Europa

Feb 8, 2018 | | Category: Other |   | Views: 27 | Likes: 1

+Europa Siamo perci favorevoli al ritiro delle armi nucleari tattiche (bombe per aereo) statunitensi schierate in Belgio, Germania, Italia e Paesi Bassi, in parte assegnate per un eventuale uso alle aeronautiche nazionali di questi quattro paesi. Va posta, secondo +Europa, la questione di un'iniziativa diplomatica italiana per arrivare a un ritiro concordato con gli alleati della NATO di queste armi dal territorio europeo, mentre va ribadita l'importanza per la sicurezza europea e globale del Trattato di Non Proliferazione delle Armi Nucleari e del Trattato che ha eliminato le forze nucleari a raggio intermedio (INF). https://piueuropa.eu/programma/ M5S Tutto oggi ruota attorno al Libro Bianco della Difesa, voluto dall'attuale Ministro e agli atti di Governo discendenti gi varati o in fase di predisposizione che meritano tutta la nostra attenzione. per questo che intendiamo svolgere un lavoro di integrazione di tale documento programmatico che meglio incida sulle aree gi individuate e che saranno soggette ad interventi di riduzione o ottimizzazione dei costi di pertinenza ministeriale , in particolare alla gestione dei costi del per sonale, favorendo quanto previsto dalla legge 244/12 in merito al rapporto sulle risorse economiche disponibili 50/25/25, (50% per il personale, 25% per gli armamenti, 25% per la gestione ordinaria del dicastero) Bisogner migliorare questi dati a vantaggio di ruoli operativi e di nuovi arruolamenti, anche alla luce delle continue minacce che nel breve e medio periodo ci dovranno trovare pronti con uomini e mezzi ben dislocati a difesa degli interessi nazionali in Italia e nelle sedi diplomatiche nel mondo https://www.dropbox.com/sh/u1sqr916nztbosn/AACb- SpdkL__N3BBQFHzAZP1a?dl=0&preview=M5S_Programma_Difesa_2017.pdf Forza Italia Lotta al terrorismo Ripresa del controllo dei confini Blocco degli sbarchi con respingimenti assistiti e stipula di trattati e accordi con i Paesi di origine dei migranti economici Piano Marshall per l'Africa Rimpatrio di tutti i clandestini Abolizione dell'anomalia solo italiana della concessione indiscriminata della sedicente protezione umanitaria mantenendo soltanto gli status di rifugiato e di eventuale protezione sussidiaria Introduzione del principio che la difesa sempre legittima Adeguamento ai parametri medi occidentali degli stanziamenti per la Difesa Carabinieri e poliziotti di quartiere e estensione dell'esperimento "strade sicure" con impiego delle Forze Armate per la sicurezza delle citt Tutela della dignit delle Forze dell'Ordine e delle Forze Armate con stipendi dignitosi, dotazioni adeguate di personale, mezzi e tecnologie adeguati al contrasto del crimine e del terrorismo Inasprimento delle pene per violenza contro un pubblico ufficiale Revisione della legge sulla tortura http://www.liberoquotidiano.it/userUpload/Programma_centrodestra_condiviso__10_PUNTI__FORZA_I TALIA.pdf Potere al popolo Il rischio che la "guerra a pezzi" che affligge il pianeta diventi organica e trascini il mondo in un devastante conflitto generale segna il nostro tempo. Non a caso riprende la corsa al riarmo con un ruolo particolarmente aggressivo dell'amministrazione Trump, che chiede a tutti i paesi della Nato di portare le proprie spese militari al 2% del PIL. Il nostro paese si trovato e rischia di trovarsi sempre pi coinvolto in guerre di aggressione a causa degli automatismi dell'adesione alla Nato e per la responsabilit piena e complice dei governi che si sono succeduti negli ultimi 30 anni; per il medesimo vincolo di subalternit sul nostro territorio proliferano basi militari vecchie e nuove (Sicilia, Campania, Sardegna), si installano nuove bombe nucleari a Ghedi ed Aviano, aumentano la produzione, le spese e gli impegni militari all'estero, sia nel quadro della Nato che del nascente esercito europeo: una spesa media di 800 milioni di euro l'anno per le "missioni" militari all'estero e per il riarmo, circa 500 milioni di euro all'anno per la diaria dei 50 mila soldati di stanza nelle basi militari Usa e Nato, 80 milioni di euro al giorno per le spese militari generali. La fuoriuscita dai trattati militari la condizione per impedire il coinvolgimento del nostro paese nelle guerre imperialiste del XXI secolo, per una sostanziale riduzione delle spese militari, lo smantellamento delle armi nucleari e delle basi militari, per una politica di disarmo, neutralit e cooperazione internazionale. Per questo lottiamo per: la rottura del vincolo di subalternit che ci lega alla NATO e la rescissione di tutti i trattati militari; la ratifica da parte dell'Italia del "Trattato ONU di interdizione delle armi nucleari" del 7 luglio 2017, in coerenza con l'art. 11 della Costituzione; il ritiro delle missioni militari all'estero; la cancellazione del programma F35 e degli altri programmi militari e la riconversione civile dell'industria bellica; la cancellazione del MUOS in Sicilia, lo smantellamento delle basi militari in tutto il paese,la rimozione delle bombe nucleari presenti sul territorio e la restituzione a fini civili dell'uso del territorio, problema particolarmente grave in realt come la Sardegna. https://poterealpopolo.org/potere-al-popolo/programma/ Liberi e uguali Di fronte a quella che viene definita la "terza guerra mondiale diffusa", all'espansione del terrorismo internazionale, ai profughi che scappano dai Paesi devastati, occorre riaffermare pienamente il principio costituzionale del "ripudio della guerra". tempo, ormai, di cambiare le coordinate, a partire dalla conoscenza dei dati reali, e impostare politiche attive di pace e disarmo. I dati reali (analizzati e diffusi dall'"Osservatorio italiano sulle spese militari italiane") ci dicono che negli ultimi 10 anni di recessione e di tagli in tutti i comparti sociali, la spesa pubblica militare italiana invece aumentata del +21% con una crescita costante, che continua tuttora arrivando, con la Legge di Bilancio per il 2018, all'1,42% del Pil (pi della Germania, ferma all'1,2%). Serve una politica estera di pace. Dobbiamo rafforzare le politiche di cooperazione e solidariet internazionale, di promozione dei diritti umani attraverso l'applicazione delle convenzioni internazionali e rifiutare l'interventismo militare al servizio di una logica di guerra. Un investimento gi stato fatto con i corpi civili di pace, da sviluppare con l'istituzione di un Dipartimento della difesa civile, quale mezzo alternativo per promuovere iniziative multilaterali di risoluzione pacifica dei conflitti. Crediamo inoltre non rinviabile una riduzione delle spese militari, con un risparmio per la finanza pubblica. Occorre far rispettare all'industria italiana degli armamenti integralmente e strettamente le norme internazionali, europee e sulle limitazioni all'export bellico, a partire dalla legge 185/90, in particolare sui paesi in guerra. All'interno di questa cornice occorre interrompere l'autorizzazione dell'export bellico nei confronti dell'Arabia Saudita, in guerra con lo Yemen. L'Italia deve inoltre impegnarsi a sottoscrivere e promuovere il Trattato per la proibizione delle armi nucleari. http://liberieuguali.it/programma/#pace Partito Democratico Cooperazione internazionale allo sviluppo e impegno per la pace Non si pu certo tacere in questa prospettiva di un maggior e pi efficiente controllo sulla circolazione delle armi e prevenire che esse si rendano disponibili a gruppi o stati che non diano adeguate garanzie democratiche, di rispetto dei diritti umani e di uso legittimo e responsabile della forza. Le guerre e i conflitti sono cause di immense sofferenze e piaghe e senza un'azione ferma a contrastarli e prevenirli ogni sforzo di cooperazione rischia di essere vano. https://www.partitodemocratico.it/approfondimenti/cooperazione-internazionale-sviluppo/ http://ftp.partitodemocratico.it/programma2018/PD2018-programmaA4_5feb.pdf Lega Nord Quanto alle alleanze politiche in questi anni abbiamo costruito pi ponti che in tutta la nostra storia recente di Movimento: dalla formazione del gruppo sovranista ENL al Parlamento Europeo, che ci ha fatto finalmente uscire dal limbo di alcune imbarazzanti apparentamenti del passato, fino alle intese con Russia Unita e le pi recenti con il movimento di Donald Trump, senza dimenticare l'importanza del viaggio istituzionale in Israele, paese in prima linea da anni nella lotta al radicalismo mussulmano. http://www.leganord.org/component/content/article/217-notizie/16018-matteo-salvini-programma-e-lista- dei-candidati-al-consiglio-federale Lista Disarmo

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body