MobilitaÌ umane un fatto politico totale

Feb 25, 2018 | | Category: Other |   | Views: 21 | Likes: 1

Mobilit umane un fatto politico totale Lezione UNITE 14 febbraio 2018 di Salvatore Palidda (palidda@unige.it) i diversi tipi di spostamenti degli esseri umani (cio tutte le diverse mobilit umane) fanno parte delle principali caratteristiche dell'umanit e delle formazioni e trasformazioni delle societ sin da quando esiste l'homo sapiens (secondo alcuni da 195 000 anni, secondo altri circa 300 000) Secondo la comunit scientifica internazionale la comparsa dell'homo sapiens e la diversificazione della specie avviene in Africa. circa 75 mila anni fa parte della specie umana inizi un percorso migratorio verso il Medio Oriente poi verso l'Asia e le Americhe e dopo verso l'Europa. Come mostrano le ricerche pluridisciplinari (biologi, archeologi, antropologi, ecc.) tutti gli esseri umani appartengono alla stessa specie (le razze sono una categoria che si usa solo per gli animali). Siamo tutti figli di Lucy (o chi per lei) Le caratteristiche diverse fra umani sono solo il risultato dell'interazione e quindi adattamento fra l'essere umano e i diversi ambienti (vedi recente scoperta in Inghilterra) Tutta la storia dell'umanit mostra che gli esseri umani sono sempre stati caratterizzati da continui spostamenti a breve, media e anche lunga distanza per le ragioni o cause o fattori pi disparati e spesso sovrapposti, consapevolmente e pi spesso inconsapevolmente vissuti Le 3 caratteristiche principali degli esseri umani: 1 animale politico (Aristotele), 2 animale pensante (vedi cogito di Cartesio, da intendere fra coesistenza di razionalit e irrazionalit- (vedi Weber, Simmel e Mauss) 3 animale mobile (come tutti gli animali). il dominio maschile nasce con il divenire di alcuni: uomini dotati di armi e quindi di potere Le molteplici ragioni o cause della mobilit umana (spesso sovrapposte e a-razionali): - Disastri naturali - Conflitti, guerre, persecuzioni, fallimento rivolte - Litigi fra membri della comunit o della famiglia - Rivolta a condizioni di assoggettamento insopportabili - Ricerca altrove di ci che on si intravede possibile conquistare l dove si vive - Aspirazione all'emancipazione - Curiosit per l'ignoto - Avventura e sfida dell'ignoto Le migrazioni dopo la scoperta delle Americhe e dopo la rivoluzione tecnologia e poi industriale del XVIII e XIX secolo. L'economia-mondo (dalla periferia al centro) Tutta la storia dei popoli europei storia di migrazioni prima e dopo la scoperta delle Americhe Tutta la storia dei diversi territori italiani (ben prima dell'unit d'Italia) segnata da continui spostamenti di popolazione a breve, media e lunga distanza (guardate i documentari dell'Istituto Luce che si trovano su youtube.come guardate questi due film - Pane Amaro sempre su youtube - Il cammino della speranza (Germi e Fellini) http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-99f8d7b5-7000-44d3-a171-d891b451f5e9.html Contando solo 5 generazioni si stima che i discendenti di Italiani nei diversi paesi del mondo sono oltre 60 MILIONI Tutta la storia delle migrazioni storia di immani sacrifici, umiliazioni, angherie, violenze inaudite, razzismo e persino assassinii Ma anche storia di conquista dell'emancipazione se non della felicit. L'estraneo (il foresto) pu suscitare curiosit, interessi diversi (in senso "positivo") oppure sospetto, diffidenza e persino ostilit Le prime ragioni dell'ostilit sono non gi le diversit ma la volont di assoggettamento, di inferiorizzazione di schiavizzazione il razzismo nasce con Colombo che considera gli indigeni animali senza anima quindi da sterminare L'invenzione della limpieza del sangre in Spagna per espropriare e cacciare i moriscos; a New York all'inizio degli inglesi contro gli irlandesi (wasp contro cattolici) poi contro tutti i nuovi arrivati e contro i neri per averli solo come schiavi Lombroso e i suoi discepoli arrivarono a teorizzare (oltre contro le donne) che i meridionali sono razza maledetta da trattare col ferro e col fuoco al pari delle popolazioni della Numibia che osano rivoltarsi contro il colonialismo italiano (si veda fascist legacy) Perch ? perch gli inurbati/immigrati a Torino e nelle grandi citt rischiano di emanciparsi e quindi di non essere pi servi o schiavi silenti Inserimento, integrazione, assimilazione oppure Rigetto, ostilit violenta, razzismo: tutto dipende dall'esito del gioco delle interazioni ("positivo" o "negativo"). L'immigrato si adatta e corrisponde oppure no a ci che la societ di arrivo vuole che sia Ci sono pi similitudini che differenze fra "vecchie" e nuove migrazioni La rivoluzione liberista a partire dagli anni settanta del XX secolo e la sua globalizzazione ha provocato una devastante destrutturazione economica, sociale, culturale e politica Aumento continuo della ricchezza di pochi e della povert di tanti La devastazione di tanti territori (a causa dei disastri sanitari e ambientali) Le guerre permanenti I migranti di oggi sono vittime di crimini contro l'umanit! Il proibizionismo liberista ossia l'impossibilit di migrare regolarmente / legalmente Le conseguenze: - I morti - La nuova proliferazione delle mura - Il business della guerra alle migrazioni - La riproduzione dell'immigrazione irregolare indispensabile per le economie sommerse / la neo-schiavit e il suo uso per l'inferiorizzazione dei regolari e di parte dei nazionali Un confronto fra Stati Uniti ed Europa Stati Uniti 1990: 250 milioni di abitanti 2015: 320 milioni di abitanti in 25 anni + 70 milioni e 13 milioni di irregolari Europa a 28 : oltre 560 milioni di abitanti dal 1990 a oggi circa 30 milioni di immigrati e circa 5 milioni di irregolari la popolazione europea cresce molto poco; in Italia l'immigrazione non compensa il declino demografico Les migrazioni disperate di questi ultimi anni: la conseguenza dall'aggravamento dei disastri sanitari, ambientali ed economici (fame, povert, neo- schiavit) le guerre permanenti alimentati dai paesi ricchi (chi fornisce armi, connesionisatellitarei ecc.?) e il proibizionismo delle migrazioni da parte dei paesi cosiddetti ricchi La distribuzione della ricchezza complessiva per continenti (e non dei soli miliardari) mostra : quasi il 68% della ricchezza mondiale si situa nel Nord America e in Europa, il 27% fra Cina e Indonesia, neanche il 3% in America Latina, l'1,5 in India e circa l'1% in Africa. l'Africa il continente pi devastatoprima dal colonialismoe dagli anni '60 dal neo-colonialismo e in parte questo vale per l'America Centrale e Latina e per parte dei paesi asiatici L'ostracismo di oggi contro gli immigrati un CRIMINE CONTRO L'UMANIT l'Africa il continente pi devastatoprima dal colonialismo e dagli anni '60 dal neo- colonialismo e in parte questo vale per l'America Centrale e Latina e per parte dei paesi asiatici qualche riferimento bibliografico Resistenze ai disastri sanitari, ambientali ed economici nel Mediterraneo, Derive&Approdi 2018 Polizie, sicurezza e insicurezze ignorate, in particolare in Italia: http://revistes.ub.edu/index.php/CriticaPenalPoder/article/view/20385 Razzismo democratico: la persecuzione dei rom e degli immigrati in Europa: www.agenziax.it/wp- content/uploads/2013/03/razzismo-democratico.pdf. Mobilit umane, Cortina, 2008

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body