: 2 | Likes: 1

"edocr

Buongiorno a tutti, vi scrivo dal Veneto. E' stato un piacere e un onore conoscervi di persona. Vi aggiorno che procederemo qui dal Veneto a informare la Procura di Vicenza sui fatti di ieri e chiederemo che la stessa richieda gli atti della Conferenza. Non solo, ma informeremo tutto il nostro movimento - di cui le mamme sono la parte più forte dal punto di vista popolare e strategicamente determinante (abbiamo già messo le basi per un gruppo Mamme Spinetta Marengo/Alessandria) - di quello che abbiamo visto ieri. Informeremo anche i nostri specialisti e avvocati: https://pfas.land/gruppi-di-lavoro- interpartes/ Confido pure il nostro sconcerto su due punti, uno collegato all'altro:  l'aver visto nei cartelli dei manifestanti che si chiede non tanto la fine della produzione (la revoca), ma dell'ampliamento! Sappiamo che può essere un primo passo. Ma sapendo da quanti anni il C6O4 e il fratello GenX qui da noi sono oggetto di assoluta contrarietà senza riserve - banditi! pure dal nostro immaginario popolare - siamo rimasti allibiti.  di conseguenza, pure la presenza popolare, davvero molto bassa, di fronte al danno e al rischio ambientale e sociale che questa produzione provoca e che la cittadinanza dunque ancora ignora. Nostro punto di forza - oltre alle grandi marce, alcune oceaniche, e assemblee territoriali - sono state le testimonianze portate da varie parti del mondo. Da Rob Bilott ai documenti olandesi, norvegesi, etc. Con presenza degli stessi protagonisti stranieri e con proiezioni di film o altri contenuti educatici o mediatici a tutti i livelli, soprattutto entrando nelle scuole, nonostante l'ostruzionismo della dirigenza regionale, corresponsabile dell'inquinamento. (qui ultimo report scuole, bloccati dal Covid) Ovviamente, la polvere incendiaria di tutto questo sollevamento in Veneto, oltre alle parole giuste al momento giusto, contro i negazionisti, sono state le analisi "fisiche". Le analisi del sangue e analisi delle acque!! Le prime indipendenti, fatte a nostre spese su laboratori accreditati, prima che venissero bloccati dalla Regione. Poi sono arrivate quella della Regione, la quale non poteva oramai negare più la grave situazione che le stesse vecchie analisi dell'Arpav sulle acque accertava. La prima tranche di analisi del sangue è stata di 180 euro x 100 e più persone: abbiamo speso circa 20000 euro. Abbiamo preso una persona a famiglia. 200 euro a famiglia. Una spesa difficile, ma ha messo in ginocchio la Regione.

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body