Newslettera del 2 ott 19

Oct 3, 2019 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 5 | Likes: 1

"edocr

Festival della nonviolenza, FFF, CUB, Palestina, Vajont, Kurdistan, Assemblea21, Gramsci e Gobetti, Migranti, NOTAV, NO Olimpiadi e aggiornamenti PROGRAMMA PROSSIME INIZIATIVE (VEDI ANCHE ALLEGATI ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI) PROSEGUE FINO A SABATO 5 OTTOBRE Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino e altre sedi “FESTIVAL DELLA NONVIOLENZA E DELLA RESISTENZA CIVILE” Ingresso libero “…..Di questo modello alternativo il Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile intende offrire esempi concreti e passi praticabili di realizzazione, dando voce a diverse realtà, articolate nei tre filoni: - Per il rispetto dei diritti umani No a nazionalismi, chiusure, razzismi - Per la protezione degli ecosistemi e la tutela delle comunità No all’estrattivismo, al degrado ambientale, alla manipolazione dei sistemi agricoli - Per la pace di tutti i popoli No ad armamenti, minacce, imperialismi….” PROGRAMMA: https://www.facebook.com/events/1257678497769153/ http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ VEDI INFRA PRINCIPALI INIZIATIVE GIOVEDI’ 3 OTTOBRE ORE 14- 18 al Campus Luigi Einaudi Università degli Studi di Torino Lungo D’ora Siena100, Torino “EUROPA SENZA ARMI NUCLEARI: UN SOGNO REALIZZABILE” CONFERENZA a cura del Coordinamento di cittadini e associazioni contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi. - Introduzione: Giovanna Pagani (Wilpf Italia): “LA STORIA DEL TRATTATO ONU” - Angelo Baracca (Università degli Studi di Firenze): “BOMBA NUCLEARE IN ITALIA. QUANTO CI COSTI” - Massimo Zucchetti (Politecnico di Torino): “BOMBA NUCLEARE E AMBIENTE – QUALE IMPRONTA LASCI, SPERANDO DI NON ESSERE MAI UTILIZZATA” - Giangiacomo Migone (Università degli Studi di Torino): “USCIRE DAL NUCLEARE. PER UN’EUROPA DENUCLEARIZZATA” https://www.facebook.com/events/702145563593489/ ORE 16 – 19 Emergency Infopoint, corso Valdocco 3, Torino “EMERGENCY STORY. 25 ANNI: MEDICINA, DIRITTI E UGUAGLIANZA” 15 manifesti raccontano progetti e valori che dal 1994 ne guidano l’azione umanitaria: offrire cure medico-chirurgiche gratuite e di elevata qualità alle vittime della guerra, delle mine antiuomo e della povertà e diffondere una cultura di pace e rispetto dei diritti umani. A SEGUIRE NEI GIORNI SUCCESSIVI ALTRE CONFERENZA ALL’INFOPOINT, VEDI PROPGRAMMA https://www.facebook.com/events/1257678497769153/ http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ ORE 19 Piazza Castello, Torino CRITICAL MASS - PEDALATA D'AUTUNNO!!! https://www.facebook.com/events/385693032107508/ ORE 18– 20 sala Gandhi Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino “STORIA DI UNA PALLOTTOLA” Proiezione del web-doc . La guerra raccontata da chi lavora a contatto quotidiano con le vittime. Interviene Roberto Maccaroni, infermiere di Emergency. ORE 20.30 – 23.00 sala Poli – Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino “DERT” Proiezione del documentario di Mario e Stefano Martone. A cura delle Donne in Nero della Casa delle Donne di Torino. “La storia della cooperativa agricola bosniaca INSIEME e dell’amicizia che l’ha resa possibile, quella tra Rada, Skender e Mario….” http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ VENERDI’ 4 OTTOBRE ORE 14 Piazza Castello, Torino, davanti a palazzo Madama PRESIDIO #FRIDAYSFORFUTURE A TORINO! “Abbiamo solo più 11 anni per spostare l'intera economia mondiale su energie sostenibili e rinnovabili, ridurre le emissioni al minimo e abbandonare la plastica... 11 anni sono pochi. Noi siamo la prima generazione a sentire gli effetti del cambiamento climatico... Ma siamo anche l'ultima a poter fare qualcosa" La fusione del permafrost sta rilasciando nell'aria enormi quantità di Metano (gas serra) che era trattenuto negli Idrati di Metano. Ciò causerà un ciclo vizioso che aumenterà ulteriormente ed esponenziale le temperatura globale….” ORE 15.30 – 17.30 sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DEL MOVIMENTO EXTINCTION REBELLION A seguire: ORE 18 – 20 “LA TERRA È UNA RICCHEZZA, MA NON PER TUTTI…” Incontro con : Paolo Pileri e il suo libro “CENTO PAROLE PER SALVARE IL SUOLO”; Alessandro Mortarino e uno sguardo sulla “TERRA FOTTUTA”. A cura del Forum Salviamo il Paesaggio http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ ORE 18:30 Cub Piemonte Corso G.Marconi 34, 10125 Torino “MERENDA SINOIRA SOLIDALE PER GIULIANA” “colpevole” di aver intentato una causa contro l’intermediazione di manodopera e l’uso irregolare di partite Iva e tempi determinati nelle società alle quali l’ASL Torino Nord ha, dopo averle privatizzate, affidato le comunità psichiatriche e condannata a pagare 7500 euro di spese legali Raccogliere fondi per sostenere Giuliana. https://www.facebook.com/events/533666570739248/?notif_t=plan_user_invited&notif_id=1569435528 751311 ORE 20.30 – 23.00 sala Poli – Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino “LA NONVIOLENZA IN GRANDI BATTAGLIE AMBIENTALI E SOCIALI: IL CASO NO TAV”, Conferenza con Mario Cavargna, Presidente di Pro Natura Piemonte; Proiezione del video AMA LA TERRA COME TE STESSO, riflessioni attorno all’enciclica Laudato si’, con Eugenio Cantore, a cura di Pro Natura e Cattolici per la vita della valle. http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ ORE 20,30 presso la Casa del Quartiere di via Morgari 14, Torino SERATA SUI DIRITTI UMANI IN PALESTINA. “Un incontro su quanto succede oggi in Palestina con lo scopo di fornire informazioni ma anche promuovere una partecipazione attiva alla solidarietà con la causa palestinese condividendo e promuovendo le iniziative del BDS Torino - breve intro sulla questione palestinese - presentazione del movimento BDS, principi, metodi e obiettivi - proiezione di un cortometraggio Venite "giàmmangiati", ma al dolce pensiamo noi! :D https://www.facebook.com/events/395734121140133/ SABATO 5 E DOMENICA 6 OTTOBRE Sulla frana ai piedi della diga del Vajont “NOTTE BIANCA DELLA MEMORIA” 16° PRESIDIO QUANDO LE COLPE SONO MACIGNI E NON PIUME AL VENTO “Non più soltanto omicidio colposo, ma DOLO EVENTUALE per chi doveva e poteva evitare stragi di innocenti, ma non lo ha fatto in nome del profitto. Dal Vajont al Ponte Morandi la cinica storia si ripete. Chiediamo che la legge si sottometta alla giustizia e non a interessi che prevaricano la sicurezza e la vita delle persone e la tutela dell’ambiente”. PROGRAMMA DELLE DUE GIORNATE SU: https://www.facebook.com/events/493596284796632/ Informazioni: Nives Fontanella, Associazione Cittadini per la Memoria del Vajont, cell. 3285966856 Per parteciparvi Luciano Spadoni di S.Ambrogio tel 327 475 0949 studio.spadoni@gmail.com SABATO 5 E DOMENICA 6 OTTOBRE Teatro Palladium-ROMA CONFERENZA INTERNAZIONALE SU CONFEDERALISMO DEMOCRATICO, MUNICIPALISMO E DEMOCRAZIA GLOBALE VISIONI E STRATEGIE DAL KURDISTAN – “Sono passati circa 8 anni dall’avvento delle primavere arabe e dall’inizio della guerra civile in Siria. Gli equilibri sono cambiati, nuove alleanze si sono create e dietro gli scenari bellici si nascondono interessi sovranazionali pronti a rideterminare e ridefinire i confini. A pochi mesi dalla tanto decantata sconfitta dell’Isis cosa sta accadendo in quei territori?...” https://www.confederalism.eu/ REGISTRAZIONE: http://www.confederalism.eu/iscrizione PROGRAMMAZIONE: https://www.facebook.com/events/2383114348404816/?active_tab=about SABATO 5 OTTOBRE ORE 10 mercato piazza della Vittoria angolo via Villar, Torino ASSEMBLEA21 INCONTRA I CITTADINI: “NON SIAMO INVISIBILI” “I professionisti della politica ripetono all'infinito che nelle nostre città i problemi principali sono sicurezza, decoro e migranti. Assemblea21 ha sempre richiesto all'Amministrazione comunale di Torino di affrontare questioni concrete che possono invece davvero cambiare la nostra città: lavoro, ambiente, casa, salute e debito. Dopo 3 anni non possiamo però che constatare il fallimento dell'amministrazione pentastellata, incapace di dare risposte: perciò abbiamo deciso di ritrovarci i sabati mattina nelle periferie della città per raccogliere le idee, ascoltare le problematiche e affrontarle insieme. E a questo scopo sarà inoltre possibile compilare un questionario relativo alle condizioni del proprio quartiere. Seguiranno: 12/10, mercato corso Sebastopoli angolo via Tripoli; 26/10, mercato corso Racconigi angolo corso Peschiera. Sono invitati tutti gli abitanti che vogliono condividere i loro problemi e partecipare alle scelte della propria città, movimenti, comitati, realtà sociali”. http://assemblea21.blogspot.com/ ORE 16,30, a Meana, presso la Biblioteca popolare "Dal Gallo Sebastiano", "LA VOCAZIONE PEDAGOGICA DI ANTONIO GRAMSCI E PIERO GOBETTI, VITE CONVERGENTI PER LA RIFORMA INTELLETTUALE E MORALE DELL'ITALIA". Incontro-dibattito, coordinato da Gigi Richetto, aperto a tutti. https://www.facebook.com/549159738448859/photos/rpp.549159738448859/2611734555524690/?type= 3&theater ORE 9 - 23 sala Poli – Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino “OSPITI”, Mostra fotografie di Gianni Oliva. Ritratti di migranti accolti e aiutati nell’inserimento in Italia dalla comunità di Mezzenile in Val di Lanzo. In collaborazione con l’Associazione Multietnica Mediatori Interculturali (AMMI). Sempre in sala Poli: ORE 9 – 13 LABORATORIO PER L’ESPLORAZIONE E LA PRATICA DELLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA, con Massimo Leoncini, di Extinction Rebellion ORE 15 – 17 sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino “DOMANDE SGRADITE DAI MIGRANTI”. Tavola rotonda interattivo per interrogarci sulle nostre relazioni, a cura di Vanessa Maher e Almaterra ORE 20.45 – 23.00 sala Poli – Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, Torino “INTRECCI” INCONTRO DI CHIUSURA. “Attraverso l’intreccio di musica, canto, immagini, letture, testimonianze sarà il momento conclusivo del festival in cui riflettere sui collegamenti tra i processi migratori, la crisi ambientale e le guerre. Serata conclusiva in cui riaffermare il valore della nonviolenza e la necessità della resistenza e della disobbedienza civile quando violenze, ingiustizie e disuguaglianze avanzano. - INTERVENTI MUSICALI di Marilù et Camarades - LETTURE a cura di Anna Delfina Arcostanzo della Compagnia Marco Gobetti - TESTIMONIANZE a cura di Carovane Migranti, Operazione Colomba e Karim Metref - INTERVENTO della dott.ssa Monica Cerutti sulle buone pratiche di integrazione dei migranti in Piemonte - INTERVENTO VIDEO di padre Alex Zanotelli - CLIP DEL FILM VINCITORE EX-AEQUO DEL PREMIO OCCHIALI DI GANDHI DEL TFF 2017 “Balon” di Pasquale Scimeca ORE 23 in piazza Castello FLASH MOB a cura di Casa Umanista http://serenoregis.org/evento/festival-della-nonviolenza-e-della-resistenza-civile/ ORE 14.30 da Via Tenda 8c d , Ventimiglia “PARATA SENZA FRONTIERE #2” “Costruiamo questa parata muovendoci tra arte, giocoleria, musica e fantasia, per coinvolgere tutte e tutti ad essere parte di un’alternativa, dove umanità e la libertà di muoversi e di restare diventano le fondamenta su cui costruire città migliori senza discriminazioni di provenienza, genere o reddito….” https://www.facebook.com/events/408937466398068/ DOMENICA 6 OTTOBRE ORE 10 alla stazione di Chiomonte per scendere insieme IN CLAREA per il: TERZO APPUNTAMENTO DI “BOULDER”! Organizzato dal comitato giovani No TAV “I blocchi si trovano nell'area adiacente al cantiere e alle sue reti, che coprono un'ampia area della val Clarea e parte del sito archeologico della Maddalena, compreso il suo museo, fin dal 2011. La zona del cantiere è infatti considerata un'area strategica di rilevanza nazionale, e per tanto militarizzata: il che significa un check point per entrare in via dell'avaná, dove lavorano diversi viticoltori e non solo, e la costante presenza di polizia, guardia di finanza ed esercito, a presidiare tutta la zona attorno ad un cantiere fermo e vuoto. Questa zona è parte della nostra valle e delle montagne che viviamo e attraversiamo, e vogliamo vederla libera da militari e strumenti di controllo. Per questo vi invitiamo a passare insieme una giornata di sport e socialità per ribadire che le montagne sono di chi le vive e per spingere per la smilitarizzazione della val Clarea!” A seguire : DALLE ORE 18 al cancello della centrale elettrica di Chiomonte APERICENA NOTAV AI CANCELLI. portate da mangiare e da bere da condividere! https://www.facebook.com/events/469081337150331/ ORE 17.30 all’Associazione Comala corso Ferrucci 65/a, Torino “DIFENDIAMO LA RIVOLUZIONE DEL ROJAVA” DOCUMENTARIO sul International Freedom Battalion (IFB) che combatte in sostegno della rivoluzione del Rojava nel Nord della Siria A seguito della proiezione, APERICENA E DJ SET SKA. L'iniziativa rientra nella campagna di raccolta fondi per l'acquisto di bende emostatiche "CELOX" e maschere antigas per la guerriglia Kurda che combatte sulle montagne. Organizzato da Proletari Torinesi Per Il Soccorso Rosso Internazionale Pt-Sri https://www.facebook.com/events/368814314040274/?notif_t=plan_user_invited&notif_id=1568386168 147250 LUNEDI’ 7 OTTOBRE ORE 21 presso Csoa Gabrio Via Francesco Millio 42, Torino ASSEMBLEA21, APERTA A TUTTI I GRUPPI E CITTADINI VALUTAZIONE DELLE INIZIATIVE EFFETTUATE E SUL PROSEGUIMENTO “Assemblea21 ha lo scopo di condurre un’indagine indipendente e popolare sul debito del Comune di Torino, per contrastarne concretamente la legittimità e liberare risorse in direzione del soddisfacimento dei bisogni fondamentali della nostra comunità territoriale….” VEDI AGGIORNAMENTI : http://assemblea21.blogspot.it/ https://www.facebook.com/assemblea21/?fref=ts MARTEDI’ 8 OTTOBRE ORE 21 al Sereno Regis, Sala Gandhi, via Garibaldi 13, Torino ASSEMBLEA NOTAV organizzata da NOTAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa Come sempre l’odg verrà deciso all’inizio della riunione MERCOLEDI’ 9 OTTOBRE ORE 19- 22:30 Piano Terra Via Federico Confalonieri 3, Milano “NOOLIMPIADI - LE RAGIONI DEL NO DA TOKYO A LOS ANGELES” Ne parleremo insieme a esponenti dei comitati No Olimpiadi di Parigi, Tokyo e Los Angeles (questi ultimi in diretta Skype) e con Maurizio Pagliassotti, giornalista e attivista del Coordinamento No Olimpiadi Torino. “Le Olimpiadi Milano-Cortina 2026 sono il nuovo miraggio cui tendere nella narrazione dominante, l’ennesimo grande evento che deve garantire a Milano e al ricco Nord-Italia attrattività per turisti e investimenti finanziari e immobiliari….. Mentre da noi la macchina olimpica procede asserendo di avere il consenso dei più, cresce nel mondo, nei luoghi che ospiteranno o hanno ospitato edizioni olimpiche, la contestazione e il rifiuto verso questi mega-eventi per i danni economici, sociali e ambientali che lasciano a città, popolazioni e territori. Nei mesi scorsi comitati di varie città olimpiche (Parigi, Los Angeles, Tokyo per citarne alcune) hanno prodotto un documento congiunto intitolato “NO OLIMPIADI OVUNQUE” che chiede la fine di queste rassegne (e ricordiamo che anche Milano-Cortina hanno prevalso dopo la rinuncia di parecchie città e che anche Parigi e Los Angeles, prossime edizioni estive, sono state assegnate in assenza di contendenti).” Organizzato da Off Topic e Piano Terra https://www.facebook.com/events/2726028164097801/ MATERIALI: NOLYMPICS ANYWHERE: A JOINT STATEMENT IN SOLIDARITY https://nolympicsla.com/2019/08/01/nolympics-anywhere-a-joint-statement-in-solidarity/ OFF TOPIC NUOVO #PIEGHEVOLE A TEMA: OLIMPIADI 2026 https://www.offtopiclab.org/wp-content/uploads/pieghevole-olimpico.pdf https://www.offtopiclab.org/nuovo-pieghevole-a-tema-olimpiadi-2026/ INIZIATIVE FUTURE IN EVIDENZA: 12 OTTOBRE A MILANO CORTEO “NOCPR E DECRETI SALVINI” #OLTREICONFINI ORE 14:30 Piazzale Piola Milano Sotto l’inganno dei decreti “sicurezza ”, i germi di uno stato di polizia che teme gli atti di solidarietà’ e la coalizione di sfruttate e sfruttati. APRITE I PORTI E GLI AEROPORTI, CHIUDETE I CPR! https://www.facebook.com/NoaiCPR/videos/1168914393293513/ VIDEO: https://www.facebook.com/events/1083686275168896/ MARTEDÌ 15 OTTOBRE PRESIDIO PER L’UDIENZA SULL’APPLICAZIONE DELLA “SORVEGLIANZA SPECIALE”, PER EDDI, JACOPO E PAOLO, tre cittadini torinesi che sono partiti dall'Italia per combattere l'ISIS, a difendere le popolazioni civili e le conquiste sociali nella regione rivoluzionaria del Rojava/Siria del nord. DALLE ORE 08:30 ALLE 11:30 AL TRIBUNALE DI TORINO C.SO VITTORIO EMANUELE II N. 130, TORINO https://www.facebook.com/events/742852809473689/?ti=cl GIOVEDÌ 10 OTTOBRE ORE 21 al Sereno Regis via Garibaldi 13, Torino SERATA INFORMATIVA CON JAK, DAVIDE, EDDY E JACOPO INIZIATIVA NOTAV A SUSA : SABATO 12 OTTOBRE in piazza IV Novembre (piazza del Sole) VENERDÌ 18 OTTOBRE SERATA INFORMATIVA NOTAV in sala consiliare ALTRE INIZIATIVE SU : https://www.facebook.com/pg/radioblackout105250/events/ http://www.fabionews.info/torinovive.php EVENTI CSA GABRIO : https://gabrio.noblogs.org/; https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito https://www.facebook.com/ManituanaTorino/ CAVALLERIZZA REALE OCCUPATA: http://cavallerizzareale.wordpress.com/ https://www.facebook.com/pages/Assemblea-Cavallerizza-1445/696775003675449 https://www.facebook.com/Piattaforma-Arte-Spettacolo-Conoscenza-274558966211981/?fref=ts PER AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NOTAV: www.notav.info - www.notavtorino.org -http://www.presidioeuropa.net/blog - http://controsservatoriovalsusa.org/ http://www.autistici.org/spintadalbass/- www.notav-valsangone.eu- www.notav.eu - https://www.notavterzovalico.info/- http://noterzovalico.wordpress.com/- www.ambientevalsusa.it - http://www.tgmaddalena.it/- https://www.facebook.com/notavtorino.org/- AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA : (VEDI anche su : TG Vallesusa : http://www.tgvallesusa.it/?page_id=135 Facebook Festival Alta Felicità : https://www.facebook.com/festivalaltafelicita/ Attualità, Diario Tav, Libri, Dischi, X Files : www.mavericknews.wordpress.com Centro di documentazione Invicta Palestina : https://invictapalestina.wordpress.com/ RETE Ambientalista - Movimenti di Lotta per la Salute, l'Ambiente e la Pace. http://rete-ambientalista.blogspot.it) RESISTENZA AGLI ESPROPRI IN CLAREA CONTRO L’ALLARGAMENTO DEL CANTIERE TORINO-LIONE Stanno arrivando in questi giorni da TELT raccomandate relative agli espropri dei terreni di Chiomonte e Susa acquistati da 1.175 NOTAV nel 2012 per “COMPRA UN POSTO IN PRIMA FILA 4” (http://www.notav.info/top/compra-un-posto-in-prima-fila-vol-4-ecco-i-moduli-per-aderire/) CHI RICEVE LA RACCOMANDATA È INVITATO A SEGNALARLO ALL'INDIRIZZO espropri@notavtorino.org: riceverà molto presto indicazioni su come rispondere a TELT Nel messaggio indicare come Oggetto: Raccomandata TELT Nel testo del messaggio indicare soltanto: - data di arrivo della raccomandata - nome, cognome, comune di residenza NON LASCIAMOGLIELA PASSARE LISCIA. RESISTERE, RESISTERE E ANCORA RESISTERE, PER POTER ESISTERE. http://www.notavtorino.org/ DAL VENERDÌ 20 AL 20 27 SETTEMBRE SI È SVOLTA A TORINO LA “CLIMATE ACTION WEEK” ORGANIZZATA DA FRIDAYS FOR FUTURE ALCUNI EVENTI: MARTEDÌ 24 SETTEMBRE” GUERRILLA GARDENING” ALLA ROTONDA TRA CORSO MARONCELLI E CORSO TRAIANO, per riforestare una delle zone più #inquinate di Torino! Insieme agli attivisti di Badili Badola Torino, FOTO:https://www.facebook.com/F4Fturin/photos/pcb.504647643415465/504647466748816/?type=3& theater MERCOLEDÌ 25 SETTEMBRE “SECONDA CRITICAL MASS” CON UN CENTINAIO DI BICI HANNO GIRATO LA CITTÀ cercando di dialogare con gli automobilisti per spiegare loro la necessità di aria più pulita FOTO : https://www.facebook.com/F4Fturin/photos/pcb.504816660065230/504816643398565/?type=3&theater GIOVEDÌ 26 SETTEMBRE “FLASH-MOB DAVANTI ALLA SEDE DEL QUOTIDIANO LA STAMPA” per chiedere di mettere la crisi climatica e ambientale al primo posto tra le notizie da divulgare. Non deve essere non un argomento di nicchia da affrontare solo in occasione degli scioperi globali! FOTO https://www.facebook.com/F4Fturin/photos/pcb.504859760060920/504859556727607/?type=3&theater VENERDÌ 27 SETTEMBRE CORTEO A TORINO DA PIAZZA STATUTO A PIAZZA VITTORIO con migliaia di giovani e meno giovani per sensibilizzare la città per la tutela del pianeta di fronte al rischio del riscaldamento nella giornata dello sciopero globale che ha visto manifestazioni in tutto il mondo: 5225 eventi in In 156 nazioni in 7 continenti. 160 città in Italia con un milione di partecipanti dichiarati VIDEO MANIFESTAZIONE A TORINO: https://www.facebook.com/TorinoFriends/videos/432199374082780/UzpfSTEwMDAwMDc1NTg2MTk 5NjpWSzoyNDEzMjQ5MTcyMjYyMjE3/ 27 sett 19 Stampa: “FRIDAYS FOR FUTURE, IN MIGLIAIA SFILANO NEL CENTRO DI TORINO E GRETA THUNBERG LI ELOGIA SU INSTAGRAM Dichiarazioni di Luca Mercalli VIDEO https://video.lastampa.it/torino/fridays-for-future-in-migliaia-sfilano-nel-centro-di-torino-e-greta- thunberg-li-elogia-su-instagram/104162/104177? 5 sett 19 Comunicato Si Cobas : “IL PIANETA TERRA È ORMAI ENTRATO IN UNA FASE DI EMERGENZA CLIMATICA: con la Rete Sindacale Internazionale partecipiamo alla mobilitazione mondiale per la giustizia climatica e sociale del 20-27/09 La Rete Sindacale Internazionale di Solidarietà e di Lotta considera questa situazione come la conseguenza diretta di un modello di produzione e di consumo sfrenati e insostenibili, che mette in pericolo la nostra sopravvivenza con effetti devastanti sulle popolazioni più vulnerabili e più povere del mondo. Non rispondere a tutto ciò con la rapidità e la fermezza necessarie porterà alla morte di milioni di persone e di specie indispensabili alla vita sulla terra. Partiamo da una constatazione ad oggi indiscutibile: il cambiamento climatico non è un problema originario «in sé». E’ direttamente legato al sistema di produzione, distribuzione e consumo, ossia al capitalismo, un sistema basato sulla crescita del profitto per generare altro profitto, a beneficio esclusivo di una minoranza. E’ nello stesso tempo la causa ed il problema e, di conseguenza, non esiste una “transizione giusta” all’interno del sistema capitalistico. Inoltre, il disastro ambientale viene subito in modo ineguale, a seconda della classe sociale, il sesso, le origini o le risorse. Noi sosteniamo che la transizione deve affrontare questa gerarchizzazione e difendere e identificare in particolar modo le popolazioni più vulnerabili….” https://www.facebook.com/sicobas.lavoratoriautorganizzati.9/photos/a.306547252877312/106922099660 9930/?type=3&theater DOMENICA 29 SETTEMBRE INAUGURAZIONE DEL NUOVO PRESIDIO NOTAV VALSANGONE E FORNELLI IN LOTTA RIVOLI FOTO DI ARTISTI VARI : https://photos.app.goo.gl/HRtYy2pbtLfkWc8M7 LUNEDÌ 30 SETTEMBRE SI E’ SVOLTO UN INCONTRO PUBBLICO SU “BENI COMUNI E REGOLAMENTI” a Torino al CSOA GABRIO Radio blackout intervista ad Andrea di Assemblea21: “BENI COMUNI PRIVATIZZABILI, CHIACCHIERATA CON ASSEMBLEA 21 ….Con l’approvazione del regolamento d’uso civico dei beni comuni si va davvero verso una gestione collettiva degli spazi, abbandonati o meno, o si stende l’ennesimo tappeto rosso ai privati?.... https://radioblackout.org/2019/09/beni-comuni-privatizzabili-chiacchierata-con-assemblea- 21/?fbclid=IwAR3Z6j2mQlqrde9O88zznmdHDcQXeXepXhNtq9KhLbyMheY43ntlgM-pWD4 Lunedì 30 settembre Comunicato Stampa di Assemblea21: “LA RINEGOZIAZIONE CDP - COMUNE PEGGIORA IL FUTURO DEL DEBITO DI TORINO. Dalle pagine Facebook della Sindaca Appendino e dell’on. Laura Castelli arrivano annunci entusiastici della loro ultima prodezza: la rinegoziazione di 295 mutui che la città ha sottoscritto con Cassa Depositi e Prestiti, corrispondenti ad un debito residuo di Euro 539.682.782. Appendino e Castelli dicono che lo hanno fatto “nell’interesse dei cittadini”, che porterà loro “grandi benefici” e permetterà di “ottenere servizi di maggiore qualità”…. Basta leggere la delibera per scoprire che: - il Comune non ha ottenuto alcuna riduzione dell’importo complessivo da restituire alla Cassa, ma un allungamento della durata del debito fino all’anno 2043 e oltre, con un appesantimento dei bilanci degli anni futuri. - la CDP rinvia a dopo le elezioni comunali del 2021 la riscossione delle rate dei prossimi due anni che vengono spalmate negli anni successivi, a tassi di interesse più alti, - la rinegoziazione, comportando maggiori oneri a decorrere dal 2037 e fino al 2045 per Euro 97.315.291, presenta per il Comune un COSTO netto complessivo stimato in Euro 32.467.205….. Come fa questa maggioranza comunale e la sottosegretaria al Ministero dell’Economia e della Finanza a non capire che l’obiettivo delle banche, della finanza nazionale e sovranazionale, non è il rimborso del debito, bensì strozzare progressivamente il debitore con la proroga sempre più onerosa del debito per poter così continuare ad estrarre valore dai beni comuni, appropriarsi del patrimonio pubblico e perpetuare il rapporto di sudditanza dei debitori pubblici nei confronti dei creditori privati??” https://www.facebook.com/assemblea21/posts/2442395385836580?__tn__=K-R http://assemblea21.blogspot.com/2019/09/la-rinegoziazione-cdp-comune-peggiora.html 28 Sett 19 Comunicato stampa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua: “ENNESIMA BEFFA SULL'ACQUA: AVANTI TUTTA CON LA PRIVATIZZAZIONE ANCHE NEL MEZZOGIORNO …..A guardare la bozza di statuto che sta circolando in queste ore, i nostri timori sulla privatizzazione dell’acqua del Mezzogiorno d’Italia trovano conferma. Infatti l’ipotesi allo studio, volutamente ambigua, configura un percorso che è apparentemente finalizzato a garantire la gestione pubblica del bene acqua, ma che in realtà contiene in sé tutte le premesse per la definitiva privatizzazione del servizio idrico integrato dell’intero Mezzogiorno. Lo statuto prevede, infatti, la costituzione della Società per la Grande Adduzione e Captazione dell’Appennino Meridionale “SGACAM”, una S.p.A. a capitale interamente pubblico in quanto partecipata inizialmente da tre Ministeri ed in seguito dalle Regioni del Mezzogiorno. Essa sostituisce l’ente pubblico EIPLI, soppresso con l’articolo 24 del DL Crescita e potrà gestire, oltre agli impianti ex EIPLI, anche le altre infrastrutture regionali e lo stesso servizio idrico integrato (sic!). Ad apparente garanzia della salda permanenza in mano pubblica della società, lo statuto giunge a vietare (titolo I art. 1 comma 7) “la cessione di quote di capitale … a soggetti di diritto privato”. In realtà gli articoli immediatamente successivi delineano un percorso futuro ben diverso, in quanto consentono alla SGACAM di emettere obbligazioni come una qualsiasi S.p.A. a capitale privato e le permettono di acquisire, attraverso le regioni, partecipazioni in società del settore……” http://www.acquabenecomune.org/notizie/nazionali/3882-ennesima-beffa-sull-acqua-avanti-tutta-con-la- privatizzazione-anche-nel-mezzogiorno 28 sett 19 Comunicato stampa Forum Siciliano dei Movimenti per l'Acqua ed i Beni Comuni: “AGRIGENTO, ACQUA PUBBLICA, AZIENDA DI DIRITTO PUBBLICO, GESTIONE PUBBLICA E PARTECIPATIVA! UNA VITTORIA DEL MOVIMENTO PER L'ACQUA Acqua pubblica, azienda di diritto pubblico, gestione pubblica e partecipativa! La vittoria del movimento per l'acqua è la vittoria di tutte le comunità agrigentine Una votazione storica quella che si è svolta ieri pomeriggio presso l'ATI di Agrigento: i Sindaci presenti hanno deliberato all'unanimità che il futuro gestore del servizio idrico integrato sarà una Azienda speciale consortile composta da tutti i comuni della provincia. Con la costituzione dell'Azienda speciale consortile la provincia di Agrigento sarà la prima a livello nazionale a rispettare la volontà popolare espressa a larghissima maggioranza con i referendum del 2011. Per la prima volta in Italia ed in Sicilia sarà un ente di diritto pubblico e non una S.p.A. a gestire le risorse idriche a livello provinciale, garantendo la partecipazione ed il controllo democratico delle cittadinanze e dei lavoratori. Finora il primato era detenuto da Napoli con la gestione di ABC ma solo a livello comunale e non di provincia o ambito territoriale….” http://www.acquabenecomune.org/notizie/nazionali/3883-agrigento-acqua-pubblica-azienda-di-diritto- pubblico-gestione-pubblica-e-partecipativa-una-vittoria-del-movimento-per-l-acqua LUNEDÌ 2 OTTOBRE IL PRESIDENTE CONTE IN VISITA A CAGLIARI Il Cagliari Social Forum, insieme ad altri, ribadisce la propria contrarietà al progetto di metanizzazione con un presidio che si terrà il giorno MERCOLEDI’ 2 OTTOBRE ALLE ORE 11 PRESSO LA PREFETTURA DI CAGLIARI IN PIAZZA PALAZZO. “METANO? PROGETTO SCADUTO! …..la storia sembra non avere insegnato niente. Troppi interessi fanno sì che (im)prenditori, sindacalisti alla giornata, se non direttamente a libro paga di aziende, partiti e partitini si sdraino bocconi per sostenere questa ulteriore servitù imposta alla nostra Terra. Una servitù costituita da un ulteriore furto di terra a danno dei sardi e del clima, visto che il metano ha un effetto clima alterante di circa 80 volte superiore a quello del carbone. Così è stato per la SARAS, per la chimica di Ottana, Porto Torres, per non parlare della fabbrica di bombe di Domusnovas, dei poligoni di Teulada e Quirra , così sarà per la metanizzazione della Sardegna. “Metanizzazione leggera” (come la vorrebbero certi ambientalisti) o “pesante” come la desidera confindustria, sindacati e partiti. Nessuno si chiede: Serve ai sardi il metano? A cosa serve il metano? SONO GIUSTIFICABILI I DUE MILIARDI DI EURO CHE VERRANNO SPESI PER LA METANIZZAZIONE? L’alternativa che viene offerta ai sardi sembra essere una e solo quella: la metanizzazione, ovvero come decidere di suicidarsi, col carbone, con gli scarti di combustione della SARAS o col metano. Se questo è il menù preparato per noi, se questo è il menù che il demichef Avvocato, professor Conte si accinge a proporci; noi abbiamo un dovere: quello di rispedirglielo al mittente! IL “SUO” PROGETTO È SCADUTO. NON CI INTERESSA! una Regione che plaude a questo scellerato progetto o è in malafede o è semplicemente incapace. Non si lamentino i sardi, domani, di questa ulteriore servitù. Non delle bollette che toccherà loro pagare…” https://www.pressenza.com/it/2019/10/metano-progetto-scaduto/ “NEMICI DELLO STATO?: STIAMO CON I DIFENSORI DEL TERRENO E IL NOSTRO AMBIENTE!” VIDEO: https://www.youtube.com/watch?time_continue=10&v=QJbIyn-7DNw Luglio 19 Report Nemici dello Stato : “COME I GOVERNI E LE IMPRESE METTONO A TACERE LA TERRA E DIFENSORI DELL'AMBIENTE file:///D:/EVIDENZA/3- 15%20dic%2018%20Cop%2024%20a%20Katowice%20e%20seguenti%20su%20clima/Enemies_of_the _State.pdf “…..Più di tre persone sono state assassinate ogni settimana nel 2018, molte di più criminalizzate, per aver difeso la loro terra e il nostro ambiente…..” https://www.globalwitness.org/it/campaigns/environmental-activists/enemies-state/ E’ USCITO IL LIBRO “IL FASCISMO COME MOVIMENTO DI MASSA, LA SUA ASCESA E LA SUA DECOMPOSIZIONE (1934), di Arthur Rosenberg, inedito in italiano, pubblicato grazie alla traduzione dal tedesco dei compagni del Circolo Internazionalista di Roma, pubblicato nei Quaderni di Pagine Marxiste Introduzione di Graziano Giusti (anche autore di “ANATOMIA DEL POPULISMO FASCISTA” riportato in Appendice): “FASCISMO E POPULISMO” http://www.paginemarxiste.it/modules.php?name=Archivio&pa=showpage&pid=480 176 pagine, 10 euro comprese le spese di spedizione, richiedendolo a questa mail: abbonamenti@paginemarxiste.it ARCHIVI FOTOGRAFICI LUCA PERINO “E' SOLO UN PROBLEMA DI ORDINE PUBBLICO…” http://lucaxino.altervista.org/ UN CROWDFUNDING PER SALVARE LA LIBRERIA COMUNARDI https://www.gofundme.com/savecomunardi 19 agosto 19 Repubblica : “TORINO, LA LIBRERIA COMUNARDI CHIUDE, ANZI NO: "RIAPRIREMO NEL LOCALE A FIANCO" Lo storico negozio di via Bogino rischiava di sparire dopo 43 anni perché sfrattato da un supermercato, ma il titolare Barsi ha trovato una soluzione: "Non molliamo, al via una raccolta fondi per il trasloco" di Sara Strippoli ….. Dice semplicemente che il 30 settembre non se ne andrà. "Noi chiudiamo soltanto sei giorni. Quest'anno, eccezionalmente, ho chiuso a Ferragosto perché Torino è piena di turisti ma in libreria non vengono molto". Barsi non vuole buchi temporali. Le intenzioni sono chiudere al numero civico 2 solo quando sarà pronto il trasloco nel negozio a fianco, 480 metri, parte interrati. Uno spazio vuoto da tempo con un gran bisogno di essere messo a norma. La trattativa è in corso. Si parla di 700mila euro, ma il titolare non nega e non conferma: "Stiamo dialogando". Quello che è certo è che servono ulteriori 200mila euro per la ristrutturazione. Così è partito un crowdfunding, per ora sono arrivati 26mila euro. La meta è molto lontana, ma in via Bogino non c'è aria di resa….” https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/08/19/news/torino_la_libreria_comunardi_chiude_anzi_no_riapr iremo_nel_locale_a_fianco_-233903434/ E’ STATO RIELABORATO IN ITALIANO IL SAGGIO DI ARTHUR KOESTLER DEL 1976: “LA TREDICESIMA TRIBU’. I CAZARI E L’ORIGINE DEGLI EBREI DELL’EUROPA ORIENTALE A nord del Caucaso nel settimo secolo d.C. si formò un impero la cui popolazione, di origine turca, aderì in massa all’ebraismo. Queste genti, che non avevano niente a che fare con la Palestina, in seguito migrarono verso l’Europa, ed è da esse che deriva la gran parte della comunità ebraica mondiale”. Link file pdf 69 pagine: http://antisionismo.altervista.org/la-tredicesima-tribu-i-cazari-e-lorigine-degli-ebrei-delleuropa-orientale/ ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI IN ALLEGATO (VEDI anche su : http://davi-luciano.myblog.it/) 27 sett 19 AGI : “LA PIÙ GRANDE MANIFESTAZIONE PER L'AMBIENTE MAI ORGANIZZATA In programma circa 2500 eventi in 150 nazioni. E oggi, in Italia, 160 città faranno sentire i loro cori "green" di Riccardo Liguori Una intera settimana dedicata alla grande mobilitazione mondiale per chiedere ai grandi (anagraficamente e politicamente parlando) strategie più incisive contro il riscaldamento globale…. La meta delle manifestazioni "young and green" Gli scioperi per il clima, nati nell’estate 2018 su iniziativa di Greta Thunberg, chiedono ai governi di rendere la lotta al cambiamento climatico il fulcro della loro azione politica. Tre i cardini intorno a cui ruota l'anima young and green di questo movimento sempre più global. Fuori dal fossile: ovvero portare a zero le emissioni climalteranti entro 2050 (e in Italia nel 2030) per contenere entro i 1.5 gradi l'aumento medio globale della colonnina di mercurio; Tutti uniti, nessuno escluso: la transizione energetica deve essere attuata su scala mondiale. Faro guida deve essere la giustizia climatica; Rompiamo il silenzio dando voce alla scienza: valorizzare la conoscenza scientifica, ascoltando e diffondendo i moniti degli studiosi più autorevoli di tutto il mondo. La scienza da anni informa sulla gravità del problema e sugli strumenti utili per contrastarlo. Agire, ora, è una prerogativa prettamente politica. ✔@GretaThunberg Tomorrow we strike back!Global Climate Strike September 20-27th: 5225 events In 156 countries On all 7 continents And counting!Find your local strike or register your own at http://fridaysforfuture.org Spread the word and see you in the streets!#FridaysForFuture #ClimateStrike….” https://www.agi.it/estero/friday_for_future_greta_manifestazioni_mondo-6254764/news/2019-09-27/ 27 sett 19 FQ : “SCIOPERO DEL 27 SETTEMBRE, “IN ITALIA UN MILIONE DI PARTECIPANTI”. Greta al corteo in Canada, 170mila sfilano in Nuova Zelanda A Milano 150mila persone e a Roma gli organizzatori parlano di 200mila tra studenti, genitori e prof che sfilano nell'ultimo giorno che chiude la Week for Future. Piazze coloratissime e affollate da Genova a Trieste, passando per Venezia e Torino e altre decine di città. Momenti di tensione a Palermo dove una trentina di ragazzi, tutti vestiti di nero, ha interrotto il corteo. A Wellington la manifestazione sul clima è la più grande di sempre Studenti di ogni età, universitari, genitori, nonni e prof. A Genova sono 10mila, a Napoli 80mila con un corteo lungo un chilometro e mezzo, a Milano 150mila e a Roma 200mila. E poi 50mila a Firenze, 20mila a Torino e Bologna e 10mila a Palermo e Bari. I numeri sono degli organizzatori di Fridays for Future, che fanno un conteggio complessivo per l’Italia: oltre un milione di persone hanno partecipato ai cortei per il clima. Hanno invaso piazze e strade in 160 città italiane per il terzo global strike, seguendo l’onda del movimento ispirato da Greta Thunberg, che questa settimana era all’Onu per il summit sul clima. Fiumi di persone da Nord a Sud per chiedere alla politica di agire per salvare il pianeta, passando dagli annunci ai fatti La giornata di oggi, sostenuta anche dal ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti che ha chiesto ai presidi di giustificare i ragazzi in manifestazione, chiude la Week for Future che ha coinvolto milioni di persone in tutto il mondo e che è stata avviata con lo sciopero di venerdì scorso. ….” https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/09/27/sciopero-del-27-settembre-cortei-in-160-citta-ditalia-contro- il-cambiamento-climatico-il-mondo-non-e-una-discarica/5481254/ 27 Sett19 Stampa: “#FRIDAYSFORFUTURE, LA MAREA VERDE: “CAMBIAMO IL SISTEMA, NON IL CLIMA” Bernardo Basilici Menini, Cristina Insalaco, Matteo Roselli ……..Il corteo cittadino è partito da piazza Statuto. Il percorso è quello di corso San Martino, piazza XVIII dicembre, via Cernaia, piazza Castello, via Po e piazza Vittorio. A tenere la testa del corteo ci sono i bambini delle elementari. Poi gli studenti delle superiori, e migliaia di ragazzi accompagnati da maestre e insegnanti: ha invaso il centro una marea verde. E non sono mancati centinaia di genitori, che hanno solidarizzato in massa con la protesta per l'emergenza ambientale. Come chiesto dagli organizzatori, sono assenti le bandiere di sigle e partiti: ammessi solo striscioni e cartelli per il clima. Per quanto riguarda l'ordine pubblico, la situazione è tranquilla, e non ci sono preoccupazioni sugli sviluppi della marcia pacifica. Sì registrano disagi per il traffico e deviazioni dei mezzi pubblici. Dalla manifestazione spuntano miglia di cartelli colorati, anche a sfondo umoristico. Tra i boati, il coro più gettonato è «Come mai i soldi per l'ambiente non ci sono mai», cantata sulle note della famosissima canzone l'Amour Toujour di Gigi D'Agostino”. https://www.lastampa.it/torino/2019/09/27/news/fridays-for-future-l-invasione-della-marea-verde- migliaia-in-marcia-a-torino-1.37515919 27 sett 19 Repubblica: “TORINO, 50 MILA RAGAZZI IN PIAZZA PER L'AMBIENTE: "CAMBIAMO IL SISTEMA, NON IL CLIMA" Un fiume colorato di persone scorre in centro per lo sciopero globale di Fridays for Future: "Non esiste un pianeta B". L'elogio di Greta Thunberg: "Foto incredibili da Torino" di Federica Cravero Sono migliaia i giovani e giovanissimi scesi in piazza a Torino per lo sciopero globale indetto da Fridays for Future. Secondo una stima della questura i partecipanti al corteo sarebbero circa 50 mila. "Siamo quasi centomila" ha detto al megafono uno dei leader della manifestazione. Sono i ragazzi delle medie dell’istituto Vittoria ad aprire il corteo, gridando slogan nelle strade del centro di Torino. “Non esiste un pianeta B”, scandiscono in coro. Assieme a loro insegnanti e genitori. “Sono studenti interessati al tema dell’ambiente e non solo sono ricettivi, ma anche propositivi”, spiegano gli adulti….” https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/09/27/news/torino_in_piazza_per_l_ambiente_cambiamo_il_sist ema_non_il_clima_-237064897/ 27 Sett 19 Quotidiano piemontese: “GRETA THUNBERG PUBBLICA SU INSTAGRAM ‘INCREDIBILE’ FOTO DEL CORTEO DI TORINO “Incredible pictures from the #climatestrike around the world! Millions are marching today again!! THIS is Torino, Italy!! #fridaysforfuture”. (Incredibili foto dallo sciopero del clima intorno al mondo! Milioni stanno marciando di nuovo oggi. Questa è Torino, Italia! #fridaysforfuture ",) L’attivista simbolo del movimento Fridays For Future ha pubblicato una foto del corteo di Torino che mostra il serpentone che da piazza XVIII dicembre riempie completamente via Cernaia fino all’inizio di via Pietro Micca”. https://www.quotidianopiemontese.it/2019/09/27/greta-tumberg-pubblica-su-instagram-impressionante- foto-del-corteo-di-torino/ 27 sett 19 FQ : “SAN FRANCESCO ERA MEGLIO DI GRETA di Massimo Fini Solo in un’epoca ipocrita, superficiale, ipnotizzata dai media, attenta al clamore e ignara della sostanza, si poteva creare un fenomeno come quello di Greta Thunberg diventata nel giro di un solo anno una superstar, invitata all’Onu e corteggiata dai grandi della Terra e anche da importanti e globalizzanti imprese del mondo. Il problema non è Greta i cui obiettivi sono sacrosanti anche se incompleti (salvare la Terra e gli uomini che la abitano dall’inquinamento). Il fatto è che Greta e le anime belle che la seguono, credo in buona fede (le grandi imprese sono invece in totale malafede perché sanno benissimo che dal vibrante discorso della ragazza non sortirà nulla) sembrano non rendersi conto che per salvarci non solo ecologicamente, ma per salvare, cosa ancora più importante, la qualità della nostra vita, bisognerebbe sradicare completamente l’attuale modello di sviluppo. Bisognerebbe cioè, come sostengono alcune correnti di pensiero americane, il bioregionalismo e il neocomunitarismo, “ritornare in maniera graduale, limitata e ragionata, a forme di autoproduzione e autoconsumo che passano necessariamente per il recupero della terra e il ridimensionamento drastico dell’apparato industriale e finanziario”…..” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/09/27/san-francesco-era-meglio-di- greta/5481071/ 29 sett 19 FQ : “GRETA, UNA GENERAZIONE INTERA HA PRESO LA PAROLA SENZA SEGUIRE UN CAPO” Marco Revelli - Il sociologo: “Questa urgenza collettiva ricorda il 1968, ma senza tutta la simbologia politica” di Ferruccio Sansa “La breccia nel muro è aperta. Questi ragazzi hanno osato aprire il varco. È un passaggio che porta alla responsabilità. E io guardandoli mi sono sentito felice. Non speravo di vedere ancora una scena simile nella mia vita”……. C’è chi, come Norma Rangeri, ha suggerito un paragone con il 1968. È d’accordo? Ci sono somiglianze. Le generazioni del 1968 e del 2019 si credevano entrambe perdute. Allora si parlava di “gioventù bruciata”, oggi di ragazzi dell’iPhone. Ma di colpo queste generazioni si sono ritrovate protagoniste, unite dall’innocenza e dalla responsabilità che hanno in mano. Non solo: anche il ’68 nasceva come reazione a una minaccia che poteva distruggere l’umanità. Allora era la bomba, adesso l’emergenza ambientale…..” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/09/29/greta-una-generazione-intera-ha-preso-la- parola-senza-seguire-un-capo/5484817/ 29 sett 19 Quinewsfirenze : “FRIDAY FUTURE, "NARDELLA BLOCCHI LE GRANDI OPERE" -----"A differenza di quanto da lui dichiarato, non ha partecipato al corteo ma ha aspettato che la maggioranza dei manifestanti lasciasse piazza della Signoria per scendere e velocemente rilasciare alcune interviste, scattare dei selfie e tornare dentro. Comportamento, questo, completamente incoerente rispetto alle parole da lui pronunciate nei giorni precedenti: "so che i politici devono sfilare meno, farsi meno selfie con “giovani testimonial” e fare cose concrete". Questa è l’ennesima dimostrazione di quanto siano poco credibili le sue dichiarazioni. Il sindaco Nardella ha portato avanti per anni politiche tossiche per l’ambiente ma vogliamo dargli un’ultima possibilità. Ecco cosa ci aspettiamo da lui: che dichiari l’emergenza climatica di fatto (e non simbolica), che blocchi le tre grandi opere che tormentano da anni la città (inceneritore, aeroporto e TAV), che disincentivi il ricorso alla plastica ed alle energie fossili, che inizi a mettere in campo politiche realmente rivolte alla salvaguardia dell’ambiente, cominciando, ad esempio, col bandire i pesticidi chimici usati in agricoltura ed impedire il taglio degli alberi. Vogliamo che tuteli i beni comuni e si adoperi per farli rimanere tali e porre fine alla privatizzazione ed alla vendita della terra"…..” https://m.quinewsfirenze.it/firenze-friday-for-future-nardella-blocchi-le-grandi-opere.htm 30 sett 19 Gonews : “FRIDAYS FOR FUTURE, A EMPOLI POLEMICA COI NO TAV, DA PROTESTA A PARODIA? Giovanni Mennillo "Striscioni e simboli che niente hanno a che vedere con l’iniziativa", con queste parole in una nota Friday For Future Empoli ha preso pubblicamente le distanze dai NO TAV presenti alla manifestazione di venerdì scorso a Empoli. Praticamente l'unica vera rivendicazione politica è finita in un cassetto. Sia chiaro: bene che studenti e società civile vengano mobilitati sul tema dell'ambiente ed è chiaro che l'FFF sia nato anche con un intento di semplice sensibilizzazione, ma o questo movimento diventa grande e affronta problemi reali o il Fridays For Future resta una rappresentazione scenica e troppo rumorosa di un'opera di cui si è visto il film, ma non si è letto il libro. Dietro il problema climatico c'è quello dei rapporti di produzione, del modello di sviluppo economico, il problema dello sfruttamento delle risorse ambientali, degli equilibri geopolitici, del neocolonialismo. Tutti problemi 'politici', che non si risolvono con qualche hashtag o qualche cartello colorato. Quella piazza, insomma, rischia di diventare una farsa, una protesta generica per un mondo più bello, un atto di accusa senza imputato, una generica rivendicazione di 'qualcosa non so bene cosa', e nel peggiore dei casi una passerella social per farsi qualche selfie…… Insomma bisognerebbe prima di tutto essere onesti sugli obiettivi della mobilitazione: il Fridays For Future è un 'atto politico' o solo una sfilata di cartelloni colorati? Col rischio di risultare 'eccessivo', credo che quelle piazze siano piene perché le proteste sono senza rischi e senza colpevoli, si scende in piazza senza ingombranti e pesanti ideologie sulle spalle, brandendo generici e inoffensivi atti di amore verso il pianeta. Tutti si sentono impegnati, ma a costo zero: è la protesta degli ignavi….” https://www.gonews.it/2019/09/30/friday-for-future-a-empoli-polemica-coi-no-tav-la-protesta-diventa- parodia/ 26 sett 19 FQ : “SALA COME GRETA, MA MILANO È “GREEN” SOLO SUI GIORNALI di Gianni Barbacetto Il titolo del film potrebbe essere: “La borraccia, il fiume verde e il diluvio di asfalto e cemento”. Un film su Milano. E sulla differenza tra narrazione e realtà. Lo storytelling sull’“unica metropoli europea in Italia” racconta di borracce regalate ai ragazzi delle scuole per ridurre la diffusione di bottigliette di plastica, di 3 milioni di alberi da piantare nei prossimi anni in città, di una “Milano Green Week” (dal 26 al 29 settembre) ricalcata sulle “Fashion Week” e “Design Week”. Il sindaco Giuseppe Sala per queste ottime iniziative è raccontato da giornali e tv come una specie di Greta alla milanese. La realtà ci dice però che Milano ha il record in Italia di consumo di suolo. Nel 2018 ha cementificato 11,5 ettari di terreno: altro che inversione di tendenza e cura del pianeta. I dati sono quelli, ufficiali, dell’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale del ministero dell’Ambiente, che ha presentato il suo Rapporto 2019 su “Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici”. L’Onu ha fissato come obiettivo la riduzione del consumo di suolo, ma solo Torino, tra le grandi città italiane, l’ha rispettato, con un saldo di 7 ettari recuperati al verde nel 2018. Milano continua a mangiare territorio e non brilla proprio per virtù ambientali. Perché è vero che Roma la supera in suolo mangiato nell’ultimo anno: ben 75 ettari. Ma la Capitale ha una superficie immensa (129 mila ettari contro i 18 mila di Milano). Se si considerano gli ettari occupati nel 2018 rispetto alla superficie totale della città, Milano è peggio di Roma, con un indice di densità del consumo di suolo di 6,35 metri quadrati per ettaro, contro i 5,8 di Roma. Entrambe ben al di sopra della media nazionale (1,6 metri quadrati per ettaro)….” https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/09/26/sala-come-greta-ma-milano-e-green-solo- sui-giornali/5478598/ 27 set 19 La 7 con Claudio Cerasa (giornalista, direttore del giornale Il foglio): “M5S SCAVEREBBE A MANI NUDE UNA TAV FINO A SAN PIETROBURGO PUR DI RESTARE AL GOVERNO Di Maio agli Esteri mossa geniale" VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=kOuup1sGrzU INFATTI C'È ANCHE DI MAIO NELLA COMMISSIONE INTERGOVERNATIVA PER LA TORINO-LIONE LA FORZA DEL CAPITALISMO SOTTOMETTE TUTTI I PARTITI: È PIÙ FACILE OPPORSI A PAROLE CHE NEI FATTI! 1 ott. 19 Corriere Torino : “FOIETTA TORNA AL VERTICE DELLA COMMISSIONE ITALIA-FRANCIA L'ok del governo a convocare il summit a novembre. Il Mit invia in Europa la lettera del S

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body