Defend Efrìn

Mar 17, 2018 | | Category: Other |   | Views: 1 | Likes: 1

Defend Efrn Gioved 22 marzo, alle ore 17.30, in piazza della Libert, davanti alla Prefettura di Alessandria, sit-in di protesta con la comunit kurda Dal 20 gennaio 2018, l'esercito di occupazione turco continua il suo incessante bombardamento sui civili ad Efrn. Il popolo kurdo di Efrn ma non solo, perch in quel cantone vivono arabi, cristiani, ezidi, circassi rischia il genocidio e la pulizia etnica da parte dell'esercito turco, il secondo esercito della Nato, appoggiato da jihadisti di al-Qaeda, al Nusra e di ci che resta di Isis. La comunit internazionale rimane in silenzio e chiude gli occhi su questo massacro di civili Nonostante l'adozione di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su un cessate il fuoco in tutta la Siria, gli attacchi delle forze armate turche si sono intensificati. Il cessate il fuoco resta solo sulla carta e non ci sono forze che abbiano la volont di far rispettare la risoluzione dell'Onu, al contrario di quando i kurdi furono invece richiesti e utilizzati per la liberazione di Raqqa dall'ISIS! Questo rende l'Unione Europea, gli Stati Uniti, la Russia e le Nazioni Unite complici di un genocidio contro i bambini di Efrn. Dall'adozione della risoluzione, oltre 50 civili sono stati uccisi, tra cui molte donne e bambini. Dall'inizio dell'aggressione turca - per di pi, in un altro Paese, la Siria pi di 280 civili sono stati uccisi e oltre un migliaio sono i feriti. Armi chimiche e proibite contro i civili di Efrn La Turchia usa armi chimiche contro i civili. In questo modo, ha attaccato diversi villaggi del cantone. Migliaia di kurdi sono stati costretti a lasciare i propri villaggi e a cercare rifugio nel centro della citt di Efrn, dove per continuano i bombardamenti. Forniture di acqua e di elettricit completamente interrotte ad Efrn Adesso che iniziato l'assedio del centro cittadino di Efrn, l'esercito turco sta prendendo di mira, nello specifico, le infrastrutture per costringere all'evacuazione i residenti del posto. Anche acquedotti, siti archeologici, panifici, linee elettriche, telefoniche, ospedali e scuole vengono colpiti dagli attacchi turchi. Dall'assedio dell'impianto della diga di Meydauk, ad Efrn non giunge pi acqua e l'energia elettrica arriva a singhiozzo. Una nuova pulizia etnica I kurdi di Efrn sono fatti oggetto di una nuova e violenta pulizia etnica. Nei fatti, questa enclave storicamente una delle pi importanti a maggioranza kurda, ma, il giorno dopo l'invasione della Turchia era quella di "riconsegnare Efrn ai suoi legittimi proprietari"! Quali? Con tutta probabilit, Erdogan punta ad insediare in quell'area i profughi siriani che ospita dietro lauti finanziamenti della Comunit Europea sul proprio territorio, cambiando cos la demografia della regione. In sintesi: - La Turchia uccide i kurdi, mentre l'Onu rimane in silenzio. - Ieri era l'ISIS a Kobane, oggi lo Stato turco ad Efrn che massacra i kurdi. - L'Europa, gli USA, la Nato, la Russia e l'Onu stanno semplicemente a guardare il nuovo genocidio, mentre continua il business della vendita di nuove e sofisticate armi all'esercito turco (Stati Uniti, Germania, Italia). - I pennivendoli dell'informazione di stato, non dicono nulla e, se ne parlano, parlano solo del Ghouta, il quartiere di Damasco, dove jihadisti di ogni risma tengono in ostaggio migliaia di civili, ignorando il dramma di Efrn: abbiamo cos i morti di serie A e quelli di serie B! Questi sono gli uomini che oggi governano il mondo! Non rimaniamo in silenzio, difendiamo Efrn e la rivoluzione sociale del Rojava! Comunit kurda di Alessandria Rete Kurdistan Italia Associazione Verso il Kurdistan Alessandria, 16 marzo 2018

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body