Newslettera del 4 marzo 20

Mar 5, 2020 | | Category: Other |   | Views: 13 | Likes: 1

"edocr

Presidio e corteo lavoratori, FFF, Lesbo, Emergency, Curdi, Antismog, CPR, 8 Marzo, NOTAV in Clarea, assemblea e aggiornamenti DA METÀ GENNAIO 2020 LA NEWSLETTER È POSTATA ANCHE OGNI GIOVEDÌ, SU TRANCEMEDIA.EU. NELLA SEZIONE "SOTTO IL MOLOCH": https://www.trancemedia.eu/sotto-il-moloch/ PROGRAMMA PROSSIME INIZIATIVE (VEDI ANCHE ALLEGATI ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI) MERCOLEDI’ 4 MARZO ULTIMA ORA: USCITO NUOVO DECRETO PIÙ RESTRITTIVO SULLE INIZIATIVE “…..b) sono sospese le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro….. c) sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; d) limitatamente al periodo intercorrente dal giorno successivo a quello di efficacia del presente decreto e fino al 15 marzo 2020, sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia …..” VIDEO “CORONAVIRUS, DICHIARAZIONI ALLA STAMPA DEL PRESIDENTE CONTE E DEL MINISTRO AZZOLINA SULLA SCUOLA: http://www.governo.it/it/articolo/coronavirus- dichiarazioni-alla-stampa-del-presidente-conte-e-del-ministro-azzolina/14237 SEGUIRE “CORONAVIRUS, LE MISURE ADOTTATE DAL GOVERNO”: http://www.governo.it/it/approfondimento/coronavirus/13968 PIEMONTE: SEGUIRE AGGIORNAMENTI DELLA SITUAZIONE SANITARIA: https://www.regione.piemonte.it/web/pinforma/notizie/coronavirus-situazione-piemonte AGGIORNAMENTI PER LA COMUNITÀ UNIVERSITARIA DI TORINO: https://www.unito.it/avvisi/coronavirus-aggiornamenti-la-comunita-universitaria POLITECNICO TORINO: AGGIORNAMENTI EMERGENZA CORONAVIRUS (9-13 marzo) occorra procedere esclusivamente in remoto e senza copresenza di studenti in aula…..” http://www.politocomunica.polito.it/press_room/emergenza_coronavirus LA SITUAZIONE IN ITALIA: AGGIORNAMENTO QUOTIDIANO DELLA PROTEZIONE CIVILE ALLE 18. http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioContenutiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=itali ano&id=5351&area=nuovoCoronavirus&menu=vuoto LA SITUAZIONE GLOBALE: AGGIORNAMENTO QUOTIDIANO DALL’EPICENTRO FOCOLAIO DI INFEZIONE DA NUOVO CORONAVIRUS SARS-COV-2 Fonte European Centre for Disease Prevention and Control -ECDC. https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2 VEDERE ARTICOLI SU CORONAVIRUS SARS-COV-2 E PAURE INDOTTE IN R.S. ALLEGATA SONO STATI ANNULLATI O RINVIATI I SEGUENTI EVENTI DELLA SCORSA NEWSLETTERA: MARTEDI’ 3 MARZO ORE 16.30 Campus Luigi Einaudi Lungo Dora Siena 100 A, Torino “DIETRO AI FRONTI” http://www.movieday.it/event/event_details?event_id=2789 MERCOLEDI’ 4 MARZO ORE 17.30 Palazzo Nuovo ASSEMBLEA FRIDAYS FOR FUTURE TORINO https://www.facebook.com/events/592955827956715/ ORE 18 al Presidio No Tav di Venaus “LA FILOSOFIA DELLA NATURA, DA GIORDANO BRUNO A ERNST BLOCH: https://www.facebook.com/events/3541103669296376/ DI QUESTA NEWLETTERA: VENERDi’ 6 MARZO ORE 21 nella Sala Comunale di Torrazza Piemonte Piazza Municipio 2 “QUALCOSA E’ CAMBIATO?” SABATO 7 MARZO ORE. 17:30 Associazione Teatro Dravelli V. Praciosa, 11, Moncalieri “MI E’ PIACIUTO IL FARE“ http://www.biancaguidettiserra100.eu/2019/07/05/i-prossimi-appuntamenti/ POICHE’ CI POTREBBERO ESSERE NUOVE DISPOSIZIONI, CONTROLLARE CHE GLI EVENTI RIPORTATI NON VENGANO ANNULLATI È PROLUNGATA FINO AL 20 MARZO 2020 Dalle 14 alle 19 Infopoint Emergency Torino - Corso Valdocco 3 'ROVI DI MARE · VISIONI DI UN ORIZZONTE IN BILICO'' la mostra In memoria del 3 ottobre 2013 e di tutti i naufragi che seguirono https://www.facebook.com/events/222834565552149/ GIOVEDI’ 5 MARZO ORE 15.30 Piazza Palazzo di Città, Torino MOBILITAZIONE SCUOLA COMUNALE Presidio unitario di assistenti educative, educatrici, maestre delle scuole comunali e delle cooperative che lavorano per il settore educativo del comune - contro i tagli alla scuola comunale - per la parità dei diritti fra personale comunale e personale delle cooperative - per l'assunzione delle precarie - contro il dispotismo della dirigenza Organizzato da CUB Pubblico Impiego Torino https://www.facebook.com/events/2582652285393252/ ORE 18 Prefettura Di Torino Piazza Castello, Torino CORTEO CITTADINO: “RITIRARE IL BANDO, ABROGARE I DECRETI SICUREZZA” “Le lavoratrici e i lavoratori dell’accoglienza hanno dato vita sul territorio torinese a una mobilitazione in seguito alla pubblicazione del nuovo bando da parte della prefettura, che colpisce e annulla le politiche di integrazione territoriali e cancella centinaia di posti di lavoro. In piena attuazione delle politiche di Salvini, il nuovo bando condanna le cooperative che accolgono i richiedenti asilo sul territorio torinese a tagliare in maniera drastica sul personale e a dismettere qualsiasi progetto volto a promuovere integrazione verso le persone accolte. Pertanto intendiamo denunciare che: - Almeno 250 posti di lavoro di operatori qualificati, di cui molti under 30, sono gravemente a rischio, in un territorio che registra già ad oggi il più alto tasso di disoccupazione giovanile su scala nazionale. - In linea con i Decreti Sicurezza e le politiche della “guerra tra poveri” volute da Salvini, vengono colpiti ancora una volta, in maniera drastica famiglie, minori, donne e uomini che richiedono protezione internazionale e le loro opportunità di inserimento sociale….” https://www.facebook.com/events/494062651529806/ VENERDI’ 6 MARZO ORE 15 Piazza Castello, Torino, davanti a palazzo Madama PRESIDIO #FRIDAYSFORFUTURE A TORINO! “Abbiamo solo più 11 anni per spostare l'intera economia mondiale su energie sostenibili e rinnovabili, ridurre le emissioni al minimo e abbandonare la plastica... 11 anni sono pochi. Noi siamo la prima generazione a sentire gli effetti del cambiamento climatico... Ma siamo anche l'ultima a poter fare qualcosa" La fusione del permafrost sta rilasciando nell'aria enormi quantità di Metano (gas serra) che era trattenuto negli Idrati di Metano. Ciò causerà un ciclo vizioso che aumenterà ulteriormente ed esponenziale le temperatura globale….” https://www.facebook.com/events/1167892460071000/l https://www.facebook.com/F4Fturin/ ORE 17 Corso Galileo Ferraris, 65, Torino (al consolato greco di Torino sospeso al momento) “LESBO'S CALLING/TORINO È SOLIDALE” “Quanto sta accadendo al confine tra Grecia e Turchia è inaccettabile e mette a rischio la vita e l’integrità di migliaia di persone. Più di 80mila rifugiati, in fuga dagli ultimi attacchi feroci in Siria, hanno già attraversato la frontiera con l’Unione Europea….. La ritorsione di Erdogan rischia di creare una crisi umanitaria senza precedenti, laddove i Paesi di confine stanno iniziando ad adottare delle misure di forte chiusura: la Bulgaria da un lato sta rafforzando i controlli, la Grecia dall'altra sta negando la possibilità di fare richiesta di asilo. Ricordiamo che ad oggi ci sono circa 500 mila migranti lungo la rotta turca in attesa di poter entrare nell'Unione Europea. Molti di loro provengono da Paesi come Siria, Iraq, Palestina, Afghanistan. Molti di loro avrebbero anche diritto ad ottenere il riconoscimento dello status di rifugiato, invece cercano di sopravvivere nei campi profughi sovraffollati e privi di qualsiasi tutela e protezione anche nei confronti delle categorie più deboli. Oltre a questi, secondo le Nazioni Unite ci sono circa 2 milioni di profughi siriani in fuga dall'area di Idlib al confine con la Turchia in attesa di poter essere accolti in Europa….. MOBILITIAMOCI CONTRO LE POLITICHE EUROPEE DI ASSASSINIO E DETENZIONE NELLE ISOLE HOTSPOT IN GRECIA” Organizzato da CarovaneMigranti e Presidio Solidale Torino https://www.facebook.com/events/s/lesbos-callingtorino-e-solidal/555920765323772/ ALLE 20,30 all’Infopoint Emergency Torino, Corso Valdocco 3 EMERGENCY IN AFGHANISTAN: “UN OSPEDALE IN GUERRA” proiezione in anteprima del nuovo documentario di Nico Piro con la presenza dell'autore ALLE 19: la proiezione sarà preceduta da un piccolo buffet vegetariano Afghano (offerta libera - prenotazione obbligatoria entro Mercoledì 4 Marzo) http://www.emergency.2you.it/index.php?m=iniziative ORE 23.30 – 4 Manituana, Laboratorio Culturale Autogestito, Largo Maurizio Vitale 113, Torino “KURD KURD GUAGLIO'” LA FESTA BENEFIT PER IL POPOLO CURDO RIFUGIATO IN GRECIA! “A marzo alcune persone in partenza da Torino si recheranno nei campi autogestiti di Lavrio, una cittadina greca a 60 km da Atene che ospita due campi di rifugiati e rifugiate curde. I campi ospitano quasi 700 persone e sono stati completamente abbandonati dal governo greco e dalla Croce Rossa su pressioni di Erdogan, il quale considera i campi luoghi di addestramento militare dei "terroristi" curdi. I campi ad oggi hanno bisogno di beni di prima necessità alimentari, ristrutturazione degli edifici, prodotti sanitari e indumenti. Per questo abbiamo deciso di creare una rete torinese di mutuo aiuto per raccogliere fondi e praticare solidarietà attiva!” Organizzato da Carovana solidale per Lavrio https://www.facebook.com/events/2536240216644163/?active_tab=about ULTERIORI INFO SUL PROGETTO alla pagina Facebook della Carovana solidale per Lavrio: https://www.facebook.com/carovanasolidaletorinolavrio/ o meglio ancora sul sito del crowfunding : https://urly.it/34j9s 2 marzo 20 Radioblackout Intervista: “LAVRIO: STORIE DI FUGA DALLA REPRESSIONE” TURCA. https://radioblackout.org/2020/03/carovana-solidale-per- lavrio/?fbclid=IwAR0BpfLHiebzq45IGqp-7rpDYebuFsJs0S4STw7A-vzxfihd7epCxL_jhdo SABATO 7 MARZO ORE 9.30 - 18 presso OFF TOPIC via Pallavicino 35, Torino ASSEMBLEA POPOLARE ANTISMOG “TORINO #MENO50” “Un'assemblea aperta ai cittadini e alle istituzioni organizzata da un gruppo di associazioni per la tutela della salute e dell’ambiente …. con il coinvolgimento di 12 docenti universitari, ricercatori e ricercatrici, aperta a cittadini e istituzioni, il cui obiettivo è di elaborare proposte concrete per raggiungere il dimezzamento delle emissioni inquinanti in atmosfera entro il più breve tempo possibile… La registrazione online è obbligatoria su: http://assembleapopolare.it/ Le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico fino a esaurimento dei posti disponibili. All’atto della registrazione è richiesto il versamento di un contributo di 3 euro. Sarà possibile prenotare un buffet vegetariano presso Off Topic al prezzo di 8 euro….” https://www.facebook.com/events/178220456790153/ ORE 15 corso Brunelleschi angolo Via Monginevro, Torino PRESIDIO SOLIDALE SOTTO LE MURA DEL CPR E CONSEGNA PACCHI DI CIBO E BEVANDE AI RECLUSI “ALIMENTIAMO LA PROTESTA!___ RACCOLTA CIBO PER I MIGRANTI RINCHIUSI AL CPR DI TORINO . PUNTI DI RACCOLTA CIBO E BEVANDE PER I RECLUSI : Csoa Gabrio (via Millio 42) : Martedì e Mercoledì dalle 18,00 alle 22,00 Prinz Eugen (Corso Principe Eugenio 26): Venerdì dalle 18,00 alle 20,00 Barricata (via Giulia Di Barolo 48): dal Lunedi al Venerdì dalle 19,00 a chiusura INDICAZIONI PER LA RACCOLTA…..” https://www.facebook.com/events/s/presidio-solidale-e-consegna-v/666760094097477/ DOMENICA 8 MARZO ORE 10 – 13 di fronte ad Auchan di Corso Romania PRESIDIO IN SOLIDARIETÀ PER LO SCIOPERO DELL'8 MARZO “L'8 marzo la Flaica CUB ha indetto sciopero della grande distribuzione a sostegno dello sciopeo delle donne. AUCHAN VIVE UN SITUAZIONE DRAMMATICA DERIVANTE DAL PASSAGGIO DELLA SUA RETE COMMERCIALE A CONAD. Centinaia di lavoratrici e di lavoratori vedono a rischio il loro posto di lavoro”. https://www.facebook.com/events/614779915920819/ ORE 11 di fronte alla RAI, via Verdi 16, Torino PERFORMANCE "UN VIOLADOR EN TU CAMINO" A seguire azioni diffuse in città https://www.facebook.com/events/195035491577479/ ORE 11 al campo sportivo di Giaglione PASSEGGIATA IN CLAREA CON NICOLETTA PORTARE PRANZO AL SACCO “Domenica 8 marzo ripercorreremo, con Nicoletta nel cuore, i sentieri della Clarea. Laddove Nicoletta ha lottato a fianco di tutte e tutti, la faremo marciare insieme a noi perchè, come ci siamo dett* molte volte, la lotta non si arresta! Durante la giornata, in vista del nuovo flashmob rimandato, proveremo insieme 'el violador'. “ Organizzato da Fomne contra'l TAV https://www.facebook.com/events/129487638485897/ LUNEDI’ 9 MARZO ORE 9.30 Piazza Castello, Torino MANIFESTAZIONE A TAPPE SCIOPERO TRANSFEMMINISTA ORE 16 Piazza XVIII Dicembre, Torino CORTEO REGIONALE NON UNA DI MENO https://www.facebook.com/events/195035491577479/ SPEZZONE STUDENTESCO https://www.facebook.com/events/606096433505250/ ORE 21 presso Csoa Gabrio Via Francesco Millio 42, Torino ASSEMBLEA21, APERTA A TUTTI I GRUPPI E CITTADINI VALUTAZIONE DELLE INIZIATIVE EFFETTUATE E SUL PROSEGUIMENTO “Assemblea21 ha lo scopo di condurre un’indagine indipendente e popolare sul debito del Comune di Torino, per contrastarne concretamente la legittimità e liberare risorse in direzione del soddisfacimento dei bisogni fondamentali della nostra comunità territoriale….” VEDI AGGIORNAMENTI : http://assemblea21.blogspot.it/ https://www.facebook.com/assemblea21/?fref=ts MARTEDI’ 10 MARZO ORE 21 Allo spazio Neruda in corso Ciriè 7, Torino ASSEMBLEA NOTAV organizzata da NOTAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa Come sempre l’odg verrà deciso all’inizio della riunione INIZIATIVE FUTURE IN EVIDENZA: GIOVEDÌ 12 E VENERDÌ 13 MARZO PER IL RURAL FILM FEST “ENTROTERRA. MEMORIE E DESIDERI DELLE MONTAGNE MINORI” di Andrea Chiloiro, Riccardo Franchini, Giovanni Labriola, Matteo Ragno (Ita 2018, 58 minuti) ORE 21 rispettivamente presso il CAI UGET di Torino, e presso la Gipsoteca di Bistagno https://www.facebook.com/rffruralfilmfest SABATO 14 MARZO A TORINO CONVEGNO “NESSUN VERO OSTACOLO ALLA TRASFORMAZIONE DI SMAT SPA IN AZIENDA SPECIALE CONSORTILE DI DIRITTO PUBBLICO” Presentazione del Dossier del Forum italiano dei Movimenti per l’acqua: ORE 9- 13 in via Corte d'Appello 16 a Torino https://www.acquabenecomunetorino.org/index.php/content/119-convegni/1511-convegno-del-14-marzo- a-torino-via-corte-d-appello-16-sulla-trasformazione-di-smat GIOVEDÌ 19 MARZO RIUNIONE GRUPPO “SALVIAMO I PRATI” Approfondimento su quali sono i vincoli esistenti sui prati diParella Organizzazione delle prossime iniziative per salvare i prati ORE 17.45 Via Trivero 16, Torino, aperto a tutt* VENERDÌ 20 MARZO “TRASH CHALLENGE W/ FRIDAYS FOR FUTURE” RACCOLTA RIFIUTI A TEMPO “Nelle due ore destinate all’attività ci divideremo in squadre e ad ogni gruppo verrà assegnata una zona di riferimento da ripulire. Quindi raccogliete il più possibile, il tempo è limitato!” Dalle ore 15.30 alle 18.30 al Polo del '900 Corso Valdocco angolo via del Carmine, Torino https://www.facebook.com/events/182267293010012/ SABATO 21 MARZO PIAZZA BORGO DORA TORINO “CARNEVALE SCATENATO. OGNI SCHERZO VALE” Alle ORE 13 ritrovo per trucco e parrucco, musica e cottillons Partenza sfilata ORE 14,30 “L'odierno Carnevale è, per tanti aspetti, l'erede edulcorato della frenesia tipica delle feste dionisiache e dei saturnali latini. SEMEL IN ANNO LICET INSANIRE dicevano i latini.... una volta all'anno è lecito impazzire. Durante le dionisiache e i Saturnali, si festeggiavano Dioniso e Saturno ricorrendo alla farsa, al rovesciamento sociale, ad un approccio svincolatante la prassi quotidiana….” https://www.facebook.com/events/1061984827495735/ DOMENICA 22 MARZO IN RICORDO DI LORENZO ORSETTI "ORSO" Musica dal vivo, Chiacchierata Kurdistan DALLE ORE 16 al Giardino Lorenzo Orsetti, corso Allamano 40-45, Grugliasco (TO) SERATA: BELLAVITA AL BAROCCHIO SQUAT, con Yellow Zone e Tristan e Andrea https://www.facebook.com/events/478153156209661/ https://fenixoccupaalvolo.noblogs.org/post/2020/02/18/pomeriggio-in-ricordo-di-lorenzo-orsetti-e-serata- bellavita/ DOMENICA 22 MARZO AL POLIVALENTE DI SAN DIDERO: “POLENTATA” “DIGIUNATA” NO TAV DALLE ORE 10.00 ALLE 17.00 Giornata di solidarietà per Nicoletta e per tutti gli altri NoTav colpiti da misure repressive. Per una volta, invece di preparare un pranzo condiviso come siamo soliti fare e passare una bella giornata e per raccogliere fondi per il movimento, abbiamo pensato che digiunare tutti insieme sia un modo per sentirci più uniti a Nicoletta e a tutti gli altri che stanno pagando duramente, sulla propria pelle, il solo fatto di lottare contro la devastazione della nostra terra. Invitiamo dunque tutti a partecipare con gioia ed entusiasmo per dimostrare, soprattutto a noi stessi, che il movimento è sempre in grado di produrre nuove idee e di praticarle. ALTRE INIZIATIVE SU: https://www.facebook.com/pg/radioblackout105250/events/ http://www.fabionews.info/torinovive.php EVENTI CSA GABRIO : https://gabrio.noblogs.org/; https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito https://www.facebook.com/ManituanaTorino/ CAVALLERIZZA REALE OCCUPATA: http://cavallerizzareale.wordpress.com/ https://www.facebook.com/pages/Assemblea-Cavallerizza-1445/696775003675449 PER AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NOTAV: www.notav.info - www.notavtorino.org -http://www.autistici.org/spintadalbass/?cat=2- www.notav.eu - www.notav- valsangone.eu- http://www.presidioeuropa.net/blog/?lan=2 - https://www.notavterzovalico.info/- http://noterzovalico.wordpress.com/- www.ambientevalsusa.it - http://www.tgmaddalena.it/- https://www.facebook.com/notavtorino.org/- https://www.facebook.com/controsservatoriovalsusa/ ARCHIVI FOTOGRAFICI LUCA PERINO : http://lucaxino.altervista.org/ AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA : (VEDI anche su : TG Vallesusa : http://www.tgvallesusa.it/?page_id=135 Facebook Festival Alta Felicità : https://www.facebook.com/festivalaltafelicita/ Attualità, Diario Tav, Libri, Dischi, X Files : www.mavericknews.wordpress.com Centro di documentazione Invicta Palestina : https://invictapalestina.wordpress.com/ RETE Ambientalista - Movimenti di Lotta per la Salute, l"Ambiente, la Pace e la Nonviolenza https://www.rete-ambientalista.it/ RESISTENZA AGLI ESPROPRI IN CLAREA CONTRO L’ALLARGAMENTO DEL CANTIERE TORINO-LIONE Stanno arrivando in questi giorni da TELT raccomandate relative agli espropri dei terreni di Chiomonte e Susa acquistati da 1.175 NOTAV nel 2012 per “COMPRA UN POSTO IN PRIMA FILA 4” (http://www.notav.info/top/compra-un-posto-in-prima-fila-vol-4-ecco-i-moduli-per-aderire/) CHI RICEVE LA RACCOMANDATA È INVITATO A SEGNALARLO ALL'INDIRIZZO espropri@notavtorino.org: riceverà molto presto indicazioni su come rispondere a TELT Nel messaggio indicare come Oggetto: Raccomandata TELT Nel testo del messaggio indicare soltanto: - data di arrivo della raccomandata - nome, cognome, comune di residenza NON LASCIAMOGLIELA PASSARE LISCIA. RESISTERE, RESISTERE E ANCORA RESISTERE, PER POTER ESISTERE. http://www.notavtorino.org/ SI RICORDA A TUTTI I PROPRIETARI CHE L'ACCESSO AGLI ATTI È UN DIRITTO CHE COMPETE A CIASCUNO SINGOLARMENTE e quindi è importante contattare gli uffici TELT di Torino, in via Borsellino 17/B, telefono n. 011 5579221, PER CONCORDARE, CIASCUNO SECONDO LE PROPRIE SPECIFICHE ESIGENZE, UNA APPUNTAMENTO AL FINE DI VISIONARE GLI ATTI CHE LI RIGUARDANO a seguito alle comunicazioni ricevute da TELT da parte dello Studio Legale Enrichens-Caffaratti, INOLTRE IL 7 GENNAIO IL CONSIGLIO DI STATO HA DELIBERATO CHE PER ESPROPRIARE UN BENE DEVE ESSERCI IL CONTRADDITTORIO CON TUTTI I PROPRIETARI negando la richiesta fatta da TELT “N. 01014/2018 AFFARE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Richiesta di parere riguardante il collegamento ferroviario Torino - Lione - Sezione Internazionale: Parte comune italo-francese, Sezione transfrontaliera: Parte in territorio italiano. Articolo 22 del d.P.R. n. 327/2001, DETERMINAZIONE URGENTE DELL'INDENNITÀ PROVVISORIA; “…..La Sezione, pur comprendendo le ragioni di celerità dell’azione amministrativa evidenziate dal Ministero richiedente ai fini della sollecita realizzazione dell’importante e strategico collegamento ferroviario Torino-Lione, ritiene che l’interpretazione dell’articolo 22 cit. fatta propria dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti non possa essere condivisa, dovendosi al contrario sempre garantire – alla luce dell’attuale dato positivo – il contraddittorio con il proprietario espropriato ai sensi dell’articolo 24, comma 3, del d.P.R. n. 327/2001, in sede di redazione dello stato di consistenza e del verbale di immissione nel possesso…..”. https://www.giustizia- amministrativa.it/portale/pages/istituzionale/visualizza?nodeRef=&schema=consul&nrg=201801014&no meFile=202000015_27.html&subDir=Provvedimenti 3 marzo 20 Combat : “PROFUGHI SIRIANI, MERCE DI SCAMBIO Nella provincia siriana di Idlib, con oltre quattro milioni di abitanti, l’ultima ridotta sotto il controllo dei “ribelli” ai confini con la Turchia, che li sostiene, è in corso da mesi l’offensiva congiunta dei bombardieri russi e dei carri armati di Assad. Sotto le bombe sono fuggiti dalle loro case circa un milione di uomini, donne, bambini, ora ammassati sulla frontiera turca sigillata, in accampamenti posticci sotto la neve, la pioggia il vento, in condizioni igieniche inumane che li espongono a ogni epidemia possibile, nella totale indifferenza del mondo, compresi coloro che erano scesi in piazza contro la cacciata di decine di migliaia di curdi dal confine nord della Siria. Sulla loro pelle e sulla pelle dei 3,6 milioni di profughi siriani già rifugiati in Turchia, Erdogan, Assad, Putin e potenze europee – con gli americani a loro volta attestati sui campi petroliferi del Nord- est siriano – giocano un cinico braccio di ferro. Il governo turco, che tra i disperati ribelli siriani ha reclutato la sua legione straniera, carne da cannone inviata in Libia, vuole mantenere uno scarpone in territorio siriano per aumentare il proprio potere contrattuale internazionale – giovedì avrà a Mosca l’ennesimo incontro con l’amico-nemico Putin. Da un lato ha lanciato una controffensiva sul terreno e nei cieli, abbattendo due aerei siriani e bombardando una fabbrica chimica nei pressi di Aleppo. Dall’altro, per ottenere un sostegno dall’Unione Europea ha deciso di tornare a giocare l’arma dei profughi, portandone migliaia sui confini bulgaro e greco, isole comprese – respinti con lacrimogeni e manganellate. Umanità e fratellanza sono stranieri anche tra i governi “democratici” europei…..” http://www.combat-coc.org/profughi-siriani-merce-di-scambio/ A DICEMBRE 2019 SI È TENUTA L’UDIENZA DEL RICORSO DI PIER PAOLO PITTAVINO, tecnico al dipartimento di fisica che ad aprile del 2019 era stato licenziato dall'ateneo di Torino, dopo essere stato sospeso dal lavoro dal dicembre per la condanna in primo grado a 3 anni e 6 mesi di carcere per resistenza e lesioni aggravate, causate a un poliziotto, durante uno scontro al cantiere della Tav, nella notte tra il 5 e il 6 settembre del 2015 ORA IL GIUDICE SI È PRONUNCIATO 28 Febbr 20 NOTAV Info : “RIASSUMETELO! MA QUALE ATTO DOVUTO…” …..Anche il ricorso infatti ha avuto i suoi tentennamenti, dopo una conversione del rito per motivi formali (o per prendere tempo? il dubbio è più che legittimo) da Fornero a rito ordinario il giudice ha comunque deciso di non dover ascoltare testimoni e di avere informazioni sufficienti. HA QUINDI PROPOSTO LA CONCILIAZIONE: RITIRARE IL LICENZIAMENTO E CONVERTIRLO IN 6 MESI DI SOSPENSIONE, il ricorrente ha tempo sino al 10 marzo per decidere se accettare o meno, l’università qualche giorno in più. Certo non è una sentenza, il giudice è stato molto abile nel non esporsi ma di fatto ha sancito l’illegittimità del licenziamento consigliando all’università di annullarlo, dimostrando di fatto un coraggio non comune a quelle latitudini. Quale che sia la scelta degli interessati il risultato politico è evidente: qualora il ricorrente accetti o l’amministrazione farà una marcia indietro accettando di fatto di cancellare un suo provvedimento andando contro a due suoi docenti, la sua direttrice generale, ed il rettore precedente o deciderà di persistere su una strada che per loro sarà a quel punto decisamente più in salita e schierandosi ancora più apertamente, alla faccia della pretesa imparzialità. Sarà interessante vedere come si comporterà il nuovo rettore (il prof Stefano Geuna ndr) che in campagna elettorale si espresse così: https://www.youtube.com/watch?time_continue=1&v=Dzuq5cUBC3Q&feature=emb_logo Ma che successivamente quando gli venne chiesto conto dall’interessato preferì non rispondere…..” https://www.notav.info/senza-categoria/riassumetelo-ma-quale-atto-dovuto/ 2 febbr 20 Comunicato Cub Scuola Università Ricerca Torino: “PIER PAOLO PITTAVINO DEV’ESSERE RIASSUNTO, SUBITO! Il giudice del lavoro, chiamato a pronunciarsi sul licenziamento di Pier Paolo Pittavino, tecnico dell’Università di Torino, ha evidentemente ritenuto che quella sanzione disciplinare fosse eccessiva e ha formulato una proposto di conciliazione che comporta la riassunzione di Pier Paolo mantenendo l’applicazione della sanzione disciplinare, già scontata, della sospensione dal servizio e dallo stipendio. Il caso di Pier Paolo è importante per tutti i lavoratori dell’Università. Infatti egli era stato licenziato il 10 aprile 2019, dopo 6 mesi di sospensione dal lavoro e di privazione dello stipendio, sulla base di una norma introdotta nell’ultimo CCNL (2016/2018). Tale norma si richiama alla cosiddetta legge Severino (disposizioni circa l’incandidabilità alle cariche elettive regionali) che, di per sé, non dovrebbe aver niente a che vedere con il lavoro pubblico ma che, in un eccesso di zelo, i sindacati firmatari hanno assunto nel CCNL, facendola diventare causa di licenziamento senza preavviso per ”condanna, anche non passata in giudicato”. Pier Paolo era stato accusato di reati per fatti non attinenti al suo lavoro, cioè per aver partecipato ad una manifestazione contro il cantiere TAV in Valle di Susa. Come altri coimputati è stato successivamente assolto “perché il fatto non sussiste” dalle accuse collegate alla legge Severino mentre è stato condannato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e per l’esplosione di un petardo. La norma inserita nel CCNL è ingiusta, eccessiva e inutilmente discriminatoria per i pubblici dipendenti ma il peggio è che, nel caso di Pier Paolo, l’Università ha deciso per il licenziamento anche in assenza delle condizioni previste contrattualmente!...” https://www.facebook.com/207690389241395/photos/a.209719669038467/3071141259562946/?type=3 &theater MARTEDÌ 18 FEBBRAIO UNO DUE BINARI DELLA NUOVA GALLERIA DI BASE TRA BERNA E VALLESE E’ STATO BLOCCATO A TEMPO INDETERMINATO a causa delle infiltrazioni di acqua e fango 18 febbr 20 TG RSINews Radiotelevisione svizzera “LÖTSCHBERG, PEGGIO DEL TEMUTO La situazione provocata dalla infiltrazioni di acqua e fango nella nuova galleria di base del Lötschberg inaugurata nel 2007 è più grave di quanto si temesse e non si sa quando i treni potranno tornare a circolare regolarmente nel tunnel che il 6 febbraio era rimasto chiuso completamente al traffico per alcune ore dopo che la melma aveva raggiunto un'altezza di 30 centimetri….. Non solo nella galleria lunga 34,6 chilometri tra Frutigen e Raron c'è molta più acqua del previsto da pompare, informa un comunicato, ma gli specialisti sono ancora alla ricerca delle cause geologiche che hanno determinato il problema verificatosi tra Ferden e St. German sul lato vallesano, nel tratto dove ci sono due binari. Ora si teme che, se gli accertamenti dovessero richiedere ancora molto tempo, vi saranno difficoltà sul fronte della capacità di assicurare il trasporto delle merci sull'asse Nord-Sud, malgrado le alternative rappresentate dal vecchio tunnel Kandersteg-Goppenstein e dal San Gottardo”. VIDEO: https://www.rsi.ch/news/svizzera/L%C3%B6tschberg-peggio-del-temuto- 12750651.html?fbclid=IwAR0ttwYzFQsVvrkwiix0wgMOQMSTRxHUSSaWTGa4tY0ESYQiDL09mz M9MUQ MERCOLEDÌ 19 FEBBRAIO SI È TENUTA UNA CONFERENZA STAMPA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA VICENDA DI NICOLETTA DOSIO, emblematica dell’accanimento giudiziario, poliziesco e carcerario contro i No Tav, oggi. 20 Febbraio 2020 Potere al popolo: “LA DETENZIONE DI NICOLETTA DOSIO ARRIVA ALLA CAMERA …..La storia di Nicoletta Dosio e il contesto della criminalizzazione dei protagonisti di lotte sociali, sindacali, ambientali, è stata illustrata dall’avvocatessa Valentina Colletta, legale di Nicoletta, da Viola Carofalo e Giorgio Cremaschi portavoci nazionali di Potere al Popolo, e da Francesca Trasatti del tavolo giustizia di Potere al Popolo. Circostanze, dati, valutazioni politiche sono state esposte con dovizia di particolari a documentare una vicenda politica e giudiziaria che in più interventi è stata definita come un vero e proprio accanimento. Un accanimento che il contesto dei Decreti Sicurezza recentemente approvati sta aggravando pesantemente. Secondo l’avvocatessa Colletta Torino, in tal senso, è diventato una sorta di laboratorio repressivo. Presenti in sala diversi parlamentari come Stefano Fassina, Jessica Costanzo, Veronica Giannone, Sara Cunhal, Paola Nugnes, Doriana Sarli che sono intervenuti assumendosi l’impegno di far vivere nel dibattito e nell’agenda parlamentare la vicenda di Nicoletta Dosio, dell’accanimento contro i soggetti delle lotte sociali e sindacali e del contrasto ai Decreti Sicurezza…..” VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE: https://poterealpopolo.org/la-detenzione-di-nicoletta-dosio-arriva-alla-camera/ AZIONE A PARIGI IN SOLIDARIETÀ ALLA LOTTA NO TAV PRESSO LA SEDE DI VINCI CONSTRUCTION, azienda del gruppo francese Vinci, seconda società al mondo nel settore delle concessioni e delle costruzioni. 27 febbr 20 : “SOLIDARIETÀ CON LA LOTTA NO TAV! LIBER* TUTT*! …..Nel mese di gennaio la società francese TELT (Tunnel Euralpin Lione - Torino), partecipata al 50% dallo Stato francese e al 50% dalle Ferrovie italiane, ha annunciato la ripresa dei lavori del tunnel della Maddalena per la costruzione del TGV Lione - Torino, con il contratto ottenuto dalle società Salini-Impregilo e Vinci. Il 14 marzo 2018 il colosso francese Vinci è stato condannato a una multa di 300.000 euro per il reato di disturbo delle aste e favoritismi. Inoltre, Vinci siede nel consiglio di amministrazione di una lobby di costruttori presieduta dal presidente della TELT, Hubert du Mesnil”. https://www.dailymotion.com/video/x7s9312 GIOVEDÌ 27 FEBBRAIO SÌ È SVOLTO L'INCONTRO SULLA SITUAZIONE DEI MERCATI GENERALI CAAT DI GRUGLIASCO tra i lavoratori e coordinatori del S.I. Cobas, l’assessore al commercio, all'industria, all'agricoltura, all'artigianato e ai mercati del Comune di Torino Sacco e il direttore Meglio e il presidente Lazzarino per il CAAT Comunicato online pubblicato sul sito del S.I. Cobas: “MERCATI GENERALI: INCONTRO TRA LAVORATORI, COMUNE E DIREZIONE CAAT ….Situazione complessa e in peggioramento, specialmente per quanto riguarda il grave comportamento di gran parte delle cooperative operanti dentro i Mercati Generali (di proprietà di Comune di Torino e Regione Piemonte) che cambiando continuamente di stato sociale causano un ingente danno sia ai lavoratori (non rispetto dei contratti e pagamenti irregolari), sia alla collettività (non versando contributi fiscali, TFR...). Nella sede istituzionale dell'assessorato, i lavoratori S.I. Cobas hanno ancora una volta spiegato cosa c'è che non va dentro il CAAT: in particolare, hanno denunciato i fenomeni di diffusa, impunità illegalità e dei loro diritti calpestati. Inoltre, hanno rinnovato la richiesta ufficiale di risolvere queste problematiche già note alle controparti dell'amministrazione del Comune e della direzione del CAAT, le quali fino ad oggi si sono dimostrate non capaci di garantire la legalità nei Mercati generali e non interessate a migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori…… Nell'incontro, il Comune e la direzione si sono dichiarati interessati a quanto esposto dai lavoratori S.I. Cobas e disponibili a intervenire per garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori, pur nei limiti dei loro ruoli così come definiti dalle regolamentazioni vigenti…..” http://sicobas.org/2020/02/27/torino-mercati-generali-incontro-tra-lavoratori-comune-e-direzione-caat/ SABATO 29 FEBBRAIO E DOMENICA 1 MARZO ERANO ORGANIZZATE DALLE DONNE NOTAV un’assemblea a bussoleno sul LAVORO DI CURA un Flash mob in Clarea: “UN VIOLADOR EN TU CAMINO” Venerdì 28 febbraio le donne contro il TAV hanno emesso questo cmunicato : “SULL’ANNULLAMENTO DELLE INIZIATIVE DEL 29 FEBBRAIO E 1 MARZO Come ‘Fomne No Tav’ ci sembra giusto ed importante portare alla conoscenza di tutt* i motivi che ci hanno fatto arrivare a questa (sofferta) decisione. Quello che ci sembra fondamentale non è pronunciarci su aspetti medici che non sono di nostra competenza, ma cercare di contestualizzare quello che stiamo vivendo. Nell’ultima settimana l’esperienza dell’emergenza sanitaria scaturita dal diffondersi del Covid19 anche qui in Italia, ha reso evidente a tutte e tutti noi cosa significhi vivere in un clima di paura, allarmismo, cinismo, confusione e disorientamento. La narrazione errata che quotidianamente ci viene data dai media, catapultandoci in uno stato di non o parziale informazione, non fa altro che aumentare questi stati d’animo, portando le persone all’esasperazione. Sono all’ordine del giorno, ormai, comportamenti dettati dalla psicosi collettiva che si è venuta a creare, che mira a isolare e colpire ‘l’altro’….. Parliamo dello stesso Stato che utilizza i soldi pubblici per opere dannose e inutili come il Tav e che ha operato grossi tagli alla sanità (sia dal punto di vista delle strutture che del personale) e che non è attrezzato per affrontare questa emergenza portando a livelli molto alti i rischi che ogni giorno gli operatori sanitari si trovano a vivere…… Infine, ci teniamo a dire che abbiamo deciso di annullare le iniziative perché il nostro intento è da sempre quello di far emergere temi come quello oggetto dell’incontro del 29 , legato alle contraddizioni e ai limiti del lavoro di cura o quello della violenza di genere, intrinseco nella performance del 1 marzo, coinvolgendo sempre più donne nel confronto. E che invece nel contesto odierno siamo sicure che, per le motivazioni elencate in queste righe, le donne che avrebbero potuto ‘permettersi il lusso’ di partecipare all’assemblea e al flashmob sarebbero state, quasi sicuramente, poche……” https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3064746993549808&id=497486986942501 SABATO 29 FEBBRAIO IL PROF. ALESSANDRO BARBERO HA VOLUTO DIMOSTRARLE LA SUA SOLIDARIETÀ A NICOLETTA DOSIO in un passaggio della lezione tenuta ieri davanti a centinaia di giovani al Ex OPG Occupato Je so' pazzo a Napoli, VIDEO: https://bit.ly/3cvFHFg) FOTO: https://www.facebook.com/poterealpopolo.org/photos/a.525064887836229/1116059555403423/?type=3 &theater LA COMMISSIONE DI GARANZIA DEL MINISTERO VIETA LO SCIOPERO FEMMINISTA DEL 9 MARZO per “avvenimenti eccezionali di particolare gravità o di calamità naturali”! Comunicato Nonunadimeno : “VIETATO LO SCIOPERO DEL 9 MARZO PER L’EMERGENZA CORONAVIRUS L’8 e il 9 marzo lo strumento dello sciopero ci viene sottratto ma, nonostante l’impossibilità di astensione dal lavoro salariato, non rinunceremo affatto a occupare le strade e le piazze in tutte le forme che saranno possibili, in comunicazione transnazionale con ogni lotta femminista, con tutta la fantasia e la moltiplicazione di pratiche e linguaggi di cui siamo capaci. Mentre la marea dello sciopero femminista e transfemminista si sta alzando in tutto il mondo, in Italia ci avviciniamo alle scadenze di lotta dell’8 e 9 marzo in una situazione straordinaria, senza precedenti. Venerdì 28 febbraio, a causa dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus, la Commissione di garanzia ha vietato lo sciopero generale del 9 marzo convocato dai sindacati di base su indicazione di Non Una di Meno…. Da settimane, le operatrici sanitarie e le infermiere lavorano senza sosta a parità di salario. Le lavoratrici domestiche e di cura, soprattutto migranti, assumono una quota significativa del rischio sanitario in cambio di salari da fame, le lavoratrici dei servizi di pulizia fanno turni sfiancanti per garantire l’igiene di ambienti pubblici e privati. E, tra di loro, ancora di più chi è migrante e sconta il ricatto del permesso di soggiorno legato al lavoro. In contemporanea alla chiusura delle scuole, il telelavoro e “smartworking” è stato presentato di volta in volta come soluzione obbligatoria o consigliata, in ogni caso sempre la migliore. Peccato che nessuna attenzione sia stata posta sulle condizioni materiali di lavoratrici e lavoratori. Lavori a chiamata, contratti di collaborazione, lavoratori autonomi, partite IVA: come avrebbero potuto stare a casa? E chi una casa non ce l’ha? Chi ha una casa che non è un posto di lavoro adeguato?...” https://nonunadimeno.wordpress.com/2020/03/02/vietato-lo-sciopero-del-9-marzo-per-lemergenza- coronavirus/ Comunicato CUB : “VIETATO LO SCIOPERO DEL 9 MARZO IN DIFESA DELLA PARITÀ DI GENERE E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI SUBITE DALLE DONNE NELLA SOCIETÀ E NEL LAVORO” https://www.cub.it/index.php/157-attivita/scioperi-generali/13539-vietato-lo-sciopero-del-9-marzo-in- difesa-della-parita-di-genere-e-contro-le-discriminazioni-subite-dalle-donne-nella-societa-e-nel-lavoro RIPORTIAMO PER DOCUMENTAZIONE: 26 genn 20 Non una di meno : “APPELLO PER LA MOBILITAZIONE DELL’8 MARZO E SCIOPERO FEMMINISTA E TRANSFEMMINISTA DEL 9 MARZO 2020 A quattro anni dal primo sciopero femminista e transfemminista la sollevazione globale delle donne e delle soggettività dissidenti non si ferma e, sempre di più, segna e travolge tutte le lotte esistenti. Per questa ragione vogliamo lanciare una sfida moltiplicando tempi e luoghi della nostra rivolta: l’8 marzo sarà giornata globale di mobilitazione sui territori e il 9 marzo giornata di sciopero…..” 27 Genn 20 Nonunadimeno : “LETTERA APERTA DI NON UNA DI MENO ALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI ITALIANE PER L’INDIZIONE DELLO SCIOPERO GENERALE FEMMINISTA DEL 9 MARZO 2020 ……Chiediamo dunque a tutti i sindacati di aderire allo sciopero generale del 9 marzo 2020 garantendo la copertura sindacale alle lavoratrici e ai lavoratori che vorranno astenersi dal lavoro. Oltre all’indizione dello sciopero per l’intera giornata e per tutti i comparti del settore pubblico e privato, invitiamo inoltre le organizzazioni sindacali a sostenere lo sciopero femminista nelle forme più opportune: mandando la convocazione su tutti i posti di lavoro e riportando le motivazioni dello sciopero, indicendo le assemblee sindacali per informare lavoratrici e lavoratori sulle rivendicazioni della giornata, favorendo l’incontro tra lavoratrici e lavoratori e i nodi territoriali di Non Una di Meno, nel rispetto dell’autonomia del movimento femminista…..” https://nonunadimeno.wordpress.com/2020/01/27/lettera-aperta-di-non-una-di-meno-alle-organizzazioni- sindacali-italiane-per-lindizione-dello-sciopero-generale-femminista-del-9-marzo-2020/ MARTEDÌ 3 MARZO 20 PRESIDIOEUROPA NOTAV PROPONE AI PARLAMENTARI EUROPEI DI PRESENTARE QUESTO EMENDAMENTO alla legislazione europea: “STOP ALLE GRANDI OPERE INUTILI IMPOSTE Testo dell’Emendamento: “L’ACCORDO EUROPEO VERDE VS IL PROGETTO TORINO-LIONE In relazione all’incoerenza tra gli obiettivi dell’European Green Deal di una riduzione del 40% delle emissioni entro il 2030 e l’aumento molto probabile delle emissioni dannose per il clima derivante dalla realizzazione di grandi progetti, come quello della Lione-Torino, dovrebbero essere disponibili, prima di qualsiasi decisione definitiva e irrimediabile da parte della Commissione europa e del Parlamento europeo di finanziare questo o altri progetti, valutazioni indipendenti dell’impronta di carbonio delle grandi infrastrutture nelle fasi di costruzione e di esercizio”. Motivazione dell’Emendamento L’Unione Europea ha fissato obiettivi molto impegnativi da raggiungere per mitigare gli inevitabili impatti del cambiamento climatico globale in corso. In termini fisici, l’obiettivo principale è quello di ridurre del 40% il rilascio di CO2 nell’atmosfera entro il 2030 (i rapporti IPCC richiedono il 50%). I grandi lavori per la costruzione di nuove infrastrutture di trasporto, durante la fase di costruzione, rilasciano grandi quantità di gas serra. Nel caso della nuova ferrovia che dovrebbe collegare Torino a Lione attraverso le Alpi occidentali, il promotore pubblico TELT valuta che durante i dieci anni dall’inizio dello scavo della galleria di base lunga 57,5 km, verrebbe immessa in atmosfera una quantità totale di poco meno di 10 milioni di tonnellate di CO2 in più rispetto a quanto si emetterebbe senza il cantiere. Fino al 2030 (in realtà la data sarebbe 10 anni dopo l’inizio, quindi oltre il 2030) ci sarebbe un aumento netto del rilascio in atmosfera. Questo è compatibile con l’obiettivo dichiarato di una riduzione del 40% entro il 2030?....” http://www.presidioeuropa.net/blog/european-green-deal-proposal-of-amendment/ RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL 15 GENNAIO 2020 SUL GREEN DEAL EUROPEO: https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2020-0005_IT.html ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI IN ALLEGATO (VEDI anche su : http://davi-luciano.myblog.it/) 26 Febbr20 Comune info: “IL CORONADIGOS Marco Bersani L’incredibile sproporzione tra il problema che si sta affrontando -la scoperta e la diffusione del Coronavirus- e le misure intraprese -lo stato d’eccezione applicato in alcune regioni e tendenzialmente all’intero Paese- rivela qualcosa di molto profondo sulle dinamiche sociali e di potere che stanno attraversando una società come quella italiana, sfinita da tre decenni di cultura politica neoliberale, che, oltre a peggiorarne pesantemente le condizioni di vita, ne ha polverizzato ogni legame sociale….. Sembra evidente come le misure intraprese per contrastarlo non rispondano ad un’esigenza di salute pubblica, ma ad una lezione di pedagogia disciplinare di massa. Da diversi punti di vista. Il primo dei quali riguarda i soggetti: mentre è chiaro come la categoria veramente a rischio sia quella degli anziani con patologie pregresse, tutte le misure sono principalmente rivolte ai bambini, ai giovani e agli adulti…… E riguarda la società e la sua passività. Com’è infatti possibile che tutto questo avvenga senza alcun sussulto sociale, che non siano le battute ironiche che viaggiano via social? Come mai, da un lato all’altro della penisola, si fa incetta di amuchina indipendentemente dal rischio reale? Perché abbiamo accettato di trasformare le maschere di carnevale, allegre, variopinte e reciprocamente comunicanti, con mascherine tristi e monocolore con le quali transitiamo su autobus e metropolitane, comunicando tensione ed ostilità?..... Non si tratta di proporre eccentriche violazioni ai divieti imposti o velleitarie chiamate all’esodo da questa situazione paradossale: si tratta di iniziare a interrogarci tutte e tutti assieme se e per quanto tempo continueremo a consegnare le nostre esistenze e la loro dignità a chi, una volta utilizzando la trappola del debito per respingere ogni rivendicazione di diritti e l’altra utilizzando un’epidemia per disciplinare l’intera società, ci chiede di interiorizzare la solitudine competitiva come unico orizzonte esistenziale.” https://comune-info.net/il-coronadigos/ 27 Febbr 20 Comune info : “IL VIRUS E LA MILITARIZZAZIONE DELLE CRISI Raúl Zibechi Dobbiamo risalire al tempo del nazismo e dello stalinismo, quasi un secolo addiètro, per trovare esempi di controllo della popolazione tanto esteso e intenso come quelli che stanno avvenendo in Cina con la scusa del coronavirus. Un gigantesco panopticon militare e sanitario, che confina la popolazione costringendola a vivere rinchiusa e sottoposta a permanente vigilanza. Le immagini della vita di ogni giorno in ampie zone della Cina che ci arrivano, non solo nella città di Wuhan e nella provincia di Hubei, dove vivono 60 milioni di persone, danno l’impressione di un enorme campo di concentramento a cielo aperto a causa dell’imposizione della quarantena per tutti gli abitanti….. È necessario ribadire che la paura sta circolando a maggior velocità del coronavirus e che, a differenza di quel che si fa credere, “il principale assassino nella storia dell’umanità è stato ed è la denutrizione”, come segnala una imperdibile intervista del portale Comune-info . La consuetudine abituale nella storia è stata porre in quarantena persone contagiate, mai si sono isolate in questo modo milioni di persone sane. Il medico e accademico dell’Istituto di Salute Globale della University College London, Vageesh Jain, si domanda: “Ha una giustificazione una reazione tanto drastica? Cosa accade con i diritti delle persone sane?”. Secondo l’OMS, ogni persona contagiata dal coronavirus può contagiarne altre due, mentre un malato di morbillo può contagiarne tra le 12 e le 18. Per questo Jain assicura che oltre il 99.9% degli abitanti della provincia di Hubei non sono contagiati e che “la gran maggioranza della popolazione intrappolata nella regione non sta male ed è poco probabile che sia infettata”. Il bollettino 142 del Laboratorio Europeo di Anticipazione Politica (LEAP) fa questa riflessione: “La Cina ha scatenato un piano d’azione di emergenza di dimensioni senza precedenti dopo soltanto 40 morti su una popolazione di un miliardo e 200 mila persone, sapendo che l’influenza uccide in Francia 3 mila persone ogni anno“. Nel 2019 l’influenza ha ucciso 40 mila persone negli Stati Uniti. Il morbillo uccide nel mondo 100 mila persone l’anno e l’influenza mezzo milione….” https://comune-info.net/il-virus-e-la-militarizzazione-della-crisi/ 28 Febbr 20 La Bottega del Barbieri ALTRI ARTICOLI SU CORONAVIRUS: “LA PANDEMIA PROSSIMA VENTURA” di Angelo Baracca, “LA WUHAN “DE NOANTRI”. OVVERO: FA PIÙ DISASTRI IL CORONAVIRUS O IL VIRUS DEL PANICO INDOTTO?” Di Piero Bernocchi “PRIMA I SANI” di Alessandro Ghebreigziabiher “IL CORONA VIRUS È UN PROBLEMA SANITARIO, NON UNA GUERRA” di Gianni Tognoni con molti altri link. A seguire alcune riflessioni di db sul 21 marzo e sul virus dell’imprigionamento volontario http://www.labottegadelbarbieri.org/corona-virus-altri-sguardi/ Febbr 20 Michele Castaldo : “VIRUS “CINESE” E BOOMERANG DI RITORNO «A lungo gli storici hanno ignorato l’importanza delle malattie infettive come attori della storia». Laura Spinney…… Isolare le tre regioni colpite in Italia dopo l’isolamento di Wuhan in Cina? Ecco l’impotenza dell’uomo che rincorre quello che lui stesso inconsciamente ha creato. Tanto per fare un esempio, la gravità dei problemi ha innalzato in cima al mondo la figura di una ragazza sedicenne come Greta Thunberg, espressione dell’ansia e delle preoccupazioni delle nuove generazioni…. È del tutto evidente che le parti si completano. Ed è altrettanto evidente il fatto che finché reggerà il modo di produzione capitalistico si tenterà di risolvere ogni problema in modo capitalistico, in che altro modo sennò? La stessa cosiddetta borghesia, vista la gravità della situazione, comincia a misurare la propria impotenza e riconoscere che i soliti strumenti sono limitati. …. Perché l’unica e vera risposta andrebbe ricercata nella messa in discussione di un modo di produzione che ha causato già troppi danni, è quella che abolirebbe la sua ragion d’essere con tutto l’armamentario sin qui costruito a ogni livello. Il punto è proprio questo: se non si smantellano dalle radici le cause di un fenomeno, esso si riproduce sempre con le stesse caratteristiche procedendo di male in peggio ed aggravando all’infinito le condizioni di tutto il pianeta. La domanda che va posta è: in che modo si può estirpare dalle radici un movimento storico come il modo di produzione capitalistico nel quale miliardi di persone si sono riconosciute?...” http://www.michelecastaldo.org/index.php?option=com_content&view=article&id=205:virus-cinese-e- boomerang-di-ritorno&catid=40:articoli&Itemid=29 28 Febbr 20 Stampa : “IL CORONAVIRUS FERMA IL FLASH MOB DELLE FOMNE NO TAV Il meeting era programmato per l’1 marzo a Chiomonte F.ALL. Chiomonte (Torino). È stato rinviato a data da destinarsi il Flash Mob no Tav in programma a Chiomonte domenica 1 marzo. Ad annunciarlo sono state questo pomeriggio le organizzatrici dell’evento, attraverso le pagine facebook dedicate all’iniziativa. Una decisione sofferta, la loro, resa inevitabile dalle restrizioni imposte dalle autorità per far fronte alla diffusione del coronavirus…… Insieme alle rappresentanti dell’associazione “Non Una di Meno – Torino”, le attiviste no Tav avevano infatti deciso di portare in Val di Susa l’appello contro la violenza patriarcale lanciato la scorsa estate dal collettivo cileno Lastetis. Un messaggio femminista di stampo universale, che da alcuni mesi migliaia di donne in tutto il mondo hanno fatto proprio riproponendo nelle piazze delle loro città la performance “Un violator en tu camino”. Soltanto a metà dicembre dello scorso anno era stata la stessa Torino ad ospitare l’iniziativa. “La violenza ha tante facce e l’occupazione del territorio a cui si assiste da oltre 20 anni in Val di Susa è una di queste” spiegano le organiz

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body