Gentile Lino Balza

Mar 2, 2020 | | Category: Other |   | Views: 4 | Likes: 1

"edocr

Gentile Lino Balza Difficile scrivere sul “retrovirus”. Marco Bersani ci ha scritto su subito. Completando sul Manifesto del 28 u.s.: “Come disciplinare una società dopo averla . Conclude: “Non si tratta di proporre eccentriche violazioni ai divieti imposti o velleitarie chiamate all’esodo da questa situazione paradossale: si tratta di iniziare a interrogarci tutte e tutti assieme se e per quanto tempo continueremo a consegnare le nostre esistenze e la loro dignità a chi, una volta utilizzando la trappola del debito per respingere ogni rivendicazione di diritti e l’altra utilizzando un’epidemia per disciplinare l’intera società, ci chiede di interiorizzare la solitudine competitiva come unico orizzonte esistenziale”. Pensavo di scrivere stigmatizzando l’essere passati da una sanità che, seguendo Maccacaro, metteva al centro la persona. E la natura. Ricordo le Unità Sanitarie Locali. Con la sanità affidata ai Comuni. Poi riassorbita centralmente dalle Regioni. Con i Comuni che continuavano ad approvarne i Piani. Oggi i Comuni sono sostanzialmente ridotti a Sindaci “autorità sanitaria locale”, ma privi di tutto. Dalle risorse al personale e altro. Con la persona, la nostra madre terra, persone, lo è per me anche nostra madre terra, che hanno consegnato le loro esistenze e la loro dignità alla solitudine competitiva. Voglio dire, Lino, conoscendo la profondità delle sensibilità di chi, medico, ci conosce dalla nascita alla morte, che chi medico non è non di meno conosce della delle persone e della natura anche altro. Sulla gestione dei beni comuni il Forum acqua ha scelto non la politica con la ‘P’ maiuscola. Ma quella di “tutte e tutti”. È partita dall’acqua per poi salire a tutti i servizi di interesse generale. Non merce. Un oceano. Oceano entro cui l’apporto di tutti, compresi i medici, è fondamentale. Vedi le Ong e gli immigrati con non pochi medici che le sostengono. O gli amici di Genova e di Roma che riconsegnano a Grillo e, simbolicamente, a un Comune, Roma, come tantissimi Comuni, la Pa più vicina al cittadino, che hanno esternalizzato e privatizzato di tutto e di più. Perfino, non è un assurdo, ma è così, lo stesso Comune. I Comuni. Mentre, la Commissione Ue, a fine anni ’90, scriveva grossomodo che la “sussidiarietà”, è "Filosofia per la quale Il Comune, in quanto Pa più vicina al cittadino, sarebbe la Pa strutturalmente più efficiente”. Come dire che, forse, stiamo in un oceano come molti immigrati. E sembra che non ce ne accorgiamo. Tutte e tutti. Nel ricordo di Maccacaro non di un medico, ma comunque di un lavoratore della Pa. Che, all’inizio della sua carriera, ha appreso molto da quel medico. Un saluto Altidona 1 marzo 2020 Luigi Meconi

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body