Report_Coord._Naz._Roma_7-4-19

Apr 29, 2019 | Publisher: Rete Ambientalista Al | Category: Other |   | Views: 8 | Likes: 1

Report riunione Coordinamento Nazionale Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua Roma, 7 Aprile 2019 Presenze: Comitato Acqua Pubblica Ferrara, Coordinamento Regionale dei Comitati Acqua Bene Comune Emilia Romagna, Comitato Savonese Acqua Bene Comune, Coordinamento Romano Acqua Pubblica, Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua, Abruzzo Social Forum, Rete Civica Ato3 Campania; Coordinamento Campano Acqua Pubblica, Comitato Acqua Pubblica Salerno, Comitato Acqua Pubblica Torino, Confederazione Cobas, ATTAC Italia, Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua. O.d.G Domenica 7 Aprile (ore 11.00 16.30) - discussione sull'iter della legge per l'acqua, rilancio dell'iniziativa per l'approvazione immediata e condivisione elaborazione sui costi reali della ripubblicizzazione; - vertenze, percorsi, campagne (contrasto tariffa e soppressione ARERA, fusioni-multiutilities, ripubblicizzazione, gestione partecipativa, tutela della qualit e preservazione della risorsa, iniziative europee); - organizzazione e finanziamento del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua; - varie ed eventuali. Alcuni dei presenti hanno partecipato alla riunione collegandosi via skype. In avvio di riunione si effettuata una ricognizione dell'iter di discussione della legge per l'acqua pubblica alla Camera evidenziandone lo stallo per responsabilit della maggioranza e del Governo, oltre ai pericolosi emendamenti presentati dall'opposizione come da Lega e M5S che puntano ad uno stravolgimento del testo. E' stato ricordato lo slittamento dell'arrivo in aula al 29 Aprile. Nei giorni successivi alla riunione si appresa la notizia, ancora ufficiosa, di un ulteriore probabile posticipo a fine maggio, forse il 25. Ci confermerebbe l'analisi condivisa secondo cui la discussione non sarebbe ripresa prima delle elezioni europee. Sulla base di queste considerazioni si convenuto sulla necessit di ricostruire un dibattito pubblico reale sui contenuti della legge e a questo scopo si deciso di concentrarsi sulla diffusione dello straordinario lavoro di Remo Valsecchi in merito al censimento delle gestioni in essere da cui far emergere i dati attendibili e veritieri sui costi della ripubblicizzazione. Da una prima elaborazione risulta evidente come siano confutate le tesi di REF Ricerche e Utilitalia. Il gruppo di lavoro creato ad hoc avr l'impegno di preparare una versione fruibile ed efficace. Inoltre, si condiviso di avviare da subito una campagna comunicativa, da svolgere soprattutto sui social network, di denuncia dello stallo della discussione che punti a individuarne i responsabili (anche con una grafica che li renda visibili) e ad evidenziare i contenuti di quegli emendamenti che, se approvati, smantellerebbero i principi e l'impianto della legge. Altro obiettivo di tale campagna quello di veicolare i nostri argomenti a sostegno dell'economicit della ripubblicizzazione e quanto, al contrario, sia onerosa la gestione privatistica, a partire dai 700 milioni di euro di profitti che le societ producono annualmente. Si condiviso di svolgere 3 presentazioni del nostro lavoro: la prima a Milano tra il 6 e il 10 maggio a cui invitare anche le contro-parti (REF Ricerche e Utilitalia), le altre due a Roma e Napoli in date da definire. Ovviamente, questa tempistica potrebbe subire delle variazioni laddove la discussione della legge dovesse ripartire a breve e in questo caso si dovr decidere quali iniziative mettere in campo anche in tempi molto ristretti. Pertanto, sar necessario monitorare attentamente la situazione. In merito si anche valutato di verificare con gli attivisti trentini la fattibilit di svolgere un'iniziativa o un'azione in occasione del Festival dell'Acqua di Utilitalia che si svolger a Bressanone dal 13 al 15 maggio. Si anche convenuto di proseguire a portare il nostro contributo al percorso che ha organizzato la manifestazione nazionale "Marcia per il clima, contro le grandi opere inutili" svolta a Roma il 23 marzo. A riguardo si valutata molto positivamente la partecipazione sia a livello quantitativo che quantitativo viste le tante vertenze e realt scese in piazza. In particolare, si condivisa l'opportunit di favorire un salto di qualit di tale percorso provando a costruire una reale alleanza sociale per la giustizia climatica e a difesa dei beni comuni. In questo senso emersa la necessit che anche altre persone, oltre Renato Di Nicola e Vincenzo Miliucci, si rendano disponibili a seguire la discussione. La prossima assemblea nazionale fissata per il 18 Maggio a Roma. Queste le prossime date di mobilitazione comuni: - 4 maggio a Taranto "Per chiudere l'Ilva e contro la devastazione del Sud" - a met luglio a Venaus "Festival dell'alta felicit" - ad agosto campeggio a Sulmona NO HUB Gas-Snam - 4-8 settembre al Lido di Venezia "Meeting europeo per il clima e contro le opere dannose". In merito alle risorse economiche stato fatto un aggiornamento della situazione che purtroppo non lascia molti margini di manovra essendo di fatto esauriti i fondi a disposizione. Allo stato attuale rimane una piccola parte dei 10.000 ricevuti come finanziamento per il progetto "In Italia, l'acqua un diritto?" di cui stato pubblicato e diffuso un dossier e delle video-inchieste. E' evidente, per, che tali fondi non possono essere utilizzati se non ai fini delle attivit progettuali. Si confermato che il comitato savonese e quello romano hanno portando avanti lotterie a livello locale e che a breve invieranno quanto raccolto (in totale circa 5.000 euro). Una buona notizia giunta dal 5 x 1000 che per l'anno 2017 ha visto assegnare all'Ass. ABC Onlus circa 8.400 euro i quali saranno accreditati solo a met agosto. Pertanto si convenuto sul rilanciare da subito e fortemente la campagna per l'adesione al 5x1000 anche con una nuova veste grafica. Inoltre, stato segnalato che l'Avv. Clarich ci ha scritto evidenziando che gli giunto un avviso di perenzione ultraquinquennale (ai sensi art. 82 cod. proc. amm.), con il quale si comunica che il ricorso che facemmo contro la delibera dell'AEEGSI (n. 643/2013/R/idr del 27 dicembre 2012) di approvazione del metodo tariffario idrico, essendo decorsi cinque anni dalla data del deposito, sar dichiarato perento, se non sar presentata dalla parte ricorrente nuova domanda di fissazione di udienza entro 180 giorni (in questo caso 90 trattandosi di controversia con termini dimezzati) dalla data di ricezione dell'avviso. Tale ricorso era sostanzialmente stato fatto per assicurarsi l'interesse a ricorrere in quello principale evitando quindi che ci venisse contestato che non avessimo impugnato anche delibere dell'Autorit che facevano seguito a quella contestata in via principale. Alla luce dell'esito del giudizio principale in Consiglio di Stato e delle elevate spese legali a cui dovremo far fronte, nonch del rischio di essere condannati a sobbarcarsi ulteriori spese in caso di soccombenza, abbiamo condiviso che non vale la pena proseguire in tale azione legale e quindi di comunicare all'Avv. Clarich di non procedere ad alcuna richiesta di fissazione di udienza cos da lasciare estinguere tale giudizio. Altra questione affrontata quella relativa ad un'azione legale sui cambiamenti climatici a cui A Sud ci ha proposto di partecipare congiuntamente a diverse altre realt sociali e comitati, compresi alcuni di quelli che hanno promosso la manifestazione del 23 marzo. Nello specifico e in estrema sintesi si tratta di promuovere un'azione legale civile contro il governo italiano per inadempienza sulle politiche di mitigazione e contrasto ai cambiamenti climatici, nel solco delle tante "climate litigation" sorte negli ultimi anni in pi di 25 paesi in tutto il mondo (di cui una vittoriosa portata a termine in Olanda), e ragionando soprattutto sul piano di attivazione politica necessario al fine di costruire una campagna a sostegno dell'iniziativa legale. Tale azione legale potr essere promossa da associazioni e comitati formalmente costituiti, oltre che da singoli cittadini. La proposta ha destato interesse e si convenuto di approfondire ulteriormente il tema al fine di poter decidere una nostra adesione. Pertanto a breve verr condivisa una documentazione pi dettagliata. In ultimo si voluto portare un saluto da parte di tutto il Coordinamento Nazionale del Forum dei Movimenti per l'Acqua al Forum dell'Acqua della Mesopotamia che si svolto in contemporanea alla riunione e a cui, con grande entusiasmo e generosit, ha preso parte il "nostro" Lucio Gentili. Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

About Rete Ambientalista Al

Movimento di Lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

×

Modal Header

Modal body