Report_Ass._Naz._Roma_2-12-18

Dec 13, 2018 | | Category: Other |   | Views: 14 | Likes: 1

Report Assemblea Nazionale Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua Roma, 2 Dicembre 2018 Presenze: Coordinamento Romano Acqua Pubblica, Coordinamento Regionale Acqua Pubblica Lazio, Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua, Abruzzo Social Forum, Confederazione Cobas, Comitato Acqua Pubblica Lago di Bracciano, Comitato Acqua Pubblica Salerno, Comitato Acqua Pubblica Torino, Coordinamento Ligure dei Movimenti per l'Acqua, Comitato Savonese Acqua Bene Comune, Comitato Acqua Pubblica Lecco, Comitato Acqua Pubblica Ferrara, Coordinamento Regionale dei Comitati Acqua Bene Comune Emilia Romagna, Comitato Acqua Pubblica Provincia di Varese, Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica Bruno Arcuri, Reti di Pace, Rete Civica Ato 3 Sarnese-Vesuviano, Coordinamento Campano Acqua Pubblica, Forum Pontino Diritti e Beni Comuni Latina, Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua. O.d.G Domenica 2 Dicembre (ore 11.00 17.00) Ore 11.00 - 13.30 Assemblea plenaria Vertenze, percorsi e campagne (legge per l'acqua, contrasto tariffa e soppressione ARERA, fusioni-multiutilities, ripubblicizzazione, gestione partecipativa, tutela della qualit e preservazione della risorsa); Costruzione della campagna nazionale per l'approvazione immediata della legge per l'acqua bene comune e definizione modifiche/integrazioni alla legge; L'acqua bene comune come paradigma di un altro modello sociale; Organizzazione e finanziamento del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua. Ore 14.30 - 16.00 - Incontro con On. F. Daga sulla legge per l'acqua bene comune Ore 16.00 - 17.00 - Conclusioni in plenaria La discussione si concentrata sulla necessit di rafforzare la mobilitazione a sostegno della nostra legge per l'acqua pubblica legandola fortemente alla campagna di denuncia dell'azione dell'ARERA e per la sua soppressione. Obiettivo condiviso l'approvazione entro la prossima primavera visto che le elezioni europee di fine maggio potrebbero rappresentare uno spartiacque facendo venire meno le potenziali condizioni favorevoli alla legge per l'acqua. Al tal fine si condiviso come sia dirimente far emergere la posizione della Lega che finora ha omesso di definirla. Alla luce di ci il movimento per l'acqua dovr produrre il massimo sforzo tra gennaio e febbraio mettendo in campo sia un'iniziativa di carattere nazionale di pressione sul Governo e Parlamento che locale d'informazione e formazione. A tale scopo si convenuto sia indispensabile riavviare il confronto con quella amplia coalizione che ha condiviso la campagna referendaria tra cui le organizzazioni sindacali confederali, di categoria e di base, gli Enti Locali, associazioni ambientaliste, a difesa dei consumatori, religiose, e pi in generale con tutte le reti e realt sociali che hanno contribuito a vario titolo alla campagna per l'acqua bene comune. In particolare si definito il seguente percorso: nell'immediato costruire un breve dossier "operazione verit" in cui confutare tutte le mistificazioni fatte circolare sui media e riportate in audizione. Questo potr diventare uno strumento utile ai comitati per fare informazione; 8-10 Febbraio 2019, weekend di iniziative diffuse sui territori a sostegno della legge. Ogni comitato decliner come meglio crede la tipologia d'iniziativa (gazebo in piazza, dibattito pubblico, presidio, spettacoli etc etc); organizzazione di assemblee territoriali sulla legge per l'acqua in cui confrontarsi con amministratori, lavoratori e altre realt; richiedere incontri con i parlamentari del proprio territorio a partire dai deputati componenti della Commissione Ambiente (a questo link l'elenco); 26 Gennaio 2019, riunione di Coordinamento nazionale del Forum Acqua in cui fare un punto della situazione; 23 Febbraio 2019, iniziativa nazionale a Roma prevedendo un dibattito pubblico con inviti sia istituzionali (parlamentari, Pres. della Camera, Ministri etc etc) che delle varie realt che saremo riusciti a coinvolgere in questo nuovo percorso. Inoltre, si condiviso di tenersi sempre pronti a mettere in campo una mobilitazione di piazza se la discussione prendesse una direzione non favorevole all'approvazione o verso uno stravolgimento del testo. Ovviamente la tempistica delle iniziative programmate dovr essere aggiornata laddove l'iter di discussione alla Camera dovesse subire un'accelerazione. Tra i vari interventi c' stato quello di Mariano Mazzacani, referente del Comitato Referendario Acqua Pubblica Brescia, che ha relazionato sull'esito del referendum svolto il 18 novembre segnalando la soddisfazione del comitato per il risultato ottenuto. Ora l'azione indirizzata alla sua attuazione a partire dall' "ingaggio" con gli Enti Locali cercando di far emergere quali amministrazioni sono a favore o contro la gestione pubblica. Inoltre, l'intento sar quello di acclarare come le moltissime decisioni prese nell'ambito delle gestioni idriche non rispettino le norme vigenti e come tali mancanze non permettano un regolare corso verso la gara. L'obbiettivo della campagna di "resistenza civile" quello di creare le condizioni perch la gara per la svendita dell'acqua dei bresciani sia cancellata. La discussione ha portato anche a ribadire la natura antirazzista e antifascista del movimento per l'acqua che guarda ad un modello sociale alternativo in cui i diritti, i beni comuni e la solidariet fra i popoli e le persone ne siano elementi costituenti. Su questa base il movimento per l'acqua s'impegna a portare il proprio contributo a tutte quelle mobilitazione che condividono tale impostazione. Si condiviso di assumere pienamente la manifestazione nazionale a carattere ambientale fissata per il 23 marzo 2019 che emersa come data condivisa sia dagli aderenti all'appello "Si-amo la Terra" che dall'assemblea nazionale svolta a Venaus (Val di Susa) il 17 novembre. Si ritenuto che tale mobilitazione, cadendo a ridosso della Giornata Mondiale dell'Acqua e potenzialmente nel vivo della discussione della legge, possa essere un efficace contributo anche allo specifico percorso del movimento per l'acqua. Nel primo pomeriggio si svolto l'incontro con l'On. F. Daga a cui sono state riportate le considerazioni condivise nella mattinata e a cui stato richiesto di aggiornare in merito allo stato dell'arte del confronto con la Lega, alla possibile tempistica della discussione e alla sua modalit di svolgimento. In merito alla Lega ci ha riferito che a breve, probabilmente nella prossima settimana, si dovrebbe svolgere un incontro, per capire le reali intenzioni. Non appena effettuato abbiamo condiviso di svolgere un secondo incontro con il Forum Acqua in cui riportarne gli esiti e definire le proposte di modifica al testo della legge. Per quanto riguarda la modalit di svolgimento dell'esame in Commissione stato ricordato che sono 2 i testi in materia di servizio idrico, visto che anche l'On. Braga (PD) ne ha depositato uno, il quale, sostanzialmente, ricalca la versione approvata dalla Camera nel 2016. Testo, quindi, irricevibile in quanto ha completamente stravolto quello condiviso dall'intergruppo parlamentare. Su questa base abbiamo richiesto che si proceda la discussione solo sulla proposta di legge a firma Daga e se fosse necessario giungendo anche ad una votazione in Commissione come prevede la procedura in caso di due testi sullo stesso tema. Per quanto concerne la tempistica stato riferito che le audizioni dovrebbero terminare entro la met di gennaio, per poi passare immediatamente alla fase emendativa in Commissione e chiudere con l'approvazione in aula della Camera entro fine gennaio da cui dovrebbe uscire un testo "blindato", ossia senza possibilit di ulteriori modifiche per l'esame del Senato. Si richiesto all'On. Daga di verificare nelle prossime settimane, comunque prima della pausa natalizia, l'effettivit di questa tempistica cos, eventualmente, da avere modo di aggiornare il nostro percorso di mobilitazione. L'assemblea proseguita passando all'analisi delle le proposte di modifica della legge avanzate dai comitati. Si allega al presente report l'elenco con evidenziate quelle che sono state assunte e da sottoporre al prossimo incontro con l'On. Daga. In ultimo, stato fatto un rapido passaggio sul quadro delle risorse economiche palesando che andranno ad esaurirsi a fine anno. Purtroppo, non c' stato tempo per discutere su come rilanciare la campagna di autofinanziamento a partire dalle lotterie locali soprattutto alla luce del fatto che al momento solo 2 comitati (Savona e Roma) hanno segnalato che le realizzeranno con conclusioni previste intorno al 22 marzo. E' stata fissata per sabato 26 Gennaio 2019 la prossima riunione di Coordinamento nazionale del Forum Acqua in cui fare un punto della situazione sul percorso di mobilitazione a sostegno della legge e pianificare nel dettaglio le successive iniziative. Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body