Newslettera del 16 ott 19

Oct 17, 2019 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 6 | Likes: 1

"edocr

Curdi, lotte operaie, FFF, Beat, Beni comuni, Assemblea21, polentata e assemblee NOTAV e aggiornamenti PROGRAMMA PROSSIME INIZIATIVE (VEDI ANCHE ALLEGATI ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI) MERCOLEDI’ 16 OTTOBRE ORE 21 Aula 36 Palazzo Nuovo Via Sant'Ottavio 20, Torino ASSEMBLEA CITTADINA: “FERMIAMO L'INVASIONE TURCA DEL ROJAVA” “Mercoledì 9 ottobre la Turchia, con il beneplacito del voltafaccia di Trump e degli Stati Uniti, ha dato il via alle operazioni di invasione della Siria nord-occidentale. Il dittatore turco Erdogan, con i soldi e le armi fornite dai paesi occidentali e con l'ausilio delle forze jihadiste e di ex miliziani dell'Isis, intende liquidare la lotta multietnica di resistenza e liberazione dall'Isis guidata negli ultimi anni dalle milizie curde Ypg/Ypj. Sabato a Torino e in altre città migliaia di persone sono scese in piazza per esprimere supporto e solidarietà al Rojava e al popolo curdo e per chiedere alle istituzioni e ai governi europei di far seguire i fatti alle parole interrompendo la fornitura di armi alla Turchia e imponendo una no-fly-zone sulle zone del conflitto. Nel momento in cui la politica europea sembra essere inadeguata ad assumersi responsabilità di questo tipo, è ancora più importante che dal basso ci si organizzi per portare solidarietà materiale e sostegno al popolo curdo e per fare pressione allo scopo di interrompere la guerra….” Organizzato da Io sto con chi combatte l'ISIS - forza YPG e YPJ https://www.facebook.com/events/375114626707989/ GIOVEDI’ 17 OTTOBRE ORE 20:30 Centro Sociale Via Clemente Lequio di Assaba 36, Pinerolo TO “LA LOTTA AL CASEIFICIO “PEZZANA” ROMPE IL SILENZIO SULLE CONDIZIONI DI SFRUTTAMENTO E DI IMPOVERIMENTO DEI LAVORATORI”: ASSEMBLEA PUBBLICA “…..Noi lavoratori del caseificio Pezzana rivendichiamo legittimamente il contratto che ci spetta, quello degli Alimentaristi, dove le paghe seppur contenute sono migliori, sono quelle coerenti con l’attività che abbiamo sempre svolto.” Pezzana demandando formalmente ad altre aziende la produzione, sta svolgendo una vera e propria attività di intermediazione di manodopera, per cui è ora che lasci cadere il velo dell’ambiguità e assuma direttamente noi lavoratori che da anni siamo praticamente al suo servizio. Così come è ora che tutte quelle aziende che affidano le proprie attività a finte cooperative o a finte aziende appaltatrici, assumano i lavoratori direttamente. La nostra lotta deve essere vinta, perché è anche la lotta di tutti i lavoratori: per questo chiediamo massima solidarietà a tutti….. POSSIAMO CONTRASTARE IL GRAVE PEGGIORAMENTO DELLE NOSTRE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO”. https://www.facebook.com/events/755776581511871/ http://sicobas.org/2019/10/11/torino-la-lotta-al-caseifico-pezzana-rompe-il-silenzio-sulle-condizioni-di- sfruttamento-e-impoverimento-dei-lavoratori/ VENERDI’ 18 OTTOBRE ORE 16 Piazza Castello, Torino, davanti a palazzo Madama PRESIDIO #FRIDAYSFORFUTURE A TORINO! “Abbiamo solo più 11 anni per spostare l'intera economia mondiale su energie sostenibili e rinnovabili, ridurre le emissioni al minimo e abbandonare la plastica... 11 anni sono pochi. Noi siamo la prima generazione a sentire gli effetti del cambiamento climatico... Ma siamo anche l'ultima a poter fare qualcosa" La fusione del permafrost sta rilasciando nell'aria enormi quantità di Metano (gas serra) che era trattenuto negli Idrati di Metano. Ciò causerà un ciclo vizioso che aumenterà ulteriormente ed esponenziale le temperatura globale….” https://www.facebook.com/pg/F4Fturin/events/?ref=page_internal ORE 18.30 Avigliana Piazzetta De André (stazione) (In caso di pioggia il presidio si sposterà al mercato coperto di Piazza del Popolo) PRESIDIO DI SOLIDARIETÀ PER IL POPOLO CURDO “Il ritiro delle truppe USA ha permesso a Erdogan di attaccare la Siria del Nord ovvero il territorio liberato dal popolo Curdo. I Curdi, in questi anni, hanno dato vita al Confederalismo Democratico, un modello di sviluppo basato sull'autogoverno e sulla partecipazione e organizzazione dal basso. Un modello fortemente femminista ed ecologista in grado di difendere i valori di fratellanza tra diversi popoli e religioni. Queste donne e uomini coraggiosi sono gli stessi che sono riusciti a sconfiggere i terroristi dell'ISIS; ma oggi l'occidente gli volta le spalle. La rivoluzione della Siria del Nord è di nuovo sotto attacco grazie al comportamento degli USA e al silenzio complice della UE e della NATO. La dittatura turca ha schierato le proprie truppe al confine e ha incominciato ad attaccare i civili. …” FACCIAMO SENTIRE LA SOLIDARIETA' DELLA VALLE, PARTECIPIAMO NUMEROSI!” Organizzato da Spazio Sociale VisRabbia https://www.facebook.com/events/698640067296046 ORE 20 Barocchio squat - strada del Barocchio 27 Grugliasco - Torino - “I FIGLI DELLO STUPORE, LA BEAT GENERATION ITALIANA e JACK KEROUAC” con Alessandro Manca “Tutti scrivevano, ragazzi che non sapevano nemmeno leggere, scrivevano poesie” (cit. Gianni Milano). Con questo libro e con il film documentario allegato viene offerta, per la prima volta in Italia, una panoramica articolata e documentata della poesia underground italiana e del contesto nella quale si è sviluppata, cercando di colmare una forte lacuna durata più di cinquant’anni. “I figli dello stupore” è un film documentario che indaga l’influenza della letteratura beat americana sullo stile di vita e la scrittura dei giovani italiani dalla fine degli anni ’50 agli anni ’70 del secolo scorso. Il film è allegato alla prima antologia di poesia beat italiana mai pubblicata prima….” https://www.facebook.com/events/2214588392172156/ ORE 20.45 Polo del '900 Corso Valdocco angolo via del Carmine, Torino “SGUARDO SULLA SIRIA” COSA STA SUCCEDENDO NEL NORD DELLA SIRIA? Un'occasione di formazione e confronto con: - Murat Cinar (Giornalista per Pressenza) - Claudio Vercelli (Storico contemporaneista e saggista) - Davide Mattiello (Collettivo ISAGOR - "La Repubblica d'Europa") Organizzato da Culture Sconfinate - Çanda Bêsînor https://www.facebook.com/events/503474520475128/ ORE 21 presso la sala consiliare del Comune di Mompantero, “ECCO COSA ACCADRA’ SE DOVESSERO PARTIRE I CANTIERI TAV NELLA PIANA DI SUSA” PER ALMENO 11 ANNI (durata del previsto cantiere TAV) SUBIREMO - Pesante inquinamento da polveri sottili - Inquinamento luminoso - Rumore continuo 24 ore su 24 - Sconvolgimento della rete stradale e autostradale - Stravolgimento della viabilita’ cittadina - Passaggio ininterrotto di auto e mezzi pesanti attraverso la citta’ - Soppressione della linea ferroviaria SUSA-BUSSOLENO Ne parliamo con l’ Ing. Alberto Poggio e il Dott. Luca Giunti tecnici della Commissione nominata dall’Unione Montana https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2435479919823327&set=a.143724742332201&type=3&thea ter SABATO 19 OTTOBRE ORE 15,30 in piazza Palazzo di Città, Torino, “GIÙ LE MANI DAI BENI COMUNI” ILCOORDINAMENTO BENI COMUNI TORINO invita tutte e tutti in piazza Palazzo di Città, a Torino, sabato 19 ottobre dalle 15,30 per incontrarsi e iniziare a condividere con parole, cartelli, striscioni, immagini e qualunque altro mezzo di comunicazione opinioni, informazioni, proposte, desideri e altro ancora sulla condizione dei beni comuni cittadini. Il Comune di Torino ha deciso di regolamentare i beni comuni pensando che siano solo una questione di immobili di sua proprietà da fare gestire ad altri, siano essi cittadini con cui stipulare un contratto o fondazioni a cui regalarli facendoli diventare privati. Il tutto in modo burocratico e senza la preventiva partecipazione delle persone alle scelte da compiere. Noi riteniamo che si tratti invece non solo di immobili ma anche di verde e spazio pubblico, di ambiente, di acqua, di patrimonio artistico e culturale: ai quali si deve poter accedere senza esclusioni per soddisfare i bisogni essenziali e più importanti. I BENI NON SONO COMUNI SE LA LORO GESTIONE NON E’ PARTECIPATIVA, SE MANCA IL PREVENTIVO AMPIO COINVOLGIMENTO DI TUTTI NELLE DECISIONI DA PRENDERE PER REGOLAMENTARLI. E' il contrario di quanto ha fatto la Giunta comunale: nelle segrete stanze, con qualche amic* addett* ai lavori, ha approvato un nuovo 'Regolamento dei beni pubblici' - spacciati per Beni Comuni - confuso e dannoso, che apre la strada alla privatizzazione del patrimonio della Città. Per questo motivo il Coordinamento Beni Comuni Torino chiede che la LA DELIBERA DI APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO VENGA REVOCATA e sia quindi avviato in Città a questo riguardo un ampio percorso di discussione e confronto”. https://www.facebook.com/events/2317377838515696/ DOMENICA 20 OTTOBRE ORE 13 Al Polivalente di San Didero POLENTATA NOTAV SOLIDALE ORE !5 : ASSEMBLEA NOTAV SULLE ULTIME MISURE REPRESSIVE APPLICATE DALLA MAGISTRATURA TORINESE AI NO TAV. LUNEDI’ 21 OTTOBRE ORE 21 presso Csoa Gabrio Via Francesco Millio 42, Torino ASSEMBLEA21, APERTA A TUTTI I GRUPPI E CITTADINI VALUTAZIONE DELLE INIZIATIVE EFFETTUATE E SUL PROSEGUIMENTO “Assemblea21 ha lo scopo di condurre un’indagine indipendente e popolare sul debito del Comune di Torino, per contrastarne concretamente la legittimità e liberare risorse in direzione del soddisfacimento dei bisogni fondamentali della nostra comunità territoriale….” VEDI AGGIORNAMENTI : http://assemblea21.blogspot.it/ https://www.facebook.com/assemblea21/?fref=ts MARTEDI’ 22 OTTOBRE ORE 21 in corso Vigevano 33, Torino ASSEMBLEA NOTAV organizzata da NOTAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa Come sempre l’odg verrà deciso all’inizio della riunione ORE 21Auditorium Cav. Mario Magnetto, Via Avigliana 17, Almese "A CHE BUCO SIAMO?" SERATA INFORMATIVA SUL TAV interverranno Luca Giunti e Michele Giacosa, Tecnici della Commissione NO TAV nominata dall'Unione Montana Valle Susa a seguire ampio spazio al dibattito sulle prospettive di lotta serata organizzata da: Laboratorio Civico, Comitato NO TAV Valmessa, Comitato NO TAV La Gronda, Spita dal Bass, Comitati NO TAV Vaie e Sant'Antonino, con il patrocinio del Comune di Almese https://www.facebook.com/events/749570782170835/ INIZIATIVE FUTURE IN EVIDENZA: VENRERDÌ 25 OTTOBRE SCIOPERO GENERALE DI 24 ORE PER L’OCCUPAZIONE, IL SALARIO E I DIRITTI. DICHIARATO DA CUB – SI COBAS – SGB – USI/CI É ORA DI DIRE BASTA E DOBBIAMO FARLO CON LA LOTTA! https://www.cub.it/index.php/157-attivita/scioperi-generali/13061-25-ottobre-2019-sciopero-generale- cub-per-l-occupazione-il-salario-i-diritti MANIFESTAZIONE TORINESE PER LO SCIOPERO GENERALE ALLE 10 CORTEO DA PORTA NUOVA https://www.facebook.com/events/2431009847013987/ SI COBAS : 25-26 OTTOBRE SCIOPERO GENERALE E MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA Non lasciamo l’opposizione di piazza alla destra populista e parafascista! Facciamo sentire a Roma la voce dei lavoratori e le nostre rivendicazioni di classe! http://sicobas.org/2019/09/01/sciopero-generale-25-26-ottobre-scioepro-generale-e-manifestazione-a- roma/ ALTRE INIZIATIVE SU : https://www.facebook.com/pg/radioblackout105250/events/ http://www.fabionews.info/torinovive.php EVENTI CSA GABRIO : https://gabrio.noblogs.org/; https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito https://www.facebook.com/ManituanaTorino/ CAVALLERIZZA REALE OCCUPATA: http://cavallerizzareale.wordpress.com/ PER AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NOTAV: www.notav.info - www.notavtorino.org -http://www.autistici.org/spintadalbass/?cat=2- www.notav.eu - www.notav- valsangone.eu- http://www.presidioeuropa.net/blog/?lan=2 - https://www.notavterzovalico.info/- http://noterzovalico.wordpress.com/- www.ambientevalsusa.it - http://www.tgmaddalena.it/- https://www.facebook.com/notavtorino.org/- https://www.facebook.com/controsservatoriovalsusa/ AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA : (VEDI anche su : TG Vallesusa : http://www.tgvallesusa.it/?page_id=135 Facebook Festival Alta Felicità : https://www.facebook.com/festivalaltafelicita/ Attualità, Diario Tav, Libri, Dischi, X Files : www.mavericknews.wordpress.com Centro di documentazione Invicta Palestina : https://invictapalestina.wordpress.com/ RETE Ambientalista - Movimenti di Lotta per la Salute, l'Ambiente e la Pace. http://rete-ambientalista.blogspot.it) RESISTENZA AGLI ESPROPRI IN CLAREA CONTRO L’ALLARGAMENTO DEL CANTIERE TORINO-LIONE Stanno arrivando in questi giorni da TELT raccomandate relative agli espropri dei terreni di Chiomonte e Susa acquistati da 1.175 NOTAV nel 2012 per “COMPRA UN POSTO IN PRIMA FILA 4” (http://www.notav.info/top/compra-un-posto-in-prima-fila-vol-4-ecco-i-moduli-per-aderire/) CHI RICEVE LA RACCOMANDATA È INVITATO A SEGNALARLO ALL'INDIRIZZO espropri@notavtorino.org: riceverà molto presto indicazioni su come rispondere a TELT Nel messaggio indicare come Oggetto: Raccomandata TELT Nel testo del messaggio indicare soltanto: - data di arrivo della raccomandata - nome, cognome, comune di residenza NON LASCIAMOGLIELA PASSARE LISCIA. RESISTERE, RESISTERE E ANCORA RESISTERE, PER POTER ESISTERE. http://www.notavtorino.org/ DA LUNEDÌ 7 A DOMENICA 13 OTTOBRE SI È SVOLTA “LA SETTIMANA DELLA RIBELLIONE PER IL CLIMA” A ROMA, BERLINO, AMSTERDAM, LONDRA, PARIGI, NEW YORK... “….A partire dal 7 Ottobre lanceremo una ribellione internazionale: bloccheremo le città e così facendo bloccheremo le routine quotidiane che stanno distruggendo il nostro futuro. Oltre a Roma anche Berlino, Amsterdam, Londra, Parigi, New York saranno al centro di questa sollevazione pacifica. A migliaia compieremo atti di disobbedienza civile nonviolenta fino a costringere i governi a dare finalmente una risposta adeguata a questa crisi climatica….” https://extinctionrebellion.it/ribellione-di-ottobre/ 7 ott 19 Adnkronos : “EXTINCTION REBELLION, PARTE LA 'RIBELLIONE INTERNAZIONALE' PER IL CLIMA Due settimane di azioni in 60 città per chiedere di dichiara l'emergenza ecologica e climatica …..Anche Roma partecipa alla 'ribellione internazionale' per il clima lanciata da Extinction Rebellion che sulla Capitale prevede un programma di iniziative, a partire da oggi, tra cui 'Open-mic' (microfono aperto) tutti i giorni in piazza Montecitorio, dedicati alla crisi ecologia; il Global Climate Hunger Strike, lo sciopero della fame a oltranza a partire da domani, organizzato dagli attivisti sempre a Montecitorio; e poi appuntamenti in diversi luoghi della città, da Piazza Testaccio e Stazione Tiburtina (10 ottobre, rispettivamente assemblea popolare e 'meditazione per la biodiversità'), la scienza in Piazza Pino Pascali (11 ottobre); la meditazione camminata per la biodiversità' con partenza da piazza del Popolo e la Rebel Ride, la critical mass ribelle e l'appuntamento in piazza Santa Maria Immacolata a San Lorenzo (12 ottobre), gli interventi scientifici all'aperto (13 ottobre). E poi workshop e seminari”. https://www.adnkronos.com/sostenibilita/appuntamenti/2019/10/07/extinction-rebellion-parte-ribellione- internazionale-per-clima_JI9eyeyV6mTDhK4FeSnryI.html 13 ott 19 Pressenza: “SOSTEGNO AGLI ATTIVISTI DI XR CHE PRATICANO LO SCIOPERO DELLA FAME PER L'EMERGENZA CLIMATICA ED ECOLOGICA CONTE LI RICEVA E SI OCCUPI ANCHE DI EMERGENZA NUCLEARE! Gentile Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte Esprimiamo il nostro affettuoso e convinto sostegno ai giovani e coraggiosi attivisti digiunatori di Extinction Rebellion (XR) italiani che, al pari di noi, ma con più determinazione di noi, rivendicano la dichiarazione dello stato di emergenza climatica ed ambientale presidiando, da lunedì 7 ottobre piazza Montecitorio, in connessione con una “settimana di ribellione internazionale all’estinzione”….. Ci auguriamo che l’iniziativa dei digiunatori, giunta nel momento giusto in direzione di un efficace impegno di sensibilizzazione del pubblico, abbia ulteriori momenti sviluppi positivi, dopo il notevole risultato di aver incontrato il ministro dell’ambiente Sergio Costa: e aiuti a riaprire la partita della dichiarazione di emergenza climatica ed ecologica. Il presidente del Consiglio riceva dunque i ragazzi soddisfacendo la richiesta per la quale essi hanno deciso di iniziare lo sciopero della fame! https://www.pressenza.com/it/2019/10/sostegno-agli-attivisti-di-extinction-rebellion-in-sciopero-della- fame/ ULTIMA ORA: I DIGIUNATORI DI XR CESSANO LUNEDÌ 14 OTTOBRE LO SCIOPERO DELLA FAME perché aspettano di poter tornare alla carica con più forze mobilitate capaci di stanare Giuseppe Conte e di ottenere l'incontro... MARTEDI’ 8 OTTOBRE LA TURCHIA HA ATTACCATO LA SIRIA DEL NORD LIBERATA DAL POPOLO CURDO 11 Ottobre : “COMUNICATO NO TAV IN SOLIDARIETÀ AL POPOLO CURDO E CONTRO L’INVASIONE DELLA TURCHIA! Esprimiamo un’altra volta il nostro sostegno all’esperienza del Confederalismo Democratico in Siria del Nord che oggi è in pericolo a seguito dell’invasione militare della Turchia del territorio del Rojava. Oggi ad essere minacciata è un’esperienza basata sull’autodeterminazione dei popoli, l’emancipazione della donna, il rispetto e la tutela delle minoranze etniche e religiose, la partecipazione e la costruzione della vita sociale dal basso, dal popolo….. Le “democrazie” occidentali oggi continuano a vedere nel governo Turco un partner commerciale, in particolar modo quello italiano che continua a stringere accordi milionari soprattutto nel settore delle armi e militare. La rivoluzione della Siria del Nord è quindi di nuovo sotto attacco, grazie al comportamento degli USA e al silenzio complice della UE e della NATO. Il dittatore Erdogan ha schierato le proprie truppe al confine e ha incominciato ad attaccare i civili, causando già numerosi morti….. Chiediamo altresì venga sospesa, da parte dell’Italia, ogni forma di esportazione di sistemi e armamenti militari alla Turchia per gli ovvi motivi di assoluta incoerenza sottolineati per quanto previsto dalla legge 185/90 “In base alla legge italiana 185 del 1990 è vietato inviare armi in Paesi in stato di conflitto armato”. Per questa ragione l’export delle armi ancora da consegnare potrebbe già essere fermato. (Norvegia e Finlandia hanno già annunciato il blocco delle loro esportazioni). Oggi ci troveremo a Bussoleno alle 18,30 in presidio di solidarietà. A fianco di chi lotta! Mobilitiamoci per il Rojava! Movimento No Tav” http://www.notav.info/post/comunicato-no-tav-in-solidarieta-al-popolo-curdo-e-contro-linvasione-della- turchia VENERDÌ 11 OTTOBRE FRIDAYS FOR FUTURE TORINO HA MANIFESTATO «DIFENDIAMO LA RIVOLUZIONE ECOLOGISTA DEL ROJAVA! STANDUP4ROJAVA! “Nel presidio di ieri in Piazza Castello ci siamo concentrati sulla drammatica vicenda delle popolazioni del #Rojava. Insieme a noi hanno manifestato anche alcuni ragazzi di origine #curda, la cui testimonianza ci ha davvero emozionato. …. I popoli della confederazione democratica della Siria del nord stanno portando avanti una delle più moderne rivoluzioni politiche e sociali, i cui principi fondanti sono la lotta delle donne contro il patriarcato e la loro centralità nella società, la democrazia diretta e popolare, ma soprattutto l'ecologismo, inteso come il ristabilimento del legame tra uomo e natura, entità non scomponibili tra loro ma affini e in collaborazione costante; in rottura così con le logiche capitalistiche occidentali. In questo territorio devastato dal profitto, dal disboscamento, dallo sfruttamento, dall’estrattivismo e dalle monocolture si sta tentando di creare dal basso un nuovo equilibrio ecologico….” https://www.facebook.com/F4Fturin/posts/514788019068094?__tn__=K-R SABATO 12 OTTOBRE A TORINO MANIFESTAZIONE CONTRO L'INVASIONE TURCA DEL ROJAVA QUALCHE FOTO : https://photos.app.goo.gl/M7XWvVvhHjfQSjXb9 ANCHE I NOTAV A FIANCO DI CHI LOTTA IN ROJAVA: https://photos.app.goo.gl/tvq94ki9xTroCVnC6 “Il 6 ottobre Erdogan ha annunciato un'invasione su larga scala del Rojava e della Siria del nord. Il 7 ottobre Trump ha ordinato ai militari statunitensi di interposizione a Serekaniye di muoversi verso sud per far spazio all'aggressione turca. Colpi di mortaio hanno colpito il Rojava nella notte tra il 7 e l'8 ottobre. Purtroppo non è una novità questa ma stavolta, con la Turchia che ha ammassato lungo il confine migliaia di militari e paramilitari jihadisti, carri armati e lanciamissili l'attacco potrebbe essere imminente. L'invasione del nord'est della Siria significherebbe l'annientamento dell'unica rivoluzione vincente di questo secolo da parte di un governo fascista e fondamentalista, sulla base di un accordo interno alla Nato, nel silenzio di Unione Europea e Russia (già responsabile dell'invasione di Afrin). Tutte le conquiste in materia sociale, femminile, ecologica, economica e istituzionale andrebbero perdute. Le vite di 9.000 martiri vedrebbero la realtà per cui hanno combattuto spezzata dalle dinamiche capitaliste e reazionarie internazionali…..” https://www.facebook.com/events/431151647510847/ GIOVEDÌ 10 OTTOBRE IL GOVERNO HA APPROVATO UN DECRETO-LEGGE CHE INTRODUCE MISURE URGENTI PER LA QUALITÀ DELL'ARIA. https://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2019/10/Dl-Clima-quarta-versione-aggiornato-al-8-Ottobre- 2019.pdf Commento di Fridays For Future Italia : “DOPO DIVERSE SETTIMANE DI TRATTATIVE, IL CONSIGLIO DEI MINISTRI HA APPROVATO IL #DECRETOCLIMA PROPOSTO DA SERGIO COSTA. Alcune bozze circolate nei giorni scorsi avevano fatto ben sperare: si parlava di taglio ai #sussidi ai #combustibili fossili, di un Comitato Interministeriale sui Cambiamenti Climatici, di un #Cipe "verde". Ebbene, per ora non ce n'è nessuna traccia: il primo è stato rinviato alla prossima Manovra di #Bilancio; gli altri due sono spariti. Non è sicuramente questa la radicalità che serve oggi per affrontare la #crisi climatica. Sottoscriviamo in pieno le parole del Direttore Esecutivo di Greenpeace, Giuseppe Onufrio: «quello varato oggi dal Consiglio dei Ministri sostanzialmente non è un decreto sul clima, dato che inciderà davvero molto poco sulla lotta all’emergenza climatica in corso, per cui occorrerebbero provvedimenti ben più radicali. Facciamo inoltre notare al governo che l’Italia non è all’avanguardia in fatto di contrasto ai cambiamenti climatici, come affermato nelle ultime ore da importanti esponenti di maggioranza»….” https://www.facebook.com/FridaysItalia/photos/a.396608474471712/522647801867778/?type=3&theater Commento del Coordinamento nazionale NOTRIV : “LA QUARTA BOZZA DEL DECRETO CLIMA E' UNA VERA CIOFECA La politica degli annunci va avanti assieme al tap, alla proroga automatica delle concessioni petrolifere ed alla sen 2017 Nuovo governo "fossile" diversamente colorato Più passa trascorre il tempo più le varie bozze di Decreto Clima si scoloriscono e svuotano di contenuto. Siamo ancora alla quarta versione ed già è sparita un sacco di roba: - sparisce la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi; - sparisce l'istituzione della Commissione clima e qualità dell'aria all'interno del Cipe; - spariscono le modifiche alla VIA. La "ciccia" non c'è più. Restano invece -eccome se restano- il TAP, la proroga automatica delle concessioni petrolifere, la Strategia Fossile Nazionale 2017 (ora nel Piano Nazionale Integrato Energia Clima, illegittimo ed inadeguato), gli incentivi ambientalmente dannosi, una Via che non valuta, ecc. ecc.. Il Green New Deal può attendere”. https://www.facebook.com/CoordinamentoNazNoTriv/photos/a.1428323164097930/2414120335518203/ ?type=3&theater 10 ott 19 VIDEO : “NAPOLI, PRESENTATO IL COMMONS WEEK Presso la Sala Giunta di palazzo san Giacomo, il Sindaco Luigi de Magistris e l’assessore ai Beni Comuni e Urbanistica Carmine Piscopo, insieme con il Presidente dell’Osservatorio ai Beni Comuni Giuseppe Micciarelli, hanno presentato il “Commons Week”, l’evento globale che metterà in relazione studiosi, attivisti e comunità di cittadini in tutto il mondo sul tema degli usi civici. La Città di Napoli, parteciperà agli eventi, discutendo e presentando le proprie esperienze in materia di acqua pubblica, di processi di rigenerazione urbana, di percorsi di neomunicipalismo, processi di democrazia partecipata e usi civici…..” http://www.julienews.it/notizia/politica/napoli-presentato-il-commons-week-- video/383978_politica_1.html VENERDÌ 11 OTTOBRE SI È SVOLTA LA CONFERENZA CON L'ATTIVISTA MIKO PELED "COSA SUCCEDE IN PALESTINA?” al Campus Luigi Einaudi Università degli Studi di Torino Cittadino israeliano, nipote di uno dei padri fondatori di Israele, figlio di un generale israeliano, volontario nell’esercito, una sorella uccisa durante un attacco palestinese, un’altra che scrive libri per descrivere come il sionismo alimenta il razzismo verso gli arabi partendo dai libri di testo nelle scuole. MIKO PELED A TORINO RACCONTA COME E PERCHÈ ADESSO SOSTIENE LA LIBERAZIONE DELLA PALESTINA (brillante traduzione di un giovane studente). VIDEO INTEGRALE DEL SUO INTERVENTO: https://www.youtube.com/watch?v=xQuNQVymUus DOMENICA 13 OTTOBRE SI È SVOLTA UNA MANIFESTAZIONE A SALBERTRAND CONTRO LA COSTRUZIONE DI UN DEVASTANTE IMPIANTO per la fabbricazione dei conci che dovrebbero servire al tunnel di base della Torino-Lione. Circa 150 persone hanno attraversato in corteo il paese dalla cappella di Oulme fino alla piazza centrale di Salbertrand dove era esposto un plastico prefigurante l’impianto contestato e ci sono stati alcuni interventi per illustrare il suo impatto negativo sulla salute degli abitanti e sul territorio di cui sono state illustrata le numerose opere d’interesse storico e artistico Un cantiere lungo circa 1 Km e largo 100 m con capannoni alti 27 m che dovrà ricevere, vagliare e macinare milioni di metri cubi di roccia proveniente dal cantiere di Chiomonte (viaggiando su camion). Tutto questo creerebbe polveri, rumore, distruzione del greto della Dora, danni incalcolabili alla ricchissima fauna che vive in zona, oltre ad un impatto visivo devastante (si troverebbe tra Salbertrand e il gran bosco) ed esporrebbe l’area circostante a gravi rischi idrogeologici in caso di piene della Dora. I manifestanti hanno raggiunto (in corteo) l’area destinata al cantiere e hanno consumato un pic nic condiviso Intanto il Comune di Salbertrand ha deliberato di nominare la commissione tecnica Torino Lione “con l’incarico di assistere l’amministrazione in tutti i procedimenti riguardanti a vario titolo i progetti presenti e futuri inerenti il collegamento ferroviario Torino Lione”. QUALCHE FOTO: https://photos.app.goo.gl/X54e6bYDvbxfNMGt8 INTERVENTO Ing A. POGGIO (tecnico della Commissione nominata dall’Unione Montana) A Salbertrand, a fianco della Dora, è prevista la costruzione di un'area industriale di 110000 mq. e di un area di caricamento occupante circa 14000 mq., per ospitare lo smarino prodotto dallo scavo del tunnel di base. https://youtu.be/IiMjdJHOQ8E INTERVENTO NATURALISTICO DI LUCA ANSELMO sull'area soggetta a futuro deposito e lavorazione dei materiali provenienti dallo scavo del tunnel della Maddalena.: https://youtu.be/-myPhuNNj5s LUNEDÌ 14 OTTOBRE NICOLETTA DOSIO E ALTRI NOTAV HANNO RICEVUTO L'ORDINE DI CARCERAZIONE per la sentenza di condanna definitiva (senza condizionale), per aver partecipato ad una manifestazione al casello autostradale di Avigliana nel 2012, sospeso per trenta giorni per dare modo di chiedere misure alternative alla detenzione. TG R del 14-OTT-2019 ore 1930 https://youtu.be/WldXkPG-Sqw (VEDI INFRA Articolo Stampa IN ALLEGATO) 15 Otte 19 NOTAV Info : “ORDINI DI CARCERAZIONE PER NICOLETTA ED ALTRI NOTAV Diversi ordine di carcerazione sono stati notificati ad alcuni notav per la manifestazione “OGGI PAGA MONTI” del 2012 al casello di Avigliana (Torino) dell’autostrada del Frejus. (PROCESSO “OGGI PAGA MONTI”, COME SI CREA IL MOSTRO NEGANDO LA REALTÀ http://www.notav.info/post/processo-oggi-paga-monti-come-si-crea-il-mostro-negando-la-realta/) L’ordine di carcerazione è sospeso per trenta giorni per dare modo di chiedere misure alternative alla detenzione e per alcuni la richiesta di carcerazione si somma ad altri processi definitivi. L’ennesimo attacco vendicativo e sproporzionato nei confronti di un movimento che non si arrende e che non si è mai arreso. Aggiorneremo in seguito sulle varie situazioni che ci coinvolgono ma vogliamo intanto pubblicare e fare nostre le parole di Nicoletta Dosio, anch’essa sottoposta alla richiesta di carcerazione” DICHIARAZIONE di Nicoletta Dosio: “MA CHE COSA PENSANO DI FARE CON I LORO MURI E LE LORO MANETTE? E che ne sanno di questa nostra vita che con un colpo d’ala sa liberarsi dalle loro trappole che si chiamano resa e rassegnazione? Nulla conoscono dell’amore che ci lega a questa terra e alle sue creature fragili, tenaci e belle. Né immaginano la forza dell’ostinata dignità di chi non si piega ai loro giochi di potere né alle loro minacce. L’erba sa rompere anche il cemento delle prigioni e l’acqua, a lungo andare, scava la pietra tenace. Chi la dura, la vince, e noi lo sappiamo…. Contro il breve tempo dei loro profitti, il lungo tempo della nostra lotta”. https://www.facebook.com/NicolettaDosioEU/photos/rpp.1444130929156788/2424943331075538/?type =3&theater http://www.notav.info/post/ordini-di-carcerazione-per-nicoletta-ed-altri-notav/ 16 ott 19 NOTAV Info : “PER UNA GIUSTA RESISTENZA. LIBERTÀ PER I NO TAV! Rimbalza sui giornali da alcuni giorni la notizia della notifica di anni di reclusione per 12 attivisti che a vario titolo parteciparono alla giornata di mobilitazione del 3 marzo 2012 organizzata dal movimento No Tav. Ricordiamo i fatti. A seguito di una partecipatissima assemblea in piazza del mercato a Bussoleno, il 3 marzo 2012, si decise di dividersi in due gruppi: uno si mosse in corteo a Bussoleno, un altro si diresse ad Avigliana per contestare le dichiarazioni provocatorie dell’allora premier Monti e liberare i caselli di una delle autostrade più care d’Italia, la Torino Bardonecchia, che dal lunedì della stessa settimana fino al giovedì era già stata occupata in maniera permanente dal movimento. Erano giorni di intensa mobilitazione: Luca Abbà pochi giorni prima era stato fatto cadere dal traliccio e lottava tra la vita e morte…... Oggi Luca sempre per colpa di questo tribunale sta scontando un’assurda pena di un anno in regime di semilibertà, facendo dentro e fuori dal carcere. In attesa di ulteriori indicazioni su come intenderemo muoverci nei prossimi mesi a sostegno dei condannati No Tav, non possiamo che rimarcare la distanza etica, morale e politica tra chi pratica una giusta resistenza e chi invece prova a riprodurre un sistema di sfruttamento. La storia, lo sappiamo, ci darà ragione. Solidarietà ai coraggiosi della Valsusa ed un ringraziamento ai numerosi No Tav da tutta Italia che ci stanno inviando attestati di solidarietà. LIBERTÀ PER NICOLETTA, DANA, FRANCESCA, STELLA, MATTIA, MAURIZIO, AURELIO, FABIOLA, MICHELE, MATTIA, PAOLO, MASSIMO! LIBERTÀ PER LA VAL DI SUSA!” http://www.notav.info/post/per-una-giusta-resistenza-liberta-per-i-no-tav/ MARTEDÌ 15 OTTOBRE UDIENZA DEL TRIBUNALE DI TORINO PER DECIDERE LA SORVEGLIANZA SPECIALE nei confronti dei tre militanti che hanno combattuto per la libertà a fianco delle milizie Curde, sono ritenuti pericolosi in quanto avrebbero partecipato a manifestazioni non autorizzate!!!. TG R del 14-OTT-2019 ore 1930 https://youtu.be/WldXkPG-Sqw AGGIORNAMENTO DOPO L’UDIENZA: "Rimandata di 15 giorni la sentenza per la richiesta di sorveglianza speciale a Eddi, Paolo e Jacopo. Novaro ha chiesto di non tenere conto delle immagini fornite dalla Digos o se ne vogliono tenere conto che ci sia possibilità per la difesa di portare altro materiale e che ci sia dibattimento in merito..." TG R del 15-OTT-2019 ore 1930 https://youtu.be/UubfehWW7K4 12 ott 19 Wu Ming : “È PIÙ PERICOLOSO ERDOĞAN O CHI HA COMBATTUTO L’ISIS? di Davide Grasso Mentre Erdoğan bombarda quartieri e civili in Siria per costringere alla fuga i curdi; mentre l’Isis ne approfitta per alzare la testa con azioni, rivolte e attentati, e puntare a una rinascita; mentre dal mondo intero sale la voce che chiede rispetto per la pace relativa conquistata dalla Siria, dilaniata da otto anni di guerra che hanno causato mezzo milione di morti; mentre il mondo guarda con orrore ai centomila profughi provocati dalla guerra scatenata contro le Ypg-Ypj, che hanno perso 11.000 caduti sconfiggendo lo Stato islamico… Mentre avviene tutto questo, in Italia, per iniziativa della procura di Torino, si convocano in tribunale gli italiani che hanno preso le armi contro l’Isis al fianco dei curdi siriani. Una donna e due uomini, per essersi battuti in diverse forme e periodi contro l’Isis e il fondamentalismo islamico, dovranno comparire davanti a una sezione speciale del Tribunale di Torino martedì 15 ottobre. Quali le accuse? Nessuna. Quali i reati contestati? Nessuno….” APPELLO INTERNAZIONALE DI SOLIDARIETÀ CON IL ROJAVA “A fronte del ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria, stabilito dal presidente Donald Trump e dal suo omologo turco Recep Tayyip Erdoğan, e di fronte all’invasione militare contro i popoli liberi del Rojava che questo accordo permette, consideriamo necessario e improrogabile dichiarare quanto segue: 1. La Comune del Rojava rappresenta in Medio Oriente il primo progetto politico anticapitalista basato sul Confederalismo Democratico, che promuove una visione alternativa dell’organizzazione della vita, fondata sull’autonomia non statale, sull’autodeterminazione, sulla democrazia diretta e sulla lotta al patriarcato. L’autonomia del Rojava è l’utopia di un mondo possibile, dove l’interculturalità, una differente e virtuosa relazione tra generi e il rispetto della madre terra vengono costruiti giorno dopo giorno. Il Rojava è la dimostrazione che non dobbiamo rassegnarci alla barbarie del presente….. Difendere il Rojava significa difendere chi resiste ogni giorno, in medio oriente e in ogni parte del mondo, contro la barbarie che avanza. Questa carta è un grido di rabbia, indignazione e solidarietà con i nostri fratelli e sorelle curde, che lottano e muoiono in nome della libertà e della democrazia. QUE VIVA LA VIDA! QUE MUERA LA MUERTE! IL ROJAVA NON È SOLO!” https://www.wumingfoundation.com/giap/2019/10/sorveglianza-speciale-4/ BINXET: AGGIORNAMENTI DAL ROJAVA. SIRIA DEL NORD https://www.openddb.it/binxet-aggiornamenti-dal-rojava-siria-del-nord/ 13 ott 19 CUB Rail: “LA QUESTIONE IMMORALE La velina sta correndo velocemente nei palazzi dei cortigiani. Mauro Moretti, ex Ad della holding FSI e di RFI -giudicato colpevole in primo e secondo grado per la strage di Viareggio (dove sono morte 32 persone e altre 100 sono rimaste ferite con lesioni gravissime) e condannato a 7 anni di reclusione- ha avuto una promozione. Il dicastero dei trasporti (nella persona della neo ministra Paola De Micheli) ha infatti pensato bene di avvalersi dei “consigli” di Moretti, considerato da qualche pennivendolo come “il super manager” e “gigante” in tema di gestione dei trasporti. Peccato che in questa vicenda di gigante si vedano solo le condanne ricevute (Viareggio) e quelle mancate (Crevalcore). Se invece vogliamo parlare di gestione dei trasporti risulta paradossale considerare Moretti come qualcosa vicino alla logica e alla lungimiranza…. Per non parlare della montagna di denaro pubblico drenato dall’AV (60 milioni di euro al KM!) alle altre divisioni, quali il trasporto pendolare e quello merci, relegato sempre di più verso la privatizzazione, per non parlare del taglio ai servizi IC, lunga percorrenza e internazionali. D’altronde si sa, in Italia la memoria è corta. Dante De Angelis prima, e Riccardo Antonini dopo, hanno pagato con i licenziamenti la loro lotta per la sicurezza ferroviaria e per essere stati al fianco dei familiari della strage di Viareggio….. Quanto “costano”, al contrario, le vittime del disastro di Pioltello? Se il dispositivo antisvio fosse stato installato sul regionale Trenord quella mattina non avremo parlato di morte, di dolore….” http://cubferrovie.altervista.org/commenti-la-questione-immorale/ 12 ott 19 Affari Italiani TRASPORTI, L'OMBRA DI MORETTI DIETRO LA DE MICHELI AL MINISTERO Il ritorno del supermanager http://www.affaritaliani.it/politica/trasporti-ombra-di-moretti-dietro-la-de-micheli-630941.html ULTERIORE PRESUNTA INIZIATIVA DELL'ATTUALE MINISTRA DEI TRASPORTI VECCHI LEGAMI? Sarà perchè Moretti era in segretaria nazionale della CGIL trasporti prima di essere AD delle Ferrovie? Vedere anche quali ruoli ricopre ancora attualmente https://it.wikipedia.org/wiki/Mauro_Moretti 13 ott 19 Claudio Giorno e Mauro Rubella: “CORREVA L’ANNO…1989 Rievocazione” di un incontro convocato a Trento il 13 ottobre 1989 (!) da Alex Langer per sottolineare l’importanza di una politica europea di tutela dell’ecosistema alpino cui ci recammo – Mauro Rubella ed io – giusto 30anni fa. Fu la prima volta che (con riferimento al Brennero) sentimmo parlare del rischio che il partito unico del calcestruzzo proponesse i megatunnel ferroviari come “soluzione eco-compatibile” del trasporto di merci (prevalentemente inutili o superflue) attraverso le Alpi!...” https://claudiogiorno.wordpress.com/2019/10/13/correva-lanno1989/ “NEMICI DELLO STATO?: STIAMO CON I DIFENSORI DEL TERRENO E IL NOSTRO AMBIENTE!” VIDEO: https://www.youtube.com/watch?time_continue=10&v=QJbIyn-7DNw Luglio 19 Report Nemici dello Stato : “COME I GOVERNI E LE IMPRESE METTONO A TACERE LA TERRA E DIFENSORI DELL'AMBIENTE file:///D:/EVIDENZA/3- 15%20dic%2018%20Cop%2024%20a%20Katowice%20e%20seguenti%20su%20clima/Enemies_of_the _State.pdf “…..Più di tre persone sono state assassinate ogni settimana nel 2018, molte di più criminalizzate, per aver difeso la loro terra e il nostro ambiente…..” https://www.globalwitness.org/it/campaigns/environmental-activists/enemies-state/ E’ USCITO IL LIBRO “IL FASCISMO COME MOVIMENTO DI MASSA, LA SUA ASCESA E LA SUA DECOMPOSIZIONE (1934), di Arthur Rosenberg, inedito in italiano, pubblicato grazie alla traduzione dal tedesco dei compagni del Circolo Internazionalista di Roma, pubblicato nei Quaderni di Pagine Marxiste Introduzione di Graziano Giusti (anche autore di “ANATOMIA DEL POPULISMO FASCISTA” riportato in Appendice): “FASCISMO E POPULISMO” http://www.paginemarxiste.it/modules.php?name=Archivio&pa=showpage&pid=480 176 pagine, 10 euro comprese le spese di spedizione, richiedendolo a questa mail: abbonamenti@paginemarxiste.it ARCHIVI FOTOGRAFICI LUCA PERINO “E' SOLO UN PROBLEMA DI ORDINE PUBBLICO…” http://lucaxino.altervista.org/ UN CROWDFUNDING PER SALVARE LA LIBRERIA COMUNARDI https://www.gofundme.com/savecomunardi 19 agosto 19 Repubblica : “TORINO, LA LIBRERIA COMUNARDI CHIUDE, ANZI NO: "RIAPRIREMO NEL LOCALE A FIANCO" Lo storico negozio di via Bogino rischiava di sparire dopo 43 anni perché sfrattato da un supermercato, ma il titolare Barsi ha trovato una soluzione: "Non molliamo, al via una raccolta fondi per il trasloco" di Sara Strippoli ….. Dice semplicemente che il 30 settembre non se ne andrà. "Noi chiudiamo soltanto sei giorni. Quest'anno, eccezionalmente, ho chiuso a Ferragosto perché Torino è piena di turisti ma in libreria non vengono molto". Barsi non vuole buchi temporali. Le intenzioni sono chiudere al numero civico 2 solo quando sarà pronto il trasloco nel negozio a fianco, 480 metri, parte interrati. Uno spazio vuoto da tempo con un gran bisogno di essere messo a norma. La trattativa è in corso. Si parla di 700mila euro, ma il titolare non nega e non conferma: "Stiamo dialogando". Quello che è certo è che servono ulteriori 200mila euro per la ristrutturazione. Così è partito un crowdfunding, per ora sono arrivati 26mila euro. La meta è molto lontana, ma in via Bogino non c'è aria di resa….” https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/08/19/news/torino_la_libreria_comunardi_chiude_anzi_no_riapr iremo_nel_locale_a_fianco_-233903434/ ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI IN ALLEGATO (VEDI anche su : http://davi-luciano.myblog.it/) 10 ott 19 FQ : “LA PASSIONE ITALIANA DI ARMARE ANKARA Rete disarmo - “Nel 2018 concesse 360 milioni di licenze di esportazione” di Michela Rubortone ….Anche per la Rete Italiana per il disarmo – martedì si era rivolta ai parlamentari italiani la comandante curda Dalbr Issa – è l’Italia a potere e dovere intervenire “per fermare un’escalation di conflitto inaccettabile”. La Rid ha chiesto formalmente al ministro degli Esteri Luigi Di Maio “che vengano sospese con effetto immediato tutte le forniture di armamenti e sistemi militari verso il governo di Ankara, come prevede la legge 185 del 1990 che impedisce di inviare armi a Paesi in stato di conflitto armato”. La Turchia, da anni, compare nell’elenco dei maggiori clienti dell’industria bellica italiana, e le forze armate turche dispongono di diversi elicotteri T129, di fatto una licenza di coproduzione degli elicotteri italiani di AW129 Mangusta di Augusta Westland. “Negli ultimi quattro anni l’Italia ha autorizzato forniture militari per 890 milioni di euro e consegnato materiale di armamento per 463 milioni di euro” ha sottolineato il coordinatore Francesco Vignarca….” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/10/la-passione-italiana-di-armare- ankara/5507653/ 11 ott 19 FQ : “RENZI È MOBILE, OGGI CURDO, IERI… Si sa com’è il nostro amico Matteo Renzi: mobile qual piuma al vento, cambia d’accento e di parola a seconda della parte in cui tira quel benedetto vento. Oggi, per dire, sta coi fratelli curdi: “I nostri fratelli curdi hanno combattuto gli estremisti dell’Isis distruggendo lo Stato Islamico. Lasciarli soli adesso è assurdo e profondamente ingiusto. La comunità internazionale non può fare finta di niente”, ha twittato mercoledì. Quando era presidente del Consiglio, nel 2015, se ne andò invece ad Ankara e “speriamo sia l’anno buono per l’adesione della Turchia all’Ue”; l’anno dopo – quello in cui l’Europa pagò a Erdogan 6 miliardi di euro per chiudere la rotta balcanica ai migranti – esprimeva “sollievo” perché il golpe militare contro il sultano era fallito. D’altronde, basta ricordarselo, il nostro amico Renzi è mobile, pure troppo: nel 2014 mandava una tantum “armi leggere e razzi anticarro” ai curdi per combattere l’Isis e nel 2014 e l’anno dopo e quello appresso pure vendeva centinaia di milioni di euro di grosse bombe e sistemi all’avanguardia al sultano Erdogan….” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/11/renzi-e-mobile-oggi-curdo-ieri/5509497/ 11 ott 19 FQ : “BOMBARDANO LE DIGHE PER FARCI SCAPPARE” Nisrin Abdullah - La comandante dell’Ypj: “Anche l’Isis ci attacca” di Roberta Zunini Nisrin Abdullah, comandante delle Unità femminili di Protezione del Popolo curdo (Ypj), si trova al confine tra la Turchia e il Rojava, per tentare di impedire all’esercito turco di entrare sul territorio. Mentre le parliamo al telefono, si sentono i colpi dell’artiglieria di Ankara. “Stanno bombardando senza sosta le città di confine, tra cui la più nota è Kobane. Noi non siamo ben equipaggiati e numerosi come loro”. I jet e i droni turchi intanto prendono di mira le infrastrutture idriche per lasciare i civili senza acqua potabile e costringerli a fuggire. “Hanno già distrutto la diga di Mansoura a 12 chilometri da Derik e la riserva idrica di Aluk che provvede a rifornire di acqua potabile 2 milioni di persone. Si tratta di un crimine di guerra. Inoltre dobbiamo continuare a difenderci anche dalle cellule in sonno dell’Isis che si sono già risvegliate e ieri hanno attaccato alcuni villaggi attorno a Raqqa”….” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/11/bombardano-le-dighe-per-farci- scappare/5509523/ 12 ott 19 FQ : “LEONARDO, ALENIA O BERETTA, GLI AFFARI NELLA GUERRA TURCA L’alleato riluttante. Il secondo esercito della Nato è rifornito da Usa e Ue (e un po’ dalla Russia). Le italiane in prima fila di Salvatore Cannavò Che la battaglia tra la Turchia e l’esercito curdo in Siria sia impari non è dimostrato solo dal fatto che quello di Ankara è il secondo esercito della Nato, né dal fatto di disporre di 400 mila uomini contro, forse, le 35 mila unità dell’Ypg. Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute (Sipri), la Turchia detiene il 15º esercito del mondo e solo nel 2018 ha impiegato 18,9 miliardi in spese militari contro i 12,5 miliardi stanziati dieci anni prima, nel 2008: un balzo di circa il 50%..... Se volessimo dare un nome e cognome a queste armi non si può non tirare in ballo il gruppo Leonardo, a partecipazione pubblica, collocato al 9° posto nella classifica dei Top 100 costruttori di armi stilata dal Sipri (con 8,86 miliardi di armi vendute complessivamente contro i circa 45 miliardi della prima classificata, la Lockeed Martin, i 27 miliardi della seconda, la Boeing e i circa 23 della terza, la Raytheon, tutte e tre statunitensi). Secondo le analisi effettuate sempre dalla Rete Disarmo, tra i marchi italiani più esposti verso la Turchia si segnala Agusta-Westland con la produzione degli Elicotteri T129 (61 nel 2010) basati sull’A129 Mangusta, il tutto per un controvalore di circa 3 miliardi di euro. Alenia Aermacchi, sempre secondo i dati della Rete Disarmo, illustrati da Giorgio Beretta, ha venduto alla Marina turca gli ATR72-600 Tmua….” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/12/leonardo-alenia-o-beretta-gli-affari-nella- guerra-turca/5511141/ 13 ott 19 FQ : “HEVRIN KHALAF, ATTIVISTA PER I DIRITTI DELLE DONNE TRUCIDATA IN SIRIA DAI FILO-TURCHI: PER ISIS ERA UNA MISCREDENTE La segretaria generale del Partito Futuro siriano è stata prelevata dall'auto su cui viaggiava insieme al suo autista a sud della città di Tel Abyad, nel nord-est del paese. Entrambi sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco. Sassoli: "Orrore" https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/10/13/siria-attivista-per-i-diritti-delle-donne-hevrin-khalaf- trucidata-dai-filo-turchi-per-isis-era-una-miscredente/5512940/ 14 ott 19 Repubblica : “I PIEMONTESI CHE HANNO COMBATTUTO L'ISIS: "L'ITALIA DEVE AIUTARE I CURDI" L'appello dei militanti che si sono arruolati in Siria ontro lo stato islamico. Per tre di loro domani il giudizio sulla richiesta di sorveglianza speciale dalla procura di Jacopo Ricca "L'Italia intervenga a sostegno della lotta dei curdi in Siria”. Questo è l'appello che arriva dai militanti piemontesi, che hanno combattuto contro lo Stato Islamico in Siria. Sono tutti apparteneti ai centri sociali e che hanno partecipato a iniziative No Tav.Domani per tre di loro, Jacopo Bindi, Maria Edgarda Marcucci e Paolo Andolina, i giudici torinesi dovranno pronunciarsi sulla richiesta di sorveglianza speciale presentata dalla procura di Torino. Nei mesi scorsi la posizione di altri due di loro, Davide Grasso e Fabrizio Maniero, era stata stralciata, ma secondo la pm Emanuela Pedrotta Bindi, Marcucci e Andolina avrebbero messo “a frutto” le competenze apprese durante la guerra contro l'Isis in iniziative politiche organizzate in Italia, come una protesta contro un locale della movida che non pagava i lavoratori o un capodanno musicale fuori dal carcere di Torino….” https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/10/14/news/i_piemontesi_che_hanno_combattuto_l_isis_l_italia _deve_aiutare_i_curdi_-238518755/ 14 ott 19 FQ : “ITALIA E FRANCIA: ORA UNA MORATORIA UE SULLE ARMI A Bruxelles - Oggi la proposta per bloccare le esportazioni alla Turchia. Il Pd: “Intanto iniziamo noi” di Patrizia De Rubertis “Domani mattina (oggi, ndr) prima del Consiglio degli Affari esteri avrò un bilaterale con il ministro francese. Insieme chiederemo lo stop alla vendita di armi alla Turchia per tutti i 28 Paesi”. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, dal palco della festa dei Cinque Stelle a Napoli, rilancia il messaggio di sabato quando, unendosi al coro di Germania, Norvegia, Svezia, Finlandia e Olanda, ha assunto una posizione netta sulla sospensione delle forniture militari ad Ankara….” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/14/italia-e-francia-ora-una-moratoria-ue-sulle- armi/5513610/ 16 ott 19 FQ : “MARCO, EMANUELE E CARLO: “IL NOSTRO CUORE È A KOBANE” L’Internazionale - Da Cosenza a Rovigo, i ragazzi che si uniscono alla lotta dei “fratelli” dell’Ypg: “Affascina il loro modello di società” di Enrico Fierro “Ecco, leggi questo post su Fb”, mi dice Emanuele. Sono veramente preoccupato…”. Leggiamo: “In questo momento siamo una dozzina di internazionalisti a combattere a Serekaniye a fianco dei nostri amici curdi, arabi, turchi, armeni e assiri. Siamo sotto un continuo bombardamento dell’aviazione e dell’artiglieria turca. Non ho idea di quanto riusciremo a resistere. Questo potrebbe essere il mio ultimo messaggio”. Data 11 ottobre 2019, firmato Serhat Tiqqun, nome di battaglia, di un ragazzo di 22 anni di origini francesi, uno dei tanti combattenti internazionali che affiancano la resistenza curda. Molti gli italiani. Sono giovanissimi, belle teste politiche, la voglia di dare concretezza a parole come solidarietà, internazionalismo e libertà. E a combattere una guerra che hanno vissuto come la loro….. Con i suoi trent’anni il pugliese Carlo (in onore del giovane Giuliani ucciso durante il G8 di Genova) Gabar è il più “vecchio” dei volontari. Mesi di vita e di battagli

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body