SABATO 27 GIUGNO ORE 15

Jun 25, 2020 | | Category: Other |   | Views: 10 | Likes: 1

"edocr

SABATO 27 GIUGNO ORE 15:30 INCONTRO REGIONALE DEI MOVIMENTI, DELLE ASSOCIAZIONI E DEI COMITATI NO INCENERITORI, NO DISCARICHE, VERSO RIFIUTI- ZERO, SU GESTIONE DEI RIFIUTI AMBIENTE E FUTURO PRESSO Centro Ricerca Rifiuti Zero p/o Polo Tecnologia di Capannori (Lucca) Via Nuova 44/a L'incontro è volto ad organizzare tutti insieme una mobilitazione regionale a Livorno ed a stendere un documento condiviso per una gestione virtuosa dei rifiuti, nel segno del no agli inceneritori ed alle mega-discariche e verso rifiuti-zero. La politica di gestione degli scarti in regione Toscana non accenna a cambiare. I vecchi impianti di incenerimento dei rifiuti solidi urbani ormai ridotti a 4 (erano 9 all'inizio del 2000) continuano a bruciare risorse e a generare inquinamento. Nel contempo le enormi discariche regionali di Peccioli, di Rosignano e di Podere Rota continuano a costituire una barriera allo sviluppo delle buone pratiche di RD che in Toscana (e soprattutto nell'area fiorentina e del sud della Toscana) sono abbondantemente sotto la media nazionale del 58,2% registrata nel 2018. A dispetto di dichiarazioni retoriche crescono le volumetrie autorizzate per i conferimenti in discarica (vedi Peccioli e Rosignano). Non si vedono cambiamenti concreti per passare dall'era dei rifiuti (indifferenziati) all'era delle risorse (differenziate) e della vera Economia Circolare. A queste arretratezze si va aggiungendo la minaccia dei tentativi della falsificazione tipica delle "pubbliche relazioni", che fa passare come "ecosostenibili" modalità di trattamento dei rifiuti non testate industrialmente e fuori dalla logica della economia circolare centrata sul recupero dei materiali, miranti a fornire un ennesimo assist all'industria sporca. È proprio questo il caso della millantata "bioraffineria" ENI di Stagno (Livorno) che Rossi e la Regione Toscana sponsorizzano quale impianto per produrre "carburanti" dai rifiuti, esportati dalla provincia di Firenze, una volta sottoposti ad un inedito processo di gassificazione/catalizzazione e cioè di "riciclo chimico" dissipativo di risorse naturali quali acqua e ben lungi dall'essere stato codificato in un concreto progetto. Ancora una volta si assiste al triste spettacolo di una connessione tra i rischi ambientali, gli sprechi e l'avidità di gruppi di industria sporca e incentivata. Ci sembra importante mettere in crisi la politica regionale su rifiuti e ambiente e pensiamo possa essere utile farlo proprio puntando il dito contro il progetto di impianto che ENI e le istituzioni locali considerano "il meglio della nuova economia circolare". Sentiamo il bisogno di rafforzare i legami che tra comitati e associazioni abbiamo costruito in questi anni di vertenze e lotte diffuse sui territori. Pensiamo che dal basso, indipendenti come sempre siamo stati dai giochi della politica, possiamo "sfruttare" i mesi della campagna elettorale regionale per dare voce a tutte le nostre lotte attraverso una campagna e una prima manifestazione con presidio a Stagno. È gradita conferma all'incontro ai fini di una migliore organizzazione. - Zero Waste Italy - Centro Ricerca Rifiuti Zero - Coordinamento Rifiuti Zero Livorno - Ambiente e Futuro - Mamme no inceneritore di Firenze - Presidio no inceneritori no aeroporto Firenze - Collesalviamo l'ambiente - Coordinamento Comitati per la salute della Piana PO-PT

"edocr

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body